Pittura a olio

La pittura a olio è un metodo tradizionale usato per la pittura degli artisti. Nella pittura a olio, i pigmenti (colori) sono tenuti insieme dal mezzo dell'olio. Il tipo di olio più usato nella pittura è l'olio di lino.

Un quadro dipinto con colori a olio è chiamato "pittura a olio". La pittura a olio richiede molto tempo per asciugarsi. Gli artisti trovano questo utile perché possono continuare a lavorare sul dipinto per molto tempo. Si dice che Leonardo da Vinci lavorò al suo dipinto della Monna Lisa per quattro anni, anche se non è un quadro molto grande. I colori ad olio, e i dipinti ad olio sono spesso chiamati semplicemente "oli" per abbreviare. Se qualcuno parla di "dipingere a olio" significa che il dipinto è fatto con colori a olio.

Antonello da Messina dipinse questa Madonna a olio nel 1470
Antonello da Messina dipinse questa Madonna a olio nel 1470

Questo dipinto, Festa in casa di Levi di Paolo Veronese, è il più grande olio su tela del mondo. È lungo più di 42 piedi. (5,55 × 12,80 metri)
Questo dipinto, Festa in casa di Levi di Paolo Veronese, è il più grande olio su tela del mondo. È lungo più di 42 piedi. (5,55 × 12,80 metri)

Storia

Nessuno sa quando la pittura a olio fu usata per la prima volta. Le grotte in Afghanistan sono decorate con antiche pitture in vernice mista a olio. Si crede che questo tipo di pittura sia stato usato anche in altri paesi dell'Asia.

Si crede che la pittura a olio sia stata usata in Europa nel Medioevo all'inizio per decorare gli scudi, perché la pittura a olio durava meglio di quella tradizionale a tempera quando era alle intemperie, o se veniva trattata in modo grossolano.

Lo storico dell'arte rinascimentale, Giorgio Vasari, disse che l'arte della pittura a olio venne dal nord Europa e la persona che la inventò fu il famoso pittore fiammingo Jan van Eyck. Gli artisti delle zone del Belgio moderno e dei Paesi Bassi furono i primi a fare della pittura a olio il loro metodo abituale di pittura. Questa tendenza si diffuse in altre parti del Nord Europa. Un famoso dipinto chiamato la Pala Portinari di Hugo van der Goes arrivò a Firenze negli anni 1470 in un periodo in cui Leonardo da Vinci era giovane. I dipinti a olio a questa data erano di solito fatti su pannelli di legno, nel modo in cui lo erano i quadri a tempera.

Un'altra influenza sulla pittura a olio in Italia fu un artista siciliano chiamato Antonello da Messina, che aveva imparato a dipingere a olio. Viaggiò per tutta l'Italia, dalla Sicilia a Venezia, e fece molti piccoli dipinti tra cui ritratti e immagini della Madonna col Bambino e Gesù. Influenzò molti artisti, in particolare a Venezia. Giovanni Bellini, che faceva parte di una famiglia di noti pittori, fu uno dei primi pittori in Italia a dipingere quadri molto grandi ad olio. Artisti di altre parti d'Italia visitarono Venezia e presto il nuovo metodo di pittura si diffuse.

Nel 1540, c'erano pochissimi pittori che lavoravano ancora a tempera, il metodo precedente per la pittura su tavola. In Italia, molti artisti continuarono a decorare pareti e soffitti con affreschi. Tuttavia, si scoprì che la pittura ad olio, a differenza della tempera, era flessibile (poteva piegarsi). Questo significava che poteva essere usato su superfici flessibili come la tela senza staccarsi e cadere. Una volta che la pittura su tela (pesante tela di lino) divenne usuale, gli artisti furono in grado di fare quadri enormi. Se il dipinto era troppo grande per passare attraverso una porta, l'artista poteva semplicemente arrotolarlo.

Dal 1500, la pittura a olio è rimasta la tecnica preferita dagli artisti che vogliono dipingere un quadro che duri a lungo. La galleria qui sotto mostra le opere di alcuni dei più famosi artisti che hanno lavorato con la pittura a olio. Gli artisti famosi del XX secolo non sono mostrati qui, perché molte delle loro opere sono protette da copyright. Famosi artisti modernisti che hanno dipinto a olio includono Picasso, Matisse, Mondrian, Chagall, Kandinsky, Malevich, Salvador Dali, Francis Bacon, Lucien Freud e Jackson Pollock.

Monna Lisa , Leonardo da Vinci, 1503-06 circa
Monna Lisa , Leonardo da Vinci, 1503-06 circa

Pigmenti alternativi

Fino al 1960 circa, i colori ad olio e ad acqua erano i principali materiali scelti dai pittori. Negli anni successivi, i colori acrilici e i colori ad olio misti ad acqua sono stati sempre più utilizzati.

Informazioni tecniche

L'olio di lino, che è il principale tipo di olio usato per la pittura a olio, proviene dai semi di lino. Il lino è stato una coltura importante per migliaia di anni, perché da esso si ricava la tela di lino. Questo significa che l'olio per dipingere e la tela su cui dipingere provengono entrambi dalla stessa pianta. Per ottenere effetti diversi, gli artisti usavano miscele di oli diversi. Questi includono resina di pino, incenso, olio di semi di papavero, olio di noce e, in tempi più moderni, olio di cartamo.

Gli artisti usano l'acquaragia o l'alcool minerale per diluire la pittura se vogliono fare uno schizzo ad asciugatura rapida su cui poi possono dipingere in modo più dettagliato. La vernice ad olio sui pennelli dell'artista viene pulita con trementina dopo l'uso. I chimici moderni hanno creato colori ad olio che possono essere usati con acqua. Questo rende il lavoro di pulizia alla fine della pittura molto più facile e meno puzzolente. La pittura a olio è solitamente asciutta al tatto in un giorno o due settimane, a seconda di quanto olio e trementina sono presenti. Un dipinto a olio è generalmente verniciato quando è finito, il che dà una leggera lucentezza alla superficie e la protegge. Un dipinto dovrebbe asciugare per diversi mesi prima di essere verniciato. Un dipinto a olio non è completamente asciutto fino a 60-80 anni. La verniciatura era considerata una parte importante della finitura di un dipinto. Molti artisti moderni non verniciano affatto i loro quadri.

La tela di lino è la superficie tradizionale per un dipinto a olio. Anche la tela di cotone può essere usata ed è più economica. La tela deve essere tesa strettamente su un telaio chiamato "barella" e fissata in posizione con piccoli chiodi o graffette. Poi deve essere trattata con una specie di colla chiamata "taglia". Questa è spesso fatta con pelli di coniglio bollite. Alcuni artisti preferiscono dipingere su tavola piuttosto che su tela.

Dipingere una pittura a olio

Prima che un artista possa dipingere su una tavola o una tela, deve prepararla con una "terra" o "sottosmalto" di vernice bianca. Poi l'artista può abbozzare un'immagine sulla superficie usando il carboncino, o la vernice che è resa sottile e ad asciugatura rapida con trementina o spirito minerale. L'artista spesso lavora con un colore marroncino o bluastro, per suggerire dove sarà il "tono" (chiaro e scuro) nel dipinto finito. Poi i colori e i dettagli vengono messi a strati.

La cosa buona della pittura a olio è che può essere usata in tutti i modi in cui la maggior parte degli altri tipi di pittura non può essere usata.

  • La vernice ad olio può essere messa sottile o spessa.
  • La pittura a olio può essere liscia come il vetro, oppure grumosa, irregolare o striata.
  • La pittura ad olio può essere trasparente in modo che gli strati sottostanti possano essere visti, o può essere densa in modo da coprire tutto ciò che c'è sotto.
  • La pittura ad olio può essere applicata con i pennelli; può anche essere spalmata con un coltello, tamponata e spalmata con le dita, strofinata con un panno e spremuta sul dipinto direttamente dal tubetto.

Poiché la pittura a olio può essere usata in così tanti modi diversi, è meglio di qualsiasi altro tipo di pittura per dipingere diverse texture.

I primi artisti europei che usavano gli oli amavano rendere la superficie molto liscia. Verso la metà del 1500, alcuni artisti come Tintoretto dipingevano in modo molto più striato. Rembrandt, nel 1600, usò la pittura a olio in tutti i modi per ottenere effetti diversi. Usò tutte le tecniche che sono descritte nella lista qui sopra. Dopo Rembrandt, ci sono sempre stati alcuni artisti che amavano lavorare in modo liscio e altri che usavano molti modi diversi di mettere la pittura. Questo è continuato fino ai tempi moderni.

Questo dipinto di Rembrandt mostra come la pittura a olio può essere usata per mostrare texture come carne, capelli, stoffa, foglie, frutta, oro e perle.
Questo dipinto di Rembrandt mostra come la pittura a olio può essere usata per mostrare texture come carne, capelli, stoffa, foglie, frutta, oro e perle.

Pagine correlate


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3