Guerra Civile Americana

La guerra civile americana (1861-1865) fu una guerra civile negli Stati Uniti d'America. A volte viene chiamata "La guerra tra gli Stati Uniti". La guerra fu combattuta perché undici Stati del Sud volevano lasciare gli Stati Uniti d'America. Essi formarono gli Stati Confederati d'America, chiamati anche "la Confederazione". Il governo degli Stati Uniti e gli Stati che vi rimasero fedeli furono chiamati "l'Unione".

La causa principale della guerra era la schiavitù. La schiavitù era comune negli Stati del Sud, compresi tutti gli 11 che si unirono agli Stati confederati. Era illegale nella maggior parte degli Stati del Nord. Gli Stati confederati cercarono di lasciare l'Unione dopo che Abraham Lincoln, che non amava la schiavitù, fu eletto presidente degli Stati Uniti. L'Unione credeva che fosse illegale che gli Stati si staccassero. Cinque Stati in cui la schiavitù era legale rimasero nell'Unione. Questi erano chiamati "Stati di confine". All'inizio l'Unione non prevedeva di abolire la schiavitù, ma nel 1862 questo divenne uno dei loro obiettivi.

La guerra iniziò il 12 aprile 1861 quando le forze confederate attaccarono Fort Sumter, un forte nella Carolina del Sud detenuto dai soldati dell'Unione. Durò quattro anni e causò molti danni nel Sud. Fino al 1862 la guerra fu combattuta soprattutto negli Stati del Nord, ma in seguito fu combattuta soprattutto negli Stati del Sud. Dopo quattro anni di combattimenti, l'Unione ha vinto la guerra. Dopo la vittoria dell'Unione, la schiavitù fu resa illegale ovunque negli Stati Uniti.

Background

Quando gli Stati Uniti d'America furono fondati nel 1776, la maggior parte degli Stati permetteva la schiavitù. Ma nel corso dei successivi 84 anni, gli Stati del Nord decisero che la schiavitù era una cosa negativa e la proibirono. Gli Stati del Sud mantennero la schiavitù legale. Gli schiavi provenienti dall'Africa coltivavano il cotone in quegli stati, che produceva un sacco di soldi.

Gli Stati Uniti si divisero in schiavi e stati liberi. Nel 1860, quegli Stati erano da tempo sempre più arrabbiati l'uno con l'altro. Stavano discutendo se la schiavitù dovesse essere permessa nelle terre ad ovest. Alla fine degli anni '50 del 1850, in Kansas si combatteva tra persone che volevano permettere la schiavitù nell'area del Kansas e persone che la volevano proibita.

Abraham Lincoln del Partito Repubblicano vinse le elezioni presidenziali del 1860 negli Stati Uniti. Lincoln non voleva ancora bandire la schiavitù. Pensava che vietarla avrebbe danneggiato il Sud. Ma Lincoln e il Partito Repubblicano non amavano la schiavitù e non volevano che si diffondesse in Occidente.

Lincoln divenne presidente il 4 marzo 1861. Dopo le elezioni, sette Stati del Sud dichiararono la loro indipendenza dall'Unione. Il presidente uscente degli Stati Uniti, James Buchanan, disse che questo era contro la legge, ma non fece nulla per fermarli. Lincoln e il suo partito repubblicano trattarono questa secessione come una ribellione. Nessun Paese ha mai riconosciuto la Confederazione come una nazione propria, separata. Questo a causa della diplomazia dell'Unione, dei sentimenti anti-schiavitù in Europa e del blocco dei porti del sud a nord.

I primi sette Stati ad aderire alla Confederazione sono stati la Carolina del Sud, il Mississippi, la Florida, l'Alabama, la Georgia, la Louisiana e il Texas. Altri quattro si sono uniti dopo l'inizio dei combattimenti: Virginia, Arkansas, Tennessee e North Carolina. La Confederazione affermava che il Kentucky e il Missouri appartenevano a loro, ma questi stati non si sono mai uniti alla Confederazione. Kentucky, Missouri e Maryland erano stati schiavi che cercavano di evitare di schierarsi. Il Delaware ha sostenuto l'Unione nonostante fosse uno Stato schiavo. Inoltre, le contee occidentali della Virginia scelsero di rimanere nell'Unione, creando un nuovo stato chiamato West Virginia.

Gli stati nel 1861       I primi 7 stati confederati I 4 stati confederati che hanno lasciato più tardi gli stati dell'Unione che hanno permesso la schiavitù Gli stati dell'Unione che hanno permesso la schiavitù Gli stati dell'Unione che hanno vietato la schiavitù Le aree che non erano ancora stati West Virginia non si erano ancora divisi dalla Virginia
Gli stati nel 1861       I primi 7 stati confederati I 4 stati confederati che hanno lasciato più tardi gli stati dell'Unione che hanno permesso la schiavitù Gli stati dell'Unione che hanno permesso la schiavitù Gli stati dell'Unione che hanno vietato la schiavitù Le aree che non erano ancora stati West Virginia non si erano ancora divisi dalla Virginia

Inizia la lotta

I combattimenti sono iniziati quando i Confederati hanno bombardato Fort Sumter, un forte dell'esercito dell'Unione. Lincoln chiese poi agli Stati dell'Unione di radunare soldati per combattere i Confederati.

Gli Stati confederati sostenevano di essere proprietari di tutti i forti e di altri edifici federali del Sud. Fort Sumter si trovava nella Carolina del Sud - uno degli Stati Confederati. Tuttavia, il forte era controllato dall'Unione. Il 12 aprile 1861 le forze confederate attaccarono il forte. Costrinsero i soldati dell'Unione all'interno del forte ad arrendersi. Dopo di che, il presidente Lincoln chiese ad ogni Stato dell'Unione di avere dei volontari per entrare nell'esercito dell'Unione. Rapidamente, altri quattro Stati schiavi del sud si unirono ai Confederati invece di fornire forze per combatterli.

Il blocco della Marina degli Stati Uniti ha impedito alla Confederazione di vendere il cotone e altre merci. Ha anche reso più difficile per loro comprare armi e forniture militari.

La guerra

La guerra civile americana fu combattuta in tre importanti aree terrestri, o "teatri". Il teatro orientale comprendeva tutte le terre ad est degli Appalachi. Il teatro occidentale comprendeva tutto ciò che si trovava tra gli Appalachi e il fiume Mississippi e lungo il fiume. Il teatro Trans-Mississippi comprendeva il territorio ad ovest del fiume Mississippi.

Sia gli Stati Uniti che la Confederazione avevano le loro capitali nel teatro orientale. Washington D.C. era la capitale degli Stati Uniti dal 1800. Quando il Sud si separò, chiamò per la prima volta Montgomery, Alabama, ma presto si trasformò in Richmond, Virginia, come capitale degli Stati Confederati. Richmond e Washington sono distanti tra loro solo 145 km. Una delle prime battaglie della guerra fu combattuta in Virginia. Questa prima battaglia di Bull Run avvenne il 21 luglio 1861. I Confederati vinsero la battaglia. L'Esercito dell'Unione del Potomac cercò poi di catturare Richmond nella Campagna della Penisola durante la primavera del 1862. In quel periodo, Robert E. Lee prese il comando dell'esercito della Virginia del Nord e sconfisse l'esercito dell'Unione. Vince poi la seconda battaglia di Bull Run nell'agosto del 1862. Lee cercò di vincere la guerra invadendo il Maryland. Quando perse la battaglia di Antietam, si ritirò in Virginia.

C'è stata molta guerra navale nella guerra civile americana, ma la marina dell'Unione era molto più forte. Lincoln mise i Confederati sotto un blocco, il che significava che la marina dell'Unione non avrebbe permesso a nessuna nave di entrare o uscire dai porti del sud. I Confederati usavano navi chiamate "corrieri di blocco" per portare cose dall'Europa. Le cose che i Confederati portavano con sé comprendevano armi. Le marine di ogni parte combattevano anche sui fiumi. Tra le navi c'erano i ferri da stiro, che erano protetti dal ferro sui loro fianchi, e i cotonieri, che usavano il cotone lungo i loro fianchi. Durante la battaglia di Hampton Roads, i Confederati della Virginia rivestita di ferro combatterono contro l'Union Ironclad Monitor. Questa è stata la prima volta nella storia del mondo che due ferri da stiro hanno combattuto l'uno contro l'altro.

Nel teatro occidentale, gran parte dei combattimenti sono avvenuti lungo il fiume Mississippi. Ulysses S. Grant era un importante generale dell'Unione in Occidente. I Confederati cercarono di inviare i loro soldati nello stato del Kentucky durante l'estate del 1861. Durante i primi mesi del 1862, l'esercito dell'Unione fece ritirare i Confederati dal Kentucky e dal Tennessee occidentale. I Confederati cercarono di riconquistare il Tennessee occidentale attaccando l'esercito di Grant nella battaglia di Shiloh. Grant vinse la battaglia. I Confederati cercarono poi di inviare i loro soldati nel Kentucky orientale durante l'autunno del 1862. Lasciarono il Kentucky dopo aver perso la battaglia di Perryville.

Il Nord ha conquistato il controllo di quasi tutto il fiume Mississippi. Ciò avvenne catturando le città lungo il fiume durante l'autunno del 1862 e la primavera del 1863. Tuttavia, la Confederazione deteneva ancora Vicksburg, una città e un forte importante città. Se tenevano la città, i Confederati potevano spostare soldati e rifornimenti da una parte all'altra del fiume. Grant iniziò l'assedio di Vicksburg durante il mese di maggio del 1863. L'assedio continuò a lungo. Il 4 luglio 1863 i Confederati di Vicksburg si arrendono a Grant. Questo fu uno dei punti di svolta della guerra, perché divise la Confederazione in due parti.

Ci furono anche battaglie ad ovest della valle del fiume Mississippi, nel teatro Trans-Mississippi. Per esempio, due importanti battaglie sono state la Battaglia di Wilson's Creek e la Battaglia di Pea Ridge. I Confederati tentarono di invadere il New Mexico nel febbraio e marzo del 1862 ma furono sconfitti nella battaglia di Glorieta Pass. Dopo la conquista di Vicksburg da parte dell'Unione, questa zona fu separata dal resto degli stati confederati. Altre battaglie si svolsero in questa zona dopo la cattura di Vicksburg.

Durante l'assedio di Vicksburg a ovest, un altro punto di svolta è arrivato a est. Dopo aver vinto alcune battaglie, Lee decise di invadere di nuovo il Nord. Lee e il suo esercito della Virginia del Nord andarono in Pennsylvania. L'esercito confederato incontrò l'esercito dell'Unione vicino a Gettysburg, in Pennsylvania. I due eserciti combatterono la battaglia di Gettysburg. Questa battaglia durò tre giorni: dall'1 al 3 luglio 1863. A Gettysburg morirono più soldati che in qualsiasi altra battaglia della Guerra Civile. L'Unione ha vinto la battaglia. Questo fermò l'invasione dell'esercito confederato nel nord. Lee e le sue truppe furono respinte nel Sud.

Dopo questo, il presidente Lincoln decise che Grant era il suo miglior generale. Mise Grant al controllo di tutti gli eserciti dell'Unione. Lincoln fece anche di William T. Sherman il generale al comando delle truppe dell'Unione in Georgia. Grant guidò molti attacchi all'esercito di Lee. Queste battaglie erano costituite dalla Campagna Overland. Nel frattempo, Sherman ha bruciato Atlanta e Savannah. Lo fece per cercare di rendere il Sud più debole e di rendere più difficile per la gente del Sud fornire all'esercito confederato cibo e altri beni di prima necessità. Sherman ha poi marciato verso nord attraverso la Carolina del Sud e la Carolina del Nord. Il generale confederato Joseph E. Johnston ha attaccato Sherman nella battaglia di Bentonville. Sherman ha vinto la battaglia.

Lee ha resistito il più a lungo possibile in Virginia. Alla fine decise che aveva troppo pochi soldati per continuare a combattere contro l'Unione, che aveva più soldati e rifornimenti. Lee si arrese a Grant il 9 aprile 1865, vicino al tribunale di Appomattox. Dopo la resa di Lee, si arrese anche molti altri eserciti confederati. L'ultimo generale confederato ad arrendersi fu il generale di brigata Stand Watie. Si arrese il 23 giugno 1865, in Oklahoma.

Dopo la fine della guerra, il presidente Lincoln perdonò tutti i soldati confederati. Ciò significava che i soldati confederati non sarebbero stati arrestati o puniti per aver combattuto contro l'Unione. Gli Stati del Sud avrebbero avuto il permesso di tornare negli Stati Uniti. Tuttavia, alcuni confederati non vollero tornare negli Stati Uniti. Alcuni di questi si trasferirono in Messico o in Brasile.




Inflazione

Durante la guerra, l'inflazione era un problema nell'Unione e un problema più grande nella Confederazione, il cui governo pagava la guerra stampando una grande quantità di carta moneta. I prezzi salirono e tutto divenne più costoso. Molte persone non potevano permettersi i prezzi più alti e per questo motivo soffrirono la fame. Questa fu una delle cose che contribuì a portare alla resa della Confederazione.

Dopo la guerra

Molti soldati di entrambe le parti sono morti durante la guerra. La maggior parte della guerra è stata combattuta nel Sud. Molte ferrovie, fattorie, case e altre cose sono state distrutte e la maggior parte della gente è diventata molto povera.

Il periodo del dopoguerra, chiamato Ricostruzione, durò dalla fine della guerra fino al 1877. L'Esercito dell'Unione rimase in alcuni Stati del Sud, rendendoli territori occupati. Alla Costituzione degli Stati Uniti furono aggiunti tre importanti emendamenti. Gli emendamenti furono proposti (o suggeriti) dal governo degli Stati Uniti. Anche se non tutti gli americani li appoggiarono, gli emendamenti ottennero un sostegno sufficiente per passare:

  • Il 13° emendamento diceva che la schiavitù non è consentita in nessun luogo degli Stati Uniti. Questo ha completato il lavoro della Proclamazione di Emancipazione.
  • Il 14° emendamento chiarisce che tutti i nati negli Stati Uniti sono cittadini con uguali diritti.
  • Il 15° Emendamento diceva che le persone negli Stati Uniti non potevano essere trattenute dal votare a causa della loro razza.

Dopo la guerra, alcuni dei leader dell'Esercito dell'Unione sono entrati in politica. I generali Grant, Hayes, Garfield, Harrison e McKinley divennero presidenti. Altri veterani furono eletti ad altre cariche.

L'Amnesty Act del 1872 ha ripristinato i diritti di voto e di carica politica per la maggior parte degli ex membri della Confederazione. Alcuni di loro sono diventati anche politici.


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3