Cannabis

La cannabis è un genere di piante. Ci sono tre specie: Cannabis sativa, Cannabis indica e Cannabis ruderalis.

I fiori della pianta di cannabis contengono una sostanza chimica o droga conosciuta come THC (abbreviazione di tetra-idro-cannabinolo). Fumare o mangiare il fiore può far sentire una persona euforica (molto bene) o assonnata. La pianta è anche usata per fare fibre di canapa, e per i suoi semi e l'olio di semi.

Nel suo ambiente naturale, lo scopo del THC era quello di proteggersi dall'essere mangiato. Ci sono molte varietà di cannabis, e quelle a bassa produzione di THC sono selezionate per produrre canapa e semi.

La cannabis è una droga illegale in molti paesi. Tuttavia, alcuni paesi hanno reso la cannabis legale. Altri paesi permettono di usare la cannabis come medicina quando le persone hanno certe condizioni mediche.

Storia antica

Gli scienziati credono che la cannabis sia cresciuta per la prima volta da qualche parte sull'Himalaya. Prove di persone che fumano cannabis risalgono alla preistoria: gli archeologi hanno trovato semi di canapa bruciati in un sito di sepoltura nell'attuale Romania. I più famosi consumatori di cannabis erano gli antichi indù, che la chiamavano ganjika in sanscrito (ganja nelle lingue indiane moderne). Secondo la leggenda, il dio indiano Shiva disse ai suoi seguaci di adorare la pianta. L'antica droga soma era talvolta associata alla cannabis.

La gente dell'impero persiano (l'attuale Iran) accendeva giganteschi fuochi da campo fatti di cannabis, esponendo se stessi e gli altri vicini al fumo. La cerimonia era conosciuta come "il booz-rooz".

La cannabis era conosciuta anche nell'antica Grecia, dove i maghi bruciavano i suoi fiori per provocare strani pensieri nella mente degli spettatori. Gli storici pensano che anche il culto di Dioniso sia nato nell'antica Grecia e che coinvolgesse l'inalazione di fumo di cannabis.

Effetti della droga

Quando una persona inala il fumo della cannabis o la consuma, può provare una sensazione chiamata "sballare" o "essere strafatto". Gli effetti più comuni della cannabis includono: sentirsi felici, rilassati, stanchi, sciocchi o spaventati; avere molte idee su cosa fare; non essere in grado di pensare chiaramente (o ricordare alcune cose); e avere fame (chiamata anche "fame da fame"). Fumare cannabis cambia il modo in cui le persone pensano e si sentono, rendendo più difficile o più facile risolvere alcuni problemi. Alcune persone che assumono cannabis si sentono strane o paranoiche (preoccupate che stia per succedere qualcosa di brutto).

L'hashish (resina secca) è molto più concentrato della cannabis (comprende sia le foglie che i fiori). Per questo motivo, le persone che assumono grandi quantità di hashish possono sentire effetti ancora più forti. Possono anche vedere cose o sentire cose che non esistono (queste sono chiamate allucinazioni). Possono anche avere strani pensieri. Ad alcuni consumatori di hashish piace la sensazione di queste visioni e pensieri, mentre altri possono trovarli spaventosi. Tuttavia, le persone raramente hanno allucinazioni dopo aver fumato o mangiato cannabis.

Stato legale

Cannabis medica

A partire dal 2016, molti paesi diversi e alcuni stati degli Stati Uniti hanno reso legale l'uso della cannabis come medicina per le persone con determinati problemi medici. L'uso medico della cannabis è legale in Austria, Belgio, Canada, Cile, Colombia, Repubblica Ceca, Finlandia, Grecia, Israele, Paesi Bassi, Spagna e Regno Unito

Negli Stati Uniti, a febbraio 2018, 30 stati, più Washington D.C. e Guam, avevano legalizzato la cannabis medica. Tuttavia, l'uso di cannabis per qualsiasi motivo è ancora illegale secondo la legge federale.

Secondo un rapporto del 1999 dell'Institute of Medicine, la cannabis (specialmente il THC) può diminuire il dolore, controllare la nausea e il vomito e migliorare l'appetito. A giugno 2016, secondo la Conferenza nazionale delle legislature statali, "Ulteriori studi hanno scoperto che la cannabis [aiuta] alcuni dei sintomi dell'HIV/AIDS, del cancro, del glaucoma e della sclerosi multipla.

Uso personale

L'11 dicembre 2013, l'Uruguay è stato il primo paese al mondo a rendere legale la coltivazione, la vendita e l'uso di cannabis per uso personale (o ricreativo). Altri paesi che permettono alle persone di avere piccole quantità di cannabis (appena sufficienti per l'uso personale) includono Colombia, Ecuador, Giamaica, Paesi Bassi, Perù, Portogallo, Spagna e Svizzera. Negli Stati Uniti, il 1° gennaio 2014, gli stati di Washington e Colorado hanno reso legale l'acquisto di cannabis per le persone di 21 anni o più. Nel novembre 2016, la California ha fatto la stessa cosa, e da gennaio 2018 vende cannabis nei negozi. Dal 17 ottobre 2018, il Canada è diventato la prima nazione del G7 a rendere legale la cannabis. Ogni provincia del Canada ha la sua età minima legale per comprare e usare (18 anni e più, 19 anni e più, o 21 anni e più) e quanta se ne può avere in una sola volta.

Pericoli della cannabis

La cannabis è una delle meno pericolose tra le droghe illegali comunemente usate. È quasi impossibile andare in overdose di cannabis. Una persona dovrebbe fumare tutto il suo peso corporeo in cinque minuti per andare in overdose.

A partire dal 1995, gli scienziati non avevano dimostrato che fumare cannabis provoca il cancro ai polmoni, anche nelle persone che fumano molta cannabis per molto tempo.

E' una credenza comune che le persone che usano la cannabis siano meno interessate alla vita e che non vogliano andare a scuola o al lavoro (gli scienziati chiamano questa "sindrome amotivazionale"). Tuttavia, molti rapporti mostrano che le persone che usano la cannabis stanno bene come i non consumatori.

Guidare mentre si è "fatti"

Una persona intossicata ("high" o "stoned") dalla cannabis potrebbe essere ferita o uccisa in un incidente se guida un'auto. Non è sicuro guidare sotto l'influenza di qualsiasi sostanza intossicante. Tuttavia, i conducenti che sono "sballati" hanno molte meno probabilità di avere incidenti d'auto rispetto ai conducenti ubriachi e, in alcuni casi, ai conducenti sobri.

Dipendenza

Le "droghe pesanti", come l'eroina, le metanfetamine e la cocaina, creano dipendenza chimica. Questo significa che se una persona inizia a prendere eroina, metanfetamine o cocaina, il suo corpo avrà fisicamente bisogno di continuare a prendere la droga. Se cerca di smettere di usare la droga, può ammalarsi gravemente. La cannabis e l'hashish non creano dipendenza chimica, ma possono essere psicologicamente o abitualmente dipendenti. Questo significa che le persone possono abituarsi così tanto al piacere che la cannabis provoca che si sentono come se avessero bisogno della droga. A differenza dell'alcol, del tabacco e delle droghe pesanti, la maggior parte delle persone che usano la cannabis possono smettere di prenderla quando vogliono, sperimentando solo piccoli sintomi di astinenza. Tuttavia, anche se la cannabis non crea dipendenza come altre droghe, le persone possono comunque diventare molto dipendenti dal piacere della cannabis.

Un "giunto"
Un "giunto"

Pagine correlate

  • Test antidroga per la cannabis

AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3