Selachimorpha

Gli squali sono un superordine di pesci, i Selachimorpha. Essi, come gli altri Condritti, hanno scheletri fatti di cartilagine al posto delle ossa. La cartilagine è un materiale duro e gommoso, meno rigido dell'osso. I pesci cartilaginei comprendono anche i pattini e le razze.

Ci sono più di 350 tipi diversi di squali, come i grandi squali bianchi e i squali balena. I fossili dimostrano che gli squali esistono da 420 milioni di anni, fin dai primi tempi del Siluriano. Il grande squalo bianco è uno degli squali più grandi.

La maggior parte degli squali sono predatori, il che significa che cacciano e si nutrono di pesci, mammiferi marini e altre creature marine. Tuttavia, lo squalo più grande mangia il krill, come le balene. Questo è lo squalo balena, il pesce più grande del mondo. È opinione diffusa che gli squali siano "killer silenziosi", ma in un recente studio è stato dimostrato che gli squali emettono un ringhio basso/morbido ma evidente dalla gola che risuona attraverso le squame. Alcuni tipi comuni di squali sono lo squalo martello, il grande squalo bianco, lo squalo tigre e lo squalo mako. La maggior parte degli squali è a sangue freddo, ma alcuni, come il grande squalo bianco e lo squalo mako, sono parzialmente a sangue caldo.

Caratteristiche

Gli squali sono disponibili in molte forme e dimensioni diverse, ma la maggior parte sono lunghi e sottili (chiamati anche aerodinamici), con mascelle molto forti.

I loro denti sono costantemente sostituiti per tutta la vita. Gli squali mangiano in modo così violento che spesso si rompono qualche dente, per cui i nuovi denti crescono continuamente in un solco appena all'interno della bocca e avanzano dall'interno della bocca su "nastri trasportatori" formati dalla pelle a cui sono attaccati. Nel corso della sua vita, uno squalo può perdere e ricrescere fino a 30.000 denti.

Anche con tutti quei denti, però, gli squali non possono masticare. Così mordono la loro preda e la fanno mordere per poterne ingoiare un pezzo. I pezzi di cibo che uno squalo ingoia finiscono nello stomaco, dove vengono digeriti. Questo è piuttosto lento, tuttavia, quindi un pasto potrebbe richiedere diversi giorni per essere digerito. Ecco perché uno squalo non mangia tutti i giorni.

Gli squali hanno denti di forma diversa, a seconda di ciò che mangiano. Per esempio, alcuni squali hanno denti appuntiti e affilati, mentre gli squali che vivono sul fondo hanno denti a forma di cono per schiacciare le conchiglie. Dato che ci sono tanti tipi diversi di squali, e dato che ogni tipo di squalo ha una sua dentatura speciale, molte persone si divertono a raccogliere denti di squalo. I collezionisti di denti di squalo possono indovinare quanto fosse grande uno squalo misurando il dente di squalo. Per prima cosa, misurano la lunghezza del dente in pollici. Ogni centimetro di dente equivale a 10 piedi di lunghezza dello squalo: quindi, se un dente di squalo è lungo 2 pollici, il dente proviene da uno squalo che era lungo 20 piedi! Ancora più terrificante è che alcuni dei denti Megalodon sono lunghi 6 pollici, quindi questo suggerisce uno squalo lungo 60 piedi.

Gli squali hanno la pelle coperta da milioni di piccole squame simili a denti che puntano alla coda. Se si strofina lungo uno squalo verso la coda, si sentirebbe liscio, ma se si strofina dall'altra parte, sarebbe ruvido. I denti degli squali possono essere 20 volte più grandi dei denti umani e possono ricrescere se si perdono.

Pinne

Le pinne degli squali sono utilizzate per stabilizzare, governare, sollevare e nuotare. Ogni pinna è utilizzata in modo diverso.

Lungo la linea mediana dorsale sono presenti una o due pinne, chiamate prima e seconda pinna dorsale. Queste pinne aiutano lo squalo a non rotolare costantemente. Queste due pinne possono avere o meno spine. Quando le spine sono presenti, sono usate per scopi difensivi, e possono anche avere ghiandole cutanee che producono una sostanza irritante.

Le pinne pettorali si trovano dietro la testa e si estendono verso l'esterno. Queste pinne sono usate per governare durante il nuoto e contribuiscono a fornire allo squalo una maggiore portanza.

Le pinne pelviche si trovano dietro le pinne pettorali, vicino alla cloaca, e sono anche stabilizzatori.

Non tutti gli squali hanno pinne anali, ma se le hanno, si trovano tra le pinne pelviche e caudali.

La regione della coda è costituita dal peduncolo caudale e dalla pinna caudale. Il peduncolo caudale ha a volte delle tacche note come "buche precauzionali", che si trovano proprio davanti alla pinna caudale. Il peduncolo può anche essere appiattito orizzontalmente in chiglie laterali. La pinna caudale ha entrambi, un lobo superiore, e un lobo inferiore, che possono essere di dimensioni diverse e la forma dipende da quale specie è lo squalo. L'uso principale della pinna caudale è quello di fornire una "spinta" mentre lo squalo nuota. Il lobo superiore della pinna caudale produce la maggior parte della spinta, e di solito costringe lo squalo verso il basso. Le pinne pettorali e la forma del corpo (come un foglio di alluminio) lavorano insieme per contrastare questa forza. La pinna caudale forte e non lunata nella maggior parte delle specie di squali bentonici permette allo squalo di nuotare vicino al fondale marino (come lo squalo nutrice). Tuttavia, gli squali che nuotano più velocemente (come gli squali Mako) tendono ad avere pinne caudali a forma di luna (a forma di mezzaluna).

Sensi

Odore

Gli squali hanno organi di senso olfattivo acuti nel corto condotto tra le aperture nasali anteriori e posteriori. Sono in grado di rilevare il sangue a chilometri di distanza: può essere sufficiente una sola parte per milione di sangue in acqua di mare.

Gli squali hanno la capacità di determinare la direzione di un determinato profumo in base al tempo di rilevamento del profumo in ogni narice. Questo è simile al metodo che i mammiferi usano per determinare la direzione del suono.

Sono più attratti dalle sostanze chimiche che si trovano nell'intestino di molte specie, e di conseguenza spesso si trattengono nelle vicinanze o negli scarichi fognari. Alcune specie, come gli squali nutrice, hanno dei barbi esterni che aumentano notevolmente la loro capacità di percepire le prede.

Vista

Gli occhi di squalo sono simili agli occhi di altri vertebrati, comprese lenti simili, cornee e retine. La loro vista è ben adattata all'ambiente marino. Possono contrarre e dilatare le pupille, come gli esseri umani, cosa che nessun pesce teleosteo può fare. Un tessuto dietro la retina riflette la luce, aumentando così la vista nelle acque più scure.

Rilevamento di corrente elettrica

Gli squali hanno piccoli buchi su tutto il muso dello squalo, specialmente tra l'occhio e la punta del muso. In essi si trovano i recettori nervosi, chiamati ampolle di Lorenzini. p23 Possono percepire l'elettricità nell'acqua. Gli animali nell'acqua emettono elettricità: ogni volta che il cuore di un animale batte o si muove, si formano piccole correnti di elettricità. Queste minuscole correnti elettriche producono segnali che viaggiano attraverso l'acqua e vengono percepite. Gli squali possono usare questo senso quando catturano la loro preda, anche più di quanto non facciano con la vista.

Audizione

Anche se è difficile testare l'udito degli squali, essi possono avere un acuto senso dell'udito e possono eventualmente sentire le prede a molte miglia di distanza. Una piccola apertura su ogni lato della testa (non lo spiracolo) conduce direttamente nell'orecchio interno attraverso un sottile canale.

Linea laterale

La linea laterale rileva le variazioni di pressione dell'acqua. È aperta all'ambiente da una linea di pori. Questo e gli organi che rilevano il suono sono raggruppati insieme come "sistema acustico-laterale", perché hanno un'origine comune. Nei pesci ossei e nei tetrapodi l'apertura esterna nell'orecchio interno è stata persa.

Questo sistema si trova anche in altri pesci. Rileva il movimento o le vibrazioni nell'acqua. Lo squalo è in grado di rilevare frequenze comprese tra i 25 e i 50 Hz.

La forma della testa dello squalo martello può migliorare l'olfatto spaziando le narici più distanziate.
La forma della testa dello squalo martello può migliorare l'olfatto spaziando le narici più distanziate.

Recettori di campo elettromagnetico (Ampolle di Lorenzini) e canali di rilevamento del movimento nella testa di uno squalo
Recettori di campo elettromagnetico (Ampolle di Lorenzini) e canali di rilevamento del movimento nella testa di uno squalo

Squali preistorici

Solo pochi milioni di anni fa, uno squalo gigante chiamato Megalodon nuotava nei mari. Era lungo 18 metri, il doppio del grande squalo bianco, e mangiava balene. Il Megalodon si è estinto 1,6 milioni di anni fa.

Molto di ciò che capiamo degli squali preistorici deriva dallo studio dei loro fossili. Mentre gli squali hanno scheletri fatti di cartilagine morbida che possono cadere a pezzi prima di fossilizzarsi, i loro denti sono più duri e facilmente fossilizzabili. Gli squali preistorici, come i loro moderni discendenti, crescerebbero e si disferebbero di molte migliaia di denti nel corso della loro vita. Per questo motivo i denti di squalo sono uno dei fossili più comuni.

Riproduzione

Circa il 70% di tutte le specie di squali conosciute dà alla luce piccoli vivi, con un periodo di gestazione che va dai 6 ai 22 mesi.

I cuccioli nascono con una dentatura completa e sono capaci di prendersi cura di se stessi. Una volta nati, si allontanano rapidamente dalle loro madri, che a volte si nutrono dei cuccioli. Le cucciolate variano da uno o due cuccioli (grande squalo bianco) a cento cuccioli (verdesca e squalo balena).

Alcuni squali sono ovipari, depongono le loro uova nell'acqua. Le uova di squalo (a volte chiamate "borse delle sirene") sono coperte da una membrana dura e coriacea.

La maggior parte degli squali è ovoviviparo, cioè le uova si schiudono all'interno del corpo della femmina, con i piccoli che si sviluppano all'interno della madre, ma non c'è placenta per nutrire i cuccioli. I piccoli si nutrono invece del tuorlo d'uovo. I cuccioli mangiano le uova non fecondate e a volte si nutrono l'un l'altro. Pochissimi cuccioli in una cucciolata sopravvivono fino alla nascita grazie a questa forma di cannibalismo dei fratelli. I grandi squali bianchi, gli squali mako, gli squali nutrice, gli squali tigre e gli squali tigre della sabbia si riproducono in questo modo.

Alcuni squali sono viviparo, il che significa che le femmine partoriscono vivi: le uova si schiudono all'interno del corpo della femmina e i piccoli sono nutriti da una placenta. La placenta aiuta a trasferire le sostanze nutritive e l'ossigeno dal flusso sanguigno della madre e trasferisce i prodotti di scarto dal bambino alla madre per l'eliminazione. Esempi di squali viviparo sono gli squali toro, gli squali pinna bianca di barriera, gli squali limone, le verdesche, gli squali pinna d'argento e gli squali martello. Anche se per lungo tempo si è pensato che fossero ovipari, gli squali balena sono viviparo, e sono state trovate femmine gravide che contengono centinaia di cuccioli.

Nuove scoperte sugli squali

Si stanno ancora trovando nuovi squali. Dave Ebert ha trovato dieci nuove specie solo in un mercato di Taiwan. Negli ultimi tre decenni ha nominato 24 nuove specie. Tra queste vi sono squali, razze, pesci sega e squali fantasma - questi pesci cartilaginei sono tutti imparentati.

Pesca

Alcuni squali non sono in pericolo, ma alcuni sono cacciati per il cibo (come la zuppa di pinne di squalo) o per la pesca sportiva. Nel 2013 cinque specie di squali, insieme a due specie di mante, hanno ricevuto la protezione internazionale nell'ambito della Convenzione sul commercio internazionale delle specie in via di estinzione.

Si pensa che 100 milioni di squali vengano uccisi dalla pesca commerciale e ricreativa. Gli squali sono un pesce comune in molti luoghi, tra cui il Giappone e l'Australia. Nello stato australiano del Victoria, lo squalo è il pesce più comunemente usato nel fish and chips, in cui i filetti vengono impanati e fritti o sbriciolati e grigliati. Nei negozi di pesce e patatine fritte, lo squalo è chiamato "flake". In India, nei mercati locali si vendono piccoli squali o baby sharks (chiamati sora in lingua tamil, lingua telugu). Poiché la carne non è sviluppata, la cottura della carne la spezia in polvere, che viene poi fritta in olio e spezie (chiamata sora puttu/sora poratu). Le ossa morbide possono essere facilmente masticate. Sono considerate una prelibatezza nel Tamil Nadu costiero.

Altri media

  • BBC One: Pianeta blu: La donna che balla con gli squali. [3]

 


AlegsaOnline.com - 2020 / 2021 - License CC3