Bibbia

La Bibbia, conosciuta anche come la Sacra Bibbia, è un gruppo di testi religiosi del giudaismo o del cristianesimo. La parola Bibbia deriva dalla parola greca τὰ βιβλία (biblía) che significa "libri" in inglese, perché si tratta di molti libri in un unico libro. Comprende leggi, storie, preghiere, canti e parole sagge. Alcuni testi sono sia nella Bibbia ebraica, usata dagli ebrei, sia in quella cristiana. Il nome islamico della Bibbia è Injil.

Nel considerare la fonte e l'ispirazione della Bibbia bisogna vedere ciò che la Bibbia dice di se stessa. Diversi versetti delle Scritture definiscono la fonte, l'intento e l'Autore. 2 Pietro 1:21 dice questo - "Nessuna profezia è mai stata fatta per atto della volontà umana, ma gli uomini mossi dallo Spirito Santo hanno parlato da Dio". Isaia 55:11 ci dice che la Sua è una parola di potere - "Così sarà la Mia parola che esce dalla Mia bocca; non ritornerà a Me nulla, ma compirà ciò che io desidero, e prospererà nella cosa per cui l'ho mandata". Ebrei 4:12 dice questo - "Poiché la parola di Dio è viva e attiva. Più affilata di qualsiasi spada a doppio taglio, penetra fino a dividere anima e spirito, articolazioni e midollo; giudica i pensieri e gli atteggiamenti del cuore".

Quando si parla della Bibbia, un libro è usato per parlare di una serie di testi. Si ritiene che tutti i testi che compongono un libro appartengano insieme. La maggior parte delle volte, le persone credono che siano stati scritti o raccolti dalla stessa persona. La Bibbia contiene diversi tipi di libri di questo tipo. Alcuni sono storia, raccontano le storie degli ebrei, di Gesù o dei seguaci di Gesù. Alcuni sono raccolte di detti saggi. Alcuni sono i comandi di Dio al suo popolo, che si aspetta che obbedisca. Alcuni sono canti di lode a Dio. Alcuni sono libri di profezia, messaggi di Dio che egli ha dato attraverso persone scelte chiamate profeti.

Diversi gruppi di cristiani non sono d'accordo su quali testi debbano essere inclusi nella Bibbia. Le Bibbie cristiane vanno dai 66 libri del canone protestante a 81 libri della Bibbia ortodossa etiope. La più antica Bibbia cristiana sopravvissuta è il Codex Sinaiticus, un manoscritto greco del IV secolo d.C. I più antichi manoscritti ebraici completi risalgono al Medioevo.

La Sacra Bibbia.
La Sacra Bibbia.

Come è stato scritto

Per lungo tempo i testi sono stati tramandati per bocca di generazione in generazione. La Bibbia è stata scritta molto tempo fa in aramaico, ebraico e greco. Le traduzioni sono state effettuate in seguito in latino e in alcune altre lingue. Ora ci sono traduzioni in inglese e in molte altre lingue. I libri della Bibbia ebraica - ciò che i cristiani chiamano l'Antico Testamento - non sono stati scritti tutti allo stesso tempo. Ci sono voluti centinaia di anni (circa 1200 anni). Il processo di mettere tutto insieme è iniziato intorno al 400 a.C. I libri del Nuovo Testamento, originariamente scritti in greco, cominciarono ad essere raccolti nel 100 d.C. Circa 100 d.C. Racconta di eventi accaduti tra il 4 a.C. e il 70 d.C. Questi eventi includevano la nascita, la vita, la morte e la resurrezione di Gesù. Racconta anche come i suoi seguaci andavano in giro a diffondere il suo messaggio. Finisce con la descrizione di come il mondo finirà quando Gesù tornerà sulla terra. La maggior parte degli scrittori del Nuovo Testamento erano apostoli di Gesù. Queste erano persone che dicevano di aver visto Gesù vivo dopo la sua crocifissione.

Traduzioni e versioni

Una traduzione è quando uno scriba prende la fonte in una lingua e la scrive in un'altra lingua. La maggior parte dei testi della Bibbia sono stati scritti in greco antico o in aramaico o in ebraico.

Il primo a fornire una traduzione in latino fu Girolamo, nel V secolo. Egli iniziò quella che oggi è conosciuta come la Vulgata. Wufila tradusse la Bibbia in lingua gotica. All'inizio del Medioevo, persone come Petrus Valdes e Jan Hus fornirono traduzioni.

Il Nuovo Testamento fu tradotto per la prima volta in inglese nel 1382 da John Wycliffe, e i suoi collaboratori tradussero l'Antico Testamento. La traduzione è stata fatta dalla Bibbia latina della Vulgata. Wycliffe lo fece in modo che la gente potesse vedere con i propri occhi ciò che la Bibbia diceva. La traduzione fu completata nel 1382. Ci furono alcune edizioni successive della Bibbia di Wycliffe, come viene chiamata. Fu tradotta nell'inglese medio, la lingua del suo tempo. Wycliffe non aveva il permesso della Chiesa per farlo, ma era protetto da Giovannidi Gaunt, uno degli uomini più potenti del regno. Dopo la morte di Wycliffe e del suo protettore, la Chiesa dichiarò Wycliffe eretico nel 1415, e proibì i suoi scritti. Il Concilio di Costanza decretò che le opere di Wycliffe dovessero essere bruciate e che i suoi resti venissero riesumati (dissotterrati). Perché la Chiesa era così contraria? Le traduzioni mettevano in discussione l'autorità della Chiesa sul popolo. In chiesa, spiegare la Bibbia era opera del sacerdote. Qualunque cosa dicesse non poteva essere contestata. Una volta che la gente comune poteva leggere la Bibbia, poteva avere altre opinioni.

Il passo successivo nella traduzione fu fatto nel 1525 da William Tyndale. La sua traduzione fu in inglese antico moderno, che oggi possiamo quasi capire. Tyndale lo fece anche senza il permesso della Chiesa. La sua è stata la prima traduzione ad essere stampata, e ne sono state fatte diverse migliaia di copie. Non aveva un protettore e il suo destino era terribile. Fuggì in Europa, ma alla fine gli agenti di Thomas More (allora Cancelliere d'Inghilterra) lo trovarono. Sia Tyndale che la sua tipografia furono giustiziati bruciando sul rogo.

Un'altra traduzione ben nota è la traduzione di Re Giacomo del 1611 (comunemente nota come la versione autorizzata della Bibbia di Re Giacomo).

Alcuni testi sono stati scritti da storici che hanno cercato di mostrare com'era l'Antico Israele. Altri testi sono poesie su Dio e sulla sua opera. E altri sono stati usati per fare delle leggi. I seguaci del giudaismo e del cristianesimo considerano sacra la Bibbia, ma non tutti sono d'accordo su ciò che appartiene alla Bibbia. Ciò che è considerato parte della Bibbia è cambiato con la storia. Le diverse denominazioni includono alcune parti o tralasciano altre parti. Non esiste una sola versione della Bibbia; sia il contenuto dei libri che il loro ordine possono cambiare.

Le lingue non corrispondono. Quando una traduzione è fatta, il traduttore deve decidere tra la traduzione parola per parola, o catturare il senso del testo. Quando decide di catturare il senso, sceglierà altre parole nella lingua di destinazione. Questo si chiama parafrasare.

Oggi esistono decine di versioni della Bibbia. Alcune sono traduzioni e altre parafrasi. Una versione parafrasata è quella in cui le persone prendono una traduzione e la mettono nelle proprie parole. Poiché la Bibbia è stata tradotta nelle lingue moderne, è anche possibile che ci siano diverse traduzioni degli stessi testi. La Bibbia è il libro più venduto di tutti i tempi. Ad oggi sono state vendute da 2,5 miliardi a più di 6 miliardi di copie della Bibbia. Una versione completa della Bibbia esiste in 471 lingue. Parti sono state tradotte in 2225 lingue. La maggior parte delle Bibbie si trova al British Museum di Londra.

Antico Testamento

La Bibbia cristiana è una raccolta di 66 libri. I primi 39 libri sono l'Antico Testamento. È la prima parte della storia della salvezza di Dio. La "salvezza" è la lunga opera di Dio che ci salva dai nostri peccati. Il "peccato" è ciò che è accaduto quando le persone hanno deciso di vivere a modo loro invece che a modo di Dio nel mondo che Dio ha creato. Fu allora che Dio iniziò la sua grande opera di salvezza dai nostri peccati. Per preparare la via, Dio ha dovuto distruggere il mondo intero con un grande diluvio, tranne la famiglia di Noè. Poi Dio ha innalzato un nuovo popolo per se stesso. Erano gli antichi ebrei. Dio promise agli Ebrei che avrebbero portato la Sua salvezza al mondo intero. I primi cinque libri dell'Antico Testamento sono per lo più la storia di come Dio scelse gli antichi Ebrei e insegnò loro le sue leggi. Seguono i dodici libri che raccontano la storia degli Ebrei. I cinque successivi sono libri di poesia e di saggezza. Uno di questi cinque libri, i "Salmi", è un libro di canzoni che mostra principalmente come Dio vuole essere adorato. Gli ultimi diciassette libri dell'Antico Testamento sono stati scritti da profeti ebrei. Questi libri raccontano della delusione di Dio per gli antichi ebrei e della sua promessa di riportarli all'amicizia con Lui. I profeti preannunciano anche una grande sorpresa che Dio stava progettando per il mondo: avrebbe mandato il suo stesso Figlio, il Messia (l'"Unto"), il Salvatore, per salvarci dai nostri peccati. Potete leggere di questo Messia nel Nuovo Testamento. Nell'Antico Testamento, Tanakh era scritto per lo più in ebraico; alcune parti erano scritte in aramaico. Questa parte della Bibbia è considerata santa sia dagli ebrei che dai cristiani.

Ci sono anche alcuni libri dell'Antico Testamento chiamati Deuterocanonici da quelle Chiese che li accettano come parte della Bibbia, e Apocrifi da quelle che non li accettano.

Nuovo Testamento

La seconda parte si chiama Nuovo Testamento. La parte principale di questo libro è la storia della vita di Gesù Cristo. Le quattro diverse versioni di questa storia nel Nuovo Testamento sono chiamate Vangeli. Dopo i Vangeli, c'è anche la storia di ciò che è accaduto alla Chiesa dopo la morte e la resurrezione di Gesù. Parte di questo è raccontata attraverso le lettere dei primi leader cristiani, specialmente di San Paolo. L'ultimo libro della Bibbia racconta di una visione che San Giovanni, uno dei discepoli di Gesù, ebbe. Nella visione Giovanni vide ciò che sarebbe accaduto alla fine del mondo. Questo includeva il giudizio per il male e la felicità per le persone che avevano seguito Gesù. Uno dei versetti più citati nella Bibbia è Giovanni 3:16: "Poiché Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo unico e solo Figlio, perché chiunque crede in Lui non perisca [muoia] ma abbia la vita eterna". NIV

Viste sulla Bibbia

La gente ha idee diverse sulla Bibbia. I cristiani credono che sia la Parola di Dio per la gente. Gli ebrei credono che solo l'Antico Testamento sia di Dio. I protestanti e i cattolici credono che l'Antico e il Nuovo Testamento siano la Parola di Dio. I cattolici credono anche che i libri chiamati Apocrifi o Deuterocanonico sono parte della Bibbia. A volte diverse denominazioni non sono d'accordo su ciò che la Bibbia significa esattamente.

Secondo l'Islam, l'Iniezione stessa deve essere seguita, ma si ritiene che sia stata corrotta dal tempo. Si ritiene che il Corano sia il successore.

Gli atei non credono che gli dei esistano, quindi la Bibbia è solo un libro antico.

I deisti credono in Dio, ma credono che la Bibbia sia stata scritta dalla gente, quindi non la considerano importante.

Alcune persone nella Bibbia


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3