Oscar Wilde

Oscar Fingal O'Flahertie Wills Wilde (16 ottobre 1854 - 30 novembre 1900) è stato uno scrittore, poeta e drammaturgo irlandese. Scrisse The Picture of Dorian Gray, e le opere Salomé, The Importance of Being Earnest, An Ideal Husband, e Lady Windermere's Fan.

Wilde era bisessuale. Era sposato e aveva due figli. La sua rovina avvenne in seguito alla sua relazione con un uomo più giovane, Lord Alfred Douglas.

1882 Ritratto di Napoleon Sarony
1882 Ritratto di Napoleon Sarony

Biografia

Wilde fu un eccellente studioso di materie classiche, al Trinity College di Dublino, poi al Magdalen College dell'Università di Oxford. A Londra, lavorò come giornalista per quattro anni. Conosciuto per il suo spirito pungente, gli abitisgargianti e la conversazione scintillante, Wilde era una delle personalità più note dell'epoca. Fu il suo unico romanzo, The Picture of Dorian Gray, a portargli il pieno riconoscimento. Poi si dedicò a scrivere drammi. Scrisse Salomé in francese a Parigi nel 1891, ma gli fu rifiutata la licenza. Nonostante questo, Wilde produsse quattro commedie mondane nei primi anni 1890, che lo resero uno dei drammaturghi di maggior successo della Londra tardo vittoriana.

All'apice della sua fama e del suo successo - il suo capolavoro, The Importance of Being Earnest, era ancora in scena a Londra - Wilde fece causa al padre della sua amante per diffamazione. Dopo una serie di processi, Wilde fu condannato per grave indecenza con altri uomini e condannato a due anni di lavori forzati nella Reading Gaol (prigione). In prigione scrisse De Profundis, una lunga lettera che discute il suo viaggio spirituale attraverso le sue prove, formando un oscuro contrappunto alla sua precedente filosofia del piacere.

Al suo rilascio partì immediatamente per la Francia, per non tornare mai più nelle isole britanniche. Lì scrisse la sua ultima opera, The Ballad of Reading Gaol, un lungo poema che commemora la vita in prigione. Vivendo in un hotel di Parigi, era indigente, con pochi soldi e pochi amici. Le sue ultime parole memorabili furono: "Io e la mia carta da parati stiamo combattendo un duello all'ultimo sangue. "Uno di noi deve andarsene". p546 Morì di meningite cerebrale a Parigi all'età di quarantasei anni.

La moglie di Wilde, Constance Lloyd, cambiò il nome della famiglia in Holland dopo la sua condanna e portò i bambini in Svizzera.

Targa commemorativa a Dublino
Targa commemorativa a Dublino

L'affare

L'amante di Wilde era il figlio della marchesa di Queensbury, noto per il suo ateismo schietto, i suoi modi brutali e la creazione delle moderne regole della boxe. Queensberry, che discuteva molto con suo figlio, affrontò Wilde e Lord Alfred sulla natura della loro relazione. Nel giugno 1894, visitò Wilde al 16 di Tite Street senza un appuntamento, e disse: "Se becco di nuovo te e mio figlio in un qualsiasi ristorante pubblico ti bastono".

Due uomini in giacca e cravatta siedono su una panchina con le gambe incrociate. Wilde e il suo amante, Lord Alfred Douglas, nel 1893.
Due uomini in giacca e cravatta siedono su una panchina con le gambe incrociate. Wilde e il suo amante, Lord Alfred Douglas, nel 1893.

Prove

Wilde contro Queensberry

Il 18 febbraio 1895, la marchesa lasciò il suo biglietto da visita al club di Wilde, l'Albemarle, con la scritta: "Per Oscar Wilde, in posa da sodomita".

Wilde, spinto da Douglas e contro il parere dei suoi amici, avviò un'azione legale privata contro Queensberry e lo fece arrestare con l'accusa di diffamazione criminale. Poiché la sodomia era allora un crimine, la nota di Queensberry equivaleva a un'accusa pubblica che Wilde aveva commesso un reato, formando la base legale per le accuse di diffamazione. Queensberry poteva evitare la condanna per diffamazione solo dimostrando che la sua accusa era, di fatto, vera.

Nel suo discorso di apertura per la difesa, l'avvocato di Queensbury, Edward Carson, annunciò di aver trovato diversi prostituti maschi che avrebbero testimoniato di aver fatto sesso con Wilde. Su consiglio dei suoi avvocati, Wilde decise allora di ritirare l'accusa di diffamazione contro Queensberry. Queensberry fu dichiarato non colpevole, in quanto la corte dichiarò che la sua accusa che Wilde "si atteggiava a sodomita" era giustificata, "vera nella sostanza e nei fatti".

Secondo il Libel Act del 1843, l'assoluzione di Queensberry rese Wilde legalmente responsabile delle considerevoli spese che Queensberry aveva sostenuto per la sua difesa, il che lasciò Wilde in bancarotta.

La corona contro Wilde

Dopo che Wilde lasciò il tribunale, fu richiesto un mandato d'arresto per le accuse di sodomia e indecenza grave. Gli amici trovarono Wilde in un hotel; gli consigliarono di andare a Dover e cercare di prendere una nave per la Francia. Sua madre gli consigliò di rimanere e combattere come un uomo. Wilde fu debitamente arrestato e poi imprigionato in custodia cautelare a Holloway, dove ricevette visite quotidiane da Douglas.

Gli eventi si mossero rapidamente. Il suo processo si aprì il 26 aprile 1895 e Wilde si dichiarò non colpevole. Aveva già pregato Douglas di lasciare Londra per Parigi, e Douglas fuggì all'Hotel du Monde. Sotto esame incrociato Wilde fu dapprima esitante, poi parlò in modo eloquente:

Charles Gill (accusatore): Cos'è "l'amore che non osa pronunciare il suo nome? "

Wilde: "L'amore che non osa pronunciare il suo nome" in questo secolo è un grande affetto di un anziano per un giovane come quello che c'era tra Davide e Gionata, come quello che Platone ha reso la base stessa della sua filosofia, e come quello che si trova nei sonetti di Michelangelo e Shakespeare. È quel profondo affetto spirituale che è tanto puro quanto perfetto. Esso detta e pervade le grandi opere d'arte, come quelle di Shakespeare e Michelangelo, e quelle due mie lettere, così come sono. È in questo secolo incompreso, così tanto incompreso che può essere descritto come 'l'amore che non osa pronunciare il suo nome', e per questo motivo mi trovo dove sono ora. È bello, è fine, è la forma più nobile di affetto. Non c'è nulla di innaturale in esso. È intellettuale, ed esiste ripetutamente tra un uomo più vecchio e uno più giovane, quando l'uomo più vecchio ha l'intelletto, e l'uomo più giovane ha tutta la gioia, la speranza e il fascino della vita davanti a sé. Che sia così, il mondo non lo capisce. Il mondo se ne fa beffe, e a volte mette alla gogna uno per questo".

Questa risposta era, tuttavia, controproducente in senso giuridico, poiché serviva solo a rafforzare le accuse di comportamento omosessuale. Il processo terminò con la giuria incapace di raggiungere un verdetto. L'avvocato di Wilde, Sir Edward Clark, fu finalmente in grado di concordare una cauzione. Il reverendo Stewart Headlam pagò la maggior parte della cauzione di 5.000 sterline, non essendo d'accordo con il trattamento di Wilde da parte della stampa e dei tribunali. Wilde fu liberato da Holloway e, rifuggendo l'attenzione, andò a nascondersi a casa di Ernest e Ada Leverson, due suoi amici intimi. Edward Carson si avvicinò a Frank Lockwood (QC) e chiese: "Non possiamo lasciar perdere il tizio adesso? "p435 Lockwood rispose che avrebbe voluto farlo, ma temeva che il caso fosse diventato troppo politicizzato per essere abbandonato.

Al processo finale, Wilde e Alfred Taylor furono condannati per indecenza grave e condannati a due anni di lavori forzati. Il giudice descrisse la sentenza come "totalmente inadeguata per un caso come questo", sebbene fosse la massima pena consentita per l'accusa secondo il Criminal Law Amendment Act del 1885. La risposta di Wilde "E io? Non posso dire nulla, mio Signore?" fu soffocata dalle grida di "Vergogna" in aula.

Citazioni

  • Ho i gusti più semplici. Mi accontento sempre del meglio.
  • Una cosa non è necessariamente vera perché un uomo muore per essa.
  • La coerenza è l'ultimo rifugio di chi non ha immaginazione.
  • Un poeta può sopravvivere a tutto tranne che a un errore di stampa.
  • Oggi abbiamo davvero tutto in comune con l'America, tranne, ovviamente, la lingua.
  • Su George Bernard Shaw: Un uomo eccellente: non ha nemici e non piace a nessuno dei suoi amici.
  • Il lavoro duro è semplicemente il rifugio di chi non ha niente da fare.
  • La vita imita l'arte molto più di quanto l'arte imiti la vita.
  • Chiunque può fare la storia. Solo un grande uomo può scriverla.
  • La verità, in materia di religione, è semplicemente l'opinione che è sopravvissuta.
  • L'unico dovere che abbiamo nei confronti della storia è quello di riscriverla.
  • Posso resistere a tutto tranne che alla tentazione. (Lord Darlington in Lady Windermere's Fan)
  • La vita è una cosa troppo importante per parlarne seriamente. (Lord Darlington in Lady Windermere's Fan)
  • Siamo tutti nei bassifondi, ma alcuni di noi guardano le stelle. (Lord Darlington in Lady Windermere's Fan)
  • Che peccato che nella vita riceviamo le nostre lezioni solo quando non ci sono utili. (Lady Windermere)
  • In questo mondo ci sono solo due tragedie. Una è non ottenere ciò che si vuole e l'altra è ottenerlo. (Signor Dumby)
  • L'esperienza è il nome che ognuno dà ai propri errori. (Signor Dumby)
  • Il gentiluomo di campagna inglese al galoppo dietro una volpe - l'indicibile in pieno inseguimento dell'immangiabile. (Lord Illingworth)
  • I bambini amano i loro genitori. Alla fine arrivano a giudicarli. Raramente li perdonano. (Signora Arbuthnot)
  • Amare se stessi è l'inizio di una storia d'amore che dura tutta la vita.
  • Sii te stesso, tutti gli altri sono presi.

AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3