Washington Navy Yard [ Cantiere navale di Washington ]

Il Washington Navy Yard è l'ex cantiere navale e l'impianto di ordigni della Marina degli Stati Uniti nel sud-est di Washington, D.C. È la più antica base terrestre della Marina degli Stati Uniti. Il cantiere serve attualmente come centro cerimoniale e amministrativo per la Marina degli Stati Uniti. Ha gli uffici del Capo delle Operazioni Navali, il Naval Sea Systems Command, il Naval Historical Center, il Dipartimento di Storia Navale, il Naval Criminal Investigative Service, il U.S. Navy Judge Advocate General's Corps, Naval Reactors, Marine Corps Institute, la United States Navy Band, e numerosi altri comandi navali. Prima del 2006, era la sede del Marine Corps Historical Center, ma quel centro si è trasferito a Quantico. Il Washington Navy Yard è stato aggiunto al registro nazionale dei luoghi storici nel 1973. È stato designato come National Historic Landmark l'11 maggio 1976.

Storia

La storia del cantiere può essere divisa in storia militare e storia culturale e scientifica.

Militare

Il terreno fu acquistato con un atto del Congresso il 23 luglio 1799. Il Washington Navy Yard fu istituito il 2 ottobre 1799, data in cui la proprietà fu trasferita alla Marina. È la più antica base a terra della Marina degli Stati Uniti. Il cantiere fu costruito sotto la direzione di Benjamin Stoddert, il primo segretario della Marina, sotto la supervisione del primo comandante del cantiere, il commodoro Thomas Tingey, che servì in tale veste per 29 anni.

I confini originali che furono stabiliti nel 1800, lungo la 9th e M Street Southeast, sono ancora segnati da un muro di mattoni bianchi che circonda il cortile sui lati nord ed est. L'anno successivo furono acquistati altri due lotti. Il muro nord del cortile fu costruito nel 1809 insieme a una guardiola, ora conosciuta come Latrobe Gate. Dopo l'incendio di Washington nel 1814, Tingey raccomandò che l'altezza del muro orientale fosse aumentata a tre metri a causa dell'incendio e dei successivi saccheggi.

Il confine meridionale dello Yard era formato dal fiume Anacostia (allora chiamato "ramo orientale" del fiume Potomac). Il lato ovest era una palude non sviluppata. Il terreno situato lungo l'Anacostia è stato aggiunto dalla discarica nel corso degli anni quando è diventato necessario aumentare le dimensioni dello Yard.

Fin dai suoi primi anni, il Washington Navy Yard divenne la più grande struttura di costruzione e allestimento navale della marina, con 22 navi costruite lì, che vanno dalle piccole cannoniere da 70 piedi (21 m) alla fregata a vapore USS Minnesota da 246 piedi (75 m). La USSConstitution arrivò al cantiere nel 1812 per essere rimessa a nuovo e prepararsi all'azione di combattimento.

Durante la guerra del 1812, il Navy Yard fu un'importante struttura di supporto. Fu anche aiutato a difendere la capitale dagli inglesi. I marinai del Navy Yard fecero parte dell'esercito americano frettolosamente assemblato che, a Bladensburg, nel Maryland, si oppose alle forze britanniche che marciavano su Washington. I marinai del Navy Yard e i marines della vicina Marine Barracks, Washington, D.C., erano nella terza e ultima linea di difesa a Bladensburg. Insieme, hanno combattuto corpo a corpo con coltelli e picche contro i regolari britannici prima di essere sopraffatti. Mentre gli inglesi marciavano verso Washington, tenere il cortile divenne impossibile. Tingey, vedendo il fumo del Campidoglio in fiamme, ordinò di bruciare lo Yard per prevenire la sua cattura da parte del nemico. Gli alloggi di Tingey (ora Quarters A) e il Latrobe Gate furono risparmiati dalle fiamme. Entrambe le strutture sono ora elencate individualmente nel Registro Nazionale dei Luoghi Storici.

Dopo la guerra del 1812, il Washington Navy Yard non riacquistò mai la sua importanza come struttura per la costruzione di navi. Le acque del fiume Anacostia erano troppo basse per ospitare navi più grandi, e il cantiere era considerato troppo inaccessibile al mare aperto. Così si passò a quello che sarebbe stato il carattere del cantiere per più di un secolo: ordigni e tecnologia. Il cantiere possedeva uno dei primi motori a vapore degli Stati Uniti, ed era usato per produrre ancore, catene e motori a vapore per le navi da guerra.

Durante la guerra civile americana, lo Yard divenne ancora una volta parte integrante della difesa di Washington. Il comandante Franklin Buchanan si dimise per unirsi alla Confederazione, lasciando il cantiere al comandante John A. Dahlgren. Il presidente Abraham Lincoln, che aveva la massima stima di Dahlgren, era un visitatore frequente. La famosa corazzata USS Monitor fu riparata nel cantiere dopo la sua storica battaglia con la CSS Virginia. I cospiratori dell'assassinio di Lincoln furono portati al cantiere dopo la loro cattura. Il corpo di John Wilkes Booth fu esaminato e identificato sul monitor USS Montauk, ormeggiato al cantiere.

Dopo la guerra, lo Yard continuò ad essere la scena dei progressi tecnologici. Nel 1886, lo Yard fu designato come centro di produzione di tutti gli ordigni della Marina. Il comandante Theodore F. Jewell fu sovrintendente della Naval Gun Factory dal gennaio 1893 al febbraio 1896. La produzione di ordigni continuò mentre il cantiere produceva armamenti per la Grande Flotta Bianca e per la prima guerra mondiale. I cannoni ferroviari navali da 14 pollici (360 mm) usati in Francia durante la prima guerra mondiale furono prodotti nello Yard.

Durante la seconda guerra mondiale, il cantiere era la più grande fabbrica di ordigni navali del mondo. Le armi progettate e costruite lì sono state utilizzate in ogni guerra in cui gli Stati Uniti hanno combattuto fino agli anni '60. Al suo apice, lo Yard consisteva di 188 edifici su 126 acri (0,5 km²) di terreno e impiegava quasi 25.000 persone. Qui venivano prodotti piccoli componenti per sistemi ottici ed enormi cannoni da 16 pollici (410 mm) per navi da guerra. Nel dicembre 1945, il cantiere fu rinominato U.S. Naval Gun Factory. Il lavoro di Ordnance continuò per alcuni anni dopo la seconda guerra mondiale, fino a quando fu definitivamente eliminato nel 1961. Tre anni dopo, il 1º luglio 1964, l'attività fu ridenominata Washington Navy Yard. Gli edifici abbandonati della fabbrica cominciarono ad essere convertiti ad uso ufficio.

Il Washington Navy Yard è stato aggiunto al registro nazionale dei luoghi storici nel 1973, e designato come punto di riferimento storico nazionale l'11 maggio 1976.

Era il quartier generale del Centro Storico del Corpo dei Marines. È stato spostato nel 2006 a Quantico.

Culturale e scientifico

Molti sviluppi scientifici ebbero luogo al Washington Navy Yard. Robert Fulton lavorò al suo siluro a orologeria durante la guerra del 1812. Nel 1822, il commodoro John Rodgers costruì la prima ferrovia marina del paese per la revisione delle grandi navi. John A. Dahlgren sviluppò il suo cannone a forma di bottiglia che divenne il pilastro dell'artiglieria navale prima della Guerra Civile. Nel 1898, David W. Taylor sviluppò un bacino per testare i modelli di navi che fu usato dalla Marina e dai costruttori navali privati per testare l'effetto dell'acqua sui nuovi progetti di scafi. La prima catapulta per aerei a bordo fu testata nel fiume Anacostia nel 1912. Una galleria del vento fu completata al cantiere nel 1916. Gli ingranaggi giganti per le chiuse del Canale di Panama furono fusi nello Yard. I tecnici del Navy Yard applicarono i loro sforzi ai progetti medici per protesi di mani e stampi per occhi e denti artificiali.

Il Washington Navy Yard era la porta cerimoniale della capitale della nazione. Nel 1860, la prima missione diplomatica giapponese fu accolta negli Stati Uniti in un impressionante corteo nel cortile. Il corpo del Milite Ignoto della Prima Guerra Mondiale fu ricevuto qui. Charles A. Lindbergh tornò al Navy Yard nel 1927 dopo il suo famoso volo transatlantico. Nel 1939, il re britannico Giorgio VI, in rappresentanza del dominio del Canada,[fonte?] visitò il cantiere durante il suo soggiorno a Washington.

A partire dal 2004, il Navy Yard ospita una varietà di attività. È la sede principale del Naval District Washington, e ospita numerose attività di supporto per la flotta e le comunità dell'aviazione. Il Museo della Marina accoglie i visitatori con la collezione d'arte della Marina. Le sue esposizioni di arte navale e manufatti tracciano la storia della Marina dalla guerra rivoluzionaria ai giorni nostri. Il Naval History and Heritage Command è ospitato in un complesso di edifici noto come Dudley Knox Center for Naval History. Leutze Park è la scena di cerimonie colorate.

Il cacciatorpediniere USS Barry è una nave museo presso il Washington Navy Yard, ed è aperto ai turisti. Il Barry è spesso usato per le cerimonie di cambio di comando per i comandi navali della zona.

Latrobe Gate, l'ingresso cerimoniale al Navy Yard
Latrobe Gate, l'ingresso cerimoniale al Navy Yard

Litografia a colori di Washington Navy Yard, circa 1862
Litografia a colori di Washington Navy Yard, circa 1862

Negozio di siluri al Washington Navy Yard, circa 1917
Negozio di siluri al Washington Navy Yard, circa 1917

Bacino modello sperimentale, circa 1900
Bacino modello sperimentale, circa 1900

Il Milite Ignoto della prima guerra mondiale che arriva al cantiere navale di Washington, circa 1921
Il Milite Ignoto della prima guerra mondiale che arriva al cantiere navale di Washington, circa 1921

Operazioni

The Yard serve come centro cerimoniale e amministrativo per la Marina degli Stati Uniti, sede del capo delle operazioni navali. È sede del Naval Sea Systems Command, del Naval Historical Center, del Department of Naval History, del Naval Criminal Investigative Service, del U.S. Navy Judge Advocate General's Corps, del Naval Reactors, del Marine Corps Institute, della United States Navy Band e di molti altri comandi navali.

2013 riprese

Il 16 settembre 2013, una sparatoria ha avuto luogo nello Yard. Sono stati sparati colpi d'arma da fuoco alla sede del Naval Sea Systems Command Headquarters building #197. Almeno 17 persone, tra cui almeno otto civili, un ufficiale di polizia di Washington e un peacekeeper, sono stati colpiti. Tredici vittime sono state confermate dalla Marina degli Stati Uniti e dalla polizia di Washington. I funzionari hanno detto che l'uomo armato, Aaron Alexis, un imprenditore civile di 34 anni del Queens, New York, è stato ucciso durante uno scontro a fuoco con la polizia.

Pagine correlate

  • Punto Arsenale
  • Edificio 170
  • Elenco dei monumenti storici nazionali nel distretto di Columbia

AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3