1896 Olimpiadi estive

Le Olimpiadi estive del 1896, ufficialmente conosciute come i Giochi della I Olimpiade, si tennero ad Atene in Grecia.

I giochi si svolsero dal 6 al 15 aprile 1896. Fu la prima Olimpiade internazionale che si tenne in epoca moderna. Poiché l'Antica Grecia è stata la culla dei Giochi Olimpici, Atene è stata una scelta appropriata per mettere in scena i Giochi moderni inaugurali. Durante questo congresso fu istituito anche il Comitato Olimpico Internazionale (CIO).

Le Olimpiadi del 1896 furono considerate un grande successo, anche se ci furono molti ostacoli e battute d'arresto. I Giochi hanno avuto la più grande partecipazione internazionale di tutti gli eventi sportivi fino a quella data. Lo Stadio Panathinaiko, l'unico stadio olimpico utilizzato nel XIX secolo, traboccava di una folla enorme per assistere a un evento sportivo. Il momento culminante per i greci fu la vittoria della maratona di Spyridon Louis. Il concorrente di maggior successo è stato il lottatore e ginnasta tedesco Carl Schuhmann, che ha vinto quattro eventi.

Dopo i Giochi, Rhys Coubertin e il CIO sono stati interpellati da diverse personalità di spicco, tra cui il re greco Giorgio e alcuni concorrenti americani ad Atene, per organizzare tutti i seguenti Giochi ad Atene. Tuttavia, le Olimpiadi estive del 1900 erano già previste per Parigi e, ad eccezione dei Giochi Intercalati del 1906, le Olimpiadi non tornarono in Grecia fino alle Olimpiadi estive del 2004, circa 108 anni dopo.

Le storie sugli eventi e le persone di questi Giochi erano nella miniserie della NBC del 1984, The First Olympics: Atene, 1896 - con David Ogden Stiers nel ruolo di William Milligan Sloane e Louis Jourdan nel ruolo di Pierre de Coubertin.

Copertina del rapporto
Copertina del rapporto

Il rilancio dei Giochi

Nel XVIII secolo, diversi festival sportivi su piccola scala in Europa hanno preso il nome dalle Antiche Olimpiadi. Le Olimpiadi del 1870 allo stadio Panathenaic contavano 30.000 persone. Coubertin prese l'idea del dottor William Penny Brooke di avere un evento multi-nazionale e multi-sport: i giochi antichi erano in un certo senso internazionali, perché erano rappresentate varie città-stato e colonie greche, ma solo gli atleti maschi liberi di origine greca potevano partecipare. Nel 1890, Coubertin scrisse un articolo su La Revue Athletique, che parlava dell'importanza di Much Wenlock, una città di mercato rurale nella contea inglese dello Shropshire. Fu qui che, nell'ottobre del 1850, il medico locale William Penny Brookes diede inizio ai Giochi Olimpici di Wenlock, un festival di sport e ricreazione che comprendeva l'atletica leggera e gli sport di squadra, come il cricket, il calcio e le quotazioni. Coubertin si ispirò anche ai precedenti giochi greci organizzati sotto il nome di Olimpiadi dall'uomo d'affari e filantropo Evangelis Zappas nel 1859, 1870 e 1875. I Giochi di Atene del 1896 furono finanziati dai lasciti di Evangelis Zappas e di suo cugino Konstantinos Zappas e da George Averoff che era stato espressamente richiesto dal governo greco, attraverso il principe ereditario Costantino, di sponsorizzare la seconda ristrutturazione dello stadio Panathinaiko. Il governo greco ha riparato lo stadio, anche se il costo della ristrutturazione dello stadio in marmo era già stato interamente finanziato da Evangelis Zappas quarant'anni prima.

Con profondo sentimento verso la cortese petizione del barone de Coubertin, invio a lui e ai membri del Congresso, con i miei più sinceri ringraziamenti, i miei migliori auguri per la rinascita dei Giochi Olimpici.

-Re Giorgio di Grecia (21 giugno 1894)

Il 18 giugno 1894, alla Sorbona, a Parigi, Coubertin ha riunito un gruppo per presentare i suoi progetti ai rappresentanti delle società sportive di 11 paesi. Dopo l'accettazione della sua proposta da parte del congresso, fu necessario scegliere una data per i primi Giochi Olimpici moderni. Coubertin propose che i Giochi si tenessero in concomitanza con l'Esposizione Universale di Parigi del 1900. Preoccupati che un'attesa di sei anni potesse diminuire l'interesse del pubblico, i membri del congresso scelsero invece il 1896. Stabilita una data, i membri del congresso si rivolsero alla scelta della città ospitante. Poiché la Grecia era la sede originaria delle Olimpiadi, tutti i membri del congresso approvarono la decisione di Atene. Vikelas fu poi eletto il primo presidente del neo costituito Comitato Olimpico Internazionale (CIO).

Panorama dello stadio Panathinaiko
Panorama dello stadio Panathinaiko

Sedi

Sede

Sport

Capacità

Stadio Panathinaiko

Atletica, Ginnastica, sollevamento pesi e lotta libera

80,000

Baia di Zea

Nuoto

Atene Lawn Tennis Club

Tennis

Kallithea

Riprese

Neo Velodromo di Faliron

Ciclismo

Zappeion

Scherma



Cerimonia di apertura

Il 6 aprile (25 marzo secondo il calendario giuliano allora in uso in Grecia) sono stati ufficialmente aperti i giochi della Prima Olimpiade; era il lunedì di Pasqua sia per la Chiesa cristiana d'Occidente che per quella d'Oriente e l'anniversario dell'indipendenza della Grecia. Lo stadio Panathinaiko è stato riempito con circa 80.000 spettatori, tra cui il re Giorgio I di Grecia, sua moglie Olga e i loro figli. La maggior parte degli atleti in gara erano allineati sul campo, raggruppati per nazione. Dopo un discorso del presidente del comitato organizzatore, il principe ereditario Costantino, suo padre ha aperto ufficialmente i Giochi:

"Dichiaro l'apertura dei primi Giochi Olimpici internazionali ad Atene. Lunga vita alla Nazione. Lunga vita al popolo greco".

In seguito, nove bande e 150 coristi hanno eseguito un inno olimpico, composto da Spyridon Samaras, con parole del poeta Kostis Palamas. In seguito, una varietà di offerte musicali ha fatto da sfondo alle Cerimonie di Apertura fino al 1960, da allora la composizione Samaras/Palamas è diventata l'Inno Olimpico ufficiale (decisione presa dalla Sessione del CIO nel 1958). Altri elementi delle attuali cerimonie di apertura olimpiche sono stati avviati in seguito: la fiamma olimpica fu accesa per la prima volta nel 1928, il primo giuramento degli atleti fu prestato alle Olimpiadi estive del 1920 e il primo giuramento ufficiale fu prestato ai Giochi Olimpici del 1972.

La cerimonia di apertura dello stadio Panathinaiko
La cerimonia di apertura dello stadio Panathinaiko

Eventi

Al congresso della Sorbona del 1894 fu proposto un ampio programma sportivo per il programma ad Atene. I primi annunci ufficiali relativi agli eventi sportivi che si svolsero furono caratterizzati da sport come il calcio e il cricket, ma questi piani non furono mai finalizzati, e questi sport non fecero la lista finale dei Giochi. Il canottaggio e lo yachting erano in programma, ma hanno dovuto essere cancellati a causa del maltempo nel giorno di gara previsto.

Atletica leggera

Gli eventi di atletica leggera hanno avuto il campo più internazionale di tutti gli sport. Il momento clou è stata la maratona, che si è svolta per la prima volta in una competizione internazionale. Spyridon Louis era l'unico campione greco di atletica leggera e un eroe nazionale. Sebbene la Grecia fosse stata favorita per la vittoria del disco o dello shotput, i migliori atleti greci finirono subito dopo l'americano Robert Garrett in entrambi gli eventi.

Non sono stati stabiliti record mondiali, in quanto pochi concorrenti internazionali di primo piano avevano scelto di competere. Inoltre, le curve della pista erano molto strette, rendendo difficili i tempi veloci nelle gare di corsa. Nonostante questo, il statunitense Thomas Burke ha vinto la gara dei 100 metri in 12,0 secondi e quella dei 400 metri in 54,2 secondi. è stato l'unico ad usare la "partenza accovacciata" (mettendo il ginocchio a terra), confondendo la giuria. Alla fine, gli è stato permesso di partire dalla sua "posizione scomoda".

Ciclismo

Per le gare ciclistiche sono state utilizzate le regole dell'Associazione Ciclistica Internazionale. Le gare di ciclismo su pista si sono svolte nel neo costruito Neo Phaliron Velodrome. Si è tenuta una sola manifestazione su strada, una corsa da Atene a Maratona e ritorno (87 chilometri).

Nelle gare in pista, il miglior ciclista è stato il francese Paul Masson, che ha vinto la prova a cronometro di un giro, la gara di sprint e i 10.000 metri. Nella gara dei 100 chilometri, Masson è entrato come pacemaker per il suo connazionale Léon Flameng. Flameng ha vinto la gara, dopo una caduta, e dopo essersi fermato ad aspettare il suo avversario greco Georgios Kolettis per risolvere un problema meccanico. Lo schermidore austriaco Adolf Schmal ha vinto la gara di 12 ore, completata da soli due ciclisti, mentre la gara su strada è stata vinta da Aristidis Konstantinidis.

Scherma

Le manifestazioni di scherma si sono svolte nello Zappeion, che, costruito con i soldi che Evangelis Zappas aveva dato per far rivivere gli antichi Giochi Olimpici, non era mai stato utilizzato prima. A differenza di altri sport (a cui solo i dilettanti potevano partecipare alle Olimpiadi), i professionisti potevano gareggiare nella scherma, anche se in un evento separato. Questi professionisti erano considerati atleti gentiluomini, proprio come i dilettanti.

Erano previsti quattro eventi, ma l'evento épée è stato annullato per motivi sconosciuti. La gara del fioretto è stata vinta da un francese, Eugène-Henri Gravelotte, che ha battuto in finale il suo connazionale Henri Callot. Gli altri due eventi, la sciabola e il fioretto dei maestri, sono stati vinti da schermitori greci. Leonidas Pyrgos, che ha vinto quest'ultimo evento, è diventato il primo campione olimpico greco dell'era moderna.

Ginnastica

La ginnastica è stata all'infield del Panathinaiko Stadium. La Germania ha inviato una squadra di 11 uomini, che ha vinto cinque degli otto eventi, compresi entrambi gli eventi della squadra. Nella gara a squadre sulla barra orizzontale, la squadra tedesca non ha avuto avversari. Tre tedeschi hanno aggiunto titoli individuali: Hermann Weingärtner ha vinto la barra orizzontale, Alfred Flatow ha vinto le parallele e Carl Schuhmann, che ha gareggiato con successo anche nel wrestling, ha vinto il volteggio. Louis Zutter, ginnasta svizzero, ha vinto il cavallo con maniglie, mentre i greci Ioannis Mitropoulos e Nikolaos Andriakopoulos hanno vinto rispettivamente gli anelli e le gare di arrampicata su corda.

Riprese

Svoltasi al poligono di Kallithea, la gara di tiro è stata di cinque eventi: due con il fucile e tre con la pistola. Il primo evento, il fucile militare, è stato vinto da Pantelis Karasevdas, l'unico concorrente a colpire il bersaglio con tutti i suoi colpi. Il secondo evento, per le pistole militari, è stato dominato da due fratelli americani: John e Sumner Paine divennero i primi fratelli ad arrivare primi e secondi nella stessa manifestazione. Per evitare di mettere in imbarazzo i loro padroni di casa, i fratelli decisero che solo uno di loro avrebbe gareggiato nella successiva gara di pistole, la pistola gratuita. Sumner Paine vinse quell'evento.

I fratelli Paine non hanno partecipato alla gara di pistole da 25 metri, poiché i giudici dell'evento hanno stabilito che le loro armi non erano del calibro richiesto. In loro assenza, ha vinto Ioannis Phrangoudis. L'evento finale, il fucile libero, iniziò lo stesso giorno. Tuttavia, l'evento non è stato completato a causa dell'oscurità e si è concluso la mattina seguente, quando Georgios Orphanidis è stato incoronato campione.

Nuoto

La gara di nuoto si è svolta in mare aperto. Quasi 20.000 spettatori hanno costeggiato la Baia di Zea al largo della costa del Pireo per assistere agli eventi. L'acqua della baia era fredda e i concorrenti hanno sofferto durante le gare. Ci sono stati tre eventi aperti (100 metri stile libero maschile, 500 metri stile libero maschile e 1200 metri stile libero maschile), oltre ad un evento speciale aperto solo ai velisti greci, che si sono svolti tutti nello stesso giorno (11 aprile).

Per Alfréd Hajós d'Ungheria, essere nello stesso giorno significava che poteva competere solo in due delle manifestazioni. Ha vinto le due gare in cui ha nuotato, i 100 e i 1200 metri stile libero. Hajós divenne in seguito uno degli unici due olimpionici a vincere una medaglia in entrambe le competizioni atletiche e artistiche, quando vinse una medaglia d'argento per l'architettura nel 1924. Il 500 metri stile libero fu vinto dal nuotatore austriaco Paul Neumann, che sconfisse i suoi avversari per più di un minuto e mezzo.

Tennis

Anche se il tennis era già uno sport importante alla fine del XIX secolo, nessuno dei migliori giocatori si è presentato al torneo di Atene. La competizione si svolgeva sui campi del Lawn Tennis Club di Atene e sul campo del velodromo utilizzato per gli eventi ciclistici. John Pius Boland, che vinse l'evento, fu iscritto al concorso da un suo compagno di studi a Oxford. Nel primo turno, Boland ha sconfitto Friedrich Traun, un promettente tennista di Amburgo, che era stato eliminato nella gara di sprint dei 100 metri. Boland e Traun hanno deciso di fare squadra per il doppio, in cui hanno raggiunto la finale e hanno sconfitto i loro avversari greci ed egiziani dopo aver perso il primo set.

Sollevamento pesi

Lo sport del sollevamento pesi era ancora giovane nel 1896, e le regole erano diverse da quelle in uso oggi. Le gare si svolgevano all'aperto, nel campo dello stadio principale, e non c'erano limiti di peso. Il primo evento si svolgeva in uno stile ormai noto come "pulito e scossone". Due concorrenti si sono distinti: lo scozzese Launceston Elliot e il danese Viggo Jensen. Entrambi sollevarono lo stesso peso; ma la giuria, con il principe Giorgio come presidente, stabilì che Jensen lo aveva fatto in uno stile migliore. La delegazione britannica, che non conosceva questa regola del pareggio, ha presentato una protesta. I sollevatori furono infine autorizzati a fare ulteriori tentativi, ma nessuno dei due sollevatori migliorò, e Jensen fu dichiarato campione.

Elliot ha vinto nella gara di sollevamento con una sola mano, che si è tenuta subito dopo quella a due mani. Jensen si era leggermente infortunato durante il suo ultimo tentativo a due mani, e non è stata una partita per Elliot, che ha vinto la competizione facilmente. Il pubblico greco è rimasto affascinato dal vincitore scozzese, che considerava molto attraente. Un curioso incidente si è verificato durante il sollevamento pesi: ad un servitore è stato ordinato di rimuovere i pesi, che sembrava essere un compito difficile per lui. Il principe George venne in suo aiuto; raccolse il peso e lo lanciò a grande distanza con facilità, per la gioia della folla.

Wrestling

Non esistevano classi di peso per la gara di wrestling, che si svolgeva nello stadio Panathinaiko, il che significava che ci sarebbe stato un solo vincitore tra i concorrenti di tutte le dimensioni. Le regole utilizzate erano simili al moderno wrestling greco-romano, anche se non c'era un limite di tempo, e non tutte le prese di gamba erano proibite (a differenza delle regole attuali).

A parte i due concorrenti greci, tutti i concorrenti erano stati precedentemente attivi in altri sport. Il campione di sollevamento pesi Launceston Elliot ha affrontato il campione di ginnastica Carl Schuhmann. Quest'ultimo ha vinto ed è avanzato in finale, dove ha incontrato Georgios Tsitas, che in precedenza aveva sconfitto Stephanos Christopoulos. L'oscurità ha costretto a sospendere la finale dopo 40 minuti; è proseguita il giorno seguente, quando a Schuhmann è bastato un quarto d'ora per finire l'incontro.

I francesi Léon Flameng (a sinistra) e Paul Masson hanno vinto quattro gare di ciclismo.
I francesi Léon Flameng (a sinistra) e Paul Masson hanno vinto quattro gare di ciclismo.

Fencer Leonidas Pyrgos è diventato il primo campione olimpico greco moderno vincendo la gara di fioretto dei maestri.
Fencer Leonidas Pyrgos è diventato il primo campione olimpico greco moderno vincendo la gara di fioretto dei maestri.

I campioni individuali tedeschi di ginnastica: Schuhmann, Flatow e Weingärtner
I campioni individuali tedeschi di ginnastica: Schuhmann, Flatow e Weingärtner

Alfréd Hajós, il primo campione olimpico di nuoto, è uno degli unici due olimpionici ad aver vinto medaglie in entrambe le competizioni sportive e artistiche.
Alfréd Hajós, il primo campione olimpico di nuoto, è uno degli unici due olimpionici ad aver vinto medaglie in entrambe le competizioni sportive e artistiche.

Launceston Elliot, vincitore dell'evento di sollevamento pesi con un braccio solo, è stato molto popolare tra il pubblico greco, che lo ha trovato molto bello.
Launceston Elliot, vincitore dell'evento di sollevamento pesi con un braccio solo, è stato molto popolare tra il pubblico greco, che lo ha trovato molto bello.

Carl Schuhmann (a sinistra) e Georgios Tsitas si stringono la mano prima della partita finale della competizione di wrestling.
Carl Schuhmann (a sinistra) e Georgios Tsitas si stringono la mano prima della partita finale della competizione di wrestling.

Cerimonia di chiusura

La mattina di domenica 12 aprile, Re Giorgio ha organizzato un banchetto per funzionari e atleti (anche se alcune gare non si erano ancora svolte). Durante il suo discorso, ha chiarito che, per quanto lo riguardava, le Olimpiadi si sarebbero dovute tenere ad Atene in modo permanente. La cerimonia ufficiale di chiusura si è tenuta il mercoledì successivo, dopo essere stata rinviata da martedì a causa della pioggia. Anche in questo caso la famiglia reale ha partecipato alla cerimonia, che è stata aperta dall'inno nazionale della Grecia e da un'ode composta in greco antico da George S. Robertson, un atleta e studioso britannico.

In seguito, il re ha premiato i vincitori. A differenza di oggi, i primi classificati hanno ricevuto medaglie d'argento, un ramoscello d'ulivo e un diploma. Gli atleti che si sono piazzati al secondo posto hanno ricevuto medaglie di rame, un ramo d'alloro e un diploma. I vincitori del terzo posto non hanno ricevuto alcuna medaglia. Alcuni vincitori hanno ricevuto anche altri premi, come Spyridon Louis, che ha ricevuto una coppa da Michel Bréal, un amico di Coubertin, che aveva ideato la maratona. Louis ha poi condotto i medagliati in un giro d'onore intorno allo stadio, mentre l'Inno olimpico è stato riproposto. Il Re annunciò poi formalmente che le prime Olimpiadi erano terminate e lasciò lo stadio, mentre la banda suonava l'inno nazionale greco e la folla esultava.

Come il re greco, molti altri sostennero l'idea di organizzare i prossimi Giochi ad Atene; la maggior parte dei concorrenti americani firmò una lettera al principe ereditario per esprimere questo desiderio. Coubertin, tuttavia, si opponeva fortemente a questa idea, poiché immaginava la rotazione internazionale come uno dei capisaldi delle Olimpiadi moderne. Secondo il suo desiderio, i prossimi Giochi si svolgeranno a Parigi, anche se saranno in qualche modo oscurati dall'Esposizione Universale che si terrà contemporaneamente.

Nazioni partecipanti

Un totale di 14 nazioni hanno mandato gli atleti a gareggiare ai giochi di Atene.


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3