Calamaro vampiro

Il calamaro vampiro (Vampyroteuthis infernalis, "calamaro vampiro dell'inferno") è un piccolo cefalopode delle profondità marine. Può essere trovato in tutti gli oceani temperati e tropicali del mondo.

Ha dei filamenti speciali che può ritrarre; per questo motivo, è stato inserito in un ordine proprio: Vampyromorphida (ex Vampyromorpha). È simile sia al calamaro che al polpo. È l'unico membro sopravvissuto del suo ordine. Fu descritto per la prima volta ed erroneamente identificato come un polpo nel 1903.

Descrizione fisica

Il calamaro vampiro può crescere fino a circa 30 cm (1 piede) di lunghezza totale. Non è una minaccia per gli esseri umani. Il suo corpo gelatinoso di 15 cm (6 pollici) varia nel colore tra il nero vellutato e il rossastro pallido, a seconda del luogo e delle condizioni di luce. Una fettuccia di pelle collega le sue otto braccia, ciascuna rivestita da file di spine carnose o cirri. L'interno di questo "mantello" è nero. Solo la metà distale (più lontana dal corpo) delle braccia ha delle ventose. I suoi occhi limpidi e globosi - che appaiono rossi o blu, anche a seconda dell'illuminazione - sono in proporzione i più grandi del regno animale con 2,5 cm di diametro.

Gli adulti maturi hanno un paio di pinne simili a orecchie. Queste pinne spiccano dai lati laterali del mantello. Servono come mezzo primario di propulsione dell'adulto (muoversi): Si dice che il calamaro vampiro "voli" attraverso l'acqua sbattendo le sue pinne. Le loro potenti mascelle a forma di becco sono bianche come l'avorio. All'interno del tessuto ci sono due sacchetti. Questi sacchetti nascondono i filamenti velari tattili. I filamenti sono analoghi ai tentacoli di un calamaro vero, estendendosi ben oltre le braccia, tuttavia, sono una coppia di braccia diversa dai tentacoli del calamaro. Invece, i filamenti sono la stessa coppia che è stata persa dai polpi ancestrali.

Il calamaro vampiro è coperto interamente da organi che producono luce chiamati fotofori. L'animale ha un grande controllo sugli organi. È capace di produrre lampi di luce disorientanti che durano da frazioni di secondo a diversi minuti. Anche l'intensità e le dimensioni dei fotofori possono essere variate. Apparendo come piccoli dischi bianchi, i fotofori sono più grandi e complessi sulla punta delle braccia e alla base delle due pinne. Sono assenti dalla parte inferiore delle braccia con il cappuccio. Due aree bianche più grandi in cima alla testa erano inizialmente ritenute fotofori, ma si sono rivelate essere fotorecettori.

I cromatofori (organi di pigmento) comuni alla maggior parte dei cefalopodi sono poco sviluppati nel calamaro vampiro. Mentre questo significa che l'animale non è in grado di cambiare il colore della sua pelle nella maniera drammatica dei cefalopodi poco profondi, tale trucco non è necessario alle profondità nere come la pece in cui vive.

Vampyroteuthis infernalis
Vampyroteuthis infernalis

Habitat e adattamenti

Il calamaro vampiro è un esempio estremo di cefalopode di mare profondo. Si pensa che viva a profondità afotiche (senza luce) da 600-900 metri (2.000-3.000 piedi) o più. All'interno di questa regione degli oceani del mondo c'è un habitat discreto conosciuto come la zona di minimo ossigeno (OMZ). All'interno della OMZ la saturazione di ossigeno è troppo bassa per sostenere il metabolismo aerobico nella maggior parte degli organismi superiori. Tuttavia, il calamaro vampiro è in grado di vivere normalmente nella OMZ con saturazioni di ossigeno fino al 3%, cosa che nessun altro cefalopode e pochi altri animali possono fare.

Per far fronte alla vita in questo habitat, i calamari vampiri hanno sviluppato diversi adattamenti radicali. Di tutti i cefalopodi di profondità, il loro tasso metabolico è il più basso. Il loro sangue blu emocianina lega e trasporta l'ossigeno in modo più efficiente, aiutato da branchie con una superficie particolarmente ampia. Gli animali hanno una muscolatura debole ma mantengono l'agilità e il galleggiamento con poco sforzo grazie a sofisticati statocisti (organi di bilanciamento simili all'orecchio interno di un uomo) e tessuti gelatinosi ricchi di ammonio che corrispondono alla densità dell'acqua marina circostante.

All'estremità meno profonda della gamma verticale del calamaro vampiro, la vista dal basso è come il cielo al crepuscolo: Gli occhi altamente sensibili degli abitanti delle acque profonde sono in grado di distinguere le sagome di altri animali che si muovono sopra di loro. Per combattere questo, il calamaro vampiro genera la propria luce bluastra (bioluminescenza) in una strategia chiamata controilluminazione: La luce diffonde la silhouette dell'animale, "occultando" efficacemente la sua presenza agli occhi attenti del basso. I suoi grandi occhi rilevano anche il più debole dei bagliori. Un paio di fotorecettori si trovano in cima alla testa, forse per avvisare l'animale dei movimenti in alto.

Come altri cefalopodi d'alto mare, il calamaro vampiro non ha sacche d'inchiostro. Se minacciato, invece di inchiostro, una nuvola appiccicosa di muco bioluminescente contenente innumerevoli sfere di luce blu viene espulsa dalle punte delle braccia. Questa raffica luminosa, che può durare quasi 10 minuti, ha presumibilmente lo scopo di stordire gli aspiranti predatori e permettere al calamaro vampiro di scomparire nell'oscurità senza bisogno di nuotare lontano. Il display è fatto solo se l'animale è molto agitato.

Sviluppo

Il loro sviluppo passa attraverso tre forme: gli animali molto giovani hanno un solo paio di pinne, una forma intermedia ne ha due paia, e la forma matura ne ha ancora una. Man mano che gli animali crescono e il loro rapporto superficie/volume diminuisce, le pinne vengono ridimensionate e riposizionate per massimizzare l'efficienza dell'andatura. Mentre i giovani si propellono principalmente con la propulsione a getto, gli adulti maturi trovano che sbattere le pinne sia il mezzo più efficiente. Questa ontogenesi unica ha causato confusione in passato, con le varie forme identificate come diverse specie in famiglie distinte (Young 2002).

Il calamaro vampiro si riproduce probabilmente lentamente per mezzo di un piccolo numero di grandi uova. La crescita è lenta perché il cibo non è abbondante alle profondità in cui vivono gli animali. La vastità del loro habitat e la sua scarsa popolazione rendono gli incontri procreativi un evento fortuito. La femmina può immagazzinare lo spermatoforo di un maschio impiantato idraulicamente (una sorta di sacchetto cilindrico affusolato di sperma) per lunghi periodi prima di essere pronta a fecondare le sue uova. Una volta che lo fa, può aver bisogno di covare su di esse fino a 400 giorni prima che si schiudano. La femmina non mangia verso questo culmine e muore poco dopo.

I piccoli sono lunghi circa 8 mm e sono miniature ben sviluppate degli adulti, con alcune differenze. Le loro braccia sono prive di tessitura, i loro occhi sono più piccoli e i loro filamenti velari non sono completamente formati. I piccoli sono trasparenti e sopravvivono con un generoso tuorlo interno per un periodo sconosciuto prima di iniziare a nutrirsi attivamente. Gli animali più piccoli frequentano acque molto più profonde, forse nutrendosi di neve marina (detriti organici che cadono).

Comportamento

I dati comportamentali conosciuti sono stati ricavati da incontri effimeri con i ROV; gli animali sono spesso danneggiati durante la cattura e sopravvivono per non più di due mesi circa in acquario. Un ambiente artificiale rende difficile l'osservazione affidabile del comportamento non difensivo.

Con i loro lunghi filamenti velari spiegati, i calamari vampiri sono stati osservati alla deriva nelle profonde e nere correnti oceaniche. Se i filamenti entrano in contatto con un'entità, o se le vibrazioni li colpiscono, gli animali indagano con rapidi movimenti acrobatici. Sono capaci di nuotare a velocità equivalenti a due lunghezze corporee al secondo, con un tempo di accelerazione di cinque secondi. Tuttavia, i loro muscoli deboli limitano notevolmente la resistenza.

A differenza dei loro parenti che vivono a profondità più ospitali, i cefalopodi di profondità non possono permettersi di spendere energia in voli prolungati. Dato il loro basso tasso metabolico e la bassa densità di prede a tali profondità, il calamaro vampiro deve utilizzare tattiche innovative per evitare i predatori al fine di risparmiare energia. I loro già citati "fuochi d'artificio" bioluminescenti sono combinati con il contorcersi di braccia incandescenti, movimenti erratici e traiettorie di fuga. Queste caratteristiche rendono difficile per un predatore avvicinarsi.

In una risposta di minaccia chiamata "zucca" o "postura dell'ananas", il calamaro vampiro inverte le braccia del mantello sul corpo, presentando una forma apparentemente più grande coperta di spine spaventose ma innocue (chiamate cirri). La parte inferiore del mantello è pesantemente pigmentata, mascherando la maggior parte dei fotofori del corpo. Le punte delle braccia incandescenti sono raggruppate insieme molto al di sopra della testa dell'animale, deviando l'attacco dalle aree critiche. Se un predatore dovesse mordere una punta del braccio, il calamaro vampiro può rigenerarla.

Copepodi, gamberi e cnidari sono stati segnalati come prede del calamaro vampiro. Poco altro si sa delle loro abitudini alimentari. Considerando il loro ambiente, è improbabile che siano schizzinosi riguardo al cibo. Il calamaro vampiro è stato trovato tra i contenuti dello stomaco di grandi pesci d'acqua profonda, balene di profondità e pinnipedi come i leoni marini.

Relazioni

I Vampyromorphida sono caratterizzati dal possesso di fotofori, un tipo particolare di endoscheletro non calcificato chiamato "gladio", 8 braccia palmate e i 2 filamenti velari. Fino a poco tempo fa conosciuti solo dalle specie moderne e da alcuni resti fossili assegnati provvisoriamente a questo gruppo, un gruppo di cefalopodi del Giurassico medio di circa 165-164 milioni di anni fa (mya) trovati a La Voulte-sur-Rhône ha dimostrato che i cefalopodi chiaramente vampyromorfi sono esistiti per molto più tempo di quanto si sia creduto fino ad allora. Questi sono stati descritti come Vampyronassa rhodanica.

I presunti vampiromorfi dal calcare di Solnhofen (156-146 mya), Plesioteuthis prisca, Leptoteuthis gigas, e Trachyteutis hastiformis, sono specie grandi, e mostrano caratteristiche che non si trovano nei vampiromorfi. Sono simili ai veri calamari, Teuthida (Fischer & Riou 2002).


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3