Patrimonio dell'umanità

I siti Patrimonio dell'Umanità sono luoghi del mondo molto importanti dal punto di vista culturale o naturale. Questi luoghi sono selezionati dall'UNESCO, che fa parte delle Nazioni Unite.

La Convenzione sul patrimonio mondiale ("Convenzione sulla protezione del patrimonio mondiale culturale e naturale") è un trattato delle Nazioni Unite. Essa disciplina la selezione e la protezione di questi siti. Le nazioni che hanno aderito al trattato eleggono 21 nazioni nel Comitato del patrimonio mondiale dell'UNESCO. Tale comitato stabilisce la lista dei siti.

I siti sono luoghi (come una foresta, una montagna, un lago, un lago, un deserto, un monumento, un edificio, un complesso o una città). Dal 2014[aggiornamento], sono elencati 1007 siti in 161 paesi diversi. Ci sono 779 siti culturali, 197 siti naturali e 31 proprietà miste. L'Italia ha 50 siti nella lista, che è il massimo per qualsiasi paese.

Ogni Sito Patrimonio dell'Umanità rimane parte del territorio legale della nazione in cui si trova il sito. L'UNESCO vuole che tutti nel mondo lavorino per proteggere ogni sito. A volte l'UNESCO fornisce fondi per aiutare a proteggere un sito. Lo Stato islamico dell'Iraq e il Levante hanno distrutto alcuni siti.

Il Parco Nazionale di Yellowstone è patrimonio dell'umanità
Il Parco Nazionale di Yellowstone è patrimonio dell'umanità

Il Parco Nazionale di Yellowstone è patrimonio dell'umanità
Il Parco Nazionale di Yellowstone è patrimonio dell'umanità

Il Parco Nazionale di Yellowstone è patrimonio dell'umanità
Il Parco Nazionale di Yellowstone è patrimonio dell'umanità

Il Parco Nazionale di Yellowstone è patrimonio dell'umanità
Il Parco Nazionale di Yellowstone è patrimonio dell'umanità

Criteri di selezione

Fino alla fine del 2004, c'erano sei criteri per il patrimonio culturale e quattro criteri per il patrimonio naturale. Nel 2005, questo è stato modificato in modo che ci sia un solo insieme di dieci criteri. I siti nominati devono essere di "eccezionale valore universale" e soddisfare almeno uno dei dieci criteri.

Criteri culturali

  1. "rappresenta un capolavoro di genio creativo umano e di significato culturale".
  2. "mostra un importante scambio di valori umani, in un arco di tempo o all'interno di un'area culturale del mondo, sugli sviluppi dell'architettura o della tecnologia, delle arti monumentali, dell'urbanistica o del design del paesaggio".
  3. "portare una testimonianza unica o almeno eccezionale di una tradizione culturale o di una civiltà viva o scomparsa".

  IV.             

  1. "è un esempio eccezionale di un tipo di edificio, di insieme architettonico o tecnologico o di paesaggio che illustra una tappa significativa della storia dell'umanità".
  2. "è un esempio eccezionale di insediamento umano tradizionale, di uso del territorio o del mare, rappresentativo di una cultura o di interazione umana con l'ambiente, soprattutto quando è diventato vulnerabile sotto l'impatto di un cambiamento irreversibile".
  3. "è direttamente o tangibilmente associato ad eventi o tradizioni viventi, a idee, o a credenze, ad opere artistiche e letterarie di eccezionale significato universale".

Criteri naturali

  1. "contiene fenomeni naturali superlativi o aree di eccezionale bellezza naturale e importanza estetica".
  2. "è un esempio eccezionale che rappresenta le fasi principali della storia della Terra, tra cui la registrazione della vita, i processi geologici significativi in corso nello sviluppo delle forme di terra, o le caratteristiche geomorfiche o fisiografiche significative".
  3. "è un esempio eccezionale che rappresenta significativi processi ecologici e biologici in corso nell'evoluzione e nello sviluppo degli ecosistemi terrestri, d'acqua dolce, costieri e marini e delle comunità di piante e animali".
  4. "contiene gli habitat naturali più importanti e significativi per la conservazione in situ della diversità biologica, compresi quelli che contengono specie minacciate di eccezionale valore universale dal punto di vista scientifico o della conservazione".

Status giuridico dei siti designati

La designazione dell'UNESCO come Patrimonio dell'Umanità fornisce la prova prima facie che tali siti culturalmente sensibili sono legalmente protetti ai sensi del diritto di guerra, ai sensi della Convenzione di Ginevra, dei suoi articoli, protocolli e consuetudini, insieme ad altri trattati, tra cui la Convenzione dell'Aia per la protezione dei beni culturali in caso di conflitto armato e il diritto internazionale.

Così, il trattato della Convenzione di Ginevra promulga:

"Articolo 53. PROTEZIONE DEI BENI CULTURALI E DEI LUOGHI DI CULTO. Fatte salve le disposizioni della Convenzione dell'Aia per la protezione dei beni culturali in caso di conflitto armato del 14 maggio 1954" e di altri strumenti internazionali pertinenti, è vietata:

(a) Commettere atti di ostilità contro i monumenti storici, le opere d'arte o i luoghi di culto che costituiscono il patrimonio culturale o spirituale dei popoli;

b) Utilizzare tali oggetti a sostegno dello sforzo militare;

(c) Fare di tali oggetti l'oggetto di rappresaglie".

Sito #252: Taj Mahal, un esempio di patrimonio culturale
Sito #252: Taj Mahal, un esempio di patrimonio culturale

Sito #156: Parco Nazionale del Serengeti, un esempio di patrimonio naturale
Sito #156: Parco Nazionale del Serengeti, un esempio di patrimonio naturale

Sito #274: Santuario storico di Machu Picchu, un esempio di patrimonio misto
Sito #274: Santuario storico di Machu Picchu, un esempio di patrimonio misto

Criteri di selezione

Fino alla fine del 2004, c'erano sei criteri per il patrimonio culturale e quattro criteri per il patrimonio naturale. Nel 2005, questo è stato modificato in modo che ci sia un solo insieme di dieci criteri. I siti nominati devono essere di "eccezionale valore universale" e soddisfare almeno uno dei dieci criteri. Se un sito soddisfa i criteri sia culturali che naturali, viene chiamato "sito misto".

Criteri culturali

  1. "rappresenta un capolavoro di genio creativo umano e di significato culturale".
  2. "mostra un importante scambio di valori umani, in un arco di tempo o all'interno di un'area culturale del mondo, sugli sviluppi dell'architettura o della tecnologia, delle arti monumentali, dell'urbanistica o del design del paesaggio".
  3. "portare una testimonianza unica o almeno eccezionale di una tradizione culturale o di una civiltà viva o scomparsa".

  IV.             

  1. "è un esempio eccezionale di un tipo di edificio, di insieme architettonico o tecnologico o di paesaggio che illustra una tappa significativa della storia dell'umanità".
  2. "è un esempio eccezionale di insediamento umano tradizionale, di uso del territorio o del mare, rappresentativo di una cultura o di interazione umana con l'ambiente, soprattutto quando è diventato vulnerabile sotto l'impatto di un cambiamento irreversibile".
  3. "è direttamente o tangibilmente associato ad eventi o tradizioni viventi, a idee, o a credenze, ad opere artistiche e letterarie di eccezionale significato universale".

Criteri naturali

  1. "contiene fenomeni naturali superlativi o aree di eccezionale bellezza naturale e importanza estetica".
  2. "è un esempio eccezionale che rappresenta le fasi principali della storia della Terra, tra cui la registrazione della vita, i processi geologici significativi in corso nello sviluppo delle forme di terra, o le caratteristiche geomorfiche o fisiografiche significative".
  3. "è un esempio eccezionale che rappresenta significativi processi ecologici e biologici in corso nell'evoluzione e nello sviluppo degli ecosistemi terrestri, d'acqua dolce, costieri e marini e delle comunità di piante e animali".
  4. "contiene gli habitat naturali più importanti e significativi per la conservazione in situ della diversità biologica, compresi quelli che contengono specie minacciate di eccezionale valore universale dal punto di vista scientifico o della conservazione".

Status giuridico dei siti designati

La designazione dell'UNESCO come Patrimonio dell'Umanità fornisce la prova prima facie che tali siti culturalmente sensibili sono legalmente protetti ai sensi del diritto di guerra, ai sensi della Convenzione di Ginevra, dei suoi articoli, protocolli e consuetudini, insieme ad altri trattati, tra cui la Convenzione dell'Aia per la protezione dei beni culturali in caso di conflitto armato e il diritto internazionale.

Così, il trattato della Convenzione di Ginevra promulga:

"Articolo 53. PROTEZIONE DEI BENI CULTURALI E DEI LUOGHI DI CULTO. Fatte salve le disposizioni della Convenzione dell'Aia per la protezione dei beni culturali in caso di conflitto armato del 14 maggio 1954" e di altri strumenti internazionali pertinenti, è vietata:

(a) Commettere atti di ostilità contro i monumenti storici, le opere d'arte o i luoghi di culto che costituiscono il patrimonio culturale o spirituale dei popoli;

b) Utilizzare tali oggetti a sostegno dello sforzo militare;

(c) Fare di tali oggetti l'oggetto di rappresaglie".

Sito #252: Taj Mahal, un esempio di patrimonio culturale
Sito #252: Taj Mahal, un esempio di patrimonio culturale

Sito #156: Parco Nazionale del Serengeti, un esempio di patrimonio naturale
Sito #156: Parco Nazionale del Serengeti, un esempio di patrimonio naturale

Sito #274: Santuario storico di Machu Picchu, un esempio di patrimonio misto
Sito #274: Santuario storico di Machu Picchu, un esempio di patrimonio misto

Criteri di selezione

Fino alla fine del 2004, c'erano sei criteri per il patrimonio culturale e quattro criteri per il patrimonio naturale. Nel 2005, questo è stato modificato in modo che ci sia un solo insieme di dieci criteri. I siti nominati devono essere di "eccezionale valore universale" e soddisfare almeno uno dei dieci criteri. Se un sito soddisfa i criteri sia culturali che naturali, viene chiamato "sito misto".

Criteri culturali

  1. "rappresenta un capolavoro di genio creativo umano e di significato culturale".
  2. "mostra un importante scambio di valori umani, in un arco di tempo o all'interno di un'area culturale del mondo, sugli sviluppi dell'architettura o della tecnologia, delle arti monumentali, dell'urbanistica o del design del paesaggio".
  3. "portare una testimonianza unica o almeno eccezionale di una tradizione culturale o di una civiltà viva o scomparsa".

  IV.             

  1. "è un esempio eccezionale di un tipo di edificio, di insieme architettonico o tecnologico o di paesaggio che illustra una tappa significativa della storia dell'umanità".
  2. "è un esempio eccezionale di insediamento umano tradizionale, di uso del territorio o del mare, rappresentativo di una cultura o di interazione umana con l'ambiente, soprattutto quando è diventato vulnerabile sotto l'impatto di un cambiamento irreversibile".
  3. "è direttamente o tangibilmente associato ad eventi o tradizioni viventi, a idee, o a credenze, ad opere artistiche e letterarie di eccezionale significato universale".

Criteri naturali

  1. "contiene fenomeni naturali superlativi o aree di eccezionale bellezza naturale e importanza estetica".
  2. "è un esempio eccezionale che rappresenta le fasi principali della storia della Terra, tra cui la registrazione della vita, i processi geologici significativi in corso nello sviluppo delle forme di terra, o le caratteristiche geomorfiche o fisiografiche significative".
  3. "è un esempio eccezionale che rappresenta significativi processi ecologici e biologici in corso nell'evoluzione e nello sviluppo degli ecosistemi terrestri, d'acqua dolce, costieri e marini e delle comunità di piante e animali".
  4. "contiene gli habitat naturali più importanti e significativi per la conservazione in situ della diversità biologica, compresi quelli che contengono specie minacciate di eccezionale valore universale dal punto di vista scientifico o della conservazione".

Status giuridico dei siti designati

La designazione dell'UNESCO come Patrimonio dell'Umanità fornisce la prova prima facie che tali siti culturalmente sensibili sono legalmente protetti ai sensi del diritto di guerra, ai sensi della Convenzione di Ginevra, dei suoi articoli, protocolli e consuetudini, insieme ad altri trattati, tra cui la Convenzione dell'Aia per la protezione dei beni culturali in caso di conflitto armato e il diritto internazionale.

Così, il trattato della Convenzione di Ginevra promulga:

"Articolo 53. PROTEZIONE DEI BENI CULTURALI E DEI LUOGHI DI CULTO. Fatte salve le disposizioni della Convenzione dell'Aia per la protezione dei beni culturali in caso di conflitto armato del 14 maggio 1954" e di altri strumenti internazionali pertinenti, è vietata:

(a) Commettere atti di ostilità contro i monumenti storici, le opere d'arte o i luoghi di culto che costituiscono il patrimonio culturale o spirituale dei popoli;

b) Utilizzare tali oggetti a sostegno dello sforzo militare;

(c) Fare di tali oggetti l'oggetto di rappresaglie".

Sito #252: Taj Mahal, un esempio di patrimonio culturale
Sito #252: Taj Mahal, un esempio di patrimonio culturale

Sito #156: Parco Nazionale del Serengeti, un esempio di patrimonio naturale
Sito #156: Parco Nazionale del Serengeti, un esempio di patrimonio naturale

Sito #274: Santuario storico di Machu Picchu, un esempio di patrimonio misto
Sito #274: Santuario storico di Machu Picchu, un esempio di patrimonio misto

Criteri di selezione

Fino alla fine del 2004, c'erano sei criteri per il patrimonio culturale e quattro criteri per il patrimonio naturale. Nel 2005, questo è stato modificato in modo che ci sia un solo insieme di dieci criteri. I siti nominati devono essere di "eccezionale valore universale" e soddisfare almeno uno dei dieci criteri. Se un sito soddisfa i criteri sia culturali che naturali, viene chiamato "sito misto".

Criteri culturali

  1. "rappresenta un capolavoro di genio creativo umano e di significato culturale".
  2. "mostra un importante scambio di valori umani, in un arco di tempo o all'interno di un'area culturale del mondo, sugli sviluppi dell'architettura o della tecnologia, delle arti monumentali, dell'urbanistica o del design del paesaggio".
  3. "portare una testimonianza unica o almeno eccezionale di una tradizione culturale o di una civiltà viva o scomparsa".

  IV.             

  1. "è un esempio eccezionale di un tipo di edificio, di insieme architettonico o tecnologico o di paesaggio che illustra una tappa significativa della storia dell'umanità".
  2. "è un esempio eccezionale di insediamento umano tradizionale, di uso del territorio o del mare, rappresentativo di una cultura o di interazione umana con l'ambiente, soprattutto quando è diventato vulnerabile sotto l'impatto di un cambiamento irreversibile".
  3. "è direttamente o tangibilmente associato ad eventi o tradizioni viventi, a idee, o a credenze, ad opere artistiche e letterarie di eccezionale significato universale".

Criteri naturali

  1. "contiene fenomeni naturali superlativi o aree di eccezionale bellezza naturale e importanza estetica".
  2. "è un esempio eccezionale che rappresenta le fasi principali della storia della Terra, tra cui la registrazione della vita, i processi geologici significativi in corso nello sviluppo delle forme di terra, o le caratteristiche geomorfiche o fisiografiche significative".
  3. "è un esempio eccezionale che rappresenta significativi processi ecologici e biologici in corso nell'evoluzione e nello sviluppo degli ecosistemi terrestri, d'acqua dolce, costieri e marini e delle comunità di piante e animali".
  4. "contiene gli habitat naturali più importanti e significativi per la conservazione in situ della diversità biologica, compresi quelli che contengono specie minacciate di eccezionale valore universale dal punto di vista scientifico o della conservazione".

Status giuridico dei siti designati

La designazione dell'UNESCO come Patrimonio dell'Umanità fornisce la prova prima facie che tali siti culturalmente sensibili sono legalmente protetti ai sensi del diritto di guerra, ai sensi della Convenzione di Ginevra, dei suoi articoli, protocolli e consuetudini, insieme ad altri trattati, tra cui la Convenzione dell'Aia per la protezione dei beni culturali in caso di conflitto armato e il diritto internazionale.

Così, il trattato della Convenzione di Ginevra promulga:

"Articolo 53. PROTEZIONE DEI BENI CULTURALI E DEI LUOGHI DI CULTO. Fatte salve le disposizioni della Convenzione dell'Aia per la protezione dei beni culturali in caso di conflitto armato del 14 maggio 1954" e di altri strumenti internazionali pertinenti, è vietata:

(a) Commettere atti di ostilità contro i monumenti storici, le opere d'arte o i luoghi di culto che costituiscono il patrimonio culturale o spirituale dei popoli;

b) Utilizzare tali oggetti a sostegno dello sforzo militare;

(c) Fare di tali oggetti l'oggetto di rappresaglie".

Sito #252: Taj Mahal, un esempio di patrimonio culturale
Sito #252: Taj Mahal, un esempio di patrimonio culturale

Sito #156: Parco Nazionale del Serengeti, un esempio di patrimonio naturale
Sito #156: Parco Nazionale del Serengeti, un esempio di patrimonio naturale

Sito #274: Santuario storico di Machu Picchu, un esempio di patrimonio misto
Sito #274: Santuario storico di Machu Picchu, un esempio di patrimonio misto

Immagini

·        

Persepolis, Iran

·        

Centro storico di Firenze in Toscana (Italia)

·        

·        

Uluru (Australia)

·        

Chichen Itza in Yucatán (Messico)

·        

Centro storico di San Pietroburgo e la sua periferia (Russia)

·        

Antico complesso di edifici nelle montagne Wudang (Cina)

·        

Parco Nazionale del Monte Kenya (Kenya)

·        

Cascate Vittoria del fiume Zambesi in Africa

·        

Il Taj Mahal, India

·        

Memphis e la sua Necropoli, comprese le Piramidi di Giza (Egitto)

Immagini

·        

Persepolis, Iran

·        

Centro storico di Firenze in Toscana (Italia)

·        

·        

Uluru (Australia)

·        

Chichen Itza in Yucatán (Messico)

·        

Centro storico di San Pietroburgo e la sua periferia (Russia)

·        

Antico complesso di edifici nelle montagne Wudang (Cina)

·        

Parco Nazionale del Monte Kenya (Kenya)

·        

Cascate Vittoria del fiume Zambesi in Africa

·        

Il Taj Mahal, India

·        

Memphis e la sua Necropoli, comprese le Piramidi di Giza (Egitto)

Immagini

·        

Persepolis, Iran

·        

Centro storico di Firenze in Toscana (Italia)

·        

·        

Uluru (Australia)

·        

Chichen Itza in Yucatán (Messico)

·        

Centro storico di San Pietroburgo e la sua periferia (Russia)

·        

Antico complesso di edifici nelle montagne Wudang (Cina)

·        

Parco Nazionale del Monte Kenya (Kenya)

·        

Cascate Vittoria del fiume Zambesi in Africa

·        

Il Taj Mahal, India

·        

Memphis e la sua Necropoli, comprese le Piramidi di Giza (Egitto)

Immagini

·        

Persepolis, Iran

·        

Centro storico di Firenze in Toscana (Italia)

·        

·        

Uluru (Australia)

·        

Chichen Itza in Yucatán (Messico)

·        

Centro storico di San Pietroburgo e la sua periferia (Russia)

·        

Antico complesso di edifici nelle montagne Wudang (Cina)

·        

Parco Nazionale del Monte Kenya (Kenya)

·        

Cascate Vittoria del fiume Zambesi in Africa

·        

Il Taj Mahal, India

·        

Memphis e la sua Necropoli, comprese le Piramidi diGiza (Egitto)


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3