Zahir Raihan

Zahir Raihan (bengalese: জহির রায়হান; 19 agosto 1935 - morto il 30 gennaio 1972) è stato uno scrittore e regista cinematografico del Bangladesh. Il suo primo romanzo fu Shesh Bikeler Meye, pubblicato nel 1960. I suoi altri romanzi degni di nota sono Hajar Bachhar Dhore e Arek Phalgun. È meglio conosciuto per il suo documentario Stop Genocide, realizzato durante la guerra di liberazione del Bangladesh. I suoi film popolari sono Behula, Sangam e Jibon Theke Nea. Per il suo contributo alla letteratura bengalese, è stato premiato con il Bangla Academy Literary Award nel 1972 e postumo ha ricevuto la più alta onorificenza civile data dal governo del Bangladesh, Independence Day Award, nel 1999. Ha ricevuto il Nigar Award per la regia di Kancher Deyal nel 1964 e postumo ha ricevuto il National Film Awards per il suo contributo complessivo al cinema del Bangladesh nel 1975 e per la migliore storia e il dialogo nel 2005. Ha anche ricevuto il secondo più alto onore civile dato dal governo del Bangladesh, Ekushey Padak nel 1977 per il suo contributo nel cinema.

Vita e opere

La prima vita

Zahir Raihan è nato il 19 agosto 1935 nel villaggio Majupur, distretto di Feni, presidenza del Bengala, India britannica (attuale Bangladesh). Il suo nome di nascita era Mohammad Zahirullah. Ha studiato nel Mitra Institute, Kolkata e nell'Alia Madrasha. Dopo la partizione del Bengala nel 1947, lui, insieme ai suoi genitori, tornò al suo villaggio da Calcutta. Nel 1950, Raihan ha superato il suo esame di maturità alla Amirabad High School di Feni. Poi ha superato l'ISC al Jagannath College di Dhaka nel 1953. Ha ricevuto il Bachelor of Arts nel 1956 e il Master of Arts nel 1958 in letteratura bengalese dall'Università di Dhaka.

Inizio carriera

Raihan ha iniziato la sua carriera come giornalista nel 1950. Si è unito al giornale "Juger Alo". Poi ha lavorato per giornali come Khapchhara, Jantrik e Cinema. È stato editore di Probaho nel 1956. Nel 1955 fu pubblicata la sua prima raccolta di racconti, Suryagrahan. Ha lavorato come assistente del regista A J Kardar nel film Jago Hua Sabera nel 1957. Ha poi lavorato come assistente di Salahuddin nel film Je Nodi Morupothey e di Ehtesham nel film Ae Desh Tomar Amar. Ha anche scritto canzoni per Ae Desh Tomar Amar.

Debutto alla regia e matrimonio

Raihan ha avuto il suo debutto alla regia nel film Kokhono Asheni. Questo film fu girato nel 1960 e uscì nel 1961. Sposò la sua prima moglie Sumita Devi quell'anno. Sumita e lui ebbero due figli, Bipul Raihan e Anol Raihan. Nel 1962, Raihan, insieme a Kalim Sharafi, diresse il film Sonar Kajol. Ha scritto, prodotto e diretto il film drammatico musicale Kancher Deyal nel 1963 e ha ricevuto il Nigar Award per la migliore regia per questo film. Il suo romanzo più acclamato Hajar Bachhar Dhore fu pubblicato nel 1964, per il quale ricevette il premio Adamjee Literature Award. Quell'anno realizzò il primo film a colori del Pakistan, Sangam, scritto e prodotto da lui. Fece il suo primo film CinemaScope, Bahana, nel 1965.

Successo commerciale e secondo matrimonio

Il suo primo film di successo commerciale fu Behula (1966). Questo film è stato realizzato sulla base di una popolare storia popolare, con Suchonda e Abdur Razzak. Dopo il successo del film, fece Anwara (1967) con questa coppia, basato su un romanzo di Mohammad Nazibur Rahman. Anche questo fu un successo commerciale. Nel 1968, sposò la sua attrice principale Suchonda. Insieme hanno avuto un figlio, Topu Raihan. Nel 1968, scrisse e produsse Dui Bhai, e produsse Shuorani Duorani, Shesh Porjonto e Moner Moto Bou.

Acclamazione della critica

Nel 1970, Raihan ha scritto, prodotto e diretto il film drammatico di satira politica Jibon Theke Neya. Questo film è incentrato su una famiglia dove la maggior parte dei membri della famiglia sono oppressi dalla donna che controlla la famiglia, che è la metafora della tirannia della rivolta di massa nel 1969 nell'allora Pakistan orientale. Durante la guerra di liberazione del Bangladesh nel 1971, Raihan andò a Calcutta e mostrò il suo film Jibon Theke Neya a Calcutta. Rinomati registi di Kolkata Satyajit Ray, Mrinal Sen, Tapan Sinha e Ritwik Ghatak lo lodarono per questo film. Era segretario generale del Bangladesh Liberation Council of Intelligentsia durante la guerra di liberazione e stava facendo Let There Be Ligth. Lasciò il progetto e realizzò Stop Genocide, un documentario sull'oppressione dell'esercito pakistano sul popolo bengalese. Questo documentario è stato sostenuto dagli amici indiani del Bangladesh. Il primo ministro ad interim del governo in esilio Tajuddin Ahmed trovò l'importanza del documentario. Il primo ministro indiano Indira Gandhi fu toccato vedendo questo e ordinò alla divisione cinematografica dell'India di comprarlo e diffonderlo a livello internazionale. Quell'anno, ha anche prodotto e diretto A State Is Born e prodotto Liberation Fighters, diretto da Alamgir Kabir, e Innocent Millions, diretto da Babul Choudhury. Il suo ultimo film fu in lingua urdu Jalte Suraj Ke Niche (1971).

Scomparsa

Raihan non è stato trovato dal 30 gennaio 1972. Era uscito da casa sua per cercare suo fratello Shahidullah Kaiser, che l'esercito pakistano insieme a collaboratori locali aveva catturato e ucciso negli ultimi giorni della guerra di liberazione del Bangladesh. La sua famiglia credeva che i collaboratori bihariani armati e i soldati dell'esercito pakistano che si nascondevano a Mirpur avessero sparato alle persone che andavano a cercare i loro uomini.

Libri

Romanzi

  • Sesh Bikeler Meye (Una ragazza nel tardo pomeriggio, 1960)
  • Trishna (Thirst, 1962)
  • Hajar Bochhor Dhore (Per mille anni, 1964)
  • Arek Falgun (Primavera diversa, 1969)
  • Borof Gola Nodi (Fiume di ghiaccio fuso, 1970)
  • Ar Koto Din (Quanti giorni ancora, 1970)
  • Ekushey febbraio (21 febbraio 1970)
  • Koekti Mrittu (Alcuni morti)

Storie brevi

  • Sonar horin (Il cervo d'oro)
  • Somoyer proyojone (Per il bisogno di tempo)
  • Ekti jiggasa (Una domanda)
  • Harano boloy (L'anello perduto)
  • Badh (La protesta)
  • Surjagrohon (L'eclissi solare)
  • Noya potton (La nuova fondazione)
  • Mohamrittu (La grande morte)
  • Vangachora (Il rotto)
  • Oporadh (Il crimine)
  • Shikriti (Le congratulazioni)
  • Oti porichito (Molto familiare)
  • Ichha onichha (Desiderio o non desiderio)
  • Jonmantor
  • Poster
  • Ichhar agune jolchhi (Bruciato nel fuoco del desiderio)
  • Kotogulo kukurer artonad (Corteccia di alcuni cani)
  • Koekti songlap (Alcuni dialoghi)
  • Demag (Orgoglio)
  • Massacro
  • Ekusher golpo (Storia del 21 febbraio)

Filmografia

Film e documentari diretti

  • Kokhono Asheni, 1961 (il suo primo film come regista)
  • Sonar Kajol, 1962 (diretto insieme a Kolim Sharafi)
  • Kancher Deyal, 1963
  • Sangam, 1964 (il primo film a colori realizzato in Pakistan)
  • Bahana, 1965
  • Behula, 1966
  • Anowara, 1966
  • Jibon Theke Neya, 1970
  • Che ci sia luce
  • Jalte Suraj Ke Niche 1971

Documentari

  • Stop Genocide, documentario sul genocidio dell'esercito pakistano nella guerra di liberazione del Bangladesh, 1971
  • Nasce uno Stato
  • Combattenti per la liberazione (Produzione)
  • Milioni innocenti (Produzione)

Film prodotti

I seguenti film sono stati prodotti da Raihan e diretti dai suoi assistenti

  • Dui Bhai, 1968
  • Shuorani Duorani, 1968
  • Bairagi, 1967

Premi e onorificenze

  • 1964: Premio letterario Adamjee per Hajar Bachhar Dhore (romanzo)
  • 1964: Premio Nigar per Kancher Deyal
  • 1972: Premio letterario Bangla Academy in romanzi.
  • 1977: Ekushey Padak nelle arti (film)
  • 1992: Premio Independence Day in letteratura
  • Premi cinematografici nazionali
    • 1975: Premi speciali (postumo)
    • 2005: Miglior storia e dialogo per Hajar Bachhar Dhore (film) (postumo)

AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3