Lingua russa

Il russo (russo: русский язык, traslitterazione: russkiy yaz'ik) è la lingua principale della Russia. È parlato anche da molte persone in altre parti dell'ex Unione Sovietica, come in Ucraina, Bielorussia, Kazakistan, Uzbekistan, Tagikistan, Kirghizistan, Moldavia, Lettonia, Lituania, Turkmenistan ed Estonia.

Il russo, come le altre lingueslave, sono lingue indoeuropee. Il russo è una delle tre principali lingue slave orientali; le altre sono l'ucraino e il bielorusso. Più persone parlano il russo di qualsiasi altra lingua slava.

Il russo scritto non usa l'alfabeto latino come l'inglese e le lingue slave occidentali. Usa l'alfabeto cirillico, le cui lettere, come quelle del latino, provengono dal greco, ma sono diverse da esse. Anche le altre lingue slave orientali e alcune lingue slave meridionali usano l'alfabeto cirillico.

Il russo è una lingua ufficiale di Russia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan e Uzbekistan. È una delle sei lingue ufficiali delle Nazioni Unite, insieme a inglese, spagnolo, francese, arabo e cinese.

Russo standard

Il russo standard è anche chiamato il russo letterario moderno (Современный русский литературный язык). Apparve per la prima volta all'inizio del XVIII secolo. Pietro il Grande stava allora lavorando per rendere lo stato più moderno. Il russo standard è nato dal dialetto russo parlato dalla gente a Mosca e dintorni. Per certi versi, il russo standard era come il russo usato negli uffici governativi nei secoli precedenti.

Mikhail Lomonosov scrisse il primo libro sulla grammatica russa nel 1755. L'Accademia Russa delle Scienze ha pubblicato il primo dizionario completo di russo nel 1783. La grammatica, il vocabolario e la pronuncia del russo divennero stabili e furono standardizzati alla fine del XVIII e nel corso del XIX secolo. Questa fu l'"età dell'oro" della letteratura russa, che divenne famosa in tutto il mondo.

Tutta la Russia ha cominciato a usare il russo come lingua della letteratura, dell'istruzione e della comunicazione ufficiale. Fino al XX secolo, solo le classi superiori e le persone nelle città parlavano la lingua letteraria. I russi delle campagne continuarono a parlare i loro dialetti locali. Nel XX secolo, tutti i bambini sono stati poi obbligati ad andare a scuola. Molte persone avevano radio e televisori, il che ha contribuito a diffondere il russo standard. Nel XX secolo, i dialetti russi scomparvero per lo più verso la metà del secolo. Il russo standard li sostituì quasi completamente.

Nomi

In russo, il nome di una persona ha tre parti: il primo nome, il secondo nome e il cognome.

I genitori scelgono il nome del proprio figlio. Alcuni nomi russi comuni per i ragazzi sono Ivan, Vladimir, Mikhail e Nikolai. Alcuni nomi russi comuni per le ragazze sono Anna, Anastasia, Svetlana e Yekaterina.

Il secondo nome è il patronimico (russo: otchestvo) e deriva dal nome di battesimo del padre. Per esempio, un ragazzo il cui padre è Ivan avrebbe avuto come patronimico Ivanovich. Se il padre di un ragazzo è Nikolai, il suo patronimico è Nikolaevich. Se il padre di una ragazza è Ivan, il suo patronimico è Ivanovna. Se il padre di lei è Nikolai, il suo patronimico è Nikolaevna. Il patronimico di un ragazzo finisce con -ovich o -evich. Il patronimico di una ragazza finisce con -ovna o -evna.

I ragazzi hanno lo stesso nome di famiglia dei loro padri. Le ragazze usano il nome di famiglia del padre, ma alla fine del nome viene aggiunto un -a. Un uomo il cui nome di famiglia è Romanov avrebbe un figlio con il nome di famiglia Romanov e una figlia con il nome di famiglia Romanova.

Se il nome di un uomo è Nikolai Alexandrovich Romanov e ha un figlio, Aleksei, e una figlia, Anastasia, il nome completo del figlio è Aleksei Nikolaevich Romanov, e il nome completo della figlia è Anastasia Nikolaevna Romanova.

Ci sono anche molte persone in Russia i cui cognomi non sono russi. Alcuni dei nomi di famiglia hanno una sola forma e così è lo stesso sia per i figli che per le figlie. Alcuni esempi sono Glushko (un nome ucraino), Rubinstein (un nome tedesco/ebraico) o Shevardnadze (un nome georgiano).

Grammatica

Caso

Come il latino, il greco e il tedesco, il russo ha un sistema di casi. In russo, si applica a sostantivi, pronomi, aggettivi, numeri e participi con una serie di terminazioni di parole (suoni e lettere alle estremità delle parole) che mostrano i ruoli grammaticali delle parole in una frase. Poiché i ruoli grammaticali sono mostrati dai finali, l'ordine delle parole è più libero rispetto all'inglese. Ci sono sei casi in russo.

Per l'oggetto della frase si utilizza il caso nominativo, il modulo elencato nel dizionario. Il caso genitivo mostra spesso la proprietà. Il caso accusativo è usato per un oggetto diretto, il caso dativo per un oggetto indiretto. Il caso strumentale è usato per lo strumento o lo strumento con cui si fa qualcosa. Il caso preposizionale è usato dopo certe preposizioni, come "in" e "on", ma altre preposizioni possono richiedere l'uso di altri casi. Ogni caso ha usi diversi da quelli elencati.

Sesso e numero

In russo, i nomi hanno uno dei tre generi: maschile, femminile o neutro. I nomi maschili di solito finiscono in consonanti, i nomi neutri di solito finiscono in -o o -e, e i nomi femminili di solito finiscono in -a o -я. Il plurale agisce come un quarto genere. poiché il genere non altera le parole plurali.

Aggettivi

In russo, un aggettivo deve essere d'accordo con la parola che descrive nel genere e nel numero. Nel caso nominativo, gli aggettivi che descrivono parole femminili di solito terminano con -ая o -яяя. Quelli che descrivono parole maschili di solito finiscono in -ый, -ий o -ой. Quelli che descrivono parole neutre di solito finiscono in -ое o -ее. Quelle che descrivono parole plurali di solito finiscono in -ые o -ие. Le terminazioni cambiano a seconda dei casi.


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3