Sette Dei Fortunati

I Sette Dei della Fortuna (七福神, Shichi Fukujin), comunemente chiamati i Sette Dei Fortunati in inglese, si riferiscono ai sette dei della fortuna nella mitologia e nel folklore giapponese. Sono spesso oggetto di incisioni di netsuke.

Ognuno ha una caratteristica tradizionale:

  1. Ebisu, dio dei pescatori o dei mercanti, spesso raffigurato mentre trasporta un merluzzo o un branzino.
  2. Daikokuten (Daikoku), dio della ricchezza, del commercio e del commercio. Ebisu e Daikokuten sono spesso abbinati e rappresentati come sculture o maschere sulle pareti di piccoli negozi al dettaglio.
  3. Bishamonten, dio dei guerrieri.
  4. Benzaiten (Benten-sama), dea della conoscenza, dell'arte e della bellezza, soprattutto della musica.
  5. Fukurokuju, dio della felicità, della ricchezza e della lunga vita.
  6. Hotei, il dio grasso e felice dell'abbondanza e della buona salute.
  7. Jurōjin (Gama), dio della lunga vita.

Molte figure del mito giapponese sono state trasmesse dalla Cina (alcune sono entrate in Cina dall'India), compresi tutti i Sette Dei Fortunati, tranne Ebisu. Un altro dio, Kichijōten, dea della felicità, si trova talvolta raffigurato insieme ai sette dei tradizionali, in sostituzione di Jurōjin.

I sette dei sono spesso raffigurati sulla loro nave, il Takarabune (宝船), o "Nave del Tesoro". La tradizione dice che i sette dei arriveranno in città a Capodanno e distribuiranno doni fantastici a persone degne. I bambini ricevono spesso buste rosse con il Takarabune che contengono doni in denaro per il nuovo anno. Il Takarabune e i suoi passeggeri sono spesso esposti in arte in diversi luoghi, dai muri dei musei alle caricature coccolose.

Da sinistra a destra: Hotei, Jurōjin, Fukurokuju, Bishamonten, Benzaiten, Daikokuten, Ebisu.
Da sinistra a destra: Hotei, Jurōjin, Fukurokuju, Bishamonten, Benzaiten, Daikokuten, Ebisu.

AlegsaOnline.com - 2020 - Licencia CC3