Giulio Cesare

Gaio Giulio Cesare (luglio 100 a.C. - 15 marzo 44 a.C.) è stato un comandante militare, politico e autore alla fine della Repubblica Romana.

Cesare divenne un membro del Primo Triumvirato, e quando questo si sciolse, combatté una guerra civile contro Pompeo Magno. Vincendo la guerra, Cesare divenne dittatore romano a vita. Fu ucciso dai suoi nemici a Roma.

Più tardi i governanti di Roma si chiamarono "Cesare" e questo titolo fu poi copiato come "Kaiser" e "Zar".

Prima vita

Giulio Cesare nacque in Italia intorno al luglio del 100 a.C. La data esatta non è nota.

A sedici anni era il capo della sua famiglia, e presto fu minacciato quando Lucio Cornelio Silla divenne dittatore romano.

Silla si mise a epurare Roma dai suoi nemici. Centinaia furono uccisi o esiliati, e Cesare era sulla lista. La famiglia di sua madre supplicò per la sua vita; Silla cedette con riluttanza, ma privò Cesare della sua eredità. Da allora in poi, la mancanza di denaro fu uno dei problemi principali della sua vita. Cesare si arruolò nell'esercito e lasciò Roma.

Durante la traversata del Mar Egeo, Cesare fu rapito dai pirati e tenuto prigioniero. Egli mantenne un atteggiamento di superiorità durante tutta la sua prigionia. Quando i pirati pensarono di chiedere un riscatto di venti talenti d'argento, egli insistette perché ne chiedessero cinquanta. p39 Dopo che il riscatto fu pagato, Cesare organizzò una flotta, inseguì e catturò i pirati e li imprigionò. Li fece crocifiggere di sua iniziativa, come aveva promesso durante la prigionia - una promessa che i pirati avevano preso come uno scherzo. In segno di clemenza, fece prima tagliare loro la gola. Fu presto richiamato all'azione militare.

Sulla strada verso l'alto

Al suo ritorno a Roma fu eletto tribuno militare, un primo passo verso la carriera politica. Fu eletto questore per il 69 a.C. Sua moglie Cornelia morì quell'anno. Dopo il suo funerale, Cesare andò a prestare servizio come questore in Spagna. p100 Al suo ritorno, nel 67 a.C., sposò Pompeia (una nipote di Silla), da cui poi divorziò. Nel 63 a.C. si candidò alla carica di Pontifex Maximus, come sommo sacerdote della religione di stato romana. Si candidò contro due potenti senatori; ci furono accuse di corruzione da tutte le parti. Cesare vinse comodamente, nonostante la maggiore esperienza e posizione dei suoi avversari.

Dopo il suo pretorato, Cesare fu nominato a governare la Spagna romana, ma era ancora molto indebitato e aveva bisogno di pagare i suoi creditori. Si rivolse a Marco Licinio Crasso, uno degli uomini più ricchi di Roma. In cambio dell'appoggio politico, Crasso pagò alcuni dei debiti di Cesare e fece da garante per altri. Cesare partì per la sua provincia prima che il suo pretorio fosse finito. In Spagna conquistò due tribù locali, fu salutato come imperatore dalle sue truppe e completò il suo governatorato con grande stima. Sebbene gli spettasse un "trionfo" a Roma, voleva anche candidarsi come console, la più alta magistratura della Repubblica. Di fronte alla scelta tra un trionfo e il consolato, Cesare scelse il consolato. Dopo l'elezione, fu console nel 59 a.C.

Il Primo Triumvirato

Cesare prese il potere con Gneo PompeoMagno (Pompeo Magno) e Marco Licinio Crasso. Questi tre uomini governarono Roma e furono chiamati il Triumvirato.

Cesare era il tramite tra Crasso e Pompeo. Erano stati in disaccordo per anni, ma Cesare cercò di riconciliarli. Tra i tre, avevano abbastanza denaro e influenza politica per controllare gli affari pubblici. Questa alleanza informale, conosciuta come il Primo Triumvirato (regola dei tre uomini), fu cementata dal matrimonio di Pompeo con la figlia di Cesare, Giulia. Anche Cesare si sposò di nuovo, questa volta con Calpurnia, che era la figlia di un altro potente senatore.

Cesare propose una legge per la ridistribuzione delle terre pubbliche ai poveri, una proposta sostenuta da Pompeo, con la forza delle armi se necessario, e da Crasso, rendendo pubblico il triumvirato. Pompeo riempì la città di soldati, e gli avversari del triumvirato si spaventarono.

La guerra gallica di Cesare

Con l'accordo dei suoi soci, Cesare divenne il governatore della Gallia (Gallia). La Gallia è l'area che oggi è l'Italia settentrionale, la Svizzera e la Francia.

Cesare era il comandante delle legioni romane durante la guerra gallica. La guerra fu combattuta dalla parte dei clienti gallici di Roma contro i Germani, che volevano invadere la Gallia. Era anche per estendere il controllo di Roma sulla Gallia. La conquista della Gallia da parte di Cesare estese il territorio di Roma fino al Mare del Nord. Nel 55 a.C. condusse la prima invasione romana della Britannia. Cesare scrisse di questa guerra di otto anni nel suo libro De Bello Gallico ('Delle guerre galliche'). Questo libro, scritto in latino, è un importante resoconto storico.

Queste conquiste gli procurarono un grande potere militare e minacciarono di eclissare Pompeo. L'equilibrio di potere fu ulteriormente sconvolto dalla morte di Crasso nel 53 a.C.

La guerra civile di Cesare

Nel 50 a.C. il Senato, guidato da Pompeo, ordinò a Cesare di sciogliere il suo esercito e tornare a Roma perché il suo mandato di governatore era finito. Cesare pensava che sarebbe stato perseguito se fosse entrato a Roma senza l'immunità di cui gode un magistrato. Pompeo accusò Cesare di insubordinazione e tradimento.

Attraversare il Rubicone

Cesare e il suo esercito si avvicinarono a Roma e attraversarono il Rubicone, un fiume poco profondo nel nord-est dell'Italia, nel 49 a.C. Era il punto oltre il quale nessun esercito doveva andare. Il fiume segnava il confine tra la Gallia Cisalpina a nord e l'Italia vera e propria a sud. Attraversare il Rubicone causò una guerra civile. Pompeo, il console legittimo, e i suoi amici fuggirono da Roma mentre l'esercito di Cesare si avvicinava.

Pompeo riuscì a fuggire prima che Cesare potesse catturarlo. Cesare decise di dirigersi verso la Spagna, lasciando l'Italia sotto il controllo di Marco Antonio. Cesare fece una sorprendente marcia di 27 giorni verso la Spagna, dove sconfisse i luogotenenti di Pompeo. Poi tornò a est, per sfidare Pompeo in Grecia. Lì, nel luglio del 48 a.C., a Dyrrhachium Cesare evitò per un pelo una sconfitta catastrofica. Poi sconfisse decisamente Pompeo, nella battaglia di Farsalo, più tardi quell'anno.

Dittatore alla fine

A Roma, Cesare fu nominato Dittatore, con Marco Antonio come suo Maestro di Cavallo (secondo in comando). Cesare presiedette alla propria elezione per un secondo consolato e poi, dopo undici giorni, si dimise da questa dittatura.

Alla fine del 48 a.C. fu nominato nuovamente dittatore, con un mandato di un anno. Cesare inseguì poi Pompeo in Egitto, dove Pompeo fu presto assassinato. Cesare venne poi coinvolto in una guerra civile egiziana tra il faraone bambino e sua sorella, moglie e regina coreggente, Cleopatra. Forse come risultato del ruolo del faraone nell'omicidio di Pompeo, Cesare si schierò con Cleopatra. Si dice che abbia pianto alla vista della testa di Pompeo, che gli era stata offerta in dono dal faraone. In ogni caso, Cesare sconfisse le forze del faraone nel 47 a.C. e insediò Cleopatra come sovrano.

Cesare e Cleopatra celebrarono la loro vittoria con una processione trionfale sul Nilo nella primavera del 47 a.C. La chiatta reale era accompagnata da altre 400 navi, introducendo Cesare al lussuoso stile di vita dei faraoni egiziani. Cesare e Cleopatra non si sposarono mai; la legge romana riconosceva solo i matrimoni tra due cittadini romani. Cesare continuò la sua relazione con Cleopatra durante il suo ultimo matrimonio, che durò 14 anni - agli occhi dei romani questo non costituiva adulterio - e potrebbe aver generato un figlio chiamato Cesarione. Cleopatra visitò Roma in più di un'occasione, soggiornando nella villa di Cesare, fuori Roma, al di là del fiume Tevere.

Nel 46 a.C. Cesare sconfisse Catone e i resti dei sostenitori di Pompeo in Africa. Fu quindi nominato dittatore per dieci anni. In due anni fece numerosi cambiamenti nell'amministrazione romana per migliorare la Repubblica. Molti di questi cambiamenti avevano lo scopo di migliorare la vita della gente comune. Un esempio, che è durato nel tempo, fu la sua riforma del calendario nel formato attuale, con un giorno bisestile ogni quattro anni. Nel febbraio del 44 a.C., un mese prima del suo assassinio, fu nominato dittatore a vita.

Assassinio

Alle Idi di marzo (15 marzo; vedi calendario romano) del 44 a.C., Cesare doveva presentarsi a una sessione del Senato. Marco Antonio, temendo il peggio, andò ad avvisare Cesare. I cospiratori se lo aspettavano e fecero in modo che qualcuno lo intercettasse.

Secondo Eutropio, circa sessanta o più uomini parteciparono all'assassinio. Fu pugnalato 23 volte. Secondo Svetonio, un medico stabilì in seguito che solo una ferita, la seconda al petto, era stata letale. Le ultime parole del dittatore non sono note con certezza, e sono un argomento contestato tra gli studiosi e gli storici. La versione più conosciuta nel mondo anglofono è la frase latina Et tu, Brute? ("Anche tu, Bruto?"). Nel Giulio Cesare di Shakespeare, questa è la prima metà della frase: "Et tu, Brute? Allora cadi, Cesare". Secondo Plutarco, dopo l'assassinio, Bruto fece un passo avanti come per dire qualcosa ai suoi colleghi senatori; essi, tuttavia, fuggirono dal palazzo. Bruto e i suoi compagni marciarono poi verso il Campidoglio mentre gridavano alla loro amata città: "Popolo di Roma, siamo di nuovo liberi!". Furono accolti dal silenzio, poiché i cittadini di Roma si erano chiusi nelle loro case non appena si era sparsa la voce di ciò che era successo.

Una statua di cera di Cesare fu eretta nel foro che mostrava le 23 pugnalate. Una folla che si era radunata lì appiccò un incendio, che danneggiò gravemente il foro e gli edifici vicini. Nel caos che ne seguì, Marco Antonio, Ottaviano (poi Augusto Cesare) e altri combatterono una serie di cinque guerre civili, che finirono con la formazione dell'Impero Romano.

L'impero romano e i suoi imperatori erano così importanti nella storia che la parola Cesare era usata come titolo in alcuni paesi europei per significare imperatore, anche molto tempo dopo che l'impero romano era scomparso. Per esempio, l'imperatore della Germania era chiamato Kaiser fino all'anno 1919 d.C. e l'imperatore della Russia era chiamato Zar fino al 1917 d.C.

Cesare come autore

Cesare era un autore significativo.

  • I Commentarii de Bello Gallico (Commentarii sulla guerra gallica), campagne in Gallia e Britannia durante il suo mandato di proconsole; e
  • I Commentarii de Bello Civili (Commentarii sulla guerra civile), eventi della guerra civile fino a subito dopo la morte di Pompeo in Egitto.

Altre opere storicamente attribuite a Cesare, ma la cui paternità è messa in dubbio, sono:

  • De Bello Alexandrino (Sulla guerra alessandrina), campagna di Alessandria;
  • De Bello Africo (Sulla guerra d'Africa), campagne in Nord Africa; e
  • De Bello Hispaniensi (Sulla guerra ispanica), campagne nella penisola iberica.

Queste narrazioni erano scritte e pubblicate su base annuale durante o subito dopo le campagne reali, come una sorta di "dispacci dal fronte". Apparentemente semplici e diretti nello stile - al punto che i Commentarii di Cesare sono comunemente studiati dagli studenti di latino del primo e del secondo anno - sono in realtà piuttosto sofisticati, rivolti a un pubblico di lettori medio-alto di aristocratici minori a Roma, in Italia e nelle province.

C. Julii Cæsaris quæ extant, 1678
C. Julii Cæsaris quæ extant, 1678

Epilessia

Sulla base delle osservazioni di Plutarco, a volte si pensa che Cesare abbia sofferto di epilessia. Gli studiosi moderni sono divisi sull'argomento. È più certo che fosse afflitto dalla malaria, in particolare durante le proscrizioni di Sullan degli anni '80.

Caesar ha avuto quattro episodi documentati di quelle che potrebbero essere state crisi parziali complesse. Potrebbe anche aver avuto crisi di assenza (petit mal) in gioventù. I primi resoconti di queste crisi sono stati fatti dal biografo Svetonio che era nato dopo la morte di Cesare. L'affermazione dell'epilessia è contrastata tra alcuni storici della medicina da un'affermazione di ipoglicemia. Questa può causare convulsioni che sono un po' come l'epilessia.

Nel 2003, lo psichiatra Harbour F. Hodder ha pubblicato quella che ha definito la teoria del "complesso di Cesare", sostenendo che Cesare soffriva di epilessia del lobo temporale e che i sintomi erano un fattore nella decisione di Cesare di rinunciare alla sicurezza personale nei giorni precedenti il suo assassinio.

Pagine correlate

  • Cesare Augusto
  • Alea iacta est

AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3