Phasmatodea

Gli insetti stecco sono insetti dell'ordine Phasmatodea (o Phasmida).

L'intero ordine si mimetizza come bastoni o foglie. Gli insetti delle foglie sono generalmente della famiglia Phylliidae. Si trovano nel sud e nel sud-est dell'Asia fino alla Nuova Zelanda.

Sono state descritte più di 3.000 specie.

Il nome Phasmatodea deriva dal greco antico φάσμα phasma, che significa apparizione o fantasma.

Insetto stecco Ctenomorphodes chronus
Insetto stecco Ctenomorphodes chronus

L'insetto fogliare Phyllium.
L'insetto fogliare Phyllium.

Coppia d'accoppiamento di Anisomorpha buprestoides
Coppia d'accoppiamento di Anisomorpha buprestoides

Abitudine di vita

L'ordine ha una distribuzione mondiale, ma la maggior parte delle specie si trova ai tropici. Queste specie tropicali variano da specie simili a bastoncini a quelle che assomigliano a cortecce, foglie e persino muschio o licheni. L'insetto stecco può a volte raggiungere più di 13 pollici (33 cm) di lunghezza. Il più lungo è il megastick di Chan.

Alcune specie, come Carausius morosus, sono persino in grado di cambiare la loro pigmentazione per adattarsi all'ambiente circostante. Molte specie sono prive di ali o hanno ali ridotte.

I fasmidi sono erbivori e si nutrono principalmente delle foglie di alberi e arbusti (ad esempio il ligustro). Le loro uova sono di solito camuffate, assomigliando a semi di piante, e possono rimanere dormienti per un'intera stagione o più prima di schiudersi. Le ninfe nascono già molto simili agli adulti.

Comportamento

Gli insetti stecco fanno movimenti ritmici e ripetitivi da un lato all'altro. Questo è come la vegetazione che si muove nel vento.

Inoltre, i movimenti ondeggianti possono aiutare gli insetti a vedere gli oggetti sullo sfondo. I movimenti a dondolo di questi insetti sedentari (seduti) possono sostituire il volo o la corsa come modo per definire gli oggetti nel campo visivo.

Alcune specie di fasmidi sono in grado di produrre uno spray difensivo quando sono minacciati. Lo spray contiene molecole volatili dall'odore pungente che l'insetto ottiene dalla sua pianta alimentare. Lo spray di una specie, Megacrania nigrosulfurea, è persino usato come trattamento per le infezioni della pelle da una tribù in Papua Nuova Guinea in virtù dei suoi costituenti antibatterici.

L'accoppiamento comporta lunghi accoppiamenti. Un record tra gli insetti, l'insetto bastone indiano Necroscia sparaxes è stato visto accoppiato per 79 giorni alla volta. Non è raro per questa specie assumere la posizione di accoppiamento per giorni o settimane, e tra alcune specie (Diapheromera veliei Walsh e D. Covilleae), l'accoppiamento è stato visto durare da tre a 136 ore in cattività. Le spiegazioni per questo comportamento vanno dai maschi che proteggono le loro compagne da altri maschi, all'idea che gli accoppiamenti siano un'alleanza difensiva contro i predatori.

Difese

Sono insoliti in quanto tutto l'ordine è mimetizzato. Sono tutti mimetici del loro sfondo naturale. Alcune specie (come O. macklotti e Palophus centaurus) sono coperte da escrescenze muschiose o licheniche che completano il loro travestimento. Alcune specie possono cambiare colore al variare dell'ambiente circostante (B. scabrinota, T. californica). Molte specie hanno un movimento a dondolo, in cui il corpo oscilla da un lato all'altro, come foglie o ramoscelli che oscillano nella brezza. L'alimentazione notturna degli adulti li aiuta anche a nascondersi dai predatori.

Difese secondarie

Una volta trovati, fanno uso di difese secondarie.

  1. Possono fingersi morti. Questo si chiama "tanatosi".
  2. Spesso usano "display startle" per difendersi se scoperti e minacciati. Quando un predatore si avvicina, lampeggiano con colori brillanti e fanno un forte rumore. Alcune specie cadono nel sottobosco per scappare e aprono momentaneamente le ali durante la caduta libera per mostrare colori brillanti che scompaiono quando l'insetto atterra. Altre mantengono il loro display fino a 20 minuti, sperando di spaventare il predatore e trasmettere l'aspetto di una dimensione maggiore. Alcuni accompagnano l'esibizione visiva con il rumore prodotto dallo sfregamento di parti delle ali o delle antenne. Alcune specie, come le giovani ninfe di E. tiaratum, sono state osservate arricciare l'addome verso l'alto sul corpo e sulla testa per assomigliare a formiche o scorpioni in un atto di mimetismo, un altro meccanismo di difesa con cui gli insetti evitano di diventare prede.
  3. Quando sono minacciati, alcuni fasmidi hanno spine femorali sulle zampe anteriori (O. martini, Eurycantha calcarata, Eurycantha horrida, D. veiliei, D. covilleae). Arricciano l'addome verso l'alto e fanno oscillare ripetutamente le zampe insieme, afferrando la minaccia. Se la minaccia viene afferrata, gli aculei possono spillare sangue e infliggere un dolore considerevole.
  4. Possono essere utilizzati prodotti chimici nocivi. Un certo numero di specie hanno ghiandole nella parte anteriore che rilasciano composti chimici. Queste sostanze chimiche possono emettere odori sgradevoli o causare una sensazione di bruciore negli occhi e nella bocca di un predatore. Ricerche recenti suggeriscono che producono le proprie sostanze chimiche di difesa. Alcune specie impiegano una secrezione difensiva a corto raggio, dove gli individui sanguinano di riflesso attraverso le articolazioni delle loro gambe e le cuciture dell'esoscheletro quando vengono infastiditi. Il sangue contiene additivi sgradevoli. Gli insetti stecco, come la loro lontana parente, la cavalletta, possono anche scaricare il contenuto del loro stomaco attraverso il vomito quando vengono molestati, un fluido considerato immangiabile da alcuni predatori.

Distribuzione

Il loro mimetismo naturale può renderli estremamente difficili da individuare. I Phasmatodea possono essere trovati in tutto il mondo nelle zone più calde, specialmente ai tropici e subtropici. La maggiore diversità si trova nel sud-est asiatico e in Sud America, seguita dall'Australia. I fasmatodi hanno anche una presenza considerevole negli Stati Uniti continentali, soprattutto nel sud-est.

Tassonomia

I gruppi principali sono:

  • Phasmatidae: gli insetti bastone (ci sono alcune altre famiglie)
  • Phylliidae: gli insetti delle foglie

AlegsaOnline.com - 2020 / 2021 - License CC3