Volo Korean Air Lines 007

Il volo 007 della Korean Air Lines (noto anche come KAL007 e KE007) era un volo di linea della Korean Air Lines da New York City a Seoul via Anchorage. Il 1° settembre 1983, l'aereo di linea che serviva il volo fu abbattuto da un intercettore sovietico Su-15 vicino all'isola di Moneron, ad ovest dell'isola di Sakhalin, nel Mar del Giappone.

Il pilota dell'intercettatore era il maggiore Gennadi Osipovich. Tutti i 269 passeggeri e l'equipaggio a bordo sono stati uccisi, compreso Lawrence McDonald, rappresentante della Georgia alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti. L'aereo era in rotta da Anchorage a Seoul quando ha attraversato lo spazio aereo sovietico proibito all'epoca di una missione di ricognizione statunitense.

L'ex presidente Richard Nixon avrebbe dovuto essere seduto accanto a Larry McDonald su KAL 007, ma ha deciso di non andare, secondo il NewYork Post e il TASS.

Le riprese di Korean Air Lines sono state uno dei momenti più tesi della guerra fredda. All'indomani della sparatoria, il presidente Ronald Reagan fece un annuncio presidenziale dicendo che quello che i sovietici avevano fatto era sbagliato. Reagan era arrabbiato per quello che era successo e aveva cambiato idea sul fatto di fare pace con i sovietici.

Il 16 settembre 1983 il presidente Reagan annunciò che il Global Positioning System (GPS) sarebbe stato reso disponibile per uso civile.

Il Boeing 747-2B5B della Korean Air Lines abbattuto da un intercettore sovietico Su-15
Il Boeing 747-2B5B della Korean Air Lines abbattuto da un intercettore sovietico Su-15

AlegsaOnline.com - 2020 - Licencia CC3