Lee Harvey Oswald

Lee Harvey Oswald (18 ottobre 1939 - 24 novembre 1963) era, secondo cinque indagini governative, il cecchino che assassinò il presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy a Dallas, Texas, il 22 novembre 1963.

Un ex marine degli Stati Uniti che ha vissuto in Unione Sovietica per quasi 3 anni, Oswald è stato arrestato per la prima volta per l'omicidio dell'ufficiale di polizia J. D. Tippit (1924-1963), che era stato ucciso in una strada di Dallas poco dopo l'uccisione di Kennedy. Anche lui fu presto sospettato della morte di Kennedy.

Poco dopo essere stato arrestato, Oswald ha parlato con i giornalisti in un corridoio. Oswald gridò: "Non ho sparato a nessuno" e "Mi hanno preso per il fatto che vivevo in Unione Sovietica". Sono solo un capro espiatorio". (un capro espiatorio o qualcuno che viene incolpato per qualcosa che qualcun altro ha effettivamente fatto). Più tardi, durante una riunione con la stampa, un giornalista chiese: "Hai ucciso il Presidente?" e Oswald rispose: "No, non sono stato accusato di questo. In realtà, nessuno me l'ha ancora detto. La prima cosa che ho sentito è stata quando i giornalisti del giornale in sala mi hanno fatto questa domanda". Mentre lo conducevano dalla sala, la domanda fu: "Cosa hai fatto in Russia?" e "Come ti sei fatto male all'occhio?"; Oswald rispose: "Un poliziotto mi ha colpito".

Due giorni dopo, mentre veniva trasferito dalla sede della polizia alla prigione della contea, Oswald è stato colpito e ferito a morte dal proprietario del nightclub Jack Ruby, in piena vista delle telecamere che trasmettevano in diretta.

Studio della Commissione Warren

Nel 1964, la Warren Commission concluse che Oswald aveva agito da solo nell'uccisione di Kennedy, una conclusione raggiunta in precedenza dall'FBI e dalla polizia di Dallas. Nel 1979, la Commissione di Selezione della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti d'Assassinii decise che Kennedy era stato ucciso da Oswald, ma concluse anche che la morte di Kennedy era probabilmente il risultato di una cospirazione. I membri di questa probabile cospirazione non furono identificati.

Storia della famiglia

Oswald era nato a New Orleans, 2 mesi dopo la morte del padre, e sua madre lo trasferì insieme a due fratelli in diverse città, sposando un terzo marito per 3 anni, 1945-48. Dopo aver frequentato 12 scuole, intorno a Fort Worth, New York City e New Orleans, Oswald lasciò la decima classe, all'età di 16 anni, e lavorò come impiegato d'ufficio. Tornato in Texas nel luglio 1956, Oswald entrò in decima classe a Fort Worth, ma lasciò di nuovo la scuola, a 17 anni in ottobre, per entrare nei Marines degli Stati Uniti, come suo fratello Robert, dopo che il loro fratellastro John Pic si era unito alla Guardia Costiera. Nel 1959, Oswald fu congedato con difficoltà (per la salute della madre) per lasciare i Marines, ma lasciò l'Unione Sovietica per quasi 3 anni. Dopo aver sposato Marina, figlia di un funzionario della sicurezza sovietica, nel giugno del 1962, si è trasferito di nuovo negli Stati Uniti con lei e la loro figlia.

Si stabilirono a Dallas, con la madre e il fratello Robert. Oswald lavorò 3 mesi in un'azienda di saldatura, poi lavorò in una tipografia da ottobre fino al licenziamento nell'aprile 1963. Oswald fu poi sospettato del tentativo del 10 aprile di sparare al generale Edwin Walker, usando un fucile (e una pistola) che aveva ricevuto per corrispondenza in marzo. Oswald e Marina si trasferirono rapidamente a New Orleans in aprile, ma lei ritornò a Dallas alla fine di settembre 1963, quando lui si recò in Messico con il progetto fallito di andare a Cuba e in URSS. Invece, tornò a Dallas e iniziò a lavorare al Texas School Book Depository il 16 ottobre 1963. L'FBI stava indagando su Marina come possibile spia sovietica. Questo un mese prima delle sparatorie del presidente Kennedy e dell'ufficiale Tippit.

Oswald morì il 24 novembre 1963, a causa di una ferita d'arma da fuoco di Jack Ruby. Gli sopravvissero la moglie Marina, la figlia June, di 2 anni, e la figlia Rachel, di un mese.

un grido d'angoscia di Oswald Oswald crollò sulla pavimentazione in cemento, mentre le sue mani ammanettate si stringevano all'addome e si contorcevano dal dolore, gemendo. Poco dopo perse conoscenza. La folla fuori dal quartier generale scoppiò ad applaudire quando seppe che Oswald era stato colpito. un detective della polizia Billy Combest riconobbe improvvisamente Ruby ed esclamò: "Jack, figlio di puttana!"


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3