Scrittura latina

La scrittura latina o romana, è un sistema di scrittura utilizzato per scrivere molte lingue moderne. È il sistema di scrittura più usato al giorno d'oggi nel mondo. È la scrittura ufficiale di quasi tutte le lingue dell'Europa occidentale e di alcune lingue dell'Europa orientale. È usato anche da alcune lingue non europee come il turco, il vietnamita, il malese, il somalo, lo swahili e il tagalog. È un sistema di scrittura alternativo per lingue come l'hindi, l'urdu, il serbo e il bosniaco.

L'alfabeto è un sistema di scrittura che si è evoluto da una varietà occidentale dell'alfabeto greco. Furono gli Etruschi a svilupparlo per primi dopo aver preso in prestito l'alfabeto greco, e i Romani lo svilupparono ulteriormente. I suoni di alcune lettere sono cambiati, alcune lettere sono state perse e guadagnate e sono stati sviluppati diversi stili di scrittura ("mani"). Due di questi stili furono combinati in un'unica scrittura con lettere maiuscole e minuscole ("maiuscole" e "minuscole"). Le lettere maiuscole moderne differiscono solo leggermente dalle loro controparti romane. Ci sono poche variazioni regionali.

Lettere dell'alfabeto

Alfabeto latino originale

L'alfabeto latino usato dai romani:

Simbolo

A

B

C

D

E

F

G

H

I

K

L

M

N

O

P

Q

R

S

T

V

X

Z

Nome latino della lettera:

ā

ē

ef

ī

el

em

it

ō

er

es

ū

ex

zēta

Nome latino (IPA):

aː]

[beː]

[keː]

[deː]

[eː]

[ɛf]

[geː]

[haː]

iː]

[kaː]

[ɛl]

[ɛm]

[ɛn]

[oː]

[peː]

[kuː]

[ɛr]

[ɛs]

[teː]

[uː]

[ɛks]

['zeːta]

Nuovo alfabeto

La versione moderna dell'alfabeto viene utilizzata per la scrittura di molte lingue. Le lingue indoeuropee, soprattutto quelle dell'Europa occidentale, sono per lo più scritte con l'alfabeto latino. Queste lingue includono le lingue germaniche (che includono l'inglese, il tedesco, lo svedese e altre) e le lingue romanze (che includono il francese, lo spagnolo, l'italiano, il portoghese e altre). Ci sono naturalmente lingue indoeuropee che non usano l'alfabeto latino, come il greco e il russo, così come le lingue non indoeuropee che lo usano, come il vietnamita.

Quasi tutte le lingue che usano l'alfabeto romano includono i diacritici, che sono simboli che si trovano sopra o sotto le lettere. Sono usati per cose come i toni e la pronuncia. L'inglese è l'unica grande lingua europea che non ha nessuno di questi segni, almeno non per le parole native. Le parole prese da altre lingue a volte usano i diacritici per rendere chiara la corretta pronuncia.

L'alfabeto di base utilizza le seguenti lettere:

Maiuscola

A

B

C

D

E

F

G

H

I

J

K

L

M

N

O

P

Q

R

S

T

U

V

W

X

Y

Z

Minuscola

a

b

c

d

e

f

g

h

i

j

k

l

m

n

o

p

q

r

s

t

u

v

w

x

y

z



Altre versioni

La scrittura romana ha meno lettere dei suoni in alcune delle lingue che la utilizzano. Alcune lingue compensano la mancanza di lettere utilizzando segni diacritici, come ă, â, á, é, é, í, î, î, ó, ẹ, ị, ọ, ụ, ã, ả, ẻ, ỉ, ỉ, ỏ, ủ, ñ, č, ď, ě, í, ň, ř, š, ș, ť, ț, ú, ů, ž e đ. In effetti, questo aumenta il numero di lettere del loro alfabeto. Le lingue che usano alcuni di questi caratteri sono il francese, il ceco, il polacco, il magiara (ungherese), il rumeno, lo spagnolo, il tagalog, il vietnamita, l'esperanto e l'igbo.

Molte lingue hanno cambiato il loro sistema di scrittura con la scrittura latina. In alcuni paesi, gli europei hanno fatto in modo che i nativi la usassero. La lingua vietnamita era scritta in caratteri cinesi, e c'è un sistema di scrittura vietnamita basato sul cinese chiamato chunom. Il problema con la scrittura cinese è il gran numero di caratteri che devono essere appresi prima che una persona sia veramente alfabetizzata. Il governo vietnamita è passato all'alfabeto latino all'inizio del XX secolo per aumentare il tasso di alfabetizzazione del paese. I vietnamiti hanno continuato a usare l'alfabeto latino anche dopo l'indipendenza, poiché era molto più veloce da imparare rispetto ai caratteri cinesi (chu nom).

Dopo la prima guerra mondiale, quando l'Impero Ottomano cadde, l'alfabeto latino nei paesi turchi fu iniziato da Kemal Atatürk in Turchia. Quando l'Unione Sovietica si sciolse, alcune delle sue lingue più piccole cominciarono a usare l'alfabeto latino. Oggi è usato in Turkmenistan, Uzbekistan e Azerbaigian. Nel 2018 il Kazakistan ha annunciato che l'alfabeto latino sarebbe diventato il principale sistema di scrittura della lingua kazaka.

Cambiare il modo in cui una lingua viene scritta in lettere latine si chiama romanizzazione. Molte persone che non parlano la lingua leggono una versione romanizzata per sapere approssimativamente come suoneranno le parole, anche se questo non è il modo normale di scrivere la lingua. Alcune lingue, come il cinese e il giapponese, usano l'alfabeto latino nelle loro lingue per poterle scrivere più facilmente al computer. Nella Cina continentale, il pinyin è la romanizzazione ufficiale del cinese mandarino, e viene utilizzato per digitare i caratteri cinesi sul computer digitandoli foneticamente. Anche se molti computer giapponesi hanno tastiere kana per digitare il giapponese sul computer, il giapponese può essere digitato anche con l'alfabeto latino. Un software chiamato IME (input method editor) converte le lettere latine, chiamate romaji in giapponese, in kana e kanji giapponesi.

Accedi in portoghese, che utilizza ç
Accedi in portoghese, che utilizza ç


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3