Stephen Hopkins (passeggero della Mayflower)

Stephen Hopkins (1581 - 1644) fu un passeggero del Mayflower nel 1620 e firmò il Mayflower Compact. Fu anche assistente del governatore della colonia di Plymouth nel 1636.

Hopkins nacque nel 1581 a Upper Clatford, Hampshire, Inghilterra ed era il figlio di John ed Elizabeth Hopkins. Lavorò come conciatore e commerciante.

Ci sono poche informazioni sulla sua prima vita. Sposò una donna di nome Mary ed ebbero tre figli: Elizabeth, Constance e Giles.

Mayflower nel porto di Plymouth di William Halsall (1882)
Mayflower nel porto di Plymouth di William Halsall (1882)

Le prime avventure nel Nuovo Mondo

Il 2 giugno 1609 Hopkins salpò sull'Oceano Atlantico per Jamestown, in Virginia, sulla Sea Venture. Questa era la nave principale di un gruppo di navi guidate da Sir George Somers. La Sea Venture stava trasportando il nuovo governatore di Jamestown, Thomas Gates, e stava anche consegnando i rifornimenti a Jamestown.

Le navi erano in mare da quasi due mesi quando una forte tempesta, durata cinque giorni, le separò. La Sea Venture era gravemente danneggiata e stava per affondare. Videro la terraferma che era l'isola di Bermuda. Arrivarono a terra ma naufragarono sull'isola. Fortunatamente c'era molto cibo e acqua.

Il 1° settembre 1609, costruirono una lunga barca e mandarono 8 uomini a cercare di raggiungere Jamestown per chiedere aiuto, ma quella barca non tornò mai più.

Alla fine di novembre 1609, cominciano a riparare barche più piccole abbastanza per portare tutti fuori dall'isola e continuare verso Jamestown. Hopkins e altre persone non erano d'accordo con il capitano Gates e non pensavano che fosse un buon leader. Ebbero una disputa e Hopkins fu accusato di ammutinamento. Fu condannato a morte ma la gente sulla nave pregò il capitano di avere pietà e Hopkins fu perdonato.

I coloni di Jamestown non andavano d'accordo con i nativi americani e si rifiutavano anche di coltivare il cibo. A volte imbrogliavano i nativi americani e questi si rivoltarono contro i coloni con la violenza che durò per anni.

Il 10 maggio 1610, Hopkins e altri lasciarono l'isola di Bermuda e arrivarono a Jamestown undici giorni dopo. Gli abitanti di Jamestown stavano morendo di fame. Avevano paura di uscire dal forte e stavano abbattendo le loro case per ottenere legna da ardere. Non stavano piantando colture. Si rifiutavano anche di commerciare con i nativi americani o di pescare. Quando arrivò dalle Bermuda, il governatore Gates stimò che c'erano rimasti solo giorni di cibo. Decise di salpare verso Terranova e poi andare in Inghilterra. Proprio mentre si preparavano a partire, una nave inglese entrò nel porto con rifornimenti e nuovi coloni insieme a un nuovo governatore, Lord de la Warr. I coloni furono costretti a tornare e ristabilire il loro forte.

William Shakespeare scrisse un'opera chiamata La Tempesta nel novembre 1611. Parla di un gruppo di passeggeri che naufragano a causa di una potente tempesta. Quell'opera ha un personaggio che doveva essere Stephen Hokpins.

Tornato in Inghilterra, la moglie di Hopkins, Mary, morì inaspettatamente nel maggio 1613, lasciando i suoi tre figli piccoli tutti soli. Hopkins tornò in Inghilterra per prendersi cura dei suoi figli. Qualche tempo dopo sposò la sua seconda moglie Elizabeth Fisher.

Quando Hopkins venne a sapere del previsto viaggio della ''Mayflower'' verso la Virginia settentrionale per fondare una colonia, decise che gli sarebbe piaciuto andare.

I figli di Stephen ed Elizabeth Hopkins erano Damaris, Oceanus, Caleb, Deborah, Damaris, Ruth ed Elizabeth. Oceanus nacque durante il viaggio.

Il viaggio della Mayflower

Hopkins lasciò Plymouth, Inghilterra, il 16 settembre 1620. C'erano 102 passeggeri e 30-40 membri dell'equipaggio. Il 19 novembre 1620 la Mayflower avvistò la terra. La Mayflower avrebbe dovuto sbarcare nella colonia della Virginia, ma la nave fu danneggiata e furono costretti a sbarcare il 21 novembre a Cape Cod, ora chiamato Provincetown Harbor. Scrissero il Mayflower Compact, che stabiliva le regole su come avrebbero vissuto e si sarebbero trattati a vicenda. Hopkins firmò il Mayflower Compact.

Firma del Mayflower Compact 1620 , un dipinto di Jean Leon Gerome Ferris 1899
Firma del Mayflower Compact 1620 , un dipinto di Jean Leon Gerome Ferris 1899

Nella colonia di Plymouth

Hopkins e altri uomini andarono a esplorare la zona per trovare un posto dove tutti potessero vivere. Hopkins era molto prezioso perché aveva esperienza dal suo periodo a Jamestown.

Una delle prime missioni includeva William Bradford, John Carver, Myles Standish, Edward Winslow, John Howland, Richard Warren, Stephen Hopkins e Edwary Doty. Bradford scrisse che partirono con un tempo gelido, "e quando salparono gli spruzzi di sale si congelarono sui loro cappotti, come se fossero stati smaltati". Di questo gruppo Hopkins era il più esperto, avendo trascorso del tempo a Jamestown. Durante il loro viaggio osservarono dei nativi americani che sembravano fare a pezzi una grande balena, ma quando videro gli uomini avvicinarsi i nativi fuggirono.

Hopkins insegnò ai pellegrini a cacciare e a fare amicizia con i nativi americani. Il primo incontro con i nativi americani Samoset e Massasoit si tenne a casa di Hopkins. Nel corso degli anni Hopkins fu di grande aiuto ai leader della colonia come Myles Standish e Edward Winslow.

Testamento e morte di Stephen Hopkins

Stephen Hopkins morì tra il 6 giugno 1644 e il 17 luglio dello stesso anno. Fece il suo testamento il 6 giugno 1644 e chiese di essere sepolto accanto alla sua defunta moglie, Elizabeth. L'inventario fu fatto il 17 luglio 1644 e oltre alla moglie defunta, menziona i figli Giles e Caleb, la figlia Constance, moglie di Nicholas Snow, le figlie Deborah, Damaris, Ruth ed Elizabeth. Il luogo di sepoltura di Stephen Hopkins è sconosciuto".



AlegsaOnline.com - 2020 - License CC3