India

L'India è un paese dell'Asia. Ha una superficie di 3.287.263 chilometri quadrati (1.269.219 mq). Si trova al centro dell'Asia meridionale. L'India ha più di 1,2 miliardi (1.210.000.000) di abitanti, che è la seconda più grande popolazione del mondo. È il settimo paese più grande del mondo per area e il più grande dell'Asia meridionale. È anche la democrazia più popolosa del mondo.

L'India ha sette vicini: Pakistan a nord-ovest, Cina e Nepal a nord, Bhutan e Bangladesh a nord-est, Myanmar a est e Sri Lanka, un'isola, a sud.

La capitale dell'India è Nuova Delhi. L'India è una penisola, delimitata a sud dall'Oceano Indiano, a ovest dal Mar Arabico e a est dal Golfo del Bengala. La costa dell'India è lunga circa 7.517 km (4.671 miglia). L'India ha la terza forza militare più grande del mondo ed è anche uno stato dotato di armi nucleari.

L'economia dell'India è diventata la più rapida crescita del mondo nei Paesi in via di sviluppo del G20 nell'ultimo trimestre del 2014, sostituendo la Repubblica Popolare Cinese. Anche l'alfabetizzazione e la ricchezza dell'India sono in aumento. Secondo New World Wealth, l'India è il settimo Paese più ricco del mondo con una ricchezza individuale totale di 5,6 trilioni di dollari. Tuttavia, ha ancora molte questioni sociali ed economiche come la povertà e la corruzione. L'India è un membro fondatore dell'Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) e ha firmato il Protocollo di Kyoto.

L'India ha il quarto maggior numero di lingue parlate per paese al mondo, solo dietro la Papua Nuova Guinea, l'Indonesia e la Nigeria. Vi vivono persone di molte religioni diverse, comprese le cinque religioni più popolari del mondo: Induismo, Buddismo, Sikhismo, Islam e Cristianesimo. Le prime tre religioni provengono dal subcontinente indiano insieme al giainismo.

Simboli nazionali dell'India

L'emblema nazionale dell'India mostra quattro leoni in piedi uno dietro l'altro. I leoni simboleggiano potere, orgoglio, fiducia e coraggio (coraggio). Solo il governo può usare questo emblema, secondo il State Emblem of India (Prohibition of Improper Use) Act, 2005

Il nome India deriva dal greco Indo. Questo deriva dalla parola sindhu, che col tempo si è trasformata in Hind o Hindi o Hindu. Il nome nativo o endonimo preferito è "Bharat" in hindi e in altre lingue indiane, in contrasto con i nomi degli stranieri. Alcuni dei simboli nazionali sono:

Inno nazionale - Jana gana mana

Canzone nazionale - vande mataram

Animale nazionale - tigre reale del Bengala

Uccello nazionale - pavone

Fiore di loto nazionale

Banyan nazionale degli alberi

Fiume nazionale - gange(ganga)

Frutta nazionale - mango

Patrimonio nazionale animale - elefante

Patrimonio nazionale uccello- Aquila indiana

·        

Panthera tigris tigris tigre
reale del Bengala
(animale nazionale)

·        

Pavo cristatusPeacock
(uccello nazionale)

·        

Nelumbonucifera
Lotus
(fiore nazionale)

·        

Ficus benghalensisBanyan
(albero nazionale)

Emblema nazionale dell'India
Emblema nazionale dell'India

Storia

In India sono nate due delle principali lingue classiche del mondo, la lingua tamil e la lingua sanscrita. Entrambe queste lingue hanno più di 3000 anni. Il Paese ha fondato una religione chiamata Induismo, che la maggior parte degli indiani continua a seguire. Più tardi, un re di nome Chandragupt Maurya costruì un impero chiamato Impero Maurya nel 300 a.C.. Esso trasformò la maggior parte dell'Asia meridionale in un unico paese. Dal 180 a.C., molti altri paesi invasero l'India. Anche più tardi (100 a.C. 1100 d.C.), arrivarono altre dinastie indiane (imperi), tra cui i Chalukyas, i Cholas, i Pallavas e i Pandyas. L'India meridionale a quel tempo era famosa per la sua scienza, l'arte e la scrittura. I Cholas di Thanjavur furono pionieri in guerra nei mari e invasero la Malesia, il Borneo, la Cambogia. L'influenza dei Cholas è ancora ben visibile nell'Asia meridionale.

Molte dinastie governarono l'India intorno all'anno 1000. Alcune di queste erano i Mughal, i Vijayanagara e gli imperi Maratha. Nel 1600, i paesi europei invasero l'India, e gli inglesi controllarono la maggior parte dell'India nel 1856.

All'inizio del 1900, milioni di persone hanno iniziato a protestare pacificamente contro il controllo britannico. Una delle persone che guidò il movimento per la libertà fu il Mahatma Gandhi, che usò solo tattiche pacifiche, compresa una via chiamata "ahimsa", che significa "non violenza". Il 15 agosto 1947 l'India divenne pacificamente libera e indipendente dall'Impero britannico. La costituzione dell'India fu fondata il 26 gennaio 1950. Ogni anno, in questo giorno, gli indiani celebrano la Festa della Repubblica. Il primo leader ufficiale (primo ministro) dell'India fu Jawaharlal Nehru.

Dopo il 1947, l'India aveva un'economia pianificata socialista. È uno dei membri fondatori del Movimento dei Non Allineati e delle Nazioni Unite. Ha combattuto molte guerre dall'indipendenza dalla Gran Bretagna, tra cui le guerre del 1947-48, 1965, 1971 e 1999 con il Pakistan e nel 1962 con la Cina. Ha anche combattuto una guerra per la conquista di Goa, un porto di costruzione portoghese e una città che non faceva parte dell'India fino al 1961. I portoghesi si rifiutarono di darla al Paese, e così l'India dovette usare la forza e i portoghesi furono sconfitti. L'India ha fatto anche test nucleari nel 1974 e nel 1998, ed è uno dei pochi Paesi ad avere bombe nucleari. Dal 1991, l'India è una delle economie a più rapida crescita nel mondo.

Il Taj Mahal di Agra è stato costruito da Shah Jahan in memoria della moglie Mumtaz Mahal. È patrimonio dell'umanità dell'UNESCO. Si pensa che sia di "eccezionale valore universale".
Il Taj Mahal di Agra è stato costruito da Shah Jahan in memoria della moglie Mumtaz Mahal. È patrimonio dell'umanità dell'UNESCO. Si pensa che sia di "eccezionale valore universale".

Governo

L'India è la più grande democrazia del mondo.

Il governo indiano è diviso in tre parti: il Legislativo (quello che fa le leggi, il Parlamento), l'Esecutivo (il governo), e la Magistratura (quella che fa rispettare le leggi, la Corte Suprema).

Il ramo legislativo è costituito dal Parlamento dell'India, che si trova a Nuova Delhi, la capitale dell'India. Il Parlamento indiano è diviso in due case: la casa superiore, Rajya Sabha (Consiglio degli Stati) e la casa inferiore, Lok Sabha (Casa del Popolo). Il Rajya Sabha ha 250 membri, mentre il Lok Sabha ne ha 552.

L'esecutivo è composto dal Presidente, dal Vice Presidente, dal Primo Ministro e dal Consiglio dei Ministri. Il Presidente dell'India è eletto per un periodo di cinque anni. Il Presidente può scegliere il Primo Ministro, che ha la maggior parte del potere. Il Consiglio dei Ministri, come il Ministro della Difesa, aiuta il Primo Ministro. Narendra Modi è diventato il Primo Ministro dell'India il 16 maggio 2014. È il 19° Primo Ministro dell'India. Il presidente ha meno potere del primo ministro.

Il ramo giudiziario è costituito dai tribunali indiani, compresa la Corte Suprema. Il presidente della Corte Suprema dell'India è il capo della Corte Suprema. I membri della Corte Suprema hanno il potere di fermare l'approvazione di una legge da parte del Parlamento se pensano che la legge sia illegale e contraddica (si oppone) alla Costituzione dell'India. In India ci sono anche 24 alte corti di giustizia.

Parlamento dell'India.
Parlamento dell'India.

Geografia e clima

L'India è il settimo paese più grande del mondo. È la parte principale del subcontinente indiano. I Paesi vicini all'India sono Pakistan, Bangladesh, Myanmar, Cina, Bhutan e Nepal. È anche vicino allo Sri Lanka, un paese insulare.

L'India è una penisola, il che significa che è circondata su tre lati dall'acqua. Una delle sette meraviglie del mondo è ad Agra: il Taj Mahal. A ovest c'è il Mar Arabico, a sud l'Oceano Indiano e a est il Golfo del Bengala. La parte settentrionale dell'India ha molte montagne. La catena montuosa più famosa dell'India è l'Himalaya, che ha alcune delle montagne più alte del mondo. Ci sono molti fiumi in India. I fiumi principali sono il Gange, il Brahmaputra, lo Yamuna, il Godavari, il Kaveri, il Narmada e il Krishna.

L'India ha climi diversi. Nel Sud, il clima è prevalentemente tropicale, il che significa che può diventare molto caldo in estate e fresco in inverno. La parte settentrionale, invece, ha un clima più fresco, chiamato sub-tropicale, e persino alpino nelle regioni montuose. L'Himalaya, nella regione a clima alpino, può diventare estremamente freddo. Le precipitazioni sono molto abbondanti lungo la costa occidentale e nelle Prealpi orientali dell'Himalaya. L'ovest, invece, è più secco. A causa di alcuni deserti dell'India, tutta l'India riceve pioggia per quattro mesi all'anno. Quel periodo è chiamato monsone. Questo perché i deserti attirano venti pieni d'acqua dall'Oceano Indiano, che danno pioggia quando arrivano in India. Quando le piogge monsoniche arrivano tardi o non così abbondanti, la siccità (quando la terra si asciuga perché c'è meno pioggia) è possibile. I monsoni arrivano normalmente tra luglio e agosto.

Fiumi dell'India
Fiumi dell'India

Difesa

Le forze armate indiane sono i militari dell'India. È composto da un Esercito, Marina e Aeronautica Militare. Ci sono altre parti come il Comando nucleare paramilitare e strategico.

Il Presidente dell'India è il Comandante in capo. Tuttavia, è gestito dal Ministero della Difesa. Nel 2010, le forze armate indiane avevano 1,32 milioni di persone attive. Questo lo rende uno dei più grandi militari del mondo.

L'esercito indiano sta diventando più moderno con l'acquisto e la produzione di nuove armi. Sta anche costruendo difese contro i missili di altri paesi. Nel 2011 l'India ha importato più armi di qualsiasi altra nazione del mondo.

Dalla sua indipendenza nel 1947, l'India ha combattuto quattro guerre con il Pakistan e una guerra con la Cina.

Stati indiani

A fini amministrativi, l'India è stata divisa in pezzi più piccoli. La maggior parte di questi pezzi sono chiamati stati, alcuni sono chiamati territori dell'unione. Gli Stati e i territori sindacali sono diversi nel modo in cui sono rappresentati. La maggior parte dei territori sindacali sono governati da amministratori inviati dal governo centrale. Tutti gli stati, e i territori di Delhi e Puducherry eleggono il loro governo locale. In totale, ci sono ventotto stati e nove territori sindacali.

These are the states and territories of India, including 29 states and 7 union territories.

Stati:

Stati

Capitali

Codice

Andhra Pradesh

Amaravati

AP

Arunachal Pradesh

Itanagar

AR

Assam

Dispur

AS

Bihar

Patna

BR

Chhattisgarh

Raipur

CT

Goa

Panaji

GA

Gujarat

Gandhi nagar

GJ

Haryana

Chandigarh

HR

Himachal Pradesh

Shimla

HP

Jharkhand

Ranchi

JH

Karnataka

Bangalore

KA

Kerala

Tiruvanananthapuram

KL

Madhya Pradesh

Bhopal

MP

Maharashtra

Mumbai

MH

Manipur

Imphal

MN

Meghalaya

Shillong

ML

Mizoram

Aizawl

MZ

Nagaland

Kohima

NL

Odisha

Bhubaneswar

OD

Punjab

Chandigarh

PB

Rajasthan

Jaipur

RJ

Sikkim

Gangtok

SK

Tamil Nadu

Chennai

TN

Telangana

Hyderabad

TS

Tripura

Agartala

TR

Uttar Pradesh

Lucknow

SU

Uttarakhand

Dehra Dun

UA/REGNO UNITO

Bengala occidentale

Calcutta

WB

Territori dell'Unione:

Territorio dell'Unione

Capitale

Isole Andamane e Nicobare

Port Blair

Chandigarh

Chandigarh

Dadra e Nagar Haveli

Silvassa

Daman e Diu

Daman

Delhi

Delhi

Ladakh

Leh

Lakshadweep

Kavaratti

Puducherry

Puducherry

Jammu e Kashmir

Srinagar (capitale estiva) e Jammu (capitale invernale)

A.     

Problemi con i confini

Ci sono controversie su alcune parti dei confini indiani. I paesi non sono d'accordo su dove si trovano i confini. Il Pakistan e la Cina non riconoscono il territorio conteso del Jammu e Kashmir. Il governo indiano lo rivendica come Stato indiano. Allo stesso modo, la Repubblica dell'India non riconosce le parti pakistane e cinesi del Kashmir.

Nel 1914, l'India britannica e il Tibet si accordarono sulla linea McMahon, come parte dell'Accordo Simla. Nel luglio 1914 la Cina si ritirò dall'accordo. Gli indiani e i tibetani vedono questa linea come il confine ufficiale. La Cina non è d'accordo, e sia la Cina continentale che Taiwan non riconoscono che l'Arunachal Pradesh appartiene all'India. Secondo loro, è una parte del Tibet meridionale, che appartiene alla Cina.

Economia

L'economia del Paese è tra quelle in più rapida crescita al mondo. È la settima più grande del mondo con un PIL nominale di 2.250 miliardi di dollari (USD), e in termini di PPP, l'economia è la terza più grande (del valore di 8.720 trilioni di dollari). Il tasso di crescita è dell'8,25% per l'anno fiscale 2010. Tuttavia, si tratta comunque di 3678 dollari (considerando il PPP) per persona all'anno. L'economia dell'India si basa principalmente su:

L'economia dell'India è diversificata. Le principali industrie includono automobili, cemento, prodotti chimici, elettronica di consumo, industria alimentare, macchinari, industria mineraria, petrolifera, farmaceutica, siderurgica, attrezzature per il trasporto e tessile.

Tuttavia, nonostante la crescita economica, l'India continua a soffrire di povertà. Il 27,5% della popolazione viveva in povertà nel 2004-2005. Inoltre, l'80,4% della popolazione vive con meno di 2 dollari al giorno, che nel 2009 è sceso al 68%.

Persone

In India vivono 1,21 miliardi di persone. L'India è il secondo Paese per numero di persone che vi abitano, con la Cina al primo posto. Gli esperti pensano che entro il 2030 l'India sarà il primo. Circa il 65% degli indiani vive in zone rurali, o in terreni messi a riposo per l'agricoltura. Le città più grandi dell'India sono Mumbai, Calcutta, Delhi, Chennai, Bangalore, Hyderabad e Ahmedabad. L'India ha 23 lingue ufficiali. In totale, in India si parlano 1.625 lingue.

Questa è una mappa della densità della popolazione dell'India.
Questa è una mappa della densità della popolazione dell'India.

Lingue

Ci sono molte lingue e culture diverse in India. L'unico luogo geografico con più lingue e culture diverse è il continente africano. Ci sono due famiglie linguistiche principali in India, quella indo-ariana e quella dravidica. Circa il 69% degli indiani parla una lingua indo-arrayana, circa il 26% parla una lingua dravidica. Altre lingue parlate in India provengono dal gruppo austro-asiatico. Circa il 5% della popolazione parla una lingua tibeto-birmana.

L'hindi è la lingua ufficiale in India con il maggior numero di parlanti. È la lingua ufficiale dell'Unione. I madrelingua hindi rappresentano circa il 41% della popolazione indiana (censimento indiano del 2001). Anche l'inglese è usato, soprattutto per gli affari e nell'amministrazione. Ha lo status di "lingua ufficiale sussidiaria". La costituzione riconosce anche altre 21 lingue. O molte persone parlano queste lingue, oppure sono state riconosciute come molto importanti per la cultura indiana. Il numero di dialetti in India è di 1.652.

Nel sud dell'India, molte persone parlano il kannada, il telugu, il tamil e il malayalam. Nel nord, molte persone parlano Chhattisgarhi, Punjabi, bengalese, gujarati e Marathi, Odia e Bihari.

L'India ha 23 lingue ufficiali. La sua costituzione elenca il nome del paese in ciascuna delle lingue. L'hindi e l'inglese (elencate in grassetto) sono le "lingue ufficiali dell'unione" (Unione che significa il governo federale a Delhi); il tamil, il sanscrito, il telugu, il kannada, il malayalam e l'odia sono ufficialmente le "lingue classiche dell'India".

Lingua

Forma lunga

Pronuncia inglese

Forma breve

Assamese

ভাৰত গণৰাজ্য

Bhārôt Gôṇôrājÿô

ভাৰত Bharot

Bengalese

ভারত গণরাজ্য

Bʰārôt Gôṇôrājÿô

ভারত Bharot

Bodo

Dogri

Italiano

Repubblica dell'India

India

Gujarati

ભારતીય પ્રજાસત્તાક

Bhartiya Prajasattak

ભારત.

Hindi

भारत गणराज्य

Bhārat Gaṇarājya

भारत Bhārat

Kannada

ಭಾರತ ಗಣರಾಜ್ಯ

Bhārata Gaṇarājya

ಭಾರತ Bhārata

Kashmiri

ہِندوستان

Hindustān

Konkani

भारोत गोणराज

भारोत

Maithili

Malayalam

ഭാരതം

Bhāratam

ഭാരതം Bhāratam

Manipuri (anche Meitei o Meithei)

ভারত গণরাজ্য

ভারত

Marathi

भारतीय प्रजासत्ताक

Bhartiya Prajasattak

भारत Bhārat

Nepali

भारत गणराज्य

Bʰārat Gaṇarādzya

भारत Bʰārat

Odia

ଭାରତ

Bharata

Bharata

Punjabi

ਭਾਰਤ ਗਣਤੰਤਰ

Bhārat Gantantar

ਭਾਰਤ Bhārat

Sanscrito

भारत गणराज्यम्

Bhārata Gaṇarājyam

भारत Bhārata

Santhali

Sindhi

ڀارت، هندستانڀارت،

ڀارت،

Tamil

இந்தியக் குடியரசு

Indiyak-Kudiyarasu

இந்தியா India/Bharadham

Telugu

భారత గణరాజ్యము

Bʰārata Gaṇa Gaṇa Rājyamu

భారత్ Bhārath

Urdu

جمہوریہ بھارت

Jumhūrīyat-e Bhārat

بھارت Bhārat

Cultura

La religione in India

Religione

Percentuale

Induismo

79.80%

Islam

14.23%

Cristianesimo

2.30%

Sikhismo

1.72%

Buddismo

0.70%

Giainismo

0.37%

Altri

0.9%

I dipinti rupestri dell'età della pietra si trovano in tutta l'India. Mostrano danze e rituali e suggeriscono l'esistenza di una religione preistorica. Durante il periodo epico e puranico, le prime versioni dei poemi epici Ramayana e Mahabharata sono state scritte tra il 500 e il 100 a.C. circa, anche se queste sono state trasmesse oralmente per secoli prima di questo periodo. Altri siti dell'età della pietra dell'Asia meridionale, oltre al Pakistan, si trovano nell'India moderna, come i rifugi rupestri di Bhimbetka nel Madhya Pradesh centrale e i petroglifi di Kupgal del Karnataka orientale, contengono arte rupestre che mostrano riti religiosi e prove di una possibile musica ritualizzata.

Diverse religioni moderne sono legate all'India, in particolare l'induismo moderno, il giainismo, il buddismo e il sikhismo. Tutte queste religioni hanno scuole (modi di pensare) e tradizioni diverse che sono correlate. Come gruppo sono chiamate le religioni orientali. Le religioni indiane sono simili l'una all'altra per molti aspetti: Le credenze di base, il modo in cui si pratica il culto e diverse pratiche religiose sono molto simili. Queste somiglianze derivano principalmente dal fatto che queste religioni hanno una storia e origini comuni. Si sono anche influenzate a vicenda.

La religione dell'Induismo è la fede principale seguita dal 79,80% delle persone nella Repubblica dell'India; Islam - 14,23%; Cristianesimo - 2,30%; Sikhismo - 1,72%; Buddismo - 0,70% e Giainismo - 0,37%.

È la prima volta dall'indipendenza che la percentuale di popolazione indù è scesa al di sotto dell'80%.

L'Harmandir Sahib o il Tempio d'oro dei sikh.
L'Harmandir Sahib o il Tempio d'oro dei sikh.

Cultura pop

L'India ha inviato una navicella spaziale su Marte per la prima volta nel 2014. Questo l'ha resa il terzo paese e unico paese asiatico a farlo, con successo. L'India è l'unico paese ad aver avuto successo nel suo primo tentativo di orbitare intorno a Marte. È stata chiamata la Mars Orbiter Mission.

ISRO ha lanciato 104 satelliti in un'unica missione per creare un record mondiale. L'India è diventata la prima nazione al mondo ad aver lanciato oltre cento satelliti in una sola missione. È stato più del record russo del 2014 di 37 satelliti in un solo lancio.


[{
[47086-37622]}]


L'India ha la più grande industria cinematografica del mondo. [] Con sede a Mumbai (ex Bombay), l'industria è anche conosciuta come Bollywood. Produce 1.000 film all'anno, circa il doppio di quelli di Hollywood. Produce film quasi tutti i giorni.

Sport

Gli indiani hanno eccelso nell'Hockey. Hanno anche vinto otto ori, un argento e due bronzi alle Olimpiadi. Tuttavia, il cricket è lo sport più popolare in India. La squadra indiana di cricket ha vinto la Coppa del Mondo di cricket del 1983 e del 2011 e l'ICC World Twenty20 del 2007. Hanno condiviso con lo Sri Lanka il Trofeo dei Campioni dell'ICC 2002 e hanno vinto il Trofeo dei Campioni dell'ICC 2013.Il cricket in India è controllato dal Board of Control for Cricket in India o BCCI. I tornei nazionali sono il Ranji Trophy, il Duleep Trophy, il Deodhar Trophy, l'Irani Trophy e il Challenger Series. Ci sono anche la lega indiana di cricket e la premier league indiana Twenty20.

Il tennis è diventato popolare grazie alle vittorie della squadra di Coppa Davis dell'India. Il calcio di associazione è uno sport popolare anche nel nord-est dell'India, nel Bengala occidentale, a Goa e nel Kerala. La nazionale indiana di calcio ha vinto più volte la Coppa della Federazione calcistica dell'Asia meridionale. Anche gli scacchi, che provengono dall'India, stanno diventando popolari. Questo con l'aumento del numero di Grandmasters indiani. Gli sport tradizionali includono il kabaddi, il kho kho kho e il gilli-danda, che si giocano in tutta l'India.

Una partita di cricket del 2008 della Premier League indiana Twenty20 tra i Chennai Super Kings e i Kolkata Knight Riders
Una partita di cricket del 2008 della Premier League indiana Twenty20 tra i Chennai Super Kings e i Kolkata Knight Riders


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3