Vai a

Go (chiamato I-Go in giapponese, Wei-chi in cinese e Baduk in coreano) è un gioco da tavolo per due giocatori. Si gioca su una tavola con pezzi di gioco in bianco e nero chiamati pietre. I giocatori si alternano mettendo una pietra del loro colore sulle intersezioni di una griglia quadrata 19x19. Il giocatore con le pietre nere va per primo. Un normale Go board ha 19 righe e colonne di linee. Alcuni giocatori usano anche tavole 9x9 o 13x13, come i nuovi giocatori, perché le tavole più piccole di solito significano giochi più corti e meno complessi.

Una partita di Go finisce quando entrambi i giocatori passano il turno senza giocare. Questo accade di solito quando l'aggiunta di un'altra pietra al tabellone non cambia il punteggio. Il vincitore è il giocatore le cui pietre circondano più intersezioni vuote (punti), insieme a pietre catturate e komi (punti extra aggiunti al punteggio del giocatore usando le pietre bianche perché il giocatore con le pietre nere ha il vantaggio di andare per primo). Una partita può anche finire quando un giocatore si arrende e si dimette se pensa di non poter vincere.

In una partita contro un giocatore esperto, a un giocatore meno esperto può essere dato un "handicap" di pietre extra sul tabellone all'inizio della partita, oltre a giocare in nero. Queste regole contribuiscono a rendere il gioco e il punteggio finale equo per entrambi i giocatori.

Un gioco di Go.
Un gioco di Go.

Regole

Oltre all'ordine di gioco (il Nero gioca prima, poi il Bianco gioca, poi il Nero gioca, e così via) e alle regole di handicap o di punteggio, ci sono solo due regole in Go:

  • La regola 1 (la regola della libertà) è che ogni pietra che rimane sulla tavola deve avere almeno un "punto aperto" (un incrocio, chiamato "libertà") accanto ad essa (in alto, in basso, a sinistra o a destra), o deve far parte di un gruppo collegato che ha almeno un punto aperto ("libertà") accanto ad essa. Le pietre o i gruppi di pietre che perdono la loro ultima libertà vengono rimossi dal tabellone.
  • La regola 2 (la "regola del ko") è che le pietre sulla tavola non devono mai ripetere il modo in cui le pietre erano il turno prima. I movimenti che lo farebbero sono proibiti, quindi solo i movimenti altrove sul tabellone sono permessi in quel turno. Questo per evitare che il gioco vada avanti all'infinito.

Alcuni insegnanti di Go dicono ai loro studenti che le pietre rappresentano eserciti. Se gli eserciti non hanno spazi vuoti in cui muoversi, non possono sopravvivere contro gli eserciti nemici. Pertanto, le pietre di un colore che sono completamente circondate da un altro colore vengono catturate e rimosse dalla lavagna. Questa è l'unica volta che una pietra può essere spostata dopo che un giocatore l'ha messa sul tabellone. Le pietre condividono le libertà, in modo che un gruppo di pietre siano tutte "vive" finché una pietra si trova vicino ad un incrocio vuoto. Le pietre senza libertà (nessun accesso allo spazio vuoto) vengono catturate e rimosse dal tabellone. Alla fine del gioco, i prigionieri vengono di solito detratti dal punteggio del giocatore che li ha persi.

La seconda regola si chiama Ko (eternità). Si possono mettere pietre su qualsiasi incrocio chiaro che si desidera, a patto che non venga tolto subito dopo, o che il tabellone sia uguale dappertutto come prima. Questo per impedire al gioco di andare avanti e indietro catturando le stesse pietre per sempre. I giocatori devono fare una mossa da qualche altra parte sul tabellone durante un "ko fight" prima di poter riprendere una pietra nella stessa posizione.

Il suo nome originale cinese è "围棋". (= wei qi o wei chi). È popolare anche in Giappone, e il suo nome comune "Go" deriva dal giapponese. In Corea il gioco si chiama "baduk". In questi tre paesi il gioco è una parte importante della cultura, come lo sono gli scacchi in molti paesi occidentali.

Gli scacchi sono sia giochi da tavolo che di strategia, anche se entrambi possono essere usati come giochi d'azzardo. Entrambi non hanno né fortuna né informazioni segrete, a differenza di altri giochi classici come il backgammon (i dadi vengono lanciati) o il poker e altri giochi di carte che hanno anch'essi informazioni segrete.

Ci sono molti posti per giocare a Go on the Internet, così come club locali e organizzazioni nazionali in molti paesi del mondo. Un sondaggio del 2016 della International Go Federation ha rilevato che ci sono oltre 20 milioni di giocatori in tutto il mondo. La maggior parte dei giocatori vive in Asia orientale.

 

Le quattro libertà (punti vuoti che sono su, giù, sinistra o destra) di una singola pietra nera (A), come il Bianco riduce queste libertà di uno (B, C e D). Quando il Nero ha una sola libertà rimasta (D), quella pietra è "in atari". Il Bianco può catturare quella pietra (togliere dalla tavola) con un gioco sulla sua ultima libertà (in D-1).
Le quattro libertà (punti vuoti che sono su, giù, sinistra o destra) di una singola pietra nera (A), come il Bianco riduce queste libertà di uno (B, C e D). Quando il Nero ha una sola libertà rimasta (D), quella pietra è "in atari". Il Bianco può catturare quella pietra (togliere dalla tavola) con un gioco sulla sua ultima libertà (in D-1).

Esempi di quando si applica la regola Ko. Se il giocatore bianco mette una pietra nei cerchi verdi e cattura una pietra nera, l'altro giocatore non può catturare subito la pietra bianca - deve prima giocare da qualche altra parte sul tabellone.
Esempi di quando si applica la regola Ko. Se il giocatore bianco mette una pietra nei cerchi verdi e cattura una pietra nera, l'altro giocatore non può catturare subito la pietra bianca - deve prima giocare da qualche altra parte sul tabellone.

Storia

Il Go è stato inventato in Cina, ma il tempo specifico non è noto. Alcuni dicono che sia stato inventato più di 2.500 anni fa ed è il più antico gioco da tavolo giocato ancora oggi. Lo storico dei giochi da tavolo, H.J.R. Murray, ha detto:

La sua età è spesso esagerata; i riferimenti contemporanei ad essa diventano frequenti solo sotto la dinastia Song in Cina (960-1279 d.C.). È significativo che Chao Wu King, vissuto tra il 970 e il 1127, registri come abbia ingrandito la scacchiera cinese esistente dividendola longitudinalmente e trasversalmente per produrre una scacchiera di 19x19 punti sulla quale [la partita] si gioca ora. La partita si diffuse in Corea e in Giappone, dove i primi maestri i cui nomi sono stati registrati fiorirono tra il 1465-1500.

-H.J.R. Murray,

Giocatori famosi

  • Vai a vedere
  • Eio Sakata - È il detentore della NHK Cup onoraria
  • Kaku Takagawa
  • Hideyuki Fujisawa
  • Masao Sugiuchi - Era il giocatore professionista più anziano nel periodo 2004-2017
  • Masao Kato - ex presidente della Federazione Internazionale Go
  • Utaro Hashimoto - fondatore del Kansai Ki-in, la più grande organizzazione Go di Osaka

Giocatori di sesso femminile

  • Reiko Kobayashi
  • Sachiko Honda
  • Tomoko Ogawa
AlegsaOnline.com - 2020 - Licencia CC3