Wilhelm Steinitz

Wilhelm (poi William) Steinitz (Praga, 17 maggio 1836 - New York, 12 agosto 1900) è stato un gran maestro di scacchi austriaco che emigrò prima a Londra, poi negli Stati Uniti.

Fu il primo indiscusso campione del mondo di scacchi e lo tenne dal 1886 al 1894.

Steinitz vinse il titolo battendo Johannes Zukertort in una partita nel 1886. Lo perse contro Emanuel Lasker nel 1894. Perse anche una rivincita con Lasker nel 1897.

Vita e carriera

Nato ebreo in Boemia, Steinitz studiò matematica al Politecnico di Vienna, e vinse il campionato di scacchi di Vienna nel 1861 con un punteggio di 31/32. Dopo aver giocato nel torneo di Londra del 1862, rimase a Londra come giocatore professionista nei club e nei caffè. Vinse una serie di partite contro tutti i migliori giocatori inglesi e altri che vivevano a Londra. Questo lo consacrò come uno dei migliori giocatori del mondo.

Steinitz ha battuto Adolf Anderssen nel 1866, e alcuni pensano che dovrebbe essere considerato campione del mondo da questa data.

A parte gli scacchi, questa partita fu una pietra miliare nell'organizzazione degli scacchi. Fu il primo evento ad essere cronometrato da orologi. p82 Il tempo di ogni mossa veniva registrato a mano. I totali di ogni giocatore potevano poi essere sommati. Questo fu il primo passo pratico fatto per assicurarsi che ogni giocatore avesse a disposizione lo stesso tempo totale di riflessione. Era sempre stato un problema che alcuni giocatori impiegassero molto più tempo di altri, ingiustamente. Il cronometraggio aiutava anche a mantenere il tempo totale di gioco entro certi limiti. Alla fine, furono progettati speciali orologi per gli scacchi, e l'idea si è diffusa ad altri giochi per due persone come il Go.

Steinitz ha battuto Johannes Zukertort nel 1872, e di nuovo più tardi nel 1886. Quest'ultima partita tutti d'accordo era per il campionato del mondo. Zukertort era un giocatore brillante e vanaglorioso, che fu anche residente a Londra per molti anni. Entrambi gli uomini scrivevano per riviste di scacchi, e c'era una buona dose di rivalità.

Steinitz non vinse un torneo veramente forte fino a Londra 1872, e non finì sopra Andersson fino a Vienna 1873. Arrivò primo a pari merito a Vienna 1882, e secondo (a Zukertort) a Londra 1883, entrambi eventi di alta classe. In generale, il suo gioco nei tornei non era così eccezionale come il suo match play. Nel match play fu il migliore della sua epoca: vinse 24 partite consecutive fino a quando Lasker lo batté. p396

Stile

Da giovane, Steinitz giocava nello stile di attacco a tutto campo che era comune negli anni 1860. Più tardi, sviluppò un nuovo stile di gioco posizionale e dimostrò che era superiore allo stile precedente. Il suo nuovo stile fu controverso, e alcuni lo bollarono addirittura come "codardo". Alcune partite di Steinitz dimostrarono che poteva anche impostare attacchi feroci come quelli della vecchia scuola.

Steinitz era polemico, ed era spesso in disputa con altri scrittori di scacchi. Era uno scrittore prolifico nelle riviste di scacchi, e difendeva le sue idee con vigore. Il dibattito era aspro e talvolta offensivo: divenne noto come la 'Guerra dell'inchiostro'. All'inizio degli anni 1890, l'approccio di Steinitz era più ampiamente accettato e la generazione successiva di grandi giocatori riconobbe il proprio debito nei suoi confronti, specialmente il suo successore come campione del mondo, Emanuel Lasker.

Lasker ha riassunto il nuovo stile come segue:

"All'inizio del gioco ignorare la ricerca di combinazioni, astenersi da mosse violente, mirare a piccoli vantaggi, accumularli, e solo dopo aver raggiunto questi fini cercare la combinazione - e poi con tutta la forza della volontà e dell'intelletto, perché allora la combinazione deve esistere, per quanto profondamente nascosta".

Steinitz nel 1866
Steinitz nel 1866

Stati Uniti

Steinitz lasciò l'Inghilterra per gli Stati Uniti nel 1886, e divenne cittadino americano nel 1888.

Ricevette un'accoglienza entusiasta, giocò diverse esibizioni, molte partite casuali, una partita con una posta di 50 sterline con un ricco dilettante, e partite un po' più serie con professionisti del Nuovo Mondo. La partita con il campione cubano Celso Golmayo Zúpide fu abbandonata quando Steinitz era in testa (otto vittorie, una patta, una sconfitta). I suoi ospiti organizzarono persino una visita a New Orleans, dove viveva Paul Morphy.

Mentre si trovava a New York giocò partite contro Zukertort (St Louis 1883), due volte contro il russo Mikhail Chigorin (Havana 1889 & 1892), Isidor Gunsberg (New York 1890/91). Infine, ci furono le due partite perse contro Emanuel Lasker, (Philadelphia/New York/Montreal 1894 e Mosca 1896/97). Questi erano tutti per il campionato del mondo. C'erano anche una dozzina di partite contro maestri minori, tra cui quattro contro J.H. Blackburne, il principale professionista inglese.

Il rivale e nemico di Steinitz, Johannes Zukertort, perse degli incontri con lui nel 1872 e nel 1886. Il secondo incontro fece di Steinitz il campione del mondo indiscusso.
Il rivale e nemico di Steinitz, Johannes Zukertort, perse degli incontri con lui nel 1872 e nel 1886. Il secondo incontro fece di Steinitz il campione del mondo indiscusso.

Valutazione

Il libro del torneo di scacchi di Hastings 1895, scritto collettivamente dai giocatori, descrive Steinitz come segue:

"Il signor Steinitz si distingue come teorico e come scrittore; ha una penna potente e quando vuole può usare un inglese espressivo. Evidentemente si sforza di essere giusto sia con gli amici che con i nemici, ma sembra a volte non vedere che dopo tutto è molto simile a molti altri in questo senso. In possesso di un intelletto fine, ed estremamente appassionato del gioco, è incline a perdere di vista tutte le altre considerazioni, sia le persone che gli affari. Gli scacchi sono la sua vita e la sua anima, l'unica cosa per cui vive".

Steinitz morì in povertà, avendo trascorso alcuni dei suoi ultimi anni in un istituto psichiatrico di New York. La sua seconda moglie e i loro due figli piccoli gli sopravvissero, e un fondo di 1050 dollari fu raccolto per aiutarli.

Targa in onore di Wilhem Steinitz, nel quartiere Josefov di Praga.
Targa in onore di Wilhem Steinitz, nel quartiere Josefov di Praga.


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3