Ortografia

L'ortografia è un modo ufficiale o corretto di scrivere una particolare lingua. Include regole di ortografia. L'ortografia può anche includere regole sulla punteggiatura, la capitalizzazione e i diacritici (per esempio gli accenti). In inglese, l'ortografia è un problema per tutti gli studenti, ed è il problema principale dell'ortografia.

Alcune lingue hanno qualcuno che decide l'ortografia corretta, come l'Académie française. L'inglese no. L'ortografia inglese era il lavoro dei primi stampatori. Dovevano decidere come determinate parole sarebbero state scritte nei loro libri. Gradualmente il numero di ortografie alternative cominciò a diminuire. La parola che oggi è "merry" era scritta in circa 30 modi nelle fonti scritte dal IX al XVI secolo. p970

Ortografia inglese

L'ortografia inglese, o spelling inglese, è il modo in cui le 26 lettere dell'alfabeto sono usate per scrivere i 36 suoni (IPA) dell'inglese. I primi manoscritti in inglese antico erano scritti usando l'alfabeto latino. Aveva 24 lettere. p16

Vocali

Nessun alfabeto si adatta esattamente alla sua lingua. Una delle ragioni è che ci sono sempre più suoni che lettere. In inglese ci sono molti più suoni che vocali. Gli antichi greci, che furono i primi ad usare lettere per le vocali, decisero di usare solo alcune lettere per i suoni vocalici. Questa scelta influenzò tutti gli alfabeti successivi:

"L'importanza dei greci nella storia della scrittura alfabetica è fondamentale. Tutti gli alfabeti in uso oggi in Europa sono in relazione diretta o indiretta con il greco antico".

L'inglese avrebbe bisogno di circa 20 vocali per rappresentare i fonemi vocalici (~suoni) di uso comune,p237 e alcune lingue hanno più lettere per le vocali. La lingua georgiana ha un totale di 41 lettere. Un alfabeto più corto funziona usando due o tre lettere per un singolo suono, o una lettera per più suoni.

Consonanti

L'alfabeto inglese ha solo tre consonanti che hanno un solo suono, non possono essere prodotte da altre combinazioni e non sono mai mute: n, r e v. La lingua inglese usa da 22 a 26 fonemi consonantici.

Dialetti

L'altra ragione per cui gli alfabeti non si adattano mai esattamente alle lingue è il dialetto. Una lingua parlata varia da luogo a luogo e da tempo a tempo. Questo è molto ovvio con l'inglese, dato che la pronuncia è così diversa nelle diverse parti del mondo. Una lingua scritta sarà sempre meno flessibile del suo genitore parlato. Ha una funzione diversa e viene prodotta meccanicamente. Deve servire tutti coloro che parlano la lingua, e lo fa mantenendo l'ortografia simile da un tempo all'altro.

Pertanto, tutti gli alfabeti hanno suoni che sono difficili da rappresentare con le lettere in uso. E l'inglese ha anche altri problemi: suoni che possono essere scritti in modi diversi, e ortografia che può essere pronunciata in modi diversi. Tutto questo dà origine a problemi di ortografia.

Inglese britannico e americano

Le differenze tra l'ortografia dell'inglese americano e quella dell'inglese britannico sono nate principalmente come risultato di un uomo. Noah Webster (1758-1843) scrisse una grammatica, un libro di ortografia e infine un dizionario americano della lingua inglese. Nel corso di questo, propose una serie di semplificazioni nell'ortografia. Nel suo dizionario, scelse la s invece della c in parole come difesa, cambiò la re in er in parole come centro, fece cadere una delle L in traveler. All'inizio mantenne la u in parole come colore o favore, ma la abbandonò nelle edizioni successive. Cambiò anche tongue in tung: questo non rimase. La sua ragione principale era quella di aiutare i bambini ad imparare a leggere e scrivere. Il dizionario di Webster conteneva settantamila parole, di cui dodicimila non erano mai apparse in un dizionario pubblicato prima.

Webster ha creato un'identità leggermente diversa per l'inglese americano. Ma, poiché i suoi sforzi non hanno affrontato alcuni dei problemi più evidenti, le sue variazioni fanno poca differenza nel modo in cui la lingua viene usata. Un esempio dei veri problemi nell'ortografia inglese è la parola che termina con -ough, che viene pronunciata in diversi modi: tough, bough, cough... Le cause alla radice della variazione ortografica sono storiche. Le parole in prestito vengono con la loro ortografia (straniera). Alcune parole di prestito francesi sono ancora scritte alla maniera francese; altre sono state cambiate.

La riforma dell'ortografia inglese è stata proposta da molte persone dopo Webster, come George Bernard Shaw, che propose un nuovo alfabeto fonetico per l'inglese. In alcuni casi i cambiamenti di Webster sono stati ampiamente adottati in Gran Bretagna: il programma di ortografia è venuto dal francese; il programma americano è chiaramente più semplice, e più coerente con le terminazioni delle parole in inglese. Nel nostro mondo moderno, l'ortografia inglese è ancora un problema. In alcuni paesi (in particolare la Francia) un comitato nazionale può dare consigli e indicazioni sull'ortografia. L'inglese è sfuggito a lungo alla custodia nazionale.

  • L'ortografia, anche se importante, è meno importante di come la lingua viene usata in pratica. Le differenze tra l'inglese britannico e quello americano in uso hanno più a che fare con l'idioma, lo slang e il vocabolario che con l'ortografia. In questo senso, l'ortografia nella scrittura o nella stampa è un po' come la pronuncia nel discorso. Sono gli abiti esterni necessari, ma la sostanza interna è più importante.
  • In Wikipedia (notare l'ortografia), gli articoli possono essere in inglese americano o britannico, ma devono essere coerenti all'interno di ogni articolo. Maggiori dettagli: Wikipedia:Manuale di stile

Dizionari e fonetica

L'ortografia e l'uso britannico moderno sono stati notevolmente influenzati dai due grandi dizionari inglesi, A dictionary of the English language (1755) di Samuel Johnson e Oxford English Dictionary di James Murray. Il dizionario di Johnson fu enormemente influente, sia all'estero che in patria. Il dizionario fu esportato in America.

"L'adozione americana del Dizionario fu un evento epocale non solo nella sua storia, ma nella storia della lessicografia. Per gli americani della seconda metà del XVIII secolo, Johnson era l'autorità sulla lingua, e il successivo sviluppo dei dizionari americani fu colorato dalla sua fama". p224

Per i lessicografi americani, il dizionario era impossibile da ignorare:

"I due grandi lessicografi americani del diciannovesimo secolo, Noah Webster e Joseph Emerson Worcester, litigarono ferocemente sull'eredità di Johnson ... Nel 1789 [Webster] dichiarò che 'la Gran Bretagna, di cui siamo figli e di cui parliamo la lingua, non dovrebbe più essere il nostro standard; perché il gusto dei suoi scrittori è già corrotto e la sua lingua è in declino' ... Dove Webster trovava difetti con Johnson, Joseph Worcester lo salutava ... Nel 1846 completò il suo dizionario universale e critico della lingua inglese. p226

Alcune persone discutono su quale lingua sia la più facile da scrivere. Le persone che imparano una seconda lingua tendono a pensare che la loro prima lingua (nativa) sia la più facile. Tuttavia, per lo studente, le lingue programmatiche, con regole ben definite, sono più facili da iniziare rispetto all'inglese. L'ortografia della lingua inglese è di gran lunga la più irregolare di tutte le ortografie alfabetiche e quindi la più difficile da imparare. L'inglese è, nella sua origine, una lingua germanica. Dalle sue prime radici anglosassoni, ha preso in prestito parole da molte altre lingue: Il francese (una lingua romanza) e il latino sono i donatori più frequenti dell'inglese.

Le lingue che usano l'ortografia fonetica sono più facili da imparare a scrivere rispetto ad altre. Con l'ortografia fonetica le parole sono scritte come vengono pronunciate. La parola italiana "orologio" per esempio si pronuncia oh-ro-LO-jo ("gi" fa sempre il suono "j".) In inglese, si incontra la parola "knife". In "knife", la "k" non si pronuncia, anche se in inglese è più comune pronunciare le "K" quando sono nelle parole.

Storia dell'ortografia inglese

Uno dei problemi che abbiamo è che parole dal suono simile possono essere scritte in modo diverso. Rough e ruff; meet e meat; great e grate. Le parole con un'ortografia complicata possono essere pronunciate semplicemente: Leicester si pronuncia 'Lester'. Anche le regole che abbiamo sono spesso infrante. "i prima di e tranne dopo c" ha più di 100 eccezioni. p272 Quasi tutti questi problemi sono nati per ragioni storiche. L'inglese è cambiato negli ultimi mille anni, e man mano che la lingua cambia, parti di essa vengono bloccate con diverse grafie.

Ecco alcune delle cause dell'ortografia inglese:

  1. Originariamente un alfabeto di 23 lettere per i circa 35 fonemi (suoni) dell'inglese antico. Altre lettere furono aggiunte più tardi.
  2. Dopo la conquista normanna, gli scrivani francesi introdussero nuove ortografie.
  3. La stampa. Molti dei primi stampatori venivano dal continente europeo e portarono in Inghilterra altre norme ortografiche. Ma, anche se la stampa stabilizzò l'ortografia, la pronuncia continuò a cambiare.
  4. La stampa ha coinciso con il Great Vowel Shift alla fine del Middle English (fine XIV-XV secolo). Per evitare dettagli complessi, ecco cosa è successo: nel corso di un secolo, la pronuncia di tutte le vocali è cambiata, e non è ancora standard in tutta la Gran Bretagna. In ogni caso, l'ortografia di migliaia di parole ora riflette la loro pronuncia ai tempi di Geoffrey Chaucer.
  5. Gli studiosi del XVI secolo hanno cercato di indicare la storia di una parola attraverso la sua ortografia: la "b" muta in "debito" è lì per riflettere il latino debitum.
  6. Altre parole di prestito aggiunte tra la fine del XVI e l'inizio del XVII secolo, come pneumonia, idiosincrasia, epitome, cocoa.

L'inglese ha un numero enorme di parole, ma la sua ortografia proviene da molte fonti diverse. "Il grande e vario lessico dell'inglese è stato acquistato a spese di una grafologia sempre più deversificata". p275

Differenze tra le lingue

Alcune lingue hanno un'alta corrispondenza tra fonemi e lettere. Ciò significa che si avvicinano a una lettera per ogni suono. Se ci fosse una perfetta corrispondenza, quella lingua avrebbe un'ortografia fonemica. L'inglese è altamente non fonemico. Ha quasi ogni tipo di deviazione conosciuta:

  1. lettere diverse per lo stesso suono
  2. due o più lettere per un singolo suono
  3. il suono dipende dalle lettere vicine
  4. vasta gamma di parole il cui suono varia a seconda del dialetto
  5. enorme numero di parole in prestito con ortografie importate
  6. difettoso: non rappresenta alcune differenze importanti nei fonemi. Esempio: la differenza tra la th vocalizzata (the) e la th non vocalizzata (thin).

Questo campo di studio è chiamato "profondità ortografica". La profondità ortografica di una scrittura alfabetica è il grado in cui una lingua scritta si discosta dalla semplice corrispondenza lettera-fonema uno a uno. Mostra quanto sia facile prevedere la pronuncia di una parola dalla sua ortografia. Le ortografie superficiali sono facili da pronunciare in base alla parola scritta, mentre le ortografie profonde sono difficili da pronunciare in base a come sono scritte. Nelle ortografie superficiali, la corrispondenza ortografia-suono è diretta: date le regole di pronuncia, si è in grado di "dire" la parola correttamente.

La maggior parte delle altre lingue internazionali hanno problemi simili: in francese, arabo o ebraico, i nuovi lettori hanno difficoltà ad imparare a decodificare le parole. Di conseguenza, i bambini imparano a leggere più lentamente. Sia in spagnolo che in italiano c'è una connessione più diretta tra ortografia e pronuncia. Queste sono lingue con una bassa profondità ortografica.

Pagine correlate


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3