Quantità vocalica

La lunghezza delle vocali è una caratteristica delle lingue quando la lunghezza di una vocale in una parola può creare una parola completamente diversa. Anche se questa è una caratteristica in molte lingue come il giapponese, l'arabo, l'hawaiano, il latino classico e il thailandese, ci sono anche molte lingue che non hanno questa caratteristica.

Un esempio di questo sarebbero le parole giapponesi chizu, che ha una vocale corta (una vocale parlata per un breve periodo), e chīzu, che ha una vocale lunga (una vocale parlata per un lungo periodo). L'unica differenza che si può sentire è la durata della vocale "I". La quantità di tempo in cui la vocale viene pronunciata potrebbe creare due parole completamente diverse. Chizu significa "mappa", mentre chīzu "formaggio".

Quando si usa l'IPA, il colon (:) viene usato per mostrare che la vocale prima di essere una vocale lunga. Per esempio, chizu in IPA è scritto come /t͡ɕizɯ/, ma chīzu è scritto come /t͡ɕi:zɯ/.

Mentre l'inglese antico aveva l'allungamento delle vocali, la maggior parte dei dialetti moderni non lo fanno. Per esempio, le parole Dio e il bene avevano lo stesso suono di vocale, ma la vocale in buona (/go:d/), che era una vocale lunga, era detta più lunga di quella in Dio (/dio/), che era una vocale corta. Sebbene i suoni delle vocali nell'inglese moderno siano molto diversi da quelli dell'inglese antico, i lettori possono spesso farsi un'idea di come le vocali suonassero in base all'ortografia di una parola inglese, che spesso mostra le radici storiche delle parole piuttosto che la loro attuale pronuncia. Le vocali lunghe in inglese antico possono essere scritte con una barra sopra la vocale come in gōd (buono). Più tardi, durante i giorni dell'inglese medio, l'ortografia usata per scrivere le vocali lunghe comprendeva l'ortografia con due vocali insieme come nel libro o nella pausa e mettendo una "E" silenziosa alla fine della parola come nell'odio. Queste vocali erano tutte vocali lunghe fino al Grande Spostamento delle vocali in inglese, in cui i suoni delle vocali in inglese cambiavano per suonare in modo molto diverso da prima.

Il latino classico aveva sia l'allungamento delle vocali che quello delle consonanti, e le vocali lunghe avevano un macron, o una linea orizzontale diritta, scritta sopra di esse. Nel latino classico, ānus (/ˈaː.nus/), annus (/ˈan.nus/), e anus (/ˈa.nus/) erano tutte parole diverse. Ānus significa "natiche", annus significa anno, e anus significa donna anziana. Oggi, nessuna delle lingue romanze, le lingue che sono lingue figlie del latino, può distinguere le parole per lunghezza delle vocali, anche se l'italiano può distinguere le parole per lunghezza delle consonanti: /anno/ "anno", /ano/ "ano". L'italiano ha anche l'allungamento delle vocali in sillabe accentate che terminano con una vocale, ma la lunghezza delle vocali non può fare la differenza tra due parole come potrebbe fare in latino.


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3