William Boyce

William Boyce (nato a Londra l'11 settembre 1711; morto a Kensington il 7 febbraio 1779) è uno dei più importanti compositori inglesi del XVIII secolo. Componeva durante gli ultimi anni del periodo barocco e i primi anni del periodo classico. È famoso per la sua musica da chiesa così come per la musica per il teatro e la musica orchestrale.

William Boyce
William Boyce

Vita

I primi anni

Boyce è nato nella City di Londra. Suo padre era un ebanista. La sua casa era conosciuta per l'insegna di un Naked Boy che era appesa fuori.

Boyce fu corista alla Cattedrale di St Paul e poi studiò musica con Maurice Greene dopo che la sua voce si ruppe. Una volta terminati gli studi, ottenne un lavoro come organista alla cappella del conte di Oxford in Cavendish Square. Due anni dopo andò alla St Michael's Cornhill. Studiava ancora musica, ora il suo insegnante era Pepusch.

Boyce ha scritto canzoni per Vauxhall Gardens. Molte persone avranno sentito queste canzoni. Divenne compositore della Cappella Reale nel 1736. Questo fu un grande onore. Scrisse diverse grandi opere, anche se non sappiamo molto su di esse o sulle loro esecuzioni. Durante gli anni 1740 compose un'opera teatrale chiamata The Secular Masque. Le parole erano di John Dryden. Nel 1749 gli fu dato il titolo di Dottore in Musica dopo un'esecuzione del suo inno O be joyful.

Anni di fama

Boyce era ormai molto famoso. Andò a vivere in una grande casa a Chancery Lane. Sembra che si sia sposato e abbia messo su famiglia. Gli fu chiesto di comporre per il teatro di Drury Lane. È sorprendente che non gli fosse stato chiesto di scrivere musica per il teatro prima. Può essere perché stava diventando sordo. Questo gli avrebbe reso difficile provare la sua musica con l'orchestra.

Boyce scrisse una buona quantità di musica per il teatro. Sembra che ci sia stata una certa rivalità con il compositore Thomas Arne. Probabilmente i compositori stessi non volevano questa rivalità, essa era incoraggiata dai loro sostenitori.

Nel 1755, quando Maurice Green morì, William Boyce fu nominato Maestro di Musica del Re al suo posto. Gli fu chiesto di comporre odi per ogni nuovo anno e per il compleanno del re. Fece questo per il resto della sua vita.

Anni successivi e reputazione

Non molte delle opere di Boyce furono pubblicate durante la sua vita. Ha scritto otto sinfonie. Le prime sono in stile barocco. Più tardi il suo stile cominciò a cambiare per diventare più classico, ma quando era molto sordo non poteva sentire la nuova musica che veniva composta da altre persone, così il suo stile non si sviluppò più. Passò molto del suo tempo a mettere insieme una collezione di musica da chiesa chiamata Cathedral Music. Includeva musica da due secoli di musica da chiesa inglese, specialmente musica di John Blow, Henry Purcell, Pelham Humfrey e Orlando Gibbons. Incoraggiava i cantanti a cantare con una partitura davanti a loro (musica che mostra tutte le parti cantate) invece che solo la parte che cantavano, in modo che potessero vedere come la loro parte si adattava alle altre. Questo è normale oggi, ma era un'idea nuova all'epoca. Doveva passare molto del suo tempo a scrivere musica poco importante per il re, che difficilmente sarebbe stata eseguita più di una volta.

La sua musica

Boyce è meglio conosciuto per le sue otto sinfonie, i suoi inni e le sue odi. Scrisse anche la masque Peleus and Thetis e canzoni per la Secular Masque di John Dryden, musica incidentale per The Tempest, Cymbeline, Romeo and Juliet e The Winter's Tale di William Shakespeare, e molta musica da camera incluso un set di dodici trio sonate. Compose anche la marcia navale britannica e canadese "Heart of Oak". Il testo fu poi scritto da David Garrick. La sua musica è sempre scritta con maestria, specialmente le sue fughe e le sue danze.

Boyce fu in gran parte dimenticato dopo la sua morte. Nel XIX secolo era conosciuto soprattutto per l'edizione di Cathedral Music. Oggi alcuni dei suoi pezzi orchestrali e strumentali sono spesso suonati.


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3