J. Paul Getty

Jean Paul Getty (15 dicembre 1892 - 6 giugno 1976) è stato un industriale americano. Ha fondato la Getty Oil Company. Nel 1957 la rivista Fortune lo nominò il più ricco americano vivente, e il Guinness Book of Records del 1966 lo nominò come il privato cittadino più ricco del mondo, con un valore stimato di 1.200 milioni di dollari. Alla sua morte, valeva più di 2 miliardi di dollari. Un libro pubblicato nel 1996 lo ha classificato come il 67° americano più ricco mai vissuto. (Il libro classificava la sua ricchezza come percentuale del prodotto nazionale lordo degli Stati Uniti). Nonostante la sua ricchezza, Getty era noto per essere un avaro.

Getty amava collezionare arte e antichità. La sua collezione formò la base del J. Paul Getty Museum di Los Angeles, California, e oltre 661 milioni di dollari del suo patrimonio furono lasciati al museo dopo la sua morte. Ha fondato il J. Paul Getty Trust nel 1953. Il trust è l'istituzione artistica più ricca del mondo. Gestisce il J. Paul Getty Museum, la Getty Foundation, il Getty Research Institute e il Getty Conservation Institute.

Biografia

"I miti erediteranno la terra, ma non i suoi diritti minerari".

- motto attribuito a John Paul Getty

Suo padre George Getty possedeva un'azienda petrolifera a Minneapolis, Minnesota. J. Paul fu una delle prime persone al mondo con una fortuna stimata in oltre un miliardo di dollari.

Si iscrisse alla University of Southern California, poi alla University of California, Berkeley prima di laurearsi nel 1914 al Magdalen College, Oxford, con lauree in economia e scienze politiche. Trascorse le estati tra gli studi lavorando nei campi petroliferi di suo padre in Oklahoma. Gestendo la sua compagnia petrolifera a Tulsa, fece il suo primo milione nel 1916. Tuttavia, nel 1917, annunciò che si sarebbe ritirato per diventare un playboy di Los Angeles. Anche se alla fine tornò agli affari, Getty aveva perso il rispetto di suo padre. Poco prima che George Franklin Getty morisse nel 1930, credeva che Jean Paul avrebbe distrutto l'azienda di famiglia e glielo disse.

Dopo essersi preso qualche anno di pausa dalla corsa ai soldi per godersi i suoi guadagni con le donne, Getty tornò in Oklahoma nel 1919. Durante gli anni '20 aggiunse circa 3 milioni di dollari al suo già considerevole patrimonio. La sua successione di matrimoni e divorzi (tre durante gli anni '20, cinque nel corso della sua vita), tuttavia, angosciò così tanto suo padre che J. Paul ereditò solo 500.000 dollari dei 10 milioni di dollari che il vecchio Getty lasciò alla sua morte nel 1930.

Getty investì attentamente le sue risorse durante la Grande Depressione. Getty acquisì la Pacific Western Oil Corporation. Iniziò l'acquisizione (completata nel 1953) della Mission Corporation, che comprendeva la Tidewater Oil e la Skelly Oil. Nel 1967 il miliardario fonde queste partecipazioni nella Getty Oil.

A partire dal 1949, Getty pagò a Ibn Saud 9,5 milioni di dollari in contanti e 1 milione di dollari all'anno per una concessione di 60 anni per un tratto di terra sterile vicino al confine tra Arabia Saudita e Kuwait. Nessun petrolio era mai stato scoperto lì. Dopo aver speso 30 milioni di dollari in quattro anni, il petrolio fu scoperto lì. Dal 1953 in poi, la scommessa di Getty produsse 16.000.000 di barili (2.500.000 m3) all'anno, che contribuirono notevolmente alla fortuna che lo rese una delle persone più ricche del mondo.

Getty imparò a parlare l'arabo, il che aiutò la sua impareggiabile espansione in Medio Oriente. Getty possedeva il controllo di quasi 200 imprese, compresa la Getty Oil. Gli associati hanno identificato la sua ricchezza complessiva tra i 2 e i 4 miliardi di dollari. Non è stato facile, forse ispirando l'osservazione ampiamente citata di Getty: "I miti erediteranno la terra, ma non i diritti minerari".

Si trasferì in Inghilterra negli anni '50 e amava la cultura inglese (anglofilo). Visse e lavorò nella sua tenuta Tudor del XVI secolo, Sutton Place vicino a Guildford; la tradizionale casa di campagna divenne il centro della Getty Oil e delle sue compagnie associate e usò la tenuta per intrattenere i suoi amici inglesi e arabi (tra cui la famiglia britannica Rothschild e numerosi governanti dei paesi del Medio Oriente). Getty visse il resto della sua vita nelle isole britanniche, morendo di insufficienza cardiaca all'età di 83 anni il 6 giugno 1976.

Matrimoni, divorzi e bambini

Getty si è sposato e ha divorziato cinque volte. Ha avuto cinque figli da quattro delle sue mogli:

  1. Jeanette Demont (sposata 1923 - divorziata 1926); un figlio George Franklin Getty II (1924-1973)
  2. Allene Ashby (1926-1928?, cioè bigamo 1926-1927 e la sua risoluzione esatta è sconosciuta)
  3. Adolphine Helmle (1928-1932); un figlio Jean Ronald Getty (nato nel 1929)
  4. Ann Rork (1932-1936); due figli Eugene Paul Getty, poi Jean Paul Getty Jr (1932-2003) e Gordon Peter Getty (nato nel 1933)
  5. Louise Dudley Lynch (1939-1958); un figlio Timothy Ware Getty (1946-1958)

È stato citato per aver detto: "Una relazione duratura con una donna è possibile solo se sei un fallimento aziendale".

Successo come autore autobiografico

Getty ha scritto un libro di grande successo intitolato How to Be Rich.

Telefono a gettoni

Getty fece notoriamente installare un telefono pubblico a Sutton Place, contribuendo a suggellare la sua reputazione di avaro. Nella sua autobiografia, descrisse le sue ragioni:

Ora, per mesi dopo l'acquisto di Sutton Place, un gran numero di persone entrava e usciva dalla casa. Alcuni erano uomini d'affari in visita. Altri erano artigiani o operai impegnati in lavori di ristrutturazione e rinnovo. Altri ancora erano commercianti che facevano consegne di merce. Improvvisamente, le bollette telefoniche di Sutton Place cominciarono ad aumentare. La ragione era ovvia. Ognuno dei telefoni regolari della casa ha accesso diretto alle linee esterne e quindi agli operatori a lunga distanza e persino all'estero. Tutti i tipi di persone stavano approfittando di una rara opportunità. Prendevano i telefoni di Sutton Place e chiamavano fidanzate a Ginevra o in Georgia, zie, zii e cugini di terzo grado a Caracas e Città del Capo. I costi delle loro chiacchierate amichevoli erano, ovviamente, addebitati sul conto di Sutton Place.

Getty mise dei dial-lock su tutti i telefoni regolari, limitandone l'uso al personale autorizzato, e il telefono a gettoni fu installato per gli altri. Parlando in un'intervista televisiva con Alan Whicker, Getty disse che pensava che gli ospiti avrebbero voluto usare un telefono a pagamento[].

Il rapimento del nipote

Il 10 luglio 1973 a Roma, il sedicenne John Paul Getty III fu rapito e fu chiesto per telefono un riscatto di 17 milioni di dollari per la sua restituzione. Tuttavia, "la famiglia sospettava una manovra dell'adolescente ribelle per estrarre denaro dal suo avaro nonno". John Paul Getty II chiese i soldi a suo padre, ma fu rifiutato.

Nel novembre 1973 una busta contenente una ciocca di capelli e un orecchio umano fu consegnata a un quotidiano. La seconda richiesta era stata ritardata di tre settimane da uno sciopero delle poste italiane. La richiesta minacciava che Paul sarebbe stato ulteriormente mutilato se non fossero stati pagati 3,2 milioni di dollari: "Questo è l'orecchio di Paul. Se non riceviamo dei soldi entro 10 giorni, allora arriverà l'altro orecchio. In altre parole, arriverà a pezzettini".

Quando i rapitori ridussero finalmente le loro richieste a 3 milioni di dollari, Getty senior accettò di pagare non più di 2,2 milioni di dollari, il massimo che sarebbe stato deducibile dalle tasse. Prestò al figlio i restanti 800.000 dollari al 4% di interesse. Paolo III fu trovato vivo nell'Italia meridionale poco dopo il pagamento del riscatto. Dopo il suo rilascio Paolo III chiamò suo nonno per ringraziarlo di aver pagato il riscatto, ma Getty si rifiutò di venire al telefono. Nove persone furono poi arrestate per il rapimento, ma solo due furono condannate. Paul III fu permanentemente colpito dal trauma e divenne un tossicodipendente. Dopo un ictus provocato da un cocktail di droghe e alcol nel 1981, Paolo III rimase senza parole, quasi cieco e parzialmente paralizzato per il resto della sua vita. Morì trent'anni dopo, il 5 febbraio 2011, all'età di 54 anni.

Getty difese il suo iniziale rifiuto di pagare il riscatto su due punti. In primo luogo, ha sostenuto che sottomettersi alle richieste dei rapitori avrebbe immediatamente messo i suoi altri quattordici nipoti a rischio di rapitori di copie. Ha aggiunto:

La seconda ragione del mio rifiuto era molto più ampia. Io sostengo che l'assecondare le richieste dei criminali e dei terroristi garantisce semplicemente il continuo aumento e la diffusione dell'illegalità, della violenza e di tali oltraggi come gli attentati terroristici, gli "skyjackings" e il massacro degli ostaggi che affliggono il nostro mondo attuale. (Getty, 1976, pag. 139).

Il film del 2017 Tutti i soldi del mondo è basato su questi eventi. Christopher Plummer interpreta J. Paul Getty. Nel 2018, una serie televisiva basata sugli eventi, Trust, ha debuttato con Donald Sutherland che interpreta Getty.

Domande e risposte

D: Chi era Jean Paul Getty?
R: Jean Paul Getty era un industriale americano che ha fondato la Getty Oil Company.

D: Quando è morto?
R: Jean Paul Getty è morto il 6 giugno 1976.

D: Quanto era ricco alla sua morte?
R: Alla sua morte, Jean Paul Getty valeva più di 2 miliardi di dollari.

D: Che cos'è il J. Paul Getty Trust?
R: Il J. Paul Getty Trust è l'istituzione artistica più ricca del mondo che gestisce il J. Paul Getty Museum, la Getty Foundation, il Getty Research Institute e il Getty Conservation Institute.

D: Come lo chiamò la rivista Fortune nel 1957?
R: Nel 1957 la rivista Fortune ha nominato Jean Paul Getty come l'americano vivente più ricco.

D: Quale libro lo ha classificato come una delle persone più ricche d'America mai vissute?
R: Un libro pubblicato nel 1996 lo ha classificato come 67° americano più ricco mai vissuto (il libro classificava la sua ricchezza come percentuale del prodotto nazionale lordo degli Stati Uniti).

D:Cosa amava collezionare? R:Jean PaulGetty amava collezionare arte e antichità.

AlegsaOnline.com - 2020 / 2023 - License CC3