Devi

Devi è la parola per "dea" nell'induismo. L'equivalente maschile è Deva, l'aspetto femminile del divino. Devi è sinonimo di Shakti, l'aspetto femminile del divino. Ha molte incarnazioni diverse. Tra queste incarnazioni ci sono Saraswati, Lakshmi, Durga, Kali e Parvati. Gli adoratori indù della Devi sono chiamati 'Shakta'.

Gli indù credono in milioni di divinità femminili. Ogni dea degli indù ha la sua storia e la sua storia. Tutte hanno anche un aspetto diverso. Alcune dee possono cambiare il loro aspetto, quindi hanno due o tre immagini diverse. Alcune persone colte pensano che tutte le dee indù siano forme diverse di un'unica grande o suprema dea. Alcune persone colte pensano anche che l'adorazione delle dee da parte degli indù mostra il loro rispetto per il genere femminile.

Origini

Valle dell'Indo

La civiltà della valle dell'Indo era una vecchia civiltà dell'India antica. Durò dal 3000 al 1500 a.C. Gli archeologi hanno trovato alcune figure femminili in alcuni luoghi di questa civiltà. Alcune persone credono che queste figure mostrino il culto della dea in quel tempo. Alcune persone colte pensano che la gente di quel tempo adorava una dea madre. Questo era simile al culto di una dea madre nel Mediterraneo.

Periodo vedico

Il periodo vedico o la civiltà vedica dell'India era una civiltà molto antica. I Veda parlano di un certo numero di dee. Alcuni dei nomi delle dee sono Ushas, Prithivi, Aditi, Saraswati, Vac, Nirrti, Ratri. Oltre a questi, ci sono altri nomi di dee come Puramdhi, Parendi, Raka, Dhisana. Altri nomi sono come Ila, Bharati, Mahi e Hotra.

Alcune importanti dee degli indù sono Lakshmi, Parvati, Sita, Radha, Durga, Kali, Mahadevi, Matrakas, Tara, Chhinnamasta, Mahavidyas e molte altre. Alcune dee sono anche collegate a luoghi e fiumi.

Manifestazioni

Durga

Durga è una delle dee più potenti degli indù. Le scritture indù dicono che Durga venne per uccidere gli asura, cioè i demoni. Gli dei maschi non erano riusciti a controllare gli asura e lei è stata creata. Ha i poteri di tutti gli dei maschi messi insieme. Principalmente Durga è la forma combattiva e più potente di Parvati. Viene spesso raffigurata mentre cavalca una tigre o un leone.

Saraswati

Saraswati è la dea della parola e dell'apprendimento. È la dea della scienza, delle arti e della musica. I Veda parlano di lei. Nelle sue mani tiene un libro, un rosario, una pentola d'acqua e un liuto. È anche considerata come figlia di Parvati o Durga. Maha Saraswati è la forma di divisione della mahavidya (potere di super apprendimento) di Parvati. Il mahavidya ha due forme. Una è maha saraswati e un'altra è neel saraswati. Nei tempi antichi, c'era anche un fiume chiamato fiume Saraswati. Il fiume si è prosciugato molto tempo fa. Anche questo fiume era considerato una forma di questa dea. Saraswati è anche la moglie di Brahma "dio della conoscenza, della saggezza e di molte altre cose".

Sri Lakshmi

Lakshmi, chiamata anche Sri o Sri Lakshmi è un'importante dea degli indù. Lakshmi è l'epitome di tutto ciò che è buono e prospero nel mondo. Come il potere dietro il Signore Vishnu, aiuta nella conservazione del mondo. Lakshmi come Vishnu ha molte incarnazioni, di cui le più importanti sono: Sita, Radha e Rukmini.in realtà Maha laxmi è la forma di divisione della bellezza di Parvati o Durga.

Parvati

Dopo la morte di Sati, il potere divino o Shakti fu riformato dai 51 shakti peeth. Con questo la dea Sati rinacque come dea Parvati. In lingua sanscrita, Parvati significa una figlia delle montagne, l'Himalaya. ha sposato di nuovo Shiva. così la Dea Parvati è la seconda moglie di Shiva, uno dei tre principali dei indù. Ha due figli chiamati Ganesh e Kartikeya. È anche chiamata Gauri, ha diciotto braccia e quaranta gambe e ha più di 108 nomi. Durga, Kali, Jagadatri, Bharat Mata (madre India) sono le forme popolari della dea Parvati.

Kali

Kali è una delle principali dee degli indù. È una dea molto potente. A volte è anche chiamata Chandi. Durga e Kali hanno ucciso molti asura (demoni) che disturbavano gli esseri umani. Kali è una forma di Durga che scaturì dalla sua testa durante la battaglia di Durga con il demone Raktabija (che rappresenta il potere dei pensieri, il potere che si riproduce costantemente e incessantemente nella mente) il cui sangue quando toccò la terra generò un altro Raktabija. Per porre fine a questa battaglia tra Raktabeeja e Durga, Kali consumò ogni goccia di sangue finché Raktabija si dissanguò. Kali è la forma più alta del Supremo. Il nome di Kali ha due significati; il primo significato è "oscuro" che significa che rappresenta il Vuoto (brahman. Il secondo significato è "Tempo" che è il Distruttore di tutto.

Sati

Sati è una dea indù. È la prima forma di potere divino o Shakti. Era la figlia di Dakshya-raj. Dopo la morte di Sati nel Dakshya-Yagna, Shiva prese il corpo morto di Sati e iniziò la danza. Con Sudarshana Chakra il Signore Vishnu tagliò le parti del corpo di Sati. Le parti sono cadute in 51 luoghi nell'area del subcontinente indiano. Questi luoghi sono chiamati 51 Shakti peeth. Molte forme di shakti come Durga, Kali, Kamakshya, Hingula sono adorate in questi luoghi.

Bhuvaneswari

Il concetto di Dea Bhuvaneswari come dea suprema è emerso nella letteratura religiosa storica come termine per definire la natura potente e influente delle divinità femminili in India. Nel corso della storia, le dee sono state rappresentate come la madre dell'universo, attraverso i cui poteri l'universo viene creato e distrutto. I graduali cambiamenti nelle credenze attraverso il tempo modellano il concetto di Bhuvaneswari ed esprimono come le diverse dee, anche se molto diverse nella personalità, portano tutte il potere dell'universo sulle loro spalle.

Lakshmi
Lakshmi

Altri aspetti

Sita

Sita è una delle dee più popolari degli indù. Gli indù del nord dell'India la venerano specialmente. È un avatar di Lakshmi. Era sposata con Rama, un avatar di Vishnu. Le scritture indù dicono che Vishnu e Laxmi sono marito e moglie.

Radha

La parola Radha significa ricchezza e successo. Il suo nome deriva dal nome di Krishna, un altro avatar di Vishnu. Alcune scritture indù la descrivono come una forma o avatar della dea Lakshmi.

Pagine correlate

AlegsaOnline.com - 2020 - License CC3