Aposematismo

Gli animali che sono pericolosi, o che fanno schifo da mangiare, di solito pubblicizzano il fatto. Questo si chiama colorazione di avvertimento o aposemitismo. È l'esatto opposto del mimetismo. I colori di avvertimento tendono ad essere una combinazione di rosso, giallo, nero e bianco.

Alfred Russel Wallace, naturalista britannico, lo spiegò così, nel 1889:

"Gli animali in questione sono possessori di alcune armi mortali, come pungiglioni o zanne velenose, oppure sono imbattibili, e sono quindi così sgradevoli per i nemici abituali della loro specie che non vengono mai attaccati quando si conoscono i loro poteri o proprietà peculiari.
È quindi importante che non vengano scambiati per specie indifese o mangiabili... poiché potrebbero subire ferite, o addirittura la morte, prima che i loro nemici scoprano il pericolo o l'inutilità del loro attacco. Hanno bisogno di un segnale o di una bandiera di pericolo che serva da avvertimento ai potenziali nemici...".

Wallace predisse che gli uccelli e gli altri predatori avrebbero rifiutato le prede appariscenti mentre accettavano le prede criptiche. I rapporti successivi lo confermarono.

Gli animali con colori di avvertimento si muovono lentamente e si espongono alla vista. La lentezza e l'esposizione aiutano a pubblicizzare la loro difesa. Insieme al colore e al comportamento va spesso il cattivo odore delle loro armi chimiche. I bruchi nocivi hanno spesso delle cuticole spesse e coriacee che li aiutano a resistere ai giovani uccelli che fanno un "test". Quando l'uccello prende un becco, un liquido disgustoso fuoriesce da speciali ghiandole sulla schiena. Il bruco (o un'altra larva) spesso sopravvive a un tale attacco e il giovane uccello ha imparato una lezione che non dimenticherà mai. Tutto sommato, al predatore viene dato un buon avvertimento. I test dimostrano che i colori di avvertimento scoraggiano i predatori.

Alcuni singoli animali moriranno o riceveranno danni mentre gli uccelli o i mammiferi all'attacco impareranno la connessione tra colore e gusto. Tuttavia, se l'avvertimento costa meno che nascondersi, l'animale ne trae vantaggio. E le caratteristiche pubblicitarie, come i colori, possono servire anche per altre funzioni. I modelli possono aiutare l'identificazione dell'accoppiamento all'interno della specie, ad esempio.

La colorazione d'avvertimento è alla base di due diversi tipi di mimetismo: mimetismo mulleriano e mimetismo batesiano.

Una raganella non identificata del Congo con una colorazione di avvertimento. Sicuramente è velenosa
Una raganella non identificata del Congo con una colorazione di avvertimento. Sicuramente è velenosa

Il velenosissimo polpo dagli anelli blu (Hapalochlaena lunulata)
Il velenosissimo polpo dagli anelli blu (Hapalochlaena lunulata)

La puzzola è un esempio di aposemitismo dei mammiferi.
La puzzola è un esempio di aposemitismo dei mammiferi.

Gregarie ninfe di un'aposematica delle alghe da latte, Lygaeus kalmii: tenendosi insieme rendono più visibile il loro avvertimento
Gregarie ninfe di un'aposematica delle alghe da latte, Lygaeus kalmii: tenendosi insieme rendono più visibile il loro avvertimento

Oophaga pumilio , una rana dardo velenoso, contiene numerosi alcaloidi che scoraggiano i predatori
Oophaga pumilio , una rana dardo velenoso, contiene numerosi alcaloidi che scoraggiano i predatori

Questo, anche se molto vistoso, non è un avvertimento per la colorazione. Si tratta di una lucertola maschio, Agama sinaita, Giordania, vicino al Mar Rosso. Mentre è in calore, il maschio diventa di un blu intenso per attirare le femmine. Il suo colore è quindi una caratteristica sessuale secondaria.
Questo, anche se molto vistoso, non è un avvertimento per la colorazione. Si tratta di una lucertola maschio, Agama sinaita, Giordania, vicino al Mar Rosso. Mentre è in calore, il maschio diventa di un blu intenso per attirare le femmine. Il suo colore è quindi una caratteristica sessuale secondaria.

Tignola cremisi maculata: la funzione del suo colore non è nota, forse aposematica. Le ali posteriori sono diverse e più normali.
Tignola cremisi maculata: la funzione del suo colore non è nota, forse aposematica. Le ali posteriori sono diverse e più normali.

Resistenza alle tossine

Ci sono diversi predatori che si nutrono di animali tossici. I casi che sono stati studiati suggeriscono che c'è una sorta di costo da sostenere per la loro immunità relativa alla tossina.

Il tritone dalla pelle ruvida è tossico e mostra il suo colore di avvertimento mostrando il suo addome. In gran parte della gamma del tritone, il serpente giarrettiera comune (Thamnophis sirtalis) è resistente alla tossina. In diverse popolazioni, questi serpenti predano con successo i tritoni. I serpenti giarrettiera resistenti alle tossine sono gli unici animali conosciuti che possono mangiare questi tritoni e sopravvivere.

La resistenza del serpente alla tossina ha portato ad una pressione selettiva che favorisce i tritoni che producono livelli di tossina più potenti. L'aumento della tossicità dei tritoni, quindi, applica una pressione selettiva che favorisce i serpenti con mutazioni che conferiscono una resistenza ancora maggiore. Il prezzo pagato dai serpenti è che la loro digestione e il loro metabolismo corporeo è più lento rispetto alle specie affini. I serpenti veramente resistenti hanno velocità di strisciare più lente rispetto ai serpenti con poca o nessuna resistenza.

Questo è un esempio di coevoluzione. Questo ciclo di coevoluzione di un predatore e di una preda è talvolta chiamato una corsa agli armamenti evolutiva. In questo caso, i tritoni producono livelli di tossina di gran lunga superiori a quelli necessari per uccidere qualsiasi altro possibile predatore.

Colori brillanti

Gli animali possono, e lo fanno, mostrare colori brillanti che hanno altre funzioni. Le funzioni più comuni sono:

Tuttavia, i colori brillanti utilizzati per queste funzioni tendono ad essere diversi dagli schemi e dai colori standard di avviso.

Funzione sconosciuta

La colorazione di molte specie ha una funzione sconosciuta. Ciò è dovuto in genere al fatto che le loro abitudini di vita non sono state studiate a sufficienza e che non sono state effettuate prove sul campo. Un esempio è la straordinaria falena Utetheisa pulchella, la falena cremisi maculata. La sua associazione con la pianta Dittrichia viscosa, che ha un odore un po' sgradevole, suggerisce che la falena ha una colorazione di avvertimento, ma la questione non è risolta. La specie affine Utetheisa ornatrix, che si nutre di altre piante, è nota per trasudare (spremere) alcaloidi per allontanare i predatori.


AlegsaOnline.com - 2020 / 2021 - License CC3