Wernher von Braun

Wernher Magnus Maximilian Freiherr von Braun (23 marzo 1912-16 giugno 1977) è stato un ingegnere e scienziato tedesco. Ha lavorato come progettista di razzi tra gli anni '30 e '70. Alcuni dicono che fu il più importante ingegnere missilistico del XX secolo. Lavorò per i nazisti durante la seconda guerra mondiale. Dopo la seconda guerra mondiale, andò negli Stati Uniti. Lì lavorò per la NASA. Nel 1955, dieci anni dopo essere entrato nel paese, von Braun divenne cittadino statunitense.

Fu uno degli sviluppatori del razzo V-2, il primo razzo a volare nello spazio. Sviluppò anche il razzo Saturn V, che portò la gente sulla luna nel 1969.

Prima vita

Von Braun è nato a Wirsitz (oggi: Wyrzysk) in Polonia il 23 marzo 1912. Suo padre era il direttore generale di un'importante banca. Durante la Repubblica di Weimar, suo padre era il ministro dell'alimentazione e dell'agricoltura Magnus Freiherr von Braun. La madre di Von Braun era Emmy von Quistorp, la figlia di un membro della Camera dei Lord prussiana.

Nel 1920 si trasferì a Berlino. Durante i primi anni di scuola, von Braun frequentò una scuola secondaria francese a Berlino. All'età di 13 anni, ricevette un telescopio. Questo regalo aumentò il suo interesse per l'astronomia. A causa dei cattivi voti, von Braun dovette frequentare un collegio vicino a Weimar, nel 1925. Comprò con i suoi soldi extra il libro Die Rakete zu den Planetenräumen (inglese: The Rocket into Interplanetary Space) di Hermann Oberth, che è la base della moderna ricerca sui razzi. Nel 1928, frequentò il collegio Hermann-Lietz-Internat sull'isola tedesca Spiekeroog. Nel 1930 superò gli esami finali.

Ha iniziato a studiare all'Università Tecnica di Berlino nell'estate del 1930. Von Braun studiò anche al Politecnico di Zurigo, nel 1931. Alla fine di settembre 1931, tornò a Berlino.

Carriera tedesca

Nel 1933 von Braun iniziò a lavorare sui razzi per l'esercito tedesco. Il 27 luglio 1934 ricevette un dottorato di ricerca dall'Università Tecnica di Berlino. "Max" e "Moritz", due razzi sviluppati da lui, andarono fino a 2.200 metri di altezza (7.218 piedi) nel dicembre 1934. I test furono fatti in un piccolo villaggio a Kummersdorf, in Germania. Nel 1936, von Braun e il suo team svilupparono la successiva generazione di razzi, l'A-3. L'area di test a Kummersdorf era troppo piccola per questo razzo appena sviluppato. Insieme al suo team di circa 90 persone, dovette trasferirsi in un'area di test più grande a Peenemünde.

Nel 1937, con i nazisti al potere, si unì alle S.S.. Von Braun lavorò a Peenemünde tra il 1937 e il 1945. Lì iniziò a sviluppare un nuovo razzo chiamato A4 (Aggregat 4). Dopo alcuni test, il razzo fu rinominato V-2. La "V" sta per la parola tedesca "Vergeltung", che significa vendetta. Questo fu il primo missile balistico a lungo raggio ad essere usato in guerra. Era in grado di portare una testata di una tonnellata fino a 50 miglia in aria, e viaggiare per centinaia di miglia verso un obiettivo. Nel 1943, la Germania iniziò una produzione di massa di questo razzo usando migliaia di prigionieri dei campi di concentramento come operai. Spararono migliaia di questi razzi contro obiettivi ad Anversa e in Gran Bretagna, specialmente a Londra. Più di 1700 razzi V-2 atterrarono su Anversa, uccidendo più di 3.700 persone. Von Braun e il suo team iniziarono a sviluppare le nuove generazioni di questi razzi, i V-9 e V-10, che erano per obiettivi negli Stati Uniti.

Carriera americana

I primi anni

Von Braun e circa 100 altri scienziati furono portati in America nel 1945 dopo la resa. Iniziarono a lavorare per l'esercito degli Stati Uniti a Fort Bliss, Texas, dove istruirono i soldati americani nel lancio dei V-2 catturati. Divenne cittadino americano nel 1955. Durante gli anni '50, von Braun cercò di ottenere supporto per un programma spaziale americano. Quando l'Unione Sovietica lanciò lo Sputnik, gli Stati Uniti iniziarono finalmente un programma spaziale. All'inizio era la Marina a occuparsene, ma il loro primo satellite Vanguard fu distrutto quando il razzo esplose sulla rampa di lancio nel dicembre 1957. Il programma satellitare fu affidato all'esercito e il più esperto von Braun poté iniziare a lavorare con il resto del suo team. Il razzo Redstone mise in orbita un satellite il 31 gennaio 1958.

Huntsville e la NASA

Nel 1950 Von Braun iniziò a lavorare al nuovo Redstone Arsenal dell'esercito a Huntsville, Alabama, che più tardi divenne il Marshall Space Flight Center della NASA. Lì, lui e il suo team svilupparono il missile Redstone, simile al V-2. Nel 1959, Von Braun e altri tedeschi furono trasferiti alla NASA insieme a tutte le attività spaziali dell'esercito. Il suo ultimo e più riuscito razzo fu il Saturn V, che portò gli astronauti sulla luna. Tuttavia, dopo l'allunaggio dell'Apollo 11 nel 1969, il sostegno pubblico al programma spaziale diminuì. Nel 1972, von Braun si ritirò dalla NASA e andò a lavorare con la Fairchild Industries, nel Maryland.

Anni successivi

Nel 1972, von Braun lasciò la NASA. Iniziò a lavorare nel settore privato. Si ritirò dal lavoro nel gennaio 1977 perché era malato. Quell'anno morì a 65 anni di cancro al colon.

Von Braun davanti a un razzo
Von Braun davanti a un razzo

Dopo la sua morte

Il lavoro di Von Braun fu in grado di dare all'umanità una visione più ampia dell'universo. I suoi razzi continuarono ad essere realizzati soprattutto come missili. In realtà ne vennero usati di più per i lanci di satelliti, per gli sbarchi sulla luna e per l'esplorazione dello spazio profondo.


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3