1948 Guerra arabo-israeliana

La (o Prima) guerra arabo-israeliana del 1948 fu la seconda e ultima fase della guerra di Palestina del 1947-49. Iniziò dopo la fine del mandato britannico per la Palestina, alla mezzanotte del 14 maggio 1948. La Dichiarazione d'Indipendenza israeliana era stata emessa prima di quel giorno. Una coalizione militare di Stati arabi entrò nel territorio della Palestina britannica la mattina del 15 maggio.

I primi morti della guerra sono avvenuti il 30 novembre 1947: Due autobus che trasportavano ebrei caddero in un'imboscata. C'erano state tensioni e conflitti tra gli arabi e gli ebrei fin dalla Dichiarazione Balfour del 1917 e dalla creazione del Mandato britannico di Palestina del 1920. Né agli arabi né agli ebrei piaceva la politica britannica. L'opposizione degli arabi si sviluppò nella rivolta araba del 1936-1939 in Palestina. La resistenza ebraica si sviluppò nell'insurrezione ebraica in Palestina (1944-1947). Nel 1947 queste tensioni portarono alla guerra civile. Il 29 novembre 1947 fu adottato il Piano di Partizione delle Nazioni Unite per la Palestina: esso prevedeva di dividere la Palestina in uno Stato arabo, uno Stato ebraico e il Regime Internazionale Speciale per le città di Gerusalemme e Betlemme.

Un giorno dopo la dichiarazione d'indipendenza israeliana, il 15 maggio 1948, la guerra civile si trasformò in un conflitto tra Israele e gli Stati arabi. L'Egitto, la Transgiordania, la Siria e le forze di spedizione dall'Iraq entrarono in Palestina. Queste forze presero il controllo delle aree arabe e attaccarono immediatamente le forze israeliane e diversi insediamenti ebraici. Dieci mesi di combattimenti si sono svolti per lo più sul territorio del Mandato britannico e nella penisola del Sinai e nel sud del Libano, interrotti da diversi periodi di tregua.

A seguito della guerra, lo Stato di Israele controllava l'area che la risoluzione 181 dell'Assemblea Generale dell'ONU aveva raccomandato per lo Stato ebraico proposto, così come quasi il 60 per cento dell'area dello Stato arabo proposta dal Piano di Partizione del 1947. Questo includeva l'area di Jaffa, Lydda e Ramle, la Galilea, alcune parti del Negev, un'ampia striscia lungo la strada Tel Aviv-Gerusalemme, Gerusalemme Ovest, e alcuni territori in Cisgiordania. La Transgiordania prese il controllo del resto del precedente mandato britannico, che annesse, e l'esercito egiziano prese il controllo della Striscia di Gaza. Alla Conferenza di Gerico del 1° dicembre 1948, 2.000 delegati palestinesi chiesero l'unificazione della Palestina e della Transgiordania come passo verso la piena unità araba. Il conflitto scatenò un significativo cambiamento demografico in tutto il Medio Oriente. Circa 700.000 arabi palestinesi fuggirono o furono espulsi dalle loro case nell'area che divenne Israele, e divennero rifugiati palestinesi in quella che chiamano Al-Nakba ("la catastrofe"). Nei tre anni successivi alla guerra, circa 700.000 ebrei emigrarono in Israele, molti dei quali erano stati espulsi dalle loro precedenti terre d'origine in Medio Oriente.


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3