Walter Cronkite

Walter Leland Cronkite, Jr. (4 novembre 1916 - 17 luglio 2009) è stato un giornalista americano. È stato il conduttore di CBS News dal 1962 al 1981. Tra gli eventi importanti che ha riportato c'è stato l'assassinio del presidente John F. Kennedy. Ha riportato l'allunaggio dell'Apollo11. Ha anche riferito dello scandalo Watergate, che ha portato il presidente Richard Nixon a dimettersi dal suo incarico. Era spesso chiamato "l'uomo più fidato d'America". La gente di tutto il paese si sintonizzava ogni sera per ascoltare la sua copertura della guerra del Vietnam mentre progrediva.

Walter Cronkite nel 1985
Walter Cronkite nel 1985

Carriera

Cronkite è nato il 4 novembre 1916 a St. Joseph, Missouri. Ha studiato all'Università del Texas a Austin. Nel 1935 lasciò la scuola per lavorare per lo Houston Post. In seguito lavorò per diverse stazioni radio del Midwest. Durante la seconda guerra mondiale fu corrispondente di guerra per la United Press International. Dopo la guerra fu corrispondente principale ai processi di Norimberga. Andò a lavorare per la CBS News nel 1950. Nel 1962 aiutò ad avviare il CBS Evening News. Ha servito come conduttore di notizie fino al suo ritiro nel 1981.

Dopo essersi ritirato, nel 1981 è stato co-produttore di un programma della PBS, Why in the World. Nel 1982 ha condotto Universe della CBS. È stato il conduttore di A&E's Dinosaur. Ha fatto Cronkite Remembers per la CBS e Discovery Channel. Ha anche scritto diversi libri. Ha vinto diversi premi durante la sua carriera. Nel 1981 ricevette la Medaglia presidenziale della libertà. Ha vinto due Peabody Awards e diversi Emmy Awards.

Medaglia presidenziale della libertà
Medaglia presidenziale della libertà

Storie chiave

Cronkite era noto per la sua copertura del programma spaziale degli Stati Uniti, dal Progetto Mercury agli sbarchi sulla Luna allo Space Shuttle. È stato l'unico non-NASA a ricevere il premio Moon-rock. Cronkite era ben noto per il suo tormentone di partenza "And that's the way it is", seguito dalla data in cui l'apparizione è andata in onda.

Cronkite ha fatto la storia quando è diventato il primo giornalista televisivo ad annunciare l'assassinio di John F. Kennedy. Nella sala stampa della CBS, le telecamere non erano pronte quando la notizia arrivò tramite il servizio telefonico. La voce di Cronkite fu trasmessa sopra un cartello bianco della CBS sullo schermo: "Bollettino. . . A Dallas, Texas, tre colpi di pistola sono stati sparati contro il corteo del presidente Kennedy. I primi rapporti dicono che il presidente è stato ferito gravemente, che si è accasciato in grembo alla signora Kennedy, lei ha gridato, 'Oh, no!' e il corteo è andato avanti... Le ferite forse potevano essere fatali...". Per tre giorni e mezzo non ci fu nessun intrattenimento, nessuna pubblicità, solo le notizie.

Il reportage di Cronkite sul Vietnam fu controverso. Riferiva gli eventi al telegiornale della sera. Ma durante l'offensiva del Tet si recò sul posto per vedere i risultati. Quello che vide lo sconvolse. Il 27 febbraio 1968, Cronkite riferì che la guerra in Vietnam non poteva essere vinta. Questo fu un grande cambiamento dal suo solito resoconto obiettivo. Stava esprimendo la propria opinione sulla televisione nazionale. Secondo David Halberstam e altri, la trasmissione di Cronkite trasformò molti americani contro la guerra. Inoltre ha giocato un ruolo nella decisione di Lyndon B. Johnson di non candidarsi per un altro mandato come presidente. L'altro punto di vista è che gli americani si erano già rivoltati contro la guerra prima della trasmissione di Cronkite. Dopo aver visto la trasmissione di Cronkite, Lyndon Johnson disse al suo addetto stampa, George Christian: "Se ho perso Walter Cronkite, ho perso l'America centrale". Qualsiasi effetto abbia avuto la trasmissione di Cronkite, nel 1967 l'indice di approvazione di Johnson sulla guerra era sceso al 32%.

Vita privata

Cronkite è stato sposato con Mary Elizabeth "Betsy" Maxwell dal 1940 fino alla sua morte nel 2005. Avevano tre figli. Cronkite morì la mattina del 17 luglio 2009 a New York City, New York, per una malattia cerebrovascolare, all'età di 92 anni.


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3