Etiopia

L'Etiopia è un paese nel Corno d'Africa. Ha una delle storie più lunghe e conosciute come paese in Africa e nel mondo. L'Etiopia è stato uno dei pochi paesi in Africa che è sfuggito alla lotta per l'Africa. Ha evitato di essere colonizzata fino al 1935, quando fu invasa dagli italiani, che presero il controllo del paese. L'Etiopia era chiamata Abissinia. La parola "Etiopia" deriva dalla parola greca Αἰθιοπία che significa faccia bruciata dalla luce del sole. È il paese senza sbocco sul mare più popoloso del mondo, avendo perso i suoi porti sul Mar Rosso quando l'Eritrea ottenne l'indipendenza nel 1993.

Storia

Il Regno di Aksum, il primo regno conosciuto di grande potenza a sorgere in Etiopia, sorse durante il primo secolo d.C. Il religioso persiano Mani elencò Axum con Roma, la Persia e la Cina come una delle quattro grandi potenze del suo tempo. Fu all'inizio del IV secolo che un naufrago siro-greco, Frumenzio, fu portato a corte e col tempo cambiò il re Ezana al cristianesimo, rendendo il cristianesimo la religione dell'Etiopia. Per questo, ricevette il titolo di "Abba Selama". In tempi diversi, compreso un periodo nel VI secolo, Axum governò la maggior parte dell'odierno Yemen, appena al di là del Mar Rosso.

La linea dei sovrani degli attuali re axumiti terminò intorno al 950 d.C. quando furono rovesciati dalla regina ebrea Gudit; poi fu seguita dalla dinastia Zagwe per circa 300 anni. Intorno al 1270 d.C., la dinastia dei Salomonidi arrivò a controllare l'Etiopia, sostenendo di essere imparentata con i re di Axum (anche se la loro affermazione non era scientifica, erano addirittura persone dell'Etiopia meridionale, come da Shewa e simili). Si facevano chiamare Neguse Negest ("Re dei Re", o Imperatore), basando le loro pretese sulla loro relazione diretta con il re Salomone e la regina di Saba.

Durante il governo dell'imperatore Lebna Dengel, l'Etiopia ebbe il suo primo buon contatto con un paese europeo, il Portogallo nel 1520. Quando l'impero fu attaccato dal generale e imam somalo Ahmad ibn Ibrihim al-Ghazi, il Portogallo rispose alla richiesta di aiuto di Lebna Dengel con 400 moschettieri, aiutando suo figlio Gelawdewos a battere al-Ghazi e a rifare il suo governo. Tuttavia, i missionari gesuiti col tempo offesero la fede ortodossa degli etiopi locali, e a metà del XVII secolo l'imperatore Fasilidos si liberò di questi missionari. Allo stesso tempo, il popolo Oromo cominciò a mettere in discussione le autorità cristiane etiopi nei territori abissini, e voleva mantenere la propria religione.

Tutto questo portò all'isolamento dell'Etiopia durante il 1700. Gli imperatori divennero dei prestanome, controllati da signori della guerra come Ras Mikael Sehul del Tigray. Ma l'amarico è la lingua nazionale dell'Etiopia. L'isolazionismo etiope finì in seguito a una missione britannica che fece amicizia tra le due nazioni; tuttavia, non fu fino al regno di Tewodros II che l'Etiopia ricominciò a prendere parte alle questioni mondiali.

Nel 1896 l'Italia fu decisamente sconfitta nella battaglia di Adwa dall'imperatore Menelik; un imperatore Amhara della provincia di Shewa. Questa battaglia sfatò l'idea che gli europei erano superiori e non potevano essere sconfitti da un esercito nero. Essa diede origine al movimento panafricano e diede speranza ad altri paesi africani che erano stati conquistati. Questa vittoria fece dell'Etiopia l'unico paese africano a respingere con successo una potenza europea durante lo Scramble of Africa. Nel 1936 l'Italia attaccò ancora una volta e riuscì ad occupare l'Etiopia fino al 1941. L'occupazione di 5 anni finì, l'imperatore Haile Selassie riconquistò il trono.

I rivoluzionari rovesciarono e uccisero l'imperatore nel 1974. La conseguente guerra civile durò fino al 1991. L'Eritrea divenne indipendente e in seguito combatté la guerra eritreo-etiopica.

Regioni, zone e distretti

Prima del 1996, l'Etiopia era divisa in 13 province. Ora l'Etiopia ha paesi regionali, zone, distretti e quartieri su base etnica.

Ci sono nove regioni, sessantotto zone e due città charter. L'Etiopia è ulteriormente divisa in 550 woredas e diverse woredas speciali.

Le nove regioni e le due città noleggiate (in corsivo) sono:

  1. Addis Abeba
  2. Afar
  3. Amhara
  4. Benishangul-Gumuz
  5. Dire Dawa
  1. Gambela
  2. Harari
  3. Oromia
  4. Somalo
  5. Regione delle Nazioni, Nazionalità e Popoli del Sud
  6. Tigray

Economia

La produzione di caffè è una lunga tradizione in Etiopia.

Smistamento del caffè a Awasa
Smistamento del caffè a Awasa

Pagine correlate

  • L'Etiopia alle Olimpiadi
  • Nazionale di calcio dell'Etiopia
  • Elenco dei fiumi dell'Etiopia

AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3