Schiavitù

La schiavitù è quando una persona è trattata come proprietà di un'altra persona. Questa persona viene solitamente chiamata schiava, mentre il proprietario viene chiamato padrone di schiavi. Spesso significa che gli schiavi sono costretti a lavorare, altrimenti saranno puniti dalla legge (se la schiavitù è legale in quel luogo) o dal loro padrone.

Ci sono prove che anche prima della scrittura c'era la schiavitù. Ci sono stati diversi tipi di schiavitù, e lo sono stati in quasi tutte le culture e in quasi tutti i continenti. Alcune società avevano leggi sulla schiavitù, o avevano un'economia costruita su di essa. L'antica Grecia e l'antica Roma avevano molti schiavi.

Nel corso del XX secolo quasi tutti i paesi hanno fatto leggi che proibiscono la schiavitù. La Dichiarazione universale dei diritti umani dice che la schiavitù è sbagliata. La schiavitù è ora vietata dal diritto internazionale. Tuttavia, in alcuni paesi esistono ancora diverse forme di schiavitù.

La parola inglese "slave" deriva dalla parola medievale per i popoli slavi dell'Europa centrale e dell'Europa orientale, perché questi sono stati l'ultimo gruppo etnico ad essere catturato e reso schiavo nell'Europa centrale. Secondo Adam Smith e Auguste Comte, uno schiavo era definito principalmente come prigioniero o prigioniero di guerra. I detentori di schiavi erano soliti comprare schiavi alle aste di schiavi. In molti casi gli schiavi non hanno diritti.

Un dipinto raffigurante donne africane schiave in attesa di vendita, a Richmond, Virginia, USA, 1853.
Un dipinto raffigurante donne africane schiave in attesa di vendita, a Richmond, Virginia, USA, 1853.

Catene come queste venivano usate per impedire la fuga degli schiavi
Catene come queste venivano usate per impedire la fuga degli schiavi

Le prime civiltà

La schiavitù esiste da molto tempo. I primi cacciatori-raccoglitori non avevano bisogno di schiavi. Facevano tutto da soli. Avere un altro paio di mani per aiutarli significava un'altra bocca da sfamare. La schiavitù o il possedere un'altra persona non aveva senso per queste persone. Una volta che gli uomini si riunivano nelle città e nei paesi e c'era cibo più che a sufficienza, avere una scorta di manodopera a basso costo aveva senso. Fu allora che comparvero le prime forme di schiavitù. La schiavitù può essere fatta risalire ai primi documenti, come il Codice di Hammurabi (1760 a.C. circa). Questo si riferisce ad essa come a un'istituzione consolidata.

Nell'Antico Vicino Oriente, i prigionieri ottenuti con la guerra diventavano spesso schiavi. Questo era visto dalle leggi del libro biblico del Deuteronomio come una forma legale di schiavitù. Ma agli israeliti non era permesso schiavizzare altri israeliti. Il Codice Deuteronomico chiede la pena di morte per il crimine di sequestro di israeliti per schiavizzarli.

Nell'antico Egitto, gli schiavi erano principalmente prigionieri di guerra. Altri modi in cui le persone potevano diventare schiavi erano ereditando lo status dai loro genitori che erano schiavi. Qualcuno poteva diventare schiavo se non poteva pagare i suoi debiti. Le persone si vendevano anche in schiavitù perché erano poveri contadini e avevano bisogno di cibo e di un riparo. La vita degli schiavi era normalmente migliore di quella dei contadini. I giovani schiavi non potevano essere messi a lavorare duramente e dovevano essere allevati dalla padrona di casa. Non tutti gli schiavi andavano nelle case. Alcuni si vendevano anche ai templi, o venivano assegnati ai templi dal re. La tratta degli schiavi non era molto popolare fino a più tardi nell'antico Egitto. In seguito, il commercio di schiavi si diffuse in tutto l'Egitto.

In molti luoghi, i cittadini erano parzialmente o totalmente protetti dalla schiavitù, quindi la maggior parte degli schiavi erano stranieri.

La schiavitù nell'antica Roma

Gli schiavi romani hanno avuto un ruolo importante nella società e nell'economia. Oltre al lavoro manuale, gli schiavi eseguivano molti servizi domestici. Potevano svolgere lavori e professioni altamente qualificati. Insegnanti, contabili e medici erano spesso schiavi. Gli schiavi greci erano spesso altamente istruiti. Gli schiavi non uccisi, o quelli condannati alla schiavitù come punizione, lavoravano nelle fattorie, nelle miniere e nei mulini. Le loro condizioni di vita erano brutali e la loro vita breve.

Gli schiavi erano considerati proprietà di diritto romano e non avevano alcuna personalità giuridica. A differenza dei cittadini romani, potevano essere sottoposti a punizioni corporali, allo sfruttamento sessuale (le prostitute erano spesso schiave), alla tortura e all'esecuzione sommaria. La testimonianza di uno schiavo non poteva essere accettata in un tribunale a meno che lo schiavo non fosse torturato - una pratica basata sulla convinzione che gli schiavi in grado di essere al corrente degli affari dei loro padroni sarebbero stati troppo virtuosamente leali per rivelare prove dannose, a meno che non fossero costretti. Nel corso del tempo, tuttavia, gli schiavi hanno ottenuto una maggiore protezione legale, compreso il diritto di presentare denunce contro i loro padroni. Gli atteggiamenti cambiarono in parte a causa dell'influenza dell'élite colta degli stoici, la cui visione egualitaria dell'umanità si estendeva agli schiavi.

Gli schiavi romani potevano detenere proprietà che, pur appartenendo ai loro padroni, potevano usarle come se fossero loro. Agli schiavi abili o istruiti era permesso di guadagnare il proprio denaro. Con abbastanza soldi potevano comprarsi la libertà.

Dopo lo scioglimento dell'Impero Romano, la schiavitù si trasformò gradualmente in schiavitù.

Adamo Ghisi: Allegoria della schiavitù, incisione, 1573.
Adamo Ghisi: Allegoria della schiavitù, incisione, 1573.

La tratta degli schiavi arabi

Gli storici stimano che tra il 650 d.C. e gli anni '60 d.C., tra i 10 e i 18 milioni di persone furono schiavizzate dai mercanti di schiavi arabi. Furono portate via dall'Europa, dall'Asia e dall'Africa attraverso il Mar Rosso, l'Oceano Indiano e il deserto del Sahara. Gli schiavi maschi erano spesso impiegati come servi, soldati o lavoratori dai loro padroni. La maggior parte degli schiavi maschi venivano castrati. Si stima che ben 6 ragazzi su 10 morirono dissanguati durante il processo. Ma il prezzo elevato degli eunuchi ne ha fatto valere la pena. Le donne e i bambini presi come schiavi venivano usati principalmente come servitori e concubine. Mentre la successiva tratta degli schiavi atlantici si concentrava sugli uomini per il lavoro, la tratta degli schiavi arabi iniziò con uomini e ragazzi, ma si spostò nel tempo per concentrarsi maggiormente sulle donne e sulle giovani ragazze per scopi sessuali.

La tratta degli schiavi dell'Atlantico

Per quattro secoli, a partire dalla fine del XV secolo, milioni di africani furono presi come schiavi dagli europei. Gli europei non furono i primi a sfruttare l'Africa per la manodopera. A partire dal 650 d.C. circa, i mercanti di schiavi arabi cominciarono a prendere schiavi dall'Africa. Si occupavano soprattutto di schiavi maschi castrati (eunuchi). Secondo Ronald Segal, autore di "Schiavi neri dell'Islam": L'altra diaspora nera (2002), "Il califfo di Baghdad all'inizio del X secolo aveva 7.000 eunuchi neri e 4.000 eunuchi bianchi nel suo palazzo". Nel 1900, i mercanti di schiavi arabi avevano portato via dall'Africa tra i 10 e i 20 milioni di schiavi. Non è certo che i mercanti di schiavi europei abbiano ottenuto schiavi neri dai mercanti di schiavi arabi. Gli arabi si concentravano soprattutto nel soddisfare i loro bisogni. Gli europei iniziarono ad esportare gli africani nel Nuovo Mondo come fonte di manodopera a basso costo nelle piantagioni coloniali.

Tra il 1452 e il 1455, papa Niccolò V emette una serie di bolle papali che autorizzano i portoghesi a prendere gli schiavi africani. All'inizio i mercanti di schiavi fecero irruzione nelle zone costiere e portarono via i neri. Ma le miniere e i campi delle colonie avevano bisogno di sempre più schiavi. All'inizio del XVI secolo la Spagna iniziò a rilasciare licenze e contratti per la fornitura di schiavi. Negli anni '50 del 1750 furono fondate grandi compagnie di schiavi. La maggior parte dell'Europa di allora era coinvolta nella tratta degli schiavi.

La schiavitù nelle Americhe

Molti europei arrivati in Nord America nel corso del XVII e XVIII secolo sono stati assunti come domestici a contratto. Il passaggio dalla schiavitù alla schiavitù fu un processo graduale in Virginia. La prima documentazione legale di tale passaggio risale al 1640. È qui che un negro, John Punch, fu condannato alla schiavitù a vita per aver tentato di fuggire. Questo caso segnò anche il diverso trattamento riservato agli africani dal tribunale della contea della Virginia, dove due fuggiaschi bianchi furono condannati a pene molto più basse. Dopo il 1640, i piantatori cominciarono a ignorare la scadenza dei contratti a contratto. Mantennero i loro servi come schiavi a vita. Questo fu dimostrato dalla causa Johnson contro Parker. La corte stabilì che John Casor, un servitore a contratto, fosse restituito a Johnson che sosteneva che Casor gli apparteneva per la sua vita. Secondo il censimento del 1860 negli Stati Uniti, 393.975 individui, che rappresentano l'8% di tutte le famiglie statunitensi, possedevano 3.950.528 schiavi. Un terzo delle famiglie del Sud possedeva schiavi. La schiavitù negli Stati Uniti è stata abolita legalmente dal tredicesimo emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti nel 1865 [fonte inattendibile?]

La schiavitù oggi

Milioni di persone sono ancora schiavi in alcune parti del mondo, soprattutto in Asia meridionale e in Africa. È meno comune nel mondo sviluppato a causa di una migliore applicazione della legge, ma accade ancora anche lì. I modi in cui viene fatto sono cambiati. Oggi gli schiavi possono lavorare a causa di cose come un alto debito (per esempio, gli schiavi devono lavorare per pagare un debito). A molte vittime viene detto che le loro famiglie saranno danneggiate se denunciano i proprietari degli schiavi. Molti schiavi sono costretti a fare i domestici. In alcuni casi, le loro famiglie li vendono ai proprietari degli schiavi. Alcuni schiavi sono stati trafficati da una parte all'altra del mondo. Queste persone si trovano illegalmente nel paese che li ospita e quindi non denunciano gli abusi. La prostituzione forzata è un tipo di schiavitù. Un'altra forma di schiavitù che si verifica ancora oggi è il lavoro minorile forzato. Alcuni bambini devono lavorare nelle miniere o nelle piantagioni, oppure devono combattere le guerre come bambini soldato, senza essere pagati.

Uno studio dice che ci sono 27 milioni di persone (ma altri dicono che potrebbero essercene anche 200 milioni) in schiavitù oggi.

Altri termini che descrivono il reclutamento dei lavoratori, e che possono avere somiglianze con la schiavitù, sono Blackbirding, Impressment e Shanghaiing.

Paesi

Alcuni dei paesi dove c'è ancora la schiavitù sono in Africa, in Medio Oriente e nell'Asia meridionale. Nell'estate 2007, 570 persone sono state trovate schiave dei muratori in Cina. Tra questi 69 bambini. Il governo cinese ha fatto in modo che una forza di 35.000 poliziotti controllasse le fornaci di mattoni della Cina settentrionale alla ricerca di schiavi, e ha mandato in prigione molti supervisori di fornaci e funzionari e ha condannato a morte un caporeparto per aver ucciso un operaio che era uno schiavo.

In Mauritania, si pensa che fino a 600.000 uomini, donne e bambini, ovvero il 20% della popolazione, siano schiavi, e che molti di loro siano usati come schiavi. La schiavitù in Mauritania è stata resa illegale nell'agosto 2007. Anche in Niger c'è molta schiavitù. Uno studio nigeriano ha rilevato che più di 800.000 persone sono schiavi, quasi l'8% della popolazione. La schiavitù infantile è stata comunemente usata per fare raccolti in contanti e per l'estrazione mineraria. Secondo il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, solo in Costa d'Avorio (Costa d'Avorio), nel 2002 più di 109.000 bambini lavoravano nelle fattorie del cacao nelle "peggiori forme di lavoro minorile".

Nel novembre 2006, l'Organizzazione internazionale del lavoro ha dichiarato che avrebbe perseguito i membri della giunta che governa il Myanmar (chiamata anche Birmania) presso la Corte internazionale di giustizia per "Crimini contro l'umanità". Questo perché i militari costringono alcuni cittadini a fare lavori forzati. L'Organizzazione internazionale del lavoro dice di pensare che circa 800.000 persone sono costrette a lavorare in questo modo.

Gli studiosi del diritto islamico hanno condannato la ripresa della tratta degli schiavi delle donne non musulmane da parte dello Stato islamico dell'Iraq e del Levante.

Contratto di schiavitù Lima/Perù 13/10/1794
Contratto di schiavitù Lima/Perù 13/10/1794

Asta degli schiavi a Roma , un dipinto di Jean-Léon Gérôme
Asta degli schiavi a Roma , un dipinto di Jean-Léon Gérôme

Fermare la schiavitù

Un'agitazione chiamata Abolizionismo contro la schiavitù è iniziata nei paesi cristiani nel XVIII secolo. Prima abolirono la tratta degli schiavi per evitare che altre persone diventassero schiave. Nel 1833 l'Impero britannico fermò la schiavitù. Seguirono diversi altri paesi. Negli Stati Uniti, il disaccordo sulla schiavitù portò alla guerra civile americana e alla proclamazione dell'Emancipazione. Nel 1865, quando il Nord vinse, tutti gli schiavi furono liberati. In seguito altri paesi abolirono la schiavitù. Pedro II del Brasile la abolì nel 1888. Il lavoro forzato continuò però, sia contro la legge, sia con il peonaggio del debito o con altri metodi che le leggi dei vari paesi non contavano come schiavitù.

Uno schiavo che è stato picchiato duramente. La persona che lo ha colpito lavorava per il suo padrone.
Uno schiavo che è stato picchiato duramente. La persona che lo ha colpito lavorava per il suo padrone.

Persone famose che erano schiavi

  • Esopo circa 6° secolo a.C.
  • Spartaco (morto nel 71 a.C.)
  • Epitteto (circa 55 - 125 d.C.)
  • Papa Callixtus I (morto nel 222 d.C.)
  • San Patrizio (circa 387-461 d.C.)
  • Olaudah Equiano (1745-1790 circa)
  • George John Scipio Africanus (1763-1834)
  • Danimarca Vesey (1767-1822 circa)
  • La verità del viaggiatore (1797-1883 circa)
  • Dred Scott (1799-1845 circa)
  • Nat Turner (1800-1831)
  • Frederick Douglass (1812-1895 circa)
  • Harriet Tubman (1820-1913)
  • Booker T. Washington (1856-1915)
  • Salomone Northup

Pagine correlate


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3