USS Enterprise (CV-6)

La USS Enterprise (CV-6), spesso chiamata "Big E", fu la sesta portaerei della Marina degli Stati Uniti. Fu anche la settima nave della U.S. Navy ad usare questo nome. Fu varata nel 1936 ed era una portaerei della classe Yorktown. Fu una delle tre portaerei americane messe in servizio prima della Seconda Guerra Mondiale che sopravvissero alla guerra. Prese parte a più combattimenti contro il Giappone di qualsiasi altra nave statunitense. Questi combattimenti inclusero la battagliadi Midway, la battaglia delle Salomone orientali, la battaglia delle isole Santa Cruz, molti altri combattimenti durante la campagna di Guadalcanal, la battaglia del Mar delle Filippine e la battaglia del Golfo di Leyte. In tre momenti diversi durante la guerra del Pacifico, i giapponesi dissero che era stata affondata in battaglia. Questo la portò ad essere soprannominata "Il fantasma grigio".

L'Enterprise si guadagnò 20 stelle di battaglia. Questo era più di qualsiasi altra nave da guerra statunitense nella Seconda Guerra Mondiale. Alcuni hanno detto che è la nave più gloriosa e onorata nella storia della Marina degli Stati Uniti. Tuttavia, la fregata USS ''Constitution'' del XVIII secolo potrebbe forse rivaleggiare con questa.

Costruzione e messa in funzione

Enterprise fu varata il 3 ottobre 1936 presso la Newport News Shipbuilding. Fu sponsorizzata da Lulie Swanson, che era la moglie del Segretario della Marina Claude A. Swanson. L'Enterprise fu commissionata il 12 maggio 1938. Enterprise navigò verso sud in modo che le sue prestazioni potessero essere testate. Questo la portò a Rio de Janeiro. Dopo il suo ritorno, fu usata lungo la costa orientale e nei Caraibi fino all'aprile 1939. Questo è quando le fu ordinato di servire nel Pacifico.

Storia del servizio

L'Enterprise fu una delle quattordici navi ad essere equipaggiata con il RADAR CXAM-1 della RCA. Era prima basata a San Diego (dove fu usata nel film Dive Bomber) e poi a Pearl Harbor dopo che il presidente Roosevelt ordinò che la flotta fosse basata molto in avanti. Enterprise e le squadre di aerei che trasportava si addestrarono molto e spostarono gli aerei tra le basi insulari del Pacifico. Enterprise lasciò Pearl Harbor il 28 novembre 1941. Enterprise stava completando una missione di trasporto, tornando alle Hawaii dopo aver spostato il Marine Fighter Squadron 211 (VMF-211) a Wake Island il 7 dicembre 1941. Questo fu quando i giapponesi attaccarono Pearl Harbor.

Seconda Guerra Mondiale

Pearl Harbor

Enterprise stava tornando a Oahu la mattina del 7 dicembre 1941. 18 SBD Dauntless degli squadroni Enterprise Scouting Squadron Six (VS-6) e Bombing Squadron Six (VB-6) arrivarono a Pearl Harbor mentre i giapponesi la stavano attaccando. Anche se sorpresi, entrarono rapidamente in azione per difendere Pearl Harbor. VS-6 perse sei aerei durante l'attacco. Il VB-6 ne perse uno. Molti di questi aerei furono abbattuti dai giapponesi. Tuttavia, almeno un aereo fu perso dal fuoco della contraerea (AA), e molti altri furono danneggiati. Durante la battaglia, si sentì un rapporto radio: "Non attaccatemi, questo è Six Baker Three un aereo americano". Più tardi, lo stesso pilota (il guardiamarina Manuel Gonzales del VB-6) fu sentito dire al suo radiotelegrafista di prepararsi ad atterrare sull'acqua. Il tenente C. E. Dickinson e il suo compagno di equipaggio William C. Miller, del VS-6, abbatterono un aereo giapponese prima di dover saltare fuori dopo che il loro aereo prese fuoco. Dickinson in seguito andò a Ford Island per pilotare un altro aereo. Partecipò quando gli Stati Uniti stavano cercando la flotta giapponese.

Enterprise inviò anche sei F4F Wildcats del Fighting Squadron Six (VF-6) durante l'attacco. Tutti questi aerei, tranne due, furono abbattuti da mitraglieri dell'AA quando tentarono di atterrare su Ford Island più tardi quella notte. L'Enterprise preparò i suoi aerei per andare alla ricerca della forza giapponese che aveva attaccato Pearl Harbor. La ricerca era a sud e a ovest di Oahu. Tuttavia, i giapponesi avevano iniziato a muoversi verso nord-ovest. L'Enterprise andò a Pearl Harbor per rifornirsi di carburante e provviste la notte dell'8 dicembre. La mattina seguente, presto, andò a pattugliare il resto delle isole Hawaii per assicurarsi che non ci fossero altri attacchi. Anche se il gruppo non trovò nessuna nave, gli aerei dell'Enterprise affondarono il sottomarino giapponese I-70. L'I-70 fu affondato a 23°45′N 155°35′W / 23.750°N 155.583°W / 23.750; -155.583 (USS Enterprise sinks I-70) il 10 dicembre 1941.

Durante le ultime due settimane del dicembre 1941, l'Enterprise e il suo gruppo si spostarono a ovest delle Hawaii per assicurarsi che quelle isole non fossero attaccate. Altri due gruppi cercarono di aiutare a Wake Island nello stesso periodo. Dopo che il gruppo Enterprise ebbe un breve riposo a Pearl Harbor, partirono l'11 gennaio. Stavano proteggendo le navi che inviavano aiuti a Samoa. Il 1 febbraio, la Task Force 8 dell'Enterprise razziò Kwajalein, Wotje e Maloelap nelle Isole Marshall. Affondarono tre navi, ne danneggiarono otto e distrussero molti aerei.

La battaglia di Midway

Cinque giorni dopo, l'Enterprise salpò per il Sud Pacifico per aiutare le altre portaerei americane nel Mar dei Coralli. Tuttavia, la battaglia del Mar dei Coralli era finita prima che l'Enterprise arrivasse.

Il 28 maggio, Enterprise si trasferì, come nave ammiraglia del contrammiraglio Raymond A. Spruance, a Midway. Le fu ordinato di tenere Midway e fare più danni possibili al nemico. USS Hornet, sei incrociatori e 10 cacciatorpediniere erano con la Enterprise quel giorno.

Sia gli americani che i giapponesi lanciarono attacchi aerei. Anche se i combattimenti continuarono fino al 7 giugno, alla fine del 4 giugno il risultato era stato deciso. La battaglia di Midway iniziò la mattina del 4 giugno 1942, quando quattro portaerei giapponesi attaccarono l'isola di Midway. I giapponesi non sapevano che la U.S. Navy si trovava nella zona. Appena tre ore dopo che la prima bomba aveva colpito Midway, gli aerei delle portaerei statunitensi attaccarono. La Enterprise lanciò un attacco usando bombardieri siluranti, ma questo fallì. Poco dopo, i bombardieri in picchiata della Enterprise attaccarono e affondarono le portaerei giapponesi Kaga e Akagi. Più tardi nel pomeriggio, i bombardieri della Enterprise e della USS Yorktown affondarono la Hiryu (gli aerei della Yorktown affondarono anche la Sōryū). La Yorktown e la USS Hammann furono le uniche navi americane affondate, ma 113 aerei furono persi. 61 di questi furono persi durante gli attacchi. Le perdite giapponesi furono molto più grandi. Persero quattro portaerei, un incrociatore e 272 aerei. Anche se perse molti aerei, l'Enterprise tornò a Pearl Harbor il 13 giugno 1942 senza danni.

Sud Pacifico

Dopo un mese di riposo, l'Enterprise si diresse il 15 luglio 1942 verso il Sud Pacifico. Lì, aiutò a sostenere l'attacco alle Isole Salomone l'8 agosto. Durante la battaglia delle Salomone orientali, la portaerei leggera giapponese Ryūjō fu affondata. Le truppe giapponesi che dovevano sbarcare a Guadalcanal furono costrette a tornare indietro. L'Enterprise fu colpita tre volte. 77 marinai furono uccisi e 91 furono feriti. L'Enterprise fu danneggiata gravemente.

L'Enterprise fu fissata a Pearl Harbor dal 10 settembre al 16 ottobre 1942.

Il 13 novembre, i piloti dell'Enterprise aiutarono ad affondare la Hiei. Quando la battaglia navale di Guadalcanal finì il 15 novembre 1942, l'Enterprise aveva contribuito ad affondare 16 navi e a danneggiarne altre otto.

Il 20 luglio 1943, l'Enterprise iniziò ad essere aggiornata. Questi avvennero nel corso di diversi mesi. Le fu dato un blister anti-siluro. Questo significava che la portaerei sarebbe stata più protetta contro i siluri.

Ritorno in servizio

L'Enterprise era tornata nel novembre 1943. Ha aiutato i soldati statunitensi a sbarcare sull'atollo di Makin dal 19 al 21 novembre 1943.

Enterprise lanciò degli aerei per colpire le isole Marshall e aiutò i soldati statunitensi a sbarcare su Kwajalein dal 29 gennaio al 3 febbraio 1944. Poi andò a colpire la base giapponese nella laguna di Truk nelle isole Caroline il 17 febbraio.

Enterprise lanciò degli aerei per colpire l'atollo di Jaluit il 20 febbraio. Aiutò le truppe che stavano sbarcando sull'isola di Emirau (19-25 marzo). Il 14 aprile aiutò le truppe a sbarcare a Hollandia (attualmente conosciuta come Jayapura), in Nuova Guinea.

La battaglia del Mar delle Filippine

Il 19 giugno 1944, Enterprise prese parte alla battaglia del Mare delle Filippine. Per più di otto ore, i piloti americani e giapponesi hanno combattuto. In due giorni, sei navi americane furono danneggiate. 130 aerei e 76 piloti ed equipaggi andarono persi. Aerei americani e sottomarini statunitensi affondarono tre portaerei giapponesi (Hiyō, Shōkaku e Taihō). I giapponesi persero 426 aerei.

L'Enterprise aiutò a difendere le navi statunitensi e a colpire le navi giapponesi. Dopo la battaglia, l'Enterprise aiutò l'invasione di Saipan fino al 5 luglio. Poi tornò a Pearl Harbor per un mese di riposo. Tornò il 24 agosto e attaccò le isole Bonin dal 31 agosto al 2 settembre.

La battaglia del Golfo di Leyte

Nella battaglia del Golfo di Leyte (23-26 ottobre), gli aerei della Enterprise attaccarono corazzate e cacciatorpediniere. Durante il mese di novembre, gli aerei dell'Enterprise colpirono Manila e Yap. Tornò a Pearl Harbor il 6 dicembre 1944.

Dopo la guerra

Operazione tappeto magico

L'Enterprise salpò per Pearl Harbor con 1.100 soldati. Poi ha iniziato a navigare verso l'Europa. Ha portato a casa 10.000 soldati. Durante l'ultimo viaggio dell'Enterprise, la nave fu sorpresa da venti molto forti nell'Atlantico. L'equipaggio quasi abbandonò la nave. L'Enterprise dovette tornare a New York.

L'Enterprise ha ricevuto un gagliardetto dell'Ammiragliato britannico. Il gagliardetto è stato dato all'Enterprise come regalo da un alleato. L'Enterprise è l'unica nave non della Royal Navy a ricevere il premio in più di 400 anni.

La fine della "Grande E"

Enterprise entrò nel cantiere navale di New York il 18 gennaio 1946 per essere disattivata. Nel 1946, stava per essere data allo stato di New York per essere un memoriale. Tuttavia, questo piano fu cancellato nel 1949. La "Big E" fu venduta il 1º luglio 1958 alla Lipsett Corporation per essere demolita. La demolizione avvenne nel maggio 1960.

Successore della "Grande E"

Nel novembre 1961, la USS Enterprise (CVA(N)-65) entrò in servizio. Questa fu la prima portaerei al mondo a propulsione nucleare. La Enterprise (CVN-65) è stata messa in disarmo il 1º dicembre 2012. Un'altra Enterprise sarebbe una portaerei di classe Gerald R. Ford, CVN-80.

USS Enterprise nel 1939.
USS Enterprise nel 1939.

TBD Devastators sulla USS Enterprise durante la battaglia di Midway
TBD Devastators sulla USS Enterprise durante la battaglia di Midway

Enterprise durante la battaglia delle isole Santa Cruz, 26 ottobre 1942.
Enterprise durante la battaglia delle isole Santa Cruz, 26 ottobre 1942.

Una bomba giapponese esplode sul ponte di volo dell'Enterprise il 24 agosto 1942 durante la battaglia delle Salomone orientali. Ha causato una piccola quantità di danni.
Una bomba giapponese esplode sul ponte di volo dell'Enterprise il 24 agosto 1942 durante la battaglia delle Salomone orientali. Ha causato una piccola quantità di danni.

Questo F6F Hellcat si è schiantato sul ponte di volo dell'Enterprise.
Questo F6F Hellcat si è schiantato sul ponte di volo dell'Enterprise.

Enterprise a destra con la Quinta Flotta a Majuro, 1944.
Enterprise a destra con la Quinta Flotta a Majuro, 1944.

Una foto presa da Washington mostra un'esplosione sull'Enterprise da parte di un kamikaze.
Una foto presa da Washington mostra un'esplosione sull'Enterprise da parte di un kamikaze.

Soldati americani sull'Enterprise nel 1945
Soldati americani sull'Enterprise nel 1945

USS Enterprise (CV-6) al cantiere navale di New York il 22 giugno 1958
USS Enterprise (CV-6) al cantiere navale di New York il 22 giugno 1958

Piastra di poppa della USS Enterprise situata a River Vale, New Jersey.
Piastra di poppa della USS Enterprise situata a River Vale, New Jersey.

Premi

Enterprise è stata premiata con una Presidential Unit Citation per il suo servizio durante la seconda guerra mondiale. L'encomio dice:

Per prestazioni costantemente eccezionali e risultati distinti durante le ripetute azioni contro le forze nemiche giapponesi nell'area di guerra del Pacifico, dal 7 dicembre 1941 al 15 novembre 1942. Partecipando a quasi tutti i principali impegni delle portaerei nel primo anno di guerra, l'Enterprise e il suo gruppo aereo, escludendo la distruzione di installazioni costiere ostili in tutta l'area di battaglia, ha affondato o danneggiato da sola un totale di 35 navi giapponesi e abbattuto un totale di 185 aerei giapponesi. Il suo spirito aggressivo e la sua superba efficienza di combattimento sono un giusto tributo agli ufficiali e agli uomini che l'hanno così galantemente imposta come un baluardo in avanti nella difesa della nazione americana.

L'Enterprise ha anche ricevuto il Navy Unit Commendation e 20 stelle di battaglia per il servizio nella seconda guerra mondiale. Questo significa che è la nave statunitense più decorata di sempre.


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3