Nazismo

Il nazismo (o nazionalsocialismo; tedesco: Nationalsozialismus) è un insieme di credenze politiche associate al Partito nazista di Germania. Ha avuto inizio negli anni Venti. Il partito ha preso il potere nel 1933, dando inizio al Terzo Reich. Durò in Germania fino al 1945, alla fine della seconda guerra mondiale. Il nazismo è una forma di fascismo e utilizza il razzismo biologico. Gran parte della filosofia di questo movimento si basava sull'idea che la "razza ariana", il termine che usavano per quello che oggi chiamiamo popolo germanico, era migliore di tutte le altre razze, e aveva la più grande capacità di sopravvivere. Secondo le idee razziste e abili del nazismo, i popoli germanici erano gli Herrenvolk (razza padrona). Le razze e i popoli "inferiori" - gli ebrei, i rom, gli slavi, gli slavi, i disabili e altri - erano classificati come Untermenschen (subumani).

Per attuare le idee razziste, nel 1935 le leggi razziali di Norimberga proibirono ai non ariani e agli oppositori politici dei nazisti di entrare nel servizio civile. Esse proibiscono anche qualsiasi contatto sessuale tra "ariani" e "non ariani".

I nazisti mandarono milioni di ebrei, rom e altre persone nei campi di concentramento e nei campi di sterminio, dove furono uccisi. Queste uccisioni sono ora chiamate l'Olocausto.

La parola nazista è l'abbreviazione di Nationalsozialist (sostenitore del Nationalsozialistische DeutscheArbeiterpartei) in lingua tedesca. Significa "Partito dei lavoratori nazionalsocialista tedesco".

Il segno del partito nazionalsocialista
Il segno del partito nazionalsocialista

L'ascesa al potere dei nazisti

Adolf Hitler, il leader della Germania nazista, ha scritto un libro intitolato Mein Kampf ("La mia lotta"). Il libro diceva che tutti i problemi della Germania erano dovuti al fatto che gli ebrei stavano facendo piani per danneggiare il paese. Diceva anche che i politici ebrei e comunisti avevano pianificato l'armistizio del 1918 che pose fine alla prima guerra mondiale e permise alla Germania di accettare di pagare enormi quantità di denaro e di beni (risarcimenti).

La notte tra il 27 febbraio 1933 e il 28 febbraio 1933, qualcuno diede fuoco all'edificio del Reichstag. Questo era l'edificio dove si riuniva il Parlamento tedesco. I nazisti incolparono i comunisti. Gli oppositori dei nazisti dissero che erano stati gli stessi nazisti a farlo per arrivare al potere. Lo stesso giorno fu approvata una legge d'emergenza chiamata Reichstagsbrandverordnung. Il governo sosteneva che era per proteggere lo Stato da persone che cercavano di fare del male al Paese. Con questa legge, la maggior parte dei diritti civili della Repubblica di Weimar non contava più. I nazisti la usarono contro gli altri partiti politici. I membri dei partiti comunisti e socialdemocratici furono messi in prigione o uccisi.

I nazisti divennero il più grande partito del parlamento. Nel 1934, riuscirono a rendere illegali tutti gli altri partiti. La democrazia fu sostituita da una dittatura. Adolf Hitler divenne il leader (Führer) della Germania.

Il nazismo era lo standard di Hitler durante la sua corsa alla presidenza della Germania
Il nazismo era lo standard di Hitler durante la sua corsa alla presidenza della Germania

Attaccare altri paesi

Come leader tedesco (Führer) della Germania nazista, Hitler iniziò a spostare gli eserciti nazisti nei paesi vicini. Quando la Germania attaccò la Polonia, iniziò la seconda guerra mondiale. Paesi occidentali come la Francia, il Belgio e i Paesi Bassi furono occupati e trattati dalla Germania come colonie. Tuttavia, nei paesi dell'Est, come la Polonia e l'Unione Sovietica, i nazisti pianificarono di uccidere o schiavizzare i popoli slavi, in modo che i coloni tedeschi potessero prendere le loro terre.

I nazisti strinsero alleanze con altri paesi europei, come la Finlandia e l'Italia. Tutti gli altri paesi europei che si allearono con la Germania lo fecero perché non volevano essere rilevati dalla Germania. Attraverso queste alleanze e invasioni, i nazisti riuscirono a controllare gran parte dell'Europa.

L'Olocausto

Nell'Olocausto, milioni di ebrei, così come i rom (chiamati anche "zingari"), i disabili, gli omosessuali, gli oppositori politici e molte altre persone sono stati mandati nei campi di concentramento e nei campi di sterminio in Polonia e in Germania. I nazisti uccisero milioni di queste persone nei campi di concentramento con gas velenoso. I nazisti uccisero anche milioni di persone di questi gruppi costringendoli a fare il lavoro degli schiavi senza dar loro molto cibo o vestiti. In totale sono morte 17 milioni di persone, di cui 6 milioni di ebrei.

Vittoria degli Alleati

Nel 1945 l'Unione Sovietica si impadronì di Berlino dopo aver sconfitto l'esercito tedesco in Russia. L'Armata Rossa sovietica incontrò gli eserciti americano e britannico, che avevano combattuto in tutta la Germania dopo aver invaso l'Europa nazista dalla Normandia in Francia il 6 giugno 1944. I nazisti persero perché gli Alleati avevano molti più soldati e più soldi di loro.

Durante l'invasione di Berlino, Hitler potrebbe essersi sparato in un bunker con la sua nuova moglie, Eva Braun. Anche altri nazisti si sono uccisi, tra cui Joseph Goebbels solo un giorno dopo che Hitler lo aveva nominato suo successore. I nazisti si sono arresi dopo la cattura di Berlino da parte dell'Armata Rossa.

Processo per i nazisti

Dopo la guerra, i governi alleati, come gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e l'Unione Sovietica, hanno tenuto processi per i leader nazisti. Questi processi si tennero a Norimberga, in Germania. Per questo motivo, questi processi furono chiamati "i processi di Norimberga". I leader alleati accusarono i leader nazisti di crimini di guerra e di crimini contro l'umanità, tra cui l'assassinio di milioni di persone (nell'Olocausto), l'inizio di guerre, di cospirazioni, e l'appartenenza ad organizzazioni illegali come la Schutzstaffel (SS). La maggior parte dei leader nazisti furono giudicati colpevoli dal tribunale, e furono mandati in prigione o giustiziati per impiccagione.

I nazisti dopo la guerra

Non c'è più uno Stato nazista dal 1945, ma ci sono ancora persone che credono in queste idee. Queste persone sono spesso chiamate neo-nazisti, (che significa neo-nazisti). Ecco alcuni esempi di idee naziste moderne:

  • I popoli germanici sono superiori a tutte le altre razze di persone.
  • Molti neonazisti cambiano "germanico" in "tutti i bianchi".
  • Parlano contro gli ebrei e a volte contro altre razze. Per esempio:
    • Dicono che l'Olocausto non è avvenuto e che è stato inventato dagli ebrei.
    • Diciamo che Hitler aveva ragione ad accusare gli ebrei per i problemi della Germania dopo la prima guerra mondiale;
    • Dire alla gente di odiare gli ebrei e altri gruppi di persone; e
    • Credete che gli ebrei abbiano troppo potere nel mondo.

Dopo la guerra, in Germania e in altri paesi, soprattutto in Europa, sono state emanate leggi che rendono illegale dire che l'Olocausto non è mai avvenuto. A volte vietano anche di mettere in discussione il numero di persone che ne sono state colpite, il che significa che non sono state uccise così tante persone come la maggior parte della gente pensa chi ha scritto questo? C'è stata qualche polemica sul fatto che ciò influisca sulla libertà di parola delle persone. Alcuni paesi, come la Germania, l'Austria e la Francia, vietano anche l'uso dei simboli nazisti ed è anche vietato assumere una posizione di impegno nazista su una fonte mediatica popolare per impedire ai nazisti di utilizzarli.

Pagine correlate


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3