Parallasse

Parallasse è il cambiamento di posizione percepito di un oggetto visto da due luoghi diversi.

In astronomia, la parallasse annuale è l'unico modo diretto per misurare la distanza dalle stelle al di fuori del sistema solare. In sostanza, la parallasse è il fenomeno di spostamento percepito che si verifica quando un oggetto viene visto da posizioni diverse.

Si misura con l'angolo tra due linee di osservazione. Gli oggetti vicini hanno una parallasse più grande rispetto agli oggetti più lontani se osservati da posizioni identiche, quindi la parallasse può essere usata per determinare le distanze.

Gli astronomi usano il principio della parallasse per misurare le distanze dagli oggetti celesti, tra cui la Luna, il Sole e le stelle oltre il Sistema Solare. Qui il termine "parallasse" è l'angolo tra due linee di vista verso la stella.

La misurazione astronomica della posizione viene effettuata in diversi periodi dell'anno. Poiché l'orbita terrestre è nota con esattezza, si può calcolare la distanza dalla posizione 1 alla posizione 2. L'angolo dall'orizzonte all'oggetto può essere misurato con precisione. Si ottiene così un triangolo la cui linea di base e i cui angoli sono noti con precisione. Dal triangolo, la distanza viene calcolata con la trigonometria ed espressa in parsecs.

Il metodo fallisce solo con oggetti così lontani che l'orbita terrestre è troppo piccola per ottenere un angolo di parallasse abbastanza grande da poter essere misurato con precisione. Questa distanza è di circa 100 anni luce. Gli astronomi hanno inventato vari modi per risolvere questo problema, anche se nessuno è così preciso come il metodo della parallasse per gli oggetti relativamente vicini. Questo fornisce una base per la scala di distanza cosmica delle tecniche per calcolare distanze maggiori.

Dal 1989 al 1993 il satellite Hipparcos ha effettuato misurazioni per oltre 100.000 stelle vicine. Gaia (veicolo spaziale) è destinato a effettuare misurazioni simili di circa un miliardo di stelle.

Molti animali, compresi gli esseri umani, hanno due occhi che forniscono la percezione della profondità; questo si chiama stereopsi. Poiché i due occhi si trovano in punti diversi della testa, questo dà la base per un senso automatico di distanza. La percepiamo come una normale scena tridimensionale.

Un esempio della parallasse di un oggetto su uno sfondo lontano a causa di un cambiamento di posizione. Se visto dal "Punto di vista A", l'oggetto appare davanti al quadrato blu. Quando il punto di vista viene cambiato in "Viewpoint B", l'oggetto sembra essersi spostato davanti al quadrato rosso.
Un esempio della parallasse di un oggetto su uno sfondo lontano a causa di un cambiamento di posizione. Se visto dal "Punto di vista A", l'oggetto appare davanti al quadrato blu. Quando il punto di vista viene cambiato in "Viewpoint B", l'oggetto sembra essersi spostato davanti al quadrato rosso.


AlegsaOnline.com - 2020 / 2021 - License CC3