Stati Uniti

Gli Stati Uniti d'America sono una repubblica federale di cinquanta stati, un distretto federale e diversi territori. È comunemente chiamata Stati Uniti, gli Stati Uniti d'America (abbreviati in U.S.A. e U.S.A.), e a volte anche solo America.

Il paese si trova per lo più in Nord America. Ci sono quarantotto stati che confinano tra loro e Washington, D.C. , il distretto della capitale. Questi stati si trovano tra l'Oceano Pacifico e l'Oceano Atlantico. Confinano con il Canada a nord e con il Messico a sud.

Lo stato dell'Alaska si trova a nord-ovest del continente, con il Canada a est e la Russia a ovest attraverso lo stretto di Bering. Lo stato delle Hawaii è un arcipelago del medio Pacifico. Il Paese possiede anche alcuni territori, o aree insulari, nei Caraibi e nel Pacifico.

Con 3,79 milioni di chilometri quadrati (9,83 milioni di km2) e circa 327 milioni di abitanti, gli Stati Uniti sono il terzo o quarto paese per superficie totale e il terzo per superficie e popolazione.

Gli Stati Uniti sono una delle nazioni più etnicamente miste e multiculturali del mondo, frutto di un'immigrazione su larga scala da molti paesi. L'economia degli Stati Uniti è la più grande economia nazionale del mondo, con un prodotto interno lordo (PIL) stimato nel 2016 di 20,4 trilioni di dollari (circa un quarto del PIL mondiale).

La nazione è stata fondata da tredici colonie della Gran Bretagna lungo la costa atlantica. Il 4 luglio 1776 rilasciarono la Dichiarazione d'Indipendenza, che annunciava la loro indipendenza dalla Gran Bretagna e la creazione di un'unione cooperativa. Gli Stati disobbedienti sconfissero la Gran Bretagna nella guerra rivoluzionaria americana, la prima guerra d'indipendenza coloniale di successo. La Convenzione di Filadelfia adottò l'attuale Costituzione degli Stati Uniti il 17 settembre 1787; la sua approvazione l'anno successivo rese gli Stati parte di un'unica repubblica con un forte governo centrale. La Carta dei diritti, che comprende dieci emendamenti costituzionali che garantiscono molti diritti civili e libertà fondamentali, fu approvata nel 1791.

Nel XIX secolo, gli Stati Uniti ottennero terre dalla Francia, dalla Spagna, dal Regno Unito, dal Messico e dalla Russia e si impadronirono della Repubblica del Texas e della Repubblica delle Hawaii. Le discussioni tra il Sud agricolo e il Nord industriale del Nord sui diritti degli Stati e la crescita dell'istituzione della schiavitù iniziarono la guerra civile americana degli anni Sessanta del 1860. La vittoria del Nord impedì una divisione permanente del Paese e portò alla fine della schiavitù legale negli Stati Uniti. Negli anni Settanta del XIX secolo, la ricchezza nazionale era la più grande del mondo. La guerra ispano-americana e la prima guerra mondiale confermarono lo status di potenza militare del Paese. Nel 1945, gli Stati Uniti uscirono dalla Seconda Guerra Mondiale come primo Paese dotato di armi nucleari, membro permanente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e membro fondatore della NATO. La fine della Guerra Fredda e la disgregazione dell'Unione Sovietica lasciarono gli Stati Uniti come unica superpotenza. Il Paese rappresenta circa la metà della spesa militare mondiale ed è una forza economica, politica e culturale leader nel mondo.

Geografia e ambiente

La superficie terrestre degli Stati Uniti contigui è di 2.959.064 miglia quadrate (7.663.941 km2). L'Alaska, separata dagli Stati Uniti contigui dal Canada, è lo stato più grande con 663.268 miglia quadrate (1.717.856 km2). Le Hawaii, che occupano un arcipelago nel Pacifico centrale, a sud-ovest del Nord America, hanno una superficie di 10.931 miglia quadrate (28.311 km2).

Gli Stati Uniti sono la terza o la quarta nazione più grande del mondo per superficie totale (terra e acqua), dietro la Russia e il Canada e appena al di sopra o al di sotto della Cina. La classifica varia a seconda di come vengono conteggiati i due territori contesi da Cina e India e di come viene misurata la dimensione totale degli Stati Uniti: i calcoli vanno da 3.676.486 miglia quadrate (9.522.055 km2) a 3.717.813 miglia quadrate (9.629.091 km2) a 3.794.101 miglia quadrate (9.826.676 km2). Misurati in base alla sola superficie terrestre, gli Stati Uniti sono al terzo posto per dimensioni dietro la Russia e la Cina, appena davanti al Canada.

La pianura costiera della costa atlantica cede il passo alle foreste di latifoglie e alle dolci colline piemontesi. Gli Appalachi dividono la costa orientale dai Grandi Laghi e dalle praterie del Midwest. Il fiume Mississippi-Missouri, il quarto sistema fluviale più lungo del mondo, scorre principalmente da nord a sud attraverso il cuore del paese. La pianeggiante e fertile prateria delle Grandi Pianure si estende a ovest, interrotta da una regione montuosa a sud-est.

Le Montagne Rocciose, al margine occidentale delle Grandi Pianure, si estendono da nord a sud in tutto il paese, raggiungendo quote superiori ai 14.000 piedi (4.300 m) in Colorado. Più a ovest si trovano il Grande Bacino roccioso e deserti come il Chihuahua e il Mojave. Le catene montuose della Sierra Nevada e delle Cascade corrono vicino alla costa del Pacifico, entrambe raggiungono altitudini superiori ai 14.000 piedi.

Gli Stati Uniti, con le loro grandi dimensioni e la varietà geografica, comprendono la maggior parte dei tipi di clima. Ad est del 100° meridiano, il clima varia da quello continentale umido a nord a quello subtropicale umido a sud. La punta meridionale della Florida è tropicale, così come le Hawaii. Le Grandi Pianure a ovest del 100° meridiano sono semi-secche. Gran parte delle montagne occidentali sono alpine. Il clima è secco nel Grande Bacino, desertico nel sud-ovest, mediterraneo nella California costiera, oceanico nell'Oregon costiero e a Washington e nell'Alaska meridionale. La maggior parte dell'Alaska è subartica o polare. Il clima estremo non è insolito: gli stati che si affacciano sul Golfo del Messico sono soggetti a uragani e la maggior parte dei tornado si verifica all'interno del paese, soprattutto nel Midwest, nel Vicolo dei Tornado.

L'ecologia degli Stati Uniti è considerata "megadiversa": circa 17.000 specie di piante vascolari si trovano negli Stati Uniti e in Alaska, e oltre 1.800 specie di piante da fiore si trovano alle Hawaii, poche delle quali sulla terraferma. Gli Stati Uniti ospitano più di 400 mammiferi, 750 uccelli e 500 specie di rettili e anfibi. Sono state descritte circa 91.000 specie di insetti.

Il Endangered Species Act del 1973 protegge le specie minacciate e in pericolo e i loro habitat, che sono monitorati dall'United States Fish and Wildlife Service. Ci sono 58 parchi nazionali e centinaia di altri parchi gestiti a livello federale, foreste e aree naturali. Complessivamente, il governo possiede il 28,8% della superficie terrestre del Paese. La maggior parte di queste è protetta, anche se alcune sono affittate per le trivellazioni di petrolio e gas, per l'estrazione mineraria, per il disboscamento o per l'allevamento di bestiame; il 2,4% è utilizzato per scopi militari.

L'aquila calva, l'uccello nazionale degli Stati Uniti dal 1782.
L'aquila calva, l'uccello nazionale degli Stati Uniti dal 1782.

Storia

Nativi americani e coloni europei

Si ritiene che le popolazioni indigene degli Stati Uniti continentali, compresi i nativi dell'Alaska, si siano trasferite dall'Asia. Hanno cominciato ad arrivare dodici o quarantamila anni fa, se non prima. Alcuni, come la cultura pre-colombiana del Mississippi nel sud-est, hanno sviluppato un'agricoltura avanzata, grandi costruzioni e comunità a livello statale. La popolazione nativa dell'America è diminuita dopo l'arrivo degli europei e, per diversi motivi, soprattutto malattie come il vaiolo e il morbillo.

Nel 1492, l'esploratore genovese Cristoforo Colombo, sotto contratto con la corona spagnola, raggiunse alcune isole dei Caraibi, prendendo il primo contatto con gli indigeni. Il 2 aprile 1513, il conquistatore spagnolo Juan Ponce de León sbarcò su quella che chiamò "La Florida" - il primo arrivo europeo registrato su quella che sarebbe diventata la terraferma degli Stati Uniti. Agli insediamenti spagnoli nella zona seguirono quelli degli attuali Stati Uniti sudoccidentali che attirarono migliaia di persone attraverso il Messico. I commercianti di pellicce francesi stabilirono avamposti della Nuova Francia intorno ai Grandi Laghi; la Francia alla fine rivendicò gran parte dell'interno nordamericano, fino al Golfo del Messico. I primi insediamenti inglesi di successo furono la Colonia della Virginia a Jamestown nel 1607 e la Pilgrims' Plymouth Colony nel 1620. Il noleggio della Colonia della Baia del Massachusetts nel 1628 provocò un'ondata di trasferimenti; nel 1634 il New England era stato colonizzato da circa 10.000 puritani. Tra la fine del 1610 e la rivoluzione americana, circa 50.000 detenuti furono spediti nelle colonie americane della Gran Bretagna. A partire dal 1614, gli olandesi si stabilirono lungo il basso fiume Hudson, compresa New Amsterdam sull'isola di Manhattan.

Indipendenza ed espansione

Le tensioni tra coloni americani e britannici durante il periodo ribelle degli anni Sessanta del XVII secolo e dei primi anni Settanta del XVII secolo portarono alla guerra rivoluzionaria americana, combattuta dal 1775 al 1781. Il 14 giugno 1775 il Congresso continentale, riunitosi a Filadelfia, istituì un esercito continentale sotto il comando di George Washington. Annunciando che "tutti gli uomini sono creati uguali" e nascono con "certi diritti naturali", il Congresso adottò la Dichiarazione d'Indipendenza, redatta per lo più da Thomas Jefferson, il 4 luglio 1776. Quella data viene ora celebrata ogni anno come il Giorno dell'Indipendenza dell'America. Nel 1777, lo Statuto della Confederazione istituì un debole governo federale che operò fino al 1789.

Dopo la sconfitta britannica da parte delle forze americane aiutate dai francesi, la Gran Bretagna ha riconosciuto l'indipendenza degli Stati Uniti e la sovranità degli stati sulle terre americane ad ovest del fiume Mississippi. Una convenzione costituzionale fu organizzata nel 1787 da coloro che volevano istituire un forte governo nazionale, con poteri di tassazione. La Costituzione degli Stati Uniti fu approvata nel 1788, e il primo Senato della nuova repubblica, la Camera dei Rappresentanti e il Presidente George Washington si insediarono nel 1789. La Bill of Rights, che proibisce la restrizione federale delle libertà personali e certifica una serie di protezioni legali, fu adottata nel 1791.

Gli atteggiamenti nei confronti della schiavitù si stavano spostando; una clausola della Costituzione proteggeva la tratta degli schiavi africani solo fino al 1808. Gli Stati del Nord cessarono definitivamente la schiavitù tra il 1780 e il 1804, lasciando gli Stati schiavi del Sud come difensori della "peculiare istituzione". Il Secondo Grande Risveglio, a partire dal 1800 circa, fece dell'evangelicalismo una forza trainante di diversi movimenti di riforma sociale, tra cui l'abolizionismo.

Il desiderio degli americani di espandersi verso ovest ha causato una lunga serie di guerre indiane e una politica di espulsione degli indiani che ha spogliato le popolazioni indigene della loro terra. L'acquisto della Louisiana di terre rivendicate dai francesi sotto il presidente Thomas Jefferson nel 1803 ha quasi raddoppiato le dimensioni della nazione. La guerra del 1812, dichiarata contro la Gran Bretagna per diverse lamentele e combattuta per il pareggio, rafforzò il nazionalismo statunitense. Una serie di invasioni militari statunitensi in Florida portò la Spagna a rinunciare a questo e ad altri territori della costa del Golfo nel 1819. Gli Stati Uniti conquistarono la Repubblica del Texas nel 1845. L'idea del destino manifesto divenne popolare in questo periodo. Il trattato dell'Oregon del 1846 con la Gran Bretagna portò gli Stati Uniti a controllare l'attuale nord-ovest americano. La vittoria degli Stati Uniti nella guerra messicano-americana portò alla cessione della California nel 1848 e di gran parte dell'attuale sud-ovest americano. La corsa all'oro della California del 1848-49 incoraggiò ulteriormente il trasferimento occidentale. Le nuove ferrovie facilitarono il trasferimento dei coloni e aumentarono i conflitti con i nativi americani. Nel corso di mezzo secolo, fino a 40 milioni di bisonti americani, o bufali, furono uccisi per le pelli e la carne e per facilitare la diffusione delle ferrovie. La perdita dei bisonti, che erano preziosi per gli indiani delle pianure, fece sì che molte culture native scomparissero per sempre.

Guerra civile e industrializzazione

Le tensioni tra gli Stati schiavi e i liberi Stati si sono moltiplicate con discussioni sui rapporti tra lo Stato e i governi federali, così come i violenti conflitti per la diffusione della schiavitù in nuovi Stati. Abraham Lincoln, candidato del Partito Repubblicano, per lo più antischiavista, fu eletto presidente nel 1860. Prima del suo insediamento, sette Stati schiavi dichiararono la loro secessione - che il governo federale manteneva illegale - e formarono gli Stati Confederati d'America. Con l'attacco confederato a Fort Sumter, iniziò la guerra civile americana e altri quattro Stati schiavi si unirono alla Confederazione. La Proclamazione di Emancipazione di Lincoln impegnava l'Unione a porre fine alla schiavitù. Dopo la vittoria dell'Unione nel 1865, tre modifiche alla Costituzione degli Stati Uniti assicurarono la libertà ai quasi quattro milioni di afroamericani che erano stati schiavi, li resero cittadini e diedero loro il diritto di voto. La guerra e la sua risoluzione portarono a un grande aumento del potere federale.

Dopo la guerra, l'assassinio di Abraham Lincoln ha causato la Ricostruzione, dove sono state messe insieme politiche volte a recuperare e ricostruire gli Stati del Sud, garantendo i diritti degli schiavi appena liberati. La risoluzione delle controverse elezioni presidenziali del 1876 da parte del Compromesso del 1877 pose fine a quest'epoca, e le leggi del Jim Crow privarono presto molti afroamericani dei loro diritti. Nel Nord, l'urbanizzazione e un inedito afflusso di immigrati dall'Europa meridionale e orientale ha fatto crescere rapidamente l'industrializzazione del Paese. L'ondata di immigrazione, che durò fino al 1929, diede lavoro e cambiò la cultura americana. Anche le elevate protezioni fiscali, la costruzione di infrastrutture nazionali e le nuove leggi bancarie hanno incoraggiato la crescita. L'acquisto dell'Alaska dalla Russia nel 1867 completò l'espansione continentale del Paese. Il massacro del ginocchio ferito del 1890 fu l'ultimo grande conflitto armato delle guerre indiane. Nel 1893, la monarchia nativa del Regno del Pacifico delle Hawaii si concluse con un piano segreto e di successo guidato dai residenti americani; gli Stati Uniti presero il controllo dell'arcipelago nel 1898. La vittoria nella guerra ispano-americana dello stesso anno dimostrò che gli Stati Uniti erano una potenza mondiale e portò all'aggiunta di Portorico, Guam e delle Filippine. Le Filippine ottennero l'indipendenza cinquant'anni dopo; Porto Rico e Guam sono ancora territori statunitensi.

Prima Guerra Mondiale, Grande Depressione e Seconda Guerra Mondiale

Quando la prima guerra mondiale scoppiò in Europa nel 1914, gli Stati Uniti si dichiararono neutrali. In seguito, gli americani simpatizzarono con gli inglesi e i francesi, anche se molti cittadini, soprattutto quelli provenienti dall'Irlanda e dalla Germania, erano contrari all'intervento. Nel 1917 si unirono agli Alleati, contribuendo alla sconfitta delle potenze centrali. Non volendo partecipare agli affari europei, il Senato non approvò il Trattato di Versailles (1919), che istituì la Società delle Nazioni, applicando una politica di unilateralismo, che rasentava l'isolazionismo. Nel 1920, il movimento per i diritti delle donne ottenne l'approvazione di un emendamento costituzionale per concedere alle donne il diritto di voto.

Per la maggior parte degli anni '20, il paese ha avuto un periodo di successo, diminuendo la disuguaglianza nella bilancia dei pagamenti e traendo profitto dalle aziende agricole industriali. Questo periodo, noto come i ruggenti anni Venti, si è concluso con il crollo di Wall Street del 1929 che ha innescato la Grande Depressione. Dopo la sua elezione a presidente nel 1932, Franklin D. Roosevelt rispose con il New Deal, una serie di politiche che aumentarono l'interferenza del governo nell'economia. Dal 1920 al 1933 fu in vigore un divieto che vietava l'uso di alcolici. Il Dust Bowl degli anni Trenta lasciò molte comunità di contadini poveri e incoraggiò una nuova ondata di emigrazione verso la West Coast.

Gli Stati Uniti, ufficialmente neutrali durante le prime fasi della Seconda Guerra Mondiale, iniziarono a fornire rifornimenti agli Alleati nel marzo 1941, attraverso il programma Lend-Lease. Il 7 dicembre 1941 il Paese si unì alla lotta degli Alleati contro le potenze dell'Asse, dopo l'attacco giapponese a Pearl Harbor. La Seconda Guerra Mondiale diede impulso all'economia fornendo capitale d'investimento e posti di lavoro, facendo entrare molte donne nel mercato del lavoro. Tra i grandi combattenti, gli Stati Uniti sono stati l'unica nazione ad arricchirsi con la guerra. Le discussioni a Bretton Woods e Yalta crearono un nuovo sistema di organizzazione internazionale che pose il Paese e l'Unione Sovietica al centro degli affari mondiali. Nel 1945, alla fine della seconda guerra mondiale in Europa, un incontro internazionale tenutosi a San Francisco elaborò la Carta delle Nazioni Unite, entrata in vigore dopo la guerra. Avendo sviluppato la prima arma nucleare, il governo decise di utilizzarla nelle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki nell'agosto dello stesso anno. Il Giappone si arrese il 2 settembre, ponendo fine alla guerra.

Guerra fredda ed era dei diritti civili

Nella Guerra Fredda, gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica hanno gareggiato dopo la Seconda Guerra Mondiale, controllando gli affari militari dell'Europa attraverso la NATO e il Patto di Varsavia. Il primo sostenne la democrazia liberale e il capitalismo, mentre il secondo favorì il comunismo e l'economia pianificata dal governo. Entrambi sostenevano diverse dittature e partecipavano a guerre per procura. Tra il 1950 e il 1953, le truppe statunitensi hanno combattuto le forze comuniste cinesi nella guerra di Corea. Dalla rottura con l'URSS e l'inizio della Guerra Fredda fino al 1957, il McCarthyismo chiamato anche il Secondo Terrore Rosso, si sviluppò all'interno degli Stati Uniti. Lo Stato scatenò un'ondata di maltrattamenti politici e una campagna di pregiudizi contro i comunisti, che alcuni autori indicano come uno Stato totalitario. Centinaia di persone sono state arrestate, tra cui celebrità, e tra le 10.000 e le 12.000 persone hanno perso il lavoro. L'abuso è finito quando i tribunali lo hanno dichiarato incostituzionale.

Nel 1961, il lancio sovietico della prima navicella spaziale ad equipaggio umano indusse il presidente John F. Kennedy a proporre al Paese di essere il primo a mandare "un uomo sulla Luna", fatto compiuto nel 1969. Kennedy affrontò anche un teso conflitto nucleare con le forze sovietiche a Cuba, mentre l'economia cresceva e si espandeva costantemente. Un movimento crescente per i diritti civili, rappresentato e guidato da afroamericani come Rosa Parks, Martin Luther King, Jr. e James Bevel, ha usato la nonviolenza per affrontare la segregazione e la discriminazione. Dopo l'assassinio di Kennedy nel 1963, il Civil Rights Act del 1964 e il VotingRights Act del 1965 sono stati approvati durante il mandato del presidente Lyndon B. Johnson. Johnson e il suo successore, Richard Nixon, guidarono una guerra civile nel Sud-Est asiatico, assistente della fallita guerra del Vietnam. Cresceva un movimento di controcultura generalizzata, spinto dall'opposizione alla guerra, al nazionalismo nero e alla rivoluzione sessuale. E' emersa anche una nuova ondata di movimenti femministi, guidati da Betty Friedan, Gloria Steinem e altre donne che cercavano l'equità politica, sociale ed economica.

Nel 1974, in seguito allo scandalo Watergate, Nixon divenne il primo presidente a dare le dimissioni, per evitare di essere licenziato con accuse di ostruzione alla giustizia e abuso di potere, e gli successe il vicepresidente Gerald Ford. La presidenza di Jimmy Carter negli anni Settanta è stata segnata dalla stagflazione e dalla crisi degli ostaggi in Iran. L'elezione di Ronald Reagan a presidente nel 1980 ha annunciato un cambiamento nella politica statunitense, che si è riflesso in significativi cambiamenti nelle tasse e nelle spese fiscali. Il suo secondo mandato portò con sé l'affare Iran-Contra e i significativi progressi diplomatici con l'Unione Sovietica. Il successivo crollo sovietico pose fine alla guerra fredda.

Storia moderna

Sotto il presidente George H. W. Bush, il Paese assunse un ruolo dominante a livello mondiale, come nella Guerra del Golfo (1991). L'espansione economica più lunga della storia moderna americana, dal marzo 1991 al marzo 2001, ha riguardato la presidenza di Bill Clinton e la bolla delle dot-com. Una causa civile e uno scandalo sessuale lo portarono all'impeachment nel 1998, anche se riuscì a terminare il suo periodo. Le elezioni presidenziali del 2000, una delle più competitive della storia americana, sono state risolte dalla Corte Suprema: George W. Bush, figlio di George H. W. Bush, divenne presidente, anche se guadagnò meno voti del suo avversario Al Gore.

L'11 settembre 2001 i terroristi del gruppo di Al-Qaeda hanno attaccato le torri gemelle del World Trade Center di New York City (che sono state distrutte) e il Pentagono vicino a Washington D.C. , in una serie di attacchi che hanno messo fine alla vita di quasi tremila persone. In risposta, l'amministrazione Bush ha lanciato la "Guerra al Terrore". Alla fine del 2001, le forze statunitensi hanno invaso l'Afghanistan, rovesciato il governo talebano e distrutto i campi di addestramento di Al-Qaeda. Gli insorti talebani continuano a combattere una guerra di guerriglia. Nel 2002, Bush ha iniziato a spingere per un cambio di regime in Iraq. Con la mancanza di sostegno della NATO e senza un chiaro ordine dell'ONU per l'intervento militare, Bush ha organizzato la coalizione dei volenterosi; le forze della coalizione hanno rapidamente invaso l'Iraq nel 2003 e hanno rovesciato la statua del dittatore Saddam Hussein. L'anno successivo, Bush è stato rieletto come il presidente più votato alle elezioni.

Nel 2005 l'uragano Katrina, che finirà per essere il più mortale disastro naturale della storia nazionale, ha causato gravi distruzioni lungo la costa del Golfo: la città di New Orleans è stata devastata, con 1833 morti.

Il 4 novembre 2008, durante una crisi economica globale, Barack Obama è stato eletto presidente, essendo stato il primo afroamericano ad entrare in carica. Nel maggio 2011, le forze speciali americane sono riuscite a uccidere Osama bin Laden, nascosto in Pakistan. L'anno successivo, Barack Obama è stato rieletto. Durante il suo secondo mandato, ha guidato la guerra contro lo Stato islamico e ha ripristinato le relazioni diplomatiche con Cuba.

L'8 novembre 2016, il leader del Partito Repubblicano Donald Trump ha sconfitto l'ex First Lady Hillary Clinton per la presidenza in un'insolita elezione e i cui piani sono stati descritti dagli analisti politici come populisti, protezionisti e nazionalisti, assumendo l'incarico il 20 gennaio 2017.

I massacri di Orlando del 12 giugno 2016 nella discoteca gay Pulse (51 morti) e a Las Vegas il 1° ottobre 2017 (60) sono elencati come i più grandi massacri del Paese dall'11 settembre.

Un antico palazzo costruito dagli Anasazi nel Parco Nazionale di Mesa Verde, patrimonio dell'umanità dell'UNESCO in Colorado.
Un antico palazzo costruito dagli Anasazi nel Parco Nazionale di Mesa Verde, patrimonio dell'umanità dell'UNESCO in Colorado.

Dichiarazione di indipendenza , di John Trumbull, 1817-18
Dichiarazione di indipendenza , di John Trumbull, 1817-18

Acquisti a terra per data.
Acquisti a terra per data.

Battaglia di Gettysburg , litografia di Currier e Ives, 1863 ca.
Battaglia di Gettysburg , litografia di Currier e Ives, 1863 ca.

Immigrati che sbarcano a Ellis Island, New York, 1902.
Immigrati che sbarcano a Ellis Island, New York, 1902.

Una fattoria abbandonata in South Dakota durante il Dust Bowl, nel 1936.
Una fattoria abbandonata in South Dakota durante il Dust Bowl, nel 1936.

Soldati dell'esercito degli Stati Uniti che stavano per sbarcare il 6 giugno 1944 a Omaha Beach (Francia) durante la battaglia di Normandia della Seconda Guerra Mondiale.
Soldati dell'esercito degli Stati Uniti che stavano per sbarcare il 6 giugno 1944 a Omaha Beach (Francia) durante la battaglia di Normandia della Seconda Guerra Mondiale.

Martin Luther King, Jr. pronuncia il suo famoso discorso "I Have a Dream" nel 1963.
Martin Luther King, Jr. pronuncia il suo famoso discorso "I Have a Dream" nel 1963.

L'esplosione di "Baker", parte dell'Operazione Crossroads, a Bikini Atoll, in Micronesia, nel 1946.
L'esplosione di "Baker", parte dell'Operazione Crossroads, a Bikini Atoll, in Micronesia, nel 1946.

Richard Nixon lascia la Casa Bianca dopo le dimissioni a seguito dello scandalo Watergate, il 9 agosto 1974.
Richard Nixon lascia la Casa Bianca dopo le dimissioni a seguito dello scandalo Watergate, il 9 agosto 1974.

Un grande cumulo di polvere circonda la città di New York dopo il crollo delle Torri Gemelle dopo l'attacco terroristico dell'11 settembre 2001.
Un grande cumulo di polvere circonda la città di New York dopo il crollo delle Torri Gemelle dopo l'attacco terroristico dell'11 settembre 2001.

Il presidente Donald Trump con il suo predecessore Barack Obama, il primo presidente afroamericano.
Il presidente Donald Trump con il suo predecessore Barack Obama, il primo presidente afroamericano.

Governo

Gli Stati Uniti sono una repubblica federale. Il governo federale degli Stati Uniti è istituito dalla Costituzione. Ci sono tre rami. Sono il ramo esecutivo, il ramo legislativo e il ramo giudiziario. I governi statali e il governo federale lavorano in modi molto simili. Ogni Stato ha i propri rami esecutivo, legislativo e giudiziario. Il ramo esecutivo di un governo statale è guidato da un governatore, invece che da un presidente.

Settore esecutivo

Il ramo esecutivo è la parte del governo che fa rispettare la legge. I membri del Collegio Elettorale degli Stati Uniti eleggono un presidente che è il leader del ramo esecutivo, così come il leader delle forze armate. Il presidente può porre il veto su un disegno di legge che il Congresso ha approvato, in modo che non diventi una legge. Il presidente può anche impartire "ordini esecutivi" per garantire che la gente segua la legge.

Il presidente è responsabile di molti dipartimenti che controllano gran parte delle azioni quotidiane del governo. Ad esempio, il Dipartimentodel Commercio stabilisce le regole del commercio. Il presidente sceglie i capi di questi dipartimenti e nomina anche i giudici federali. Tuttavia, il Senato, che fa parte del ramo legislativo, deve essere d'accordo con tutte le persone che il presidente sceglie. Il presidente può servire per due mandati di 4 anni.

Settore legislativo

Il ramo legislativo fa le leggi. Il ramo legislativo si chiama Congresso degli Stati Uniti. Il Congresso è diviso in due "case".

Una casa è la Camera dei Rappresentanti. I rappresentanti sono eletti ciascuno da elettori di una determinata area all'interno di uno Stato. Il numero di rappresentanti di uno Stato si basa sul numero di persone che vi abitano. I rappresentanti durano due anni. Il numero totale dei rappresentanti oggi è di 435. Il leader della Camera dei Rappresentanti è il Presidente della Camera.

L'altra casa è il Senato. In Senato ogni Stato è rappresentato in modo uguale da due senatori. Poiché ci sono 50 stati, ci sono 100 senatori. I trattati del Presidente o le nomine dei funzionari hanno bisogno dell'approvazione del Senato. I senatori sono in carica per sei anni. Il vicepresidente degli Stati Uniti serve come presidente del Senato. In pratica, il vicepresidente è di solito assente dal Senato, e un senatore serve come presidente pro tempore, o presidente temporaneo, del Senato.

Rappresentanti e senatori propongono leggi, chiamate "leggi", nelle loro rispettive case. Un disegno di legge può essere votato subito da tutta la Camera o può andare prima ad un piccolo gruppo, noto come comitato, che può raccomandare un disegno di legge per il voto di tutta la Camera. Se un'assemblea vota per l'approvazione di un disegno di legge, il disegno di legge viene inviato all'altra assemblea; se entrambe le assemblee lo votano, viene inviato al presidente, che può firmare il disegno di legge o porre il veto. Se il presidente pone il veto, il disegno di legge viene rinviato al Congresso. Se il Congresso vota di nuovo e approva la proposta di legge con una maggioranza di almeno due terzi, la legge diventa legge e non può essere sottoposta al veto del presidente.

Nel sistema americano del federalismo, il Congresso non può fare leggi che controllano direttamente gli stati; invece, il Congresso può usare la promessa di fondi federali, o circostanze speciali come le emergenze nazionali, per incoraggiare gli stati a seguire la legge federale. Questo sistema è complesso e unico nel suo genere.

Ramo giudiziario

Il ramo giudiziario è la parte del governo che interpreta il significato della legge. Il ramo giudiziario è composto dalla Corte Suprema e da molti tribunali di grado inferiore. Se la Corte Suprema decide che una legge non è ammessa dalla Costituzione, si dice che la legge è "abbattuta" e non è più una legge valida.

La Corte Suprema è composta da nove giudici, chiamati giudici, nominati dal Presidente e confermati dal Senato. Uno di questi giudici, chiamato giudice capo, è a capo della corte. Un giudice della Corte Suprema serve fino alla sua morte o alle sue dimissioni (si dimette a metà del suo mandato). Quando ciò accade, il presidente nomina qualcuno di nuovo per sostituire il giudice che ha lasciato. Se il Senato è d'accordo con questa scelta, la persona diventa una giustizia. Se il Senato non è d'accordo con la scelta del presidente, allora il presidente deve nominare qualcun altro.

Famosi casi giudiziari come quello Marbury contro Madison (deciso nel 1803) hanno stabilito con fermezza che la Corte Suprema è l'interprete finale della Costituzione degli Stati Uniti e ha il potere di abbattere qualsiasi legge che sia in conflitto con essa.

Il lato ovest del Campidoglio degli Stati Uniti, sede del Congresso degli Stati Uniti
Il lato ovest del Campidoglio degli Stati Uniti, sede del Congresso degli Stati Uniti

Politica

Gli Stati Uniti d'America sono costituiti da 50 stati, 5 territori e 1 distretto (Washington D.C.). Gli Stati possono fare leggi sulle cose all'interno dello Stato, ma la legge federale riguarda le cose che hanno a che fare con più di uno Stato o che hanno a che fare con altri paesi. In alcune aree, se il governo federale fa leggi che dicono cose diverse dalle leggi statali, la gente deve seguire la legge federale perché la legge statale non è più una legge. Ogni Stato ha una propria costituzione, diversa da quella federale (nazionale). Ognuna di queste è come la Costituzione federale perché dice come è costituito il governo di ogni Stato, ma alcuni parlano anche di leggi specifiche.

Il governo federale e la maggior parte dei governi statali sono dominati da due partiti politici: i repubblicani e i democratici. Ci sono molti partiti più piccoli; i più grandi sono il Partito Libertario e il Partito Verde. La gente aiuta nelle campagne politiche che gli piacciono. Cercano di persuadere i politici ad aiutarli; questo si chiama lobbying. Tutti gli americani possono fare queste cose, ma alcuni hanno e spendono più soldi di altri, o in altri modi fanno di più in politica. Alcuni pensano che questo sia un problema, e fanno pressioni affinché le regole vengano fatte per cambiarlo.

Dal 2017, il presidente è un repubblicano, e anche il Congresso è controllato dai repubblicani, quindi i repubblicani hanno più potere nel governo federale. Ci sono ancora molti Democratici potenti che possono cercare di impedire ai Repubblicani di fare cose che ritengono dannose per il Paese. Inoltre, i membri di un partito al potere non sempre sono d'accordo su cosa fare. Se un numero sufficiente di persone decide di votare contro i repubblicani alle prossime elezioni, perderà il potere. In una repubblica come gli Stati Uniti, nessun partito può fare quello che vuole. Tutti i politici devono discutere, scendere a compromessi e fare accordi tra di loro per fare le cose. Devono rispondere al popolo e assumersi la responsabilità dei loro errori.

La grande influenza culturale, economica e militare degli Stati Uniti ha reso la politica estera degli Stati Uniti, o le relazioni con altri paesi, un argomento della politica americana, e la politica di molti altri paesi.

Il sistema politico degli Stati Uniti
Il sistema politico degli Stati Uniti

Divisioni politiche

Stati

Gli Stati Uniti hanno conquistato e acquistato nuove terre nel corso del tempo, e sono cresciuti dalle 13 colonie originarie a est fino agli attuali 50 stati, di cui 48 sono uniti per formare gli Stati Uniti contigui. Questi Stati, chiamati i "48 inferiori", sono tutti raggiungibili su strada senza attraversare il confine con un altro Paese. Essi vanno dall'Atlantico a est al Pacifico a ovest. Ci sono altri due stati che non sono uniti ai 48 stati inferiori. L'Alaska può essere raggiunta passando per la British Columbia e lo Yukon, che fanno entrambi parte del Canada. Le Hawaii si trovano nel mezzo dell'Oceano Pacifico.

Washington, D.C. , la capitale nazionale, è un distretto federale che fu diviso dagli stati del Maryland e della Virginia nel 1791. Non fa parte di nessuno stato degli Stati Uniti, una volta aveva la forma di una piazza, con la terra ad ovest del fiume Potomac proveniente dalla Virginia e la terra ad est del fiume proveniente dal Maryland. Nel 1846, la Virginia si riprese la sua parte di terra. Alcune persone che vivono a Washington vogliono che diventi uno stato, o che il Maryland si riprenda la sua terra, in modo da avere il diritto di voto al Congresso.

Territori e possedimenti

Gli Stati Uniti sono costituiti da sedici terre che non sono stati, molti dei quali sono territori coloniali. Nessuna di esse ha confini terrestri con il resto degli Stati Uniti. La gente vive in cinque di questi luoghi, che sono di fatto americani:

  • Porto Rico
  • Samoa americane
  • Guam
  • Isole Vergini Americane
  • Isole Marianne Settentrionali

Le Filippine erano un possedimento degli Stati Uniti. Palau, gli Stati Federati di Micronesia e altre nazioni insulari del Pacifico erano governati dagli Stati Uniti come "Trust Territory" delle Nazioni Unite. Tutti questi luoghi sono diventati indipendenti: le Filippine nel 1946, Palau nel 1947 e la Micronesia nel 1986.

Le forze armate statunitensi hanno basi in molti Paesi, e la base della Marina degli Stati Uniti a Guantanamo Bay è stata affittata da Cuba dopo la rivoluzione comunista.

Contee e città

Tutti gli Stati sono suddivisi in suddivisioniamministrative. La maggior parte di esse sono chiamate contee, ma la Louisiana usa la parola "parrocchia" e l'Alaska usa la parola "distretto".

Ci sono molte città negli Stati Uniti. Una città in ogni stato è la capitale dello stato, dove si riunisce il governo dello stato e dove lavora il governatore. Questa città non è sempre la più grande del suo stato. Per esempio, la città con il maggior numero di abitanti è New York City nello stato di New York, ma la capitale dello stato è Albany. Altre grandi città sono Los Angeles, California; Chicago, Illinois; Seattle, Washington; Miami, Florida; Indianapolis, Indiana; Las Vegas, Nevada; Houston e Dallas, Texas; Philadelphia e Pittsburgh, Pennsylvania; Boston, Massachusetts; Denver, Colorado; St. Louis, Missouri e Detroit, Michigan.

Relazioni esterne e militari

Gli Stati Uniti sono molto influenti nell'economia globale, nella politica e nell'esercito. È membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e la sede centrale delle Nazioni Unite è a New York. È membro del G7, del G20 e dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. Quasi tutti i Paesi hanno ambasciate a Washington, D.C., e molti hanno consolati in tutto il Paese. Allo stesso modo, quasi tutte le nazioni ospitano missioni diplomatiche americane. Tuttavia, Iran, Corea del Nord, Bhutan e Taiwan non hanno relazioni diplomatiche formali con gli Stati Uniti. Gli Stati Uniti hanno un "rapporto speciale" con il Regno Unito e forti legami con il Canada, l'Australia, la Nuova Zelanda, il Giappone, la Corea del Sud e Israele.

Il presidente è il comandante in capo delle forzearmate del Paese e ne nomina i leader, il segretario della difesa e i Capi di Stato Maggiore. Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti amministra le forze armate, compreso l'Esercito, il Corpo dei Marines, la Marina e l'Aeronautica. La Guardia Costiera è gestita dal Dipartimento della Sicurezza Nazionale in tempo di pace e dal Dipartimento della Marina in tempo di guerra. Nel 2008, le forze armate avevano 1,4 milioni di uomini in servizio attivo, insieme a diverse centinaia di migliaia di persone ciascuna nelle Riserve e nella Guardia Nazionale per un totale di 2,3 milioni di uomini. Il Dipartimento della Difesa impiegava anche circa 700.000 civili, senza contare gli appaltatori.

Il bilancio militare degli Stati Uniti nel 2011 è stato di oltre 700 miliardi di dollari, il 41% della spesa militare globale e pari alle 14 maggiori spese militari nazionali messe insieme. Con il 4,7% del PIL, il tasso è stato il secondo più alto tra i primi 15 spenditori militari, dopo l'Arabia Saudita. La spesa per la difesa degli Stati Uniti in percentuale del PIL si è classificata al 23° posto a livello globale nel 2012 secondo la CIA. Il budget di base proposto dal Dipartimento della Difesa per il 2012, 553 miliardi di dollari, è stato un aumento del 4,2% rispetto al 2011; altri 118 miliardi di dollari sono stati proposti per le campagne militari in Iraq e Afghanistan. Le ultime truppe americane in servizio in Iraq sono partite nel dicembre 2011; 4.484 membri del servizio sono stati uccisi durante la guerra in Iraq. Circa 90.000 truppe americane erano in servizio in Afghanistan nell'aprile 2012; all'8 novembre 2013 erano stati uccisi 2.285 membri durante la guerra in Afghanistan.

Il Ministro degli Esteri britannico William Hague e il Segretario di Stato americano Hillary Clinton, maggio 2010
Il Ministro degli Esteri britannico William Hague e il Segretario di Stato americano Hillary Clinton, maggio 2010

La portaerei USS Abraham Lincoln.
La portaerei USS Abraham Lincoln.

Economia

Gli Stati Uniti hanno un'economia capitalista. Il paese ha ricche risorse minerarie, con molti giacimenti di oro, carbone e uranio. L'agricoltura rende il paese tra i primi produttori di, tra gli altri, mais, grano, zucchero e tabacco. L'edilizia abitativa contribuisce per circa il 15% al Prodotto Interno Lordo (PIL) degli Stati Uniti L'America produce automobili, aerei ed elettronica. Circa 3/4 degli americani lavorano nel settore dei servizi.

Cultura

Popolazione storica

Censimento

Pop.

1790

3,929,000

1800

5,308,000

35.1%

1810

7,240,000

36.4%

1820

9,638,000

33.1%

1830

12,866,000

33.5%

1840

17,063,000

32.6%

1850

23,192,000

35.9%

1860

31,443,321

35.6%

1870

38,558,371

22.6%

1880

50,189,209

30.2%

1890

62,979,766

25.5%

1900

76,212,168

21.0%

1910

92,228,531

21.0%

1920

106,021,568

15.0%

1930

123,202,660

16.2%

1940

132,164,569

7.3%

1950

151,325,798

14.5%

1960

179,323,175

18.5%

1970

203,211,926

13.3%

1980

226,545,805

11.5%

1990

248,709,873

9.8%

2000

281,421,906

13.2%

2010

308,745,538

9.7%

Negli Stati Uniti d'America ci sono persone di diverse razze ed etnie. L'80% della popolazione degli Stati Uniti discende da immigrati europei. Molte persone discendono dalla Germania, dall'Inghilterra, dalla Scozia, dall'Irlanda, dall'Africa e dall'Italia. Il 13% della popolazione degli Stati Uniti è afroamericana. La maggior parte di loro discende dagli schiavi africani che sono stati portati in America. Gli asiatici-americani costituiscono solo il 5% della popolazione in America, ma costituiscono una porzione più grande della costa occidentale. Per esempio, in California, gli asiatici-americani costituiscono il 13% della popolazione di quello stato. Gli ispano-americani o le persone di origine latina costituiscono il 15% della nazione. I popoli originari, chiamati nativi americani, indiani d'America, o amerindi e inuit (eschimesi) sono un gruppo molto piccolo.

L'11% della popolazione degli Stati Uniti è di origine straniera. Il 18% parla una lingua diversa dall'inglese a casa. Per le persone dai 25 anni in su, l'80% è laureato, mentre il 25% ha un diploma di laurea o superiore.

Il censimento del 2000 ha contato le ascendenze autodenunciate. Ha identificato 43 milioni di tedeschi-americani, 30,5 milioni di irlandesi-americani, 24,9 milioni di afroamericani, 24,5 milioni di inglesi-americani e 18,4 milioni di messicani-americani.

Denaro

La struttura sociale degli Stati Uniti ha una grande portata. Ciò significa che alcuni americani sono molto, molto più ricchi di altri. Il reddito medio (mediano) di un americano era di 37.000 dollari all'anno nel 2002. Tuttavia, l'1% degli americani più ricchi ha tanto denaro quanto il 90% più povero. Il 51% di tutte le famiglie ha accesso al computer e il 41% aveva accesso a Internet nel 2000, una cifra che nel 2004 era salita al 75%. Inoltre, il 67,9% delle famiglie americane possedeva la propria casa nel 2002. Ci sono 200 milioni di auto negli Stati Uniti, due ogni tre americani. Il debito è cresciuto fino a superare i 21 milioni di dollari.

Religione

Statisticamente negli Stati Uniti ci sono molte religioni diverse, la religione più grande è il cristianesimo, compresi gruppi come il cattolicesimo, il protestantesimo e il mormonismo. Altre religioni includono l'Induismo, l'Islam, l'Ebraismo, l'Universalismo Unitario, la Wicca, il Druidismo, il Baha'i, il Raelismo, lo Zoroastrismo, il Taoismo e il Giainismo. Le religioni che sono state fondate negli Stati Uniti includono Eckankar, Satanismo e Scientology. Le religioni dei nativi americani hanno varie credenze animistiche.

Gli Stati Uniti sono uno dei Paesi più religiosi del mondo occidentale, e la maggior parte degli americani crede in Dio. Il numero di cristiani negli Stati Uniti è diminuito. L'86,2% si è definito cristiano nel 1990 e il 78,4% lo ha detto nel 2007. Gli altri includono l'ebraismo (2,3%), l'islam (0,8%), il buddismo (0,7%), l'induismo (0,4%) e l'universalismo unitario (0,3%). Quelli che non hanno una religione sono al 16,1%. C'è una grande differenza tra coloro che dicono di appartenere a una religione e coloro che sono membri di un corpo religioso di quella religione.

I dubbi sull'esistenza di un Dio, di divinità o di dee sono più alti tra i giovani. Tra la popolazione non religiosa degli Stati Uniti ci sono deisti, umanisti, ignoranti, atei e agnostici.

Lingua

Lingue (2017)

Inglese (solo)

239 milioni

Spagnolo

41 milioni

Cinese

3,5 milioni

Tagalog

1,7 milioni

Vietnamita

1,5 milioni

Arabo

1,2 milioni

Francese

1,2 milioni

Coreano

1,1 milioni

Russo

0,94 milioni

Tedesco

0,92 milioni

L'inglese (inglese americano) è la lingua nazionale de facto. Anche se non esiste una lingua ufficiale a livello federale, alcune leggi - come i requisiti di naturalizzazione degli Stati Uniti - standardizzano l'inglese. Nel 2010, circa 230 milioni di persone, ovvero l'80% della popolazione di cinque anni e più, parlavano solo inglese a casa. Lo spagnolo, parlato dal 12% della popolazione a casa, è la seconda lingua più comune e la seconda lingua più insegnata. Alcuni americani sostengono che l'inglese sia la lingua ufficiale del Paese, così come lo è in almeno ventotto Stati. Sia l'hawaiano che l'inglese sono lingue ufficiali alle Hawaii per legge.

Mentre nessuno dei due ha una lingua ufficiale, il Nuovo Messico ha leggi che prevedono l'uso sia dell'inglese che dello spagnolo, come la Louisiana per l'inglese e il francese. Altri stati, come la California, ordinano la pubblicazione delle versioni in spagnolo di alcuni documenti governativi, compresi i moduli dei tribunali. Molte giurisdizioni con un gran numero di non anglofoni producono materiale governativo, in particolare informazioni sul voto, nelle lingue più comunemente parlate in quelle giurisdizioni.

Diversi territori insulari concedono il riconoscimento ufficiale alla loro lingua madre, insieme all'inglese: Il samoano e il camorro sono riconosciuti rispettivamente dalle Samoa americane e dal Guam; il caroliniano e il camorro sono riconosciuti dalle Isole Marianne settentrionali; lo spagnolo è una lingua ufficiale di Puerto Rico e qui è più parlato dell'inglese.

Educazione

Nella maggior parte degli stati, i bambini sono tenuti a frequentare la scuola dall'età di sei o sette anni (in genere, scuola materna o prima elementare) fino al compimento del diciottesimo anno di età (in genere li porta fino alla dodicesima classe, alla fine del liceo); alcuni stati permettono agli studenti di lasciare la scuola a sedici o diciassette anni. Circa il 12% dei bambini è iscritto a scuole private parrocchiali o non settarie. Poco più del 2% dei bambini sono istruiti a casa.


[
{[103149-81029]}]


La cultura popolare americana si diffonde in molti luoghi del mondo. Ha una grande influenza sulla maggior parte del mondo, specialmente sul mondo occidentale. La musica americana si sente in tutto il mondo, e i film e gli spettacoli televisivi americani si possono vedere nella maggior parte dei paesi.

Vacanze federali

Data

Nome

Descrizione

1 gennaio

Capodanno

Festeggia l'inizio dell'anno

3° lunedì di gennaio

Martin Luther King, Jr. Giorno

Onora il Dr. Martin Luther King, Jr., leader dei diritti civili afro-americani

3° lunedì di febbraio

Festa del Presidente

Onora tutti i presidenti americani, ma in particolare George Washington (nato il 22 febbraio) e Abraham Lincoln (nato il 12 febbraio)

Ultimo lunedì di maggio

Giorno della Memoria

Onori militari, che hanno dato la vita, segna anche il tradizionale inizio dell'estate

4 luglio

Giorno dell'Indipendenza

Celebra la Dichiarazione d'Indipendenza; altrimenti nota come "Il 4 luglio".

1° lunedì di settembre

Festa del lavoro

Celebra le conquiste dei lavoratori e segna la tradizionale fine dell'estate

2° lunedì di ottobre

Columbus Day

Onora Cristoforo Colombo, l'uomo che ha scoperto le Americhe per l'Europa (non celebrato in alcuni stati, come il Montana)

11 novembre

Giornata dei veterani

Onora tutti i militari (passati e presenti)

4° giovedì di novembre

Ringraziamento

Il raccolto autunnale, e segna il tradizionale inizio della "stagione delle vacanze".

25 dicembre

Natale

Celebra la nascita di Gesù Cristo (i non cristiani la celebrano come una festa invernale)

Bandiera

La bandiera americana è composta da 50 stelle su sfondo blu, con 13 strisce, sette rosse e sei bianche. È uno dei tanti simboli degli Stati Uniti come l'Aquila Calva. Le 50 stelle rappresentano i 50 stati. Il rosso sta per coraggio. Il blu sta per giustizia. Il bianco rappresenta la pace e la pulizia. Le 13 strisce rappresentano le 13colonieoriginali.

La bandiera degli Stati Uniti
La bandiera degli Stati Uniti


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3