Vespasiano

Vespasiano (Tito Flavio Vespasiano, 17 novembre 9 d.C. - 23 giugno 79), fu imperatore romano dal 69 d.C. al 79.

Vespasiano fu il fondatore della dinastia Flavia che governò l'impero per un quarto di secolo. Anche se tenne il consolato nel 51 d.C., Vespasiano divenne più considerato un comandante militare di successo. Partecipò all'invasione romanadella Britannia nel 43 d.C., p16, e alla ribellione ebraica del 66 d.C., p29-38.

Mentre Vespasiano si preparava ad assediare Gerusalemme durante quest'ultima campagna, l'imperatore Nerone si suicidò, facendo precipitare l'impero in un anno di guerra civile conosciuto come l'Anno dei Quattro Imperatori. Dopo la morte in rapida successione degli imperatori Galba e Otho, nell'aprile del 69 d.C., Vitellius divenne imperatore.

In risposta, gli eserciti in Egitto e in Giudea dichiararono l'imperatore Vespasiano il 1° luglio 1944 Nel suo tentativo di ottenere il potere imperiale, Vespasiano si unì alle forze di Mucianus, il governatore della Siria, e di Primus, un generale della Pannonia. Primus e Mucianus guidarono le forze flavie contro Vitellius, mentre Vespasiano ottenne il controllo dell'Egitto. Il 20 dicembre Vitellio fu sconfitto e il giorno seguente Vespasiano fu dichiarato imperatore dal Senato romano.

Sul governo di Vespasiano, durante i dieci anni in cui è stato imperatore, sopravvivono poche informazioni concrete. Il suo regno è conosciuto soprattutto per le riforme finanziarie, la campagna di successo contro la Giudea e diversi ambiziosi progetti di costruzione come il Colosseo. Alla sua morte, avvenuta nel 79, gli successe il figlio maggiore Tito.

AlegsaOnline.com - 2020 - Licencia CC3