Gioco

Play è una parola usata in psicologia ed etologia per descrivere le attività volontarie associate al piacere e al godimento ricreativo e all'apprendimento precoce nei mammiferi. Anche se tutti capiscono il significato della parola, è estremamente difficile da definire. Il gioco è di solito collegato ai bambini e alle loro attività a livello giovanile, ma può anche essere un'attività utile per gli adulti, e si verifica anche tra altri animali con funzioni superiori.

Molti dei più importanti ricercatori nel campo della psicologia (tra cui William James, Sigmund Freud, Carl Jung, Jean Piaget e Lev Vygotsky) hanno considerato il gioco come endemico della specie umana. Il gioco può essere frivolo, ma anche serio. Un giocatore può essere intensamente concentrato sul suo obiettivo (nella zona), in particolare quando il gioco è strutturato e orientato all'obiettivo, come in un gioco. Di conseguenza, il gioco può variare da rilassato, libero e spontaneo a frivolo, pianificato o addirittura compulsivo.

Bambino che gioca con le bolle
Bambino che gioca con le bolle

gattino al gioco
gattino al gioco

Funzione di gioco

Ci sono state due importanti revisioni della ricerca sul gioco animale, ed entrambe hanno detto che è estremamente difficile da definire. Il gioco è quasi universale nei mammiferi molto giovani, e anche in alcuni gruppi di uccelli come i pappagalli e i corvi. Pertanto, deve avere una funzione, ma qual è questa funzione? Sicuramente non è la sopravvivenza immediata. Infatti, i giovani animali di molte specie possono rischiare la vita giocando. prefazione Eppure, poiché sopravvive in così tante specie, deve avere un valore di sopravvivenza. Questo, come dice Fagan, è un paradosso.

"Il problema di definire il gioco è una delle più grandi sfide della neurologia, della biologia comportamentale, della psicologia, dell'educazione e delle scienze sociali in generale. Burghardt. prefazione

L'idea principale è che il gioco è fondamentalmente utile, e quindi può essere spiegato dal normale processo di evoluzione per selezione naturale. Questo è stato proposto da Karl Groos più di un secolo fa, ed è ancora la spiegazione maggioritaria.

Identificazione del gioco

I ricercatori conoscono la difficoltà di decidere quando un comportamento è gioco e quando non lo è. Konrad Lorenz ha sviluppato un criterio. Per essere chiamato "gioco", il comportamento deve essere veramente distinto dalla risposta nella situazione normale. Così, il gioco-combattimento dei giovani cuccioli è molto diverso dai combattimenti seri tra cani, non solo un grado minore della stessa cosa.

"La differenza principale è... il mantenimento di tutte le inibizioni sociali nel gioco, anche nei tipi di gioco più esuberanti e appassionati. Soprattutto, l'inibizione contro i morsi veri e propri è mantenuta, mentre nei combattimenti seri, anche nelle più piccole dispute, questa inibizione è subito revocata".

Gioco per bambini

Il gioco può assumere la forma di improvvisazione o finzione, performance, mimica, giochi, sport. Il gioco può essere strutturato, con obiettivi e regole; quando questo è il caso, il gioco è un "gioco". Altri giochi sono destrutturati, senza regole. I guru dei giochi per bambini sono stati Iona e Peter Opie, che li hanno raccolti in Inghilterra nel secondo dopoguerra.

Spesso gli sport con regole specifiche si svolgono in spazi di gioco designati, come i campi sportivi. Altri spazi di gioco possono essere campi da gioco con attrezzature e strutture per promuovere il gioco attivo e sociale. Alcuni spazi di gioco possono essere al chiuso, come i musei o i centri di intrattenimento per famiglie.

Il National Institute for Play descrive sette tipi di gioco:

  1. Gioco di sintonia, che crea una connessione, come quella tra il neonato e la madre.
  2. Gioco corporeo, in cui un bambino esplora i modi in cui il suo corpo funziona e interagisce con il mondo. Esempi: fare suoni divertenti o scoprire cosa succede in una caduta.
  3. Gioco di oggetti, come giocare con i giocattoli, sbattere pentole e padelle, maneggiare cose fisiche in modi che usano la curiosità.
  4. Gioco sociale, gioco che coinvolge gli altri nelle attività. Esempi: fare capriole, fare facce e creare legami con altri bambini.
  5. Gioco immaginativo (chiamato anche "finzione" o "fantasia"). Il bambino inventa scenari dalla sua immaginazione. Agiscono nel loro mondo dei sogni, per esempio, come una sorta di gioco della principessa o del pirata.
  6. Gioco di narrazione (o narrazione), il gioco di apprendimento e di linguaggio che sviluppa l'intelletto. Possono riprodurre un genitore che legge ad alta voce a un bambino, o un bambino che racconta la storia con le sue parole.
  7. Gioco creativo. Questo significa giocare con l'immaginazione per creare uno stato mentale superiore. Per esempio, un adulto potrebbe sperimentare per trovare un nuovo modo di usare uno strumento musicale; o, come Einstein era noto per fare, una persona potrebbe interrogarsi su cose che non sono ancora note e giocare con idee non provate come un ponte per scoprire nuove conoscenze.

Piaget aveva un quadro generale del gioco:

  1. giochi di padronanza: ad esempio costruire, copiare, progettare
  2. giochi con regole: per esempio biglie, giochi di guerra, giochi a nascondino
  3. giochi di finzione e fantasia

Separata dal gioco auto-iniziato, la terapia del gioco è usata come un'applicazione clinica del gioco mirata a trattare i bambini che soffrono di traumi, problemi emotivi e altri problemi.


AlegsaOnline.com - 2020 / 2021 - License CC3