Richard Wagner

Richard Wagner (22 maggio 1813 a Lipsia - 13 febbraio 1883 a Venezia) è stato un compositore d'opera tedesco. Fu uno dei più importanti compositori d'opera in Germania durante il periodo romantico. Oltre ad alcune musiche che scrisse da studente, scrisse dieci opere che oggi vengono tutte rappresentate regolarmente nei teatri d'opera. La maggior parte delle sue opere riguardano storie della mitologia tedesca. Le parole le scriveva sempre lui stesso.

Wagner ha cambiato le idee della gente su come dovrebbero essere le opere. Pensava che il dramma (la storia che viene raccontata con tutte le sue tensioni) fosse molto importante, e scelse lui stesso i cantanti per le sue opere, in modo da poterli addestrare al suo modo di pensare. La musica delle sue opere non dava al pubblico la possibilità di applaudire dopo i grandi assoli come nel XVIII secolo: continuava per tutto l'atto. Ha fatto in modo che la sua musica raccontasse la storia usando quelli che lui chiamava "leitmotiv". Si trattava di melodie o brevi frasi musicali che appartenevano a particolari personaggi dell'opera, o a particolari idee. Ha avuto più influenza sugli altri compositori del suo tempo di chiunque altro, in gran parte grazie alle sue armonie che sono diventate sempre più cromatiche (usando molti oggetti appuntiti e piatti), con molti cambi di tonalità. Costruì un teatro dell'opera su suo progetto nella città tedesca di Bayreuth. Quasi tutti i musicisti in Europa cercarono di fare un viaggio a Bayreuth per ascoltare la musica di Wagner. Il festival wagneriano si svolge ancora oggi ogni anno in questa città.

La sua vita

Primi anni

Ha studiato all'Università di Lipsia, anche se non gli è stato permesso di essere uno studente a pieno titolo perché non aveva titoli scolastici adeguati. Anche se ha vissuto una vita selvaggia, ha lavorato duramente per la sua musica. Studiò le partiture dei quartetti d'archi e delle sinfonie di Beethoven e scrisse la sua sinfonia che fu eseguita nel 1833 al famoso Gewandhaus di Lipsia. Scrisse la sua prima opera, Die Feen (Le fate) a Würzburg. Divenne direttore di un gruppo lirico itinerante e si innamorò di una delle cantanti chiamate Minna Planer e la sposò nel 1836. La sua seconda opera, Das Liebesverbot, basata sull'opera di Shakespeare Misura per misura, fu un fallimento.

A Wagner è sempre piaciuto spendere soldi, e ben presto si è reso conto che doveva dei soldi a molte persone, così se ne è andato a Parigi dove ha vissuto per tre anni. Lì non ebbe affatto successo, nessuno dei musicisti francesi mostrò alcun interesse per lui ed era molto povero. Nel 1841 riuscì ancora a scrivere un'opera Rienzi, che fu presto seguita da Der fliegendeHolländer, (L'Olandese Volante), che ancora oggi è uno dei preferiti dagli amanti dell'opera. Fu rappresentata per la prima volta a Dresda nel 1843. Al pubblico non piacque molto perché era abituato a opere come Rienzi, scritte alla vecchia maniera. A Wagner fu affidato il compito di compositore di opere liriche di corte a Dresda. Vi rimase fino al 1849. Durante questo periodo lavorò molto duramente per migliorare l'esecuzione dell'opera, migliorare l'orchestra e formare i cantanti. Nel 1845 scrisse un'altra grande opera, Tannhäuser. La gente cominciò gradualmente a capire il modo in cui la musica di Wagner raccontava il dramma della storia. Dopo di ciò tutte le sue opere furono grandi successi, anche se rimase sempre qualcuno che odiava la sua musica, ad esempio il critico musicale Eduard Hanslick.

Anni di esilio

Nel 1848 finì di lavorare al Lohengrin, ma non fu eseguito perché sosteneva le Rivoluzioni del 1848 negli Stati tedeschi, partecipando alle manifestazioni. Anche se si unì ai combattimenti, stava per essere arrestato, così Franz Liszt lo aiutò a fuggire in Svizzera. Visse a Zurigo fino al 1858. Lì scrisse di musica, diresse e lesse racconti della mitologia norrena. Cominciava a pensare di scrivere opere su queste storie. Era una cosa che gli ci sarebbero voluti più di 25 anni per completare. Sarebbero diventate le quattro opere conosciute come Der Ring des Nibelungen (L'anello dei Nibelunghi) che, insieme, raccontano una lunga storia. Le quattro opere che compongono questo famoso ciclo dell'Anello sono Das Rheingold (L'oro del Reno), Die Walküre (La valchiria), Siegfried e Götterdämmerung (Il crepuscolo degli dei). A causa della situazione politica della Germania dell'epoca, Wagner si aspettava l'ascesa di uno Stato socialista. Le opere del ciclo del Ring erano un nuovo tipo di dramma musicale (che Wagner chiamava semplicemente "dramma"). Queste opere possono essere viste come la descrizione di un nuovo tipo di mondo in cui gli esseri umani sono liberi. La musica utilizzava l'idea del leitmotiv (in inglese: "leading motive"), dove le idee musicali rappresentano personaggi o emozioni, e aiutano lo sviluppo e la comprensione della storia.

Nel 1857 Wagner aveva già scritto le prime due opere, nonché il primo e il secondo atto di Sigfrido. Tuttavia, il terzo Atto di Sigfrido fu scritto solo molti anni dopo, perché si rese conto che a quel tempo non c'era un teatro dell'opera adatto a far eseguire queste opere. Si innamorò di una donna di nome Mathilde Wesendonk, il cui marito era molto ricco. Questa relazione portò alla separazione con sua moglie, Minna. Scrisse un'opera su una storia d'amore infelice: Tristano e Isotta (Tristano e Isotta).

Mezza carriera

Nel frattempo, ha scritto un'altra opera: Die Meistersinger von Nürnberg (Il cantore di Nürnberg). È l'unica commedia che Wagner ha scritto. È ambientata nella Germania medievale e parla di un concorso di canzoni.

Nel 1864 Wagner era di nuovo indebitato. Fuggì a Stoccarda per evitare di essere messo in prigione (la Germania a quel tempo era ancora composta da molti piccoli paesi, ognuno con le proprie leggi). Poi ebbe un grande colpo di fortuna. Il nuovo re di Baviera, Ludovico II, che aveva solo 18 anni, adorava la musica di Wagner. Aveva letto la poesia sull'Anello dei Nibelunghi (Wagner aveva scritto le parole, ma non aveva finito la musica). Re Ludwig invitò Wagner a terminare il ciclo dell'Anello per le rappresentazioni a Monaco. Gli diede un posto dove vivere e le sue nuove opere furono rappresentate a Monaco: Tristano e Isotta nel 1865, Die Meistersinger von Nürnberg nel 1868, Das Rheingold nel 1869 e Die Walkűre nel 1870. C'erano progetti per un nuovo teatro dell'opera a Monaco di Baviera, ma non fu mai costruito perché la gente era arrabbiata con Wagner perché era indebitato nonostante avesse molti soldi del re. Un'altra cosa che non piaceva alla gente era che si era innamorato della moglie dell'uomo che aveva diretto le sue opere, Hans von Bülow. Il suo nome era Cosima. Suo padre era il compositore Franz Liszt, che non era stato sposato con la madre di Cosima. Wagner aveva già lasciato Monaco di Baviera nel 1865, ma il re lo sosteneva ancora, permettendogli di vivere in una grande casa chiamata Triebschen sul lago dei Quattro Cantoni. Cosima divorziò da von Bülow nel 1870 e sposò Wagner nello stesso anno.

Bayreuth e Wahnfried

Ormai Wagner stava di nuovo lavorando duramente al ciclo del Ring. Aveva promesso al re che le quattro opere sarebbero state rappresentate a Monaco di Baviera quando fossero state pronte, ma si era reso conto che avrebbero avuto bisogno di un tipo speciale di teatro dell'opera. Così progettò il suo teatro dell'opera e lo fece costruire nella città di Bayreuth. Passò molto tempo a viaggiare e a dirigere per raccogliere fondi per questo enorme progetto. Anche il re Ludwig gli diede un sacco di soldi, e una bella casa nuova a Bayreuth che Wagner chiamò Wahnfried (il nome della casa significa qualcosa come: Pace dal mondo folle). Infine, il ciclo completo di quattro opere liriche fu rappresentato nell'agosto del 1876 nel nuovo teatro dell'opera, il (Bayreuth Festspielhaus). La terza e la quarta opera del ciclo, Siegfried e Götterdämmerung, furono rappresentate per la prima volta.

Wagner ha trascorso il resto della sua vita a Wahnfried. A volte viaggiava. Andò a Londra e fece diversi viaggi in Italia. Ha scritto la sua ultima opera, Parsifal, che ha quasi un sentimento religioso. La storia è legata alle leggende su Re Artù e sul Santo Graal. Wagner dettò le sue memorie alla moglie. La sua autobiografia si chiama Mein Leben (La mia vita). Morì di infarto quando si trovava a Venezia. Fu sepolto nel terreno di Wahnfried.

La reputazione di Wagner

Wagner ha avuto un'enorme influenza sullo sviluppo della musica. Molti compositori imitavano le sue armonie, o si lasciavano influenzare da esse. All'inizio del XX secolo alcuni compositori come Arnold Schoenberg si erano spinti ancora più in là nella creazione di armonie sempre più complicate, e i compositori dovevano trovare nuovi modi di comporre.

Wagner ha fatto le sue orchestre molto più grandi del solito. I fiati, per esempio, hanno bisogno di quattro strumenti per ogni strumento (quattro flauti, quattro oboi, ecc.), e ci sono strumenti extra come il clarinetto basso e le tube di Wagner. Le sue idee sul dramma musicale erano molto importanti. La sua musica aiuta a raccontare il dramma perché si sviluppa in continuazione, come la musica di una sinfonia.

Wagner era antisemita. Gli scritti di Wagner sugli ebrei, tra cui "L'ebraicità nella musica", corrispondevano ad alcune tendenze di pensiero antisemite esistenti in Germania durante il XIX secolo. Il saggio pubblicato attacca due compositori ebrei e gli ebrei in generale.

Wagner morì molto prima dell'avvento dei nazisti. La vedova e gli eredi di Wagner stabilirono legami politici diretti con i nazisti. Le loro azioni per sminuire gli artisti ebrei e il loro coinvolgimento in organizzazioni antisemite dopo il 1914 contribuirono a preparare il terreno per l'espulsione degli artisti ebrei organizzata dallo Stato dopo il 1933.

Quando Hitler salì al potere negli anni '30, gli piaceva la musica di Wagner e pensava che fosse qualcosa di tipicamente tedesco. Le idee di Wagner in Die Meistersinger von Nűrnberg sull'arte tedesca si adattavano ad alcuni dei pensieri di Hitler. Dopo la guerra, la musica fu erroneamente considerata come qualcosa dei nazisti. Wagner scrisse cose che esprimevano liberamente la sua avversione per i compositori ebrei, sebbene elogiasse Felix Mendelssohn per la sua Ouverture delle Ebridi. Wagner aveva anche alcuni amici ebrei. La musica di Wagner è suonata molto raramente in Israele. Daniel Barenboim ha fatto arrabbiare la gente in Israele dirigendo la musica di Wagner a un festival di Gerusalemme nel 2001.


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3