Giove

Giove è il pianeta più grande del sistema solare. È il quinto pianeta del Sole. Giove è un gigante gassoso, sia perché è così grande e fatto di gas. Gli altri giganti gassosi sono Saturno, Urano e Nettuno.

Giove ha una massa di 1,8986×1027 kg, ovvero circa 318 Terre. Si tratta del doppio della massa di tutti gli altri pianeti del Sistema Solare messi insieme.

Giove può essere visto anche senza l'uso del telescopio. Era noto agli antichi romani, che lo chiamavano come il loro dio Giove (latino: Iuppiter). Giove è il terzo oggetto più luminoso del cielo notturno. Solo la luna della Terra e Venere sono più luminose.

Giove ha almeno 79 lune. Di queste, circa 50 sono molto piccole e larghe meno di cinque chilometri. Le quattro lune più grandi di Giove sono Io, Europa, Ganimede e Callisto. Sono chiamate le lune galileiane, perché le ha scoperte Galileo Galilei. Ganimede è la luna più grande del sistema solare. Ha un diametro maggiore persino di Mercurio. Nel 2018 sono state scoperte altre 10 lune molto piccole

Diagramma di Giove
Diagramma di Giove

Una serie di fotografie scattate da Voyager 1 mentre si avvicinava a Giove, trasformate in un'animazione.  
Una serie di fotografie scattate da Voyager 1 mentre si avvicinava a Giove, trasformate in un'animazione.  

Struttura

Giove è il pianeta più grande del sistema solare con un diametro di 142.984 km. È undici volte più grande del diametro della Terra.

Atmosfera

L'atmosfera vicino alla superficie di Giove è composta dall'88 al 92% circa di idrogeno, dall'8 al 12% di elio e dall'1% di altri gas.

La bassa atmosfera è così riscaldata e la pressione così alta che l'elio si trasforma in liquido. Piove sul pianeta. In base alla spettroscopia, Giove sembra essere fatto degli stessi gas di Saturno. È diverso da Nettuno o da Urano. Questi due pianeti hanno molto meno idrogeno e gas di elio.

Le temperature e le pressioni molto elevate nel nucleo di Giove fanno sì che gli scienziati non possano dire quali materiali ci sarebbero. Questo non può essere scoperto, perché non è possibile creare la stessa quantità di pressione sulla Terra.

Sopra il nucleo interno sconosciuto si trova un nucleo esterno. Il nucleo esterno di Giove è spesso, idrogeno liquido. La pressione è abbastanza alta da rendere solido l'idrogeno, ma poi si scioglie a causa del calore.

Messa

Giove è due volte più massiccio di tutti gli altri pianeti del sistema solare messi insieme. Emana più calore di quanto ne emetta il sole. Giove è 11 volte più largo della Terra e 318 volte più massiccio. Il volume di Giove è 1.317 volte il volume della Terra. In altre parole, 1.317 oggetti delle dimensioni della Terra potrebbero stare al suo interno.

Strati di nuvole

Giove ha molte bande di nuvole che si estendono orizzontalmente sulla sua superficie. Le parti chiare sono zone e quelle scure sono cinture. Le zone e le cinture spesso interagiscono tra loro. Questo causa enormi tempeste. Velocità del vento di 360 chilometri all'ora (km/h) sono comuni su Giove. Per mostrare la differenza le tempeste tropicali più forti sulla Terra sono circa 100 km/h.

La maggior parte delle nuvole su Giove sono fatte di ammoniaca. Ci possono essere anche nuvole di vapore acqueo come le nuvole sulla Terra. Le navicelle spaziali come il Voyager 1 hanno visto dei fulmini sulla superficie del pianeta. Gli scienziati pensano che sia stato vapore acqueo perché il fulmine ha bisogno di vapore acqueo. Questi fulmini sono stati misurati fino a 1.000 volte più potenti di quelli sulla Terra. I colori marrone e arancione sono causati quando la luce del sole passa attraverso o si rifrange con i numerosi gas presenti nell'atmosfera.

Grande macchia rossa

Una delle più grandi caratteristiche dell'atmosfera di Giove è il Grande Punto Rosso. Si tratta di un'enorme tempesta che è più grande dell'intera Terra. È documentata almeno dal 1831 e già nel 1665. Le immagini del telescopio spaziale Hubble hanno mostrato ben due "punti rossi" più piccoli proprio accanto al Grande Punto Rosso. Le tempeste possono durare ore o centinaia di anni nel caso del Grande Punto Rosso.

Campo magnetico

Giove ha un campo magnetico come quello terrestre, ma 11 volte più forte. Ha anche una magnetosfera molto più grande e più forte di quella terrestre. Il campo intrappola cinture di radiazione molto più forti delle cinture di radiazione Van Allen della Terra, abbastanza forti da mettere in pericolo qualsiasi veicolo spaziale in viaggio verso Giove. Il campo magnetico è probabilmente causato dalle grandi quantità di idrogeno metallico liquido nel nucleo di Giove. Le quattro lune più grandi di Giove e molte delle più piccole orbitano o girano intorno al pianeta all'interno del campo magnetico. Questo li protegge dal vento solare. Il campo magnetico di Giove è così grande che raggiunge l'orbita di Saturno a 7,7 milioni di miglia (12 milioni di km) di distanza. La magnetosfera terrestre non copre nemmeno la sua luna, a meno di un quarto di milione di miglia (400.000 km) di distanza.

Sistema ad anello

Giove ha anche un sottile sistema di anelli planetari. Questi anelli sono difficili da vedere e sono stati scoperti solo nel 1979 dalla sonda Voyager 1 della NASA. Gli anelli di Giove sono composti da quattro parti. L'anello più vicino a Giove si chiama Halo Ring. L'anello successivo si chiama Anello Principale. È largo circa 6.440 km (4.002 mi) e spesso solo 30 km (19 mi). L'anello principale e l'anello Halo di Giove sono fatti di piccole particelle scure. Il terzo e il quarto anello, chiamati Gossamer Ring, sono trasparenti (vedi attraverso) e sono fatti di microscopici detriti e polvere. Questa polvere proviene probabilmente da piccole meteore che colpiscono la superficie delle lune di Giove. Il terzo anello è chiamato l'anello Gossamer Amalthea, che prende il nome dalla luna Amalthea. L'anello esterno, l'anello di Tebe Gossamer, prende il nome dalla luna Tebe. Il bordo esterno di questo anello si trova a circa 220.000 km (136.702 mi) da Giove.

Un'animazione di parte del sistema nuvoloso di Giove. L'animazione è composta da oltre 40 fotografie scattate dalla navicella Cassini tra il 31 ottobre e il 9 novembre 2000.
Un'animazione di parte del sistema nuvoloso di Giove. L'animazione è composta da oltre 40 fotografie scattate dalla navicella Cassini tra il 31 ottobre e il 9 novembre 2000.

Quattro fotografie di Giove scattate nel 1994. Le macchie bianche e luminose sono esplosioni in cui parti della cometa Shoemaker Levy-9 hanno colpito il pianeta.
Quattro fotografie di Giove scattate nel 1994. Le macchie bianche e luminose sono esplosioni in cui parti della cometa Shoemaker Levy-9 hanno colpito il pianeta.

Un'immagine di un artista della navicella spaziale Voyager 1 che ha sorvolato Giove nel 1979.
Un'immagine di un artista della navicella spaziale Voyager 1 che ha sorvolato Giove nel 1979.

Orbita

L'orbita di un pianeta è il tempo e il percorso necessari per girare intorno al Sole. Nel tempo che impiega Giove ad orbitare intorno al Sole una volta, la Terra orbita intorno al Sole 11,86 volte. Un anno su Giove è pari a 11,86 anni sulla Terra. La distanza media tra Giove e il Sole è di 778 milioni di chilometri. Questa è cinque volte la distanza tra la Terra e il Sole. Giove non è inclinato sul suo asse quanto la Terra o Marte. Questo fa sì che non abbia stagioni, per esempio estate o inverno. Giove ruota, o gira molto velocemente. Questo fa sì che il pianeta si rigonfi nel mezzo. Giove è il pianeta che ruota più velocemente nel sistema solare. Completa una rotazione o rotazione in 10 ore. A causa del rigonfiamento, la lunghezza dell'equatore di Giove è molto più lunga della lunghezza da un polo all'altro.

Ricerca ed esplorazione

Dalla Terra

Giove è il terzo oggetto più luminoso del cielo notturno, dopo la Luna e Venere. Per questo motivo, la gente è sempre stata in grado di vederlo dalla Terra. La prima persona conosciuta a studiare veramente il pianeta è stato Galileo Galilei nel 1610. Fu il primo a vedere le lune di Giove Io, Europa, Ganimede e Callisto. Questo perché usava un telescopio, a differenza di chiunque altro prima di lui.

Per più di duecento anni non sono state scoperte nuove lune. Nel 1892, l'astronomo E.E Barnard trovò una nuova luna utilizzando il suo osservatorio in California. Egli chiamò la luna Amalthea. Fu l'ultima delle 67 lune di Giove ad essere scoperta dall'osservazione umana attraverso un telescopio. Nel 1994, pezzi della cometa Shoemaker Levy-9 colpirono Giove. Fu la prima volta che la gente vide una collisione tra due oggetti del Sistema Solare.

Da veicoli spaziali

Dal 1973, sette veicoli spaziali hanno sorvolato Giove. Si tratta di Pioneer 10 (1973), Pioneer 11 (1974), Voyagers 1 e 2 (1979), Ulisse (1992 e 2004), Cassini (2000) e New Horizons (2007).

Le missioni Pioneer sono state le prime navicelle spaziali a fotografare da vicino Giove e le sue lune. Cinque anni dopo, le due navicelle Voyager hanno scoperto oltre 20 nuove lune. Hanno catturato le prove fotografiche dei fulmini sul lato notturno di Giove.

La sonda Ulisse è stata inviata per studiare il Sole. Andò su Giove solo dopo aver terminato la sua missione principale. Ulisse non aveva macchine fotografiche, quindi non scattava fotografie. Nel 2006, la sonda Cassini, in viaggio verso Saturno, ha scattato alcune foto molto buone e molto chiare del pianeta. Cassini ha anche trovato una luna e ha scattato una foto, ma era troppo lontana per mostrare i dettagli.

La missione Galileo nel 1995 è stata la prima navicella spaziale ad entrare in orbita attorno a Giove. Ha volato intorno al pianeta per sette anni e ha studiato le quattro lune più grandi. Ha lanciato una sonda sul pianeta per ottenere informazioni sull'atmosfera di Giove. La sonda ha viaggiato fino a una profondità di circa 150 km prima di essere schiacciata dal peso di tutti i gas che la sovrastano. Questo si chiama pressione. Anche la navicella spaziale Galileo è stata schiacciata nel 2003 quando la NASA ha guidato la navicella nel pianeta. Lo hanno fatto in modo che la navicella non potesse schiantarsi contro Europa, una luna che gli scienziati pensano possa avere vita.

La NASA ha inviato un'altra astronave a Giove chiamata Giunone. È stata lanciata il 5 agosto 2011 ed è arrivata a Giove il 4 luglio 2016. La NASA ha pubblicato alcuni risultati della missione Giunone nel marzo 2018. Diverse altre missioni sono state pianificate per inviare la navicella spaziale sulle lune di Giove Europa e Callisto. Una chiamata JIMO (Jupiter Icy Moons Orbiter) è stata annullata nel 2006 perché costava troppo.

Lune

Giove ha 79 lune conosciute. Le quattro più grandi sono state viste da Galileo con il suo primitivo telescopio, e altre nove possono essere viste dalla Terra con i moderni telescopi. Le altre lune sono state identificate da veicoli spaziali. La luna più piccola (S/2003 J 12) è lunga solo un chilometro. La più grande, Ganimede, ha un diametro di 5.262 chilometri. È più grande del pianeta Mercurio. Le altre tre lune galileiane sono Io, Europa e Callisto. A causa del modo in cui orbitano intorno a Giove, la gravità influisce notevolmente su tre di queste lune. L'attrito causato dalla gravità di Europa e Ganimede che attrae Io ne fa l'oggetto più vulcanico del Sistema Solare. Ha oltre 400 vulcani, più del triplo della Terra.

Giove nel sistema solare

La grande gravità di Giove ha avuto un effetto sul sistema solare. Giove protegge i pianeti interni dalle comete tirandoli verso di sé. Per questo motivo Giove ha il maggior numero di impatti delle comete nel Sistema Solare.

Due gruppi di asteroidi, detti troiani, si sono insediati nell'orbita di Giove intorno al Sole. Un gruppo è chiamato Troiani e l'altro gruppo è chiamato Greci. Essi girano intorno al Sole nello stesso momento di Giove.

Un diagramma del sistema solare interno. Esso mostra i due gruppi di asteroidi troiani che seguono Giove nella sua orbita
Un diagramma del sistema solare interno. Esso mostra i due gruppi di asteroidi troiani che seguono Giove nella sua orbita

Pagine correlate


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3