Campo di concentramento di Buchenwald

Coordinate: 51°01′20″N 11°14′53″E / 51.02222°N 11.24806°E / 51.02222; 11.24806

Il campo di concentramento di Buchenwald era un campo di concentramento nazista durante la seconda guerra mondiale. In tedesco, il campo si chiamava Konzentrationslager (KZ) Buchenwald. Fu costruito in Germania nel 1937 e rimase aperto fino al 1945. Buchenwald fu uno dei primi e più grandi campi di concentramento costruiti in Germania.

I nazisti mandarono a Buchenwald persone da tutta Europa e dall'Unione Sovietica. Lì erano prigionieri e facevano lavori forzati nelle fabbriche di armi.

Dopo la vittoria degli Alleati nella seconda guerra mondiale, l'Unione Sovietica si impadronì di Buchenwald e di alcune altre parti della Germania. Dal 1945 al 1950 utilizzarono Buchenwald come campo di internamento. Lo chiamarono Campo Speciale NKVD numero 2. Il 6 gennaio 1950 i sovietici consegnarono Buchenwald al Ministero degli Affari Interni della Germania dell'Est.

Oggi, ciò che resta di Buchenwald è un monumento commemorativo. Lì c'è anche un museo.

Torre di guardia nel sito commemorativo di Buchenwald, nel 1983
Torre di guardia nel sito commemorativo di Buchenwald, nel 1983

Storia

I nazisti costruirono Buchenwald sull'Ettersberg, vicino a Weimar, in Germania, nel luglio del 1937. Chiamarono il campo Buchenwald, che in inglese significa "faggeta". Sul cancello principale del campo scrissero Jedem das Seine ("Ognuno al proprio").

Tra l'aprile 1938 e l'aprile 1945, circa 238.380 persone furono inviate a Buchenwald. Tra questi prigionieri c'erano persone provenienti da molti paesi diversi. Tra questi c'erano anche molti prigionieri di guerra alleati (prigionieri di guerra). Oltre 56.000 prigionieri morirono a Buchenwald.

Persone

Comandanti del campo

Karl-Otto Koch (1° agosto 1937-luglio 1941)

Il primo comandante di Buchenwald (capo del campo) è stato Karl-Otto Koch. Diresse il campo dal 1937 al luglio 1941. La sua seconda moglie, Ilse Koch, divenne ben nota come Die Hexe von Buchenwald ("la strega di Buchenwald") per il modo terribile in cui trattava i prigionieri. Koch fece costruire ai prigionieri uno zoo a Buchenwald, con una fossa per orsi (Bärenzwinger).

Alla fine, Koch fu messo in prigione a Buchenwald in persona. All'inizio, due ufficiali nazisti, il principe Waldeck e il dottor Morgen, accusarono Koch di aver incoraggiato l'omicidio. In seguito, Koch fu anche accusato di corruzione, appropriazione indebita, affari al mercato nero e di aver usato i lavoratori del campo per soddisfare i suoi bisogni. Sono stati accusati anche altri funzionari del campo, tra cui Ilse Koch.

Karl Koch è stato processato e condannato a morte. Fu giustiziato da un plotone d'esecuzione il 5 aprile 1945. Questo avvenne solo una settimana prima che i soldati americani arrivassero e si impadronissero di Buchenwald.

Dopo la guerra, Ilse Koch fu condannata a quattro anni di carcere. All'inizio, la sua condanna fu ridotta a due anni e fu liberata. In seguito, però, è stata nuovamente arrestata e condannata all'ergastolo dal nuovo governo tedesco. Si è uccisa in carcere nel settembre 1967.

Hermann Pister (1942-1945)

Il secondo comandante di Buchenwald era Hermann Pister. Egli controllò il campo dal 1942 al 1945, quando fu preso in mano dai soldati americani.

Dopo la guerra, Pister fu processato nei processi di Norimberga e fu condannato a morte. Tuttavia, nel settembre 1948, prima che potesse essere giustiziato, Pister morì per un problema cardiaco.

Tipi di detenuti

I nazisti mandarono a Buchenwald prigionieri da tutta Europa e dall'Unione Sovietica. Questi includevano:

Donne a Buchenwald

A Buchenwald sono state tenute prigioniere tra le 500 e le 1.000 donne. Per prima cosa, nel 1941, venti donne prigioniere politiche furono portate a Buchenwald dal campo di concentramento di Ravensbrück. Furono costrette a lavorare come schiave del sesso nel bordello del campo.

Tuttavia, la maggior parte delle detenute fu inviata a Buchenwald nel 1944 e nel 1945 da altri campi di concentramento. Furono inviate principalmente da Auschwitz, Ravensbrück e Bergen Belsen. Più tardi, tutte le prigioniere furono inviate nei numerosi campi satellite femminili di Buchenwald (campi più piccoli intorno a Buchenwald).

Ilse Koch era il capo supervisore (Oberaufseherin) di altre 22 guardie e centinaia di donne prigioniere nel campo principale. Più di 530 altre 530 guardie lavoravano nei numerosi altri campi minori di Buchenwald ("sottocampi"). Solo 22 donne hanno prestato servizio o si sono addestrate nel campo principale di Buchenwald, rispetto a oltre 15.500 uomini.

Aerei alleati

Quando i nazisti catturarono i soldati dei paesi alleati occidentali, quasi sempre li mandarono in campi di prigionia, non in campi di concentramento. Tuttavia, hanno tenuto un gruppo di 168 aviatori (volantini) a Buchenwald per due mesi. Questi uomini provenivano da Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Australia, Nuova Zelanda e Giamaica. Arrivarono a Buchenwald il 20 agosto 1944.

Gli aerei di questi aviatori si erano schiantati in Francia, che la Germania nazista controllava. Gli aviatori furono mandati a Buchenwald, non in un campo di prigionia, perché i nazisti dissero che erano spie e "terroristi".

Dopo la guerra, un aviatore si ricordò dell'arrivo a Buchenwald:

Quando ci siamo avvicinati al campo e abbiamo visto cosa c'era dentro... una terribile, terribile paura e orrore è entrata nei nostri cuori. Abbiamo pensato: "Cos'è questo? Dove stiamo andando? Perché siamo qui? E quando ci siamo avvicinati al campo e abbiamo visto questi scheletri umani che camminavano intorno a uomini anziani, giovani, ragazzi, solo pelle e ossa, abbiamo pensato: in cosa ci stiamo cacciando?

-L'aviere canadese Ed Carter

Gli aviatori sono stati trattati e maltrattati allo stesso modo degli altri prigionieri di Buchenwald. Lì morirono due aviatori. Poi, nell'ottobre 1944, gli aviatori furono inviati a Stalag Luft III, un normale campo di prigionia. Gli aviatori accusati di essere "terroristi" sarebbero stati giustiziati a Buchenwald dopo il 24 ottobre. Furono salvati dagli ufficiali della Luftwaffe (l'aviazione tedesca), che visitarono Buchenwald. Quando tornarono a Berlino, questi ufficiali si assicurarono che gli aviatori fossero mandati in un normale campo di prigionia e non fossero giustiziati.

Detenuti a Buchenwald
Detenuti a Buchenwald

Imágenes principales

Cause di morte

L'obiettivo dei nazisti per i campi come Buchenwald era la Vernichtung durch Arbeit ("sterminio attraverso il lavoro"). Questo significava che i prigionieri venivano mandati a Buchenwald per essere lavorati fino alla morte.

A causa delle terribili condizioni di vita nel campo, la malattia era molto comune e si diffondeva rapidamente. Anche i prigionieri morivano di fame. A causa di questa combinazione di malattia e fame, molti prigionieri erano in realtà "lavorati a morte" come i nazisti avevano previsto. Tuttavia, molti altri detenuti morirono a causa delle esecuzioni, degli esperimenti dei medici nazisti e di altre cause.

A Buchenwald sono state eseguite anche esecuzioni sommarie di prigionieri di guerra sovietici (esecuzioni senza processo). Nel 1941 e nel 1942, almeno 1.000 uomini furono scelti per essere uccisi e furono inviati a Buchenwald, dove furono immediatamente fucilati alla nuca.

Anche i medici nazisti hanno fatto esperimenti sui prigionieri di Buchenwald. Per esempio, nel 1942 e nel 1943, hanno usato 729 prigionieri per testare un vaccino contro il tifo. Questo significava che ai prigionieri veniva somministrato il vaccino, e poi veniva somministrato il tifo di proposito. 154 di questi prigionieri morirono. In un altro esperimento, i medici nazisti vollero vedere quanto di un certo veleno fosse necessario per uccidere una persona. Darono il veleno a quattro prigionieri di guerra russi. Quando i prigionieri di guerra non morirono, furono "strangolati nel crematorio" e poi "sezionati" (tagliati a pezzi per studiare il loro corpo). I medici hanno anche bruciato gravemente altri prigionieri con il fosforo bianco per verificare se una medicina avrebbe aiutato ferite simili causate dalle bombe. Dopo la fine della guerra, ai processi di Norimberga, uno di questi medici si difese dicendo che mentre era medico, era anche un "boia legalmente nominato" (cioè la legge gli permetteva di uccidere le persone).

Numero di morti

Le SS hanno lasciato tracce di quanti prigionieri sono arrivati al campo e quanti ne sono rimasti. Hanno registrato quanti prigionieri sono stati lasciati andare, mandati in un altro campo o sono morti. Questi registri dicono che 33.462 prigionieri sono morti a Buchenwald. Tuttavia, queste registrazioni potrebbero non essere completamente vere. Per esempio, prima del 1944, quando le SS uccisero i prigionieri, spesso scrivevano che i prigionieri erano "trasferiti alla Gestapo", non che erano stati uccisi. Inoltre, a partire dal 1941, molti prigionieri di guerra sovietici furono giustiziati in uccisioni di massa. Questi prigionieri di guerra sarebbero stati uccisi non appena arrivati al campo, e non sono mai stati aggiunti ai registri del campo. Questo significa che non erano elencati tra i 33.462 morti.

Un ex detenuto di Buchenwald, Armin Walter, ha contato il numero di persone che sono state uccise da un colpo di pistola alla nuca. Il lavoro di Walter a Buchenwald consisteva nell'installare e curare un sistema radio nel luogo in cui le persone venivano giustiziate. Contò il numero di persone uccise e nascose le informazioni. Dice che 8.483 prigionieri di guerra sovietici furono fucilati e uccisi.

Sommando tutti questi decessi, il numero totale delle persone morte a Buchenwald è di circa 56.545. Questo numero comprende:

  • Morti secondo i registri delle SS: 33,462
  • Esecuzioni per fucilazione: 8,483
  • Esecuzioni per impiccagione: 1.100 (stima)
  • Morti durante i trasporti di evacuazione (spostamento di prigionieri in altri campi in treno o marce forzate): 13.500 (stima)

Questo totale di 56.545 morti significa che il 24% dei prigionieri inviati a Buchenwald è morto.


[
{[12494-12494]}]


Prigionieri di Buchenwald in attesa di essere giustiziati nella foresta vicino al campo, 26 aprile 1942

Il crematorio di Buchenwald
Il crematorio di Buchenwald

Liberazione

Il 4 aprile 1945, i soldati statunitensi presero il controllo di Ohrdruf, uno dei campi più piccoli di Buchenwald. Ohrdruf fu il primo campo nazista liberato (rilevato e liberato) dai soldati americani.

Due giorni dopo, i nazisti hanno iniziato a cercare di evacuare (spostare tutti fuori) Buchenwald. Fecero partire migliaia di prigionieri in marcia forzata verso altri campi che gli americani non avevano ancora raggiunto.

Un ingegnere polacco di nome Gwidon Damazyn, prigioniero dal marzo 1941, aveva allestito una radio segreta a onde corte. L'8 aprile a mezzogiorno, Damazyn e il prigioniero russo Konstantin Ivanovich Leonov inviarono un messaggio in codice Morse agli Alleati. Il messaggio era stato scritto dai leader del movimento di resistenza clandestina dei prigionieri (un gruppo di prigionieri che cercava di combattere i nazisti in segreto). Diceva:

Agli Alleati. All'esercito del generale Patton. Questo è il campo di concentramento di Buchenwald. SOS. Chiediamo aiuto. Vogliono evacuarci. Le SS vogliono distruggerci.

Il testo è stato ripetuto più volte in inglese, tedesco e russo. Damazyn ha inviato i messaggi in inglese e tedesco, e Leonov ha inviato la versione russa. Tre minuti dopo l'ultimo messaggio di Damazyn, il quartier generale del Terzo Esercito degli Stati Uniti ha risposto:

KZ Bu. Resistete. Correre in vostro aiuto. Stato maggiore della Terza Armata.

Damazyn è svenuto dopo aver ricevuto il messaggio.

Dopo aver appreso questa notizia, i detenuti comunisti attaccarono le torri di guardia del campo e uccisero le guardie che si trovavano ancora nel campo. Usarono i fucili che avevano raccolto dal 1942 (una mitragliatrice e 91 fucili).

I soldati americani arrivarono a Buchenwald l'11 aprile 1945 alle 15.15 (l'orologio al cancello d'ingresso è ora impostato in modo permanente a quest'ora). I soldati sono stati accolti da un eroe.

Più tardi, quel giorno, i soldati americani presero il controllo di Langenstein, uno dei campi più piccoli di Buchenwald. Lì liberarono più di 21.000 prigionieri. Ordinarono anche al sindaco di Langenstein di inviare cibo e acqua al campo, e si precipitarono con forniture mediche da un ospedale da campo americano.

Giovedì 12 aprile 1945, alcuni giornalisti arrivarono a Buchenwald. Tra i giornalisti c'era anche Edward R. Murrow, il cui servizio radiofonico sull'incontro con Buchenwald fu trasmesso dalla CBS e divenne uno dei suoi più famosi:

Ho chiesto di vedere una delle caserme. Era occupata dai cecoslovacchi. Quando sono entrato, gli uomini si sono accalcati, hanno cercato di sollevarmi sulle spalle. Erano troppo deboli. Molti di loro non riuscivano ad alzarsi dal letto. Mi è stato detto che questo edificio una volta aveva ospitato 80 cavalli. C'erano 1.200 uomini, cinque per una cuccetta. La puzza era oltre ogni descrizione.

Hanno chiamato il medico. Abbiamo controllato le sue cartelle. C'erano solo nomi nel libretto nero, niente di più. Niente su chi fossero questi uomini, su cosa avessero fatto o sperato. Dietro i nomi di coloro che erano morti, c'era una croce. Li ho contati. Erano in totale 242. 242 su 1.200, in un mese.

Mentre uscivamo nel cortile, un uomo è caduto morto. Altri due, dovevano avere più di 60 anni, strisciavano verso la latrina. L'ho visto, ma non lo descriverò.

-parte del rapporto Buchenwald di Edward R. Murrow. 15 aprile 1945.




Campo speciale sovietico numero 2

Tra il 1945 e il 10 febbraio 1950, il campo fu gestito dall'Unione Sovietica. Lo usavano come campo di prigionia chiamato Campo Speciale numero 2.

L'Unione Sovietica ha tenuto 28.455 prigionieri, tra cui 1.000 donne, nel campo speciale numero 2. I registri sovietici dicono che 7.113 di questi prigionieri sono morti. Furono sepolti in fosse comuni nei boschi intorno al campo. Alle loro famiglie non fu detto che erano morti.

Detenuti al campo speciale numero 2 incluso:

  • Persone accusate di essere contro lo stalinismo
  • Persone accusate di essere membri del partito nazista
  • Persone che non avevano fatto nulla di male, ma che erano confuse con altre persone che avevano
  • Persone che sono state arrestate dai sovietici senza commettere alcun crimine reale (arresti arbitrari)

La NKVD (l'organizzazione di polizia sovietica che gestiva il campo) non permetteva ai prigionieri di parlare con nessuno al di fuori del campo. La NKVD non cercava nemmeno di capire se i prigionieri fossero colpevoli.

Il 6 gennaio 1950 il ministro degli Interni sovietico Sergei Nikiforovich Kruglov decise che il Ministero degli Interni della Germania dell'Est avrebbe rilevato tutti i campi speciali della NKVD, compreso quello di Buchenwald.

Buchenwald è distrutto

Nell'ottobre del 1950 Buchenwald fu distrutta. Il cancello principale, il crematorio, il blocco dell'ospedale e due torri di guardia furono lasciati in piedi. Tutte le caserme dei prigionieri e gli altri edifici furono abbattuti. Molti di essi sono stati ricostruiti.

Appena pochi giorni dopo la liberazione del campo, nel 1945, i prigionieri liberati costruirono un monumento in onore delle persone che morirono a Buchenwald. Era fatto di legno e doveva essere temporaneo. Alla fine fu sostituito da un monumento in acciaio inossidabile. La superficie di questo monumento è mantenuta a 37 °C (99 °F), la temperatura della pelle umana, tutto l'anno.

Nel 1958 fu costruito anche un secondo monumento, vicino a dove i prigionieri erano stati sepolti insieme in fosse comuni.

Libri su Buchenwald

Alcune persone che sono sopravvissute alla prigionia di Buchenwald hanno scritto di quello che è successo loro. Queste persone includono:

  • Jorge Semprún, Quel beau dimanche! ("Che bella domenica!")
  • Ernst Wiechert, Der Totenwald ("Foresta dei morti")
  • Léon Delarbre (che ha scritto e disegnato scene di come era la vita a Buchenwald)
  • Edmond Vandievoet, Sono fuggito da un campo di sterminio nazista (Vandievoet era uno dei pochi prigionieri fuggiti da Buchenwald)
  • Elie Wiesel, La Nuit (Notte)

Visita del Presidente Obama e del Cancelliere Merkel

Il 5 giugno 2009, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il cancelliere tedesco Angela Merkel hanno visitato Buchenwald. Elie Wiesel e Bertrand Herz, due sopravvissuti di Buchenwald, sono andati con loro. Durante la visita, il presidente Obama ha detto che da bambino aveva sentito storie su Buchenwald dal suo prozio, che faceva parte dell'89° divisione di fanteria. Questa divisione fu il primo gruppo di soldati americani a raggiungere il campo di lavoro forzato di Ohrdruf, uno dei campi più piccoli di Buchenwald.

Monumento a Buchenwald
Monumento a Buchenwald

Foto di Buchenwald

·        

Cancello del campo

·        

Area principale del campo

·        

Crematorio

·        

All'interno del crematorio

·        

La "Cantina dei Cadaveri"

·        

Cimitero russo

·        

Celle

·        

Memoriale

Pagine correlate


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3