Campo di sterminio

I campi di sterminio (campi di sterminio) furono costruiti dalla Germania nazista durante la seconda guerra mondiale. L'obiettivo dei campi di sterminio era quello di uccidere milioni di persone il più rapidamente possibile. Nei campi di sterminio, le persone venivano uccise per lo più con l'iniezione di gas velenoso nelle camere a gas. Tuttavia, i nazisti uccisero molte persone anche in altri modi nei campi di sterminio. Ne hanno uccise alcune nelle esecuzioni di massa (per esempio, sparando a molte persone in una volta sola). Ne hanno uccisi altri attraverso lo "sterminio attraverso il lavoro". Questo facendo fare ai prigionieri lavori forzati molto duri senza dare loro il cibo, le cure mediche, o altre cose basilari di cui avevano bisogno per sopravvivere. Molte altre persone sono morte nei campi di sterminio per fame, per malattia e per congelamento.

I nazisti mandarono molti tipi diversi di persone nei campi di sterminio. Tuttavia, circa il 90% delle persone uccise nei campi di sterminio erano ebrei. La Germania nazista voleva "sterminare" il popolo ebraico (volevano uccidere tutti gli ebrei, così non sarebbero più esistiti). Questo piano fu chiamato la Soluzione Finale. Ora si chiama Olocausto.

Anche il governo fascista Ustaše nello Stato indipendente della Croazia ha istituito campi di sterminio durante la Seconda guerra mondiale. Nei campi di sterminio come quello di Jasenovac hanno ucciso molti serbi, ebrei e altre persone. Ben 750.000 serbi possono essere stati uccisi in questi campi di sterminio.

Deportazioni di massa: le vie verso i campi di sterminio
Deportazioni di massa: le vie verso i campi di sterminio

Background

I nazisti credevano che alcuni gruppi di persone fossero migliori di altri. Pensavano che la razza ariana fosse la migliore di tutti. Credevano che le persone che non erano "ariane" fossero "inferiori". Credevano anche che i non ariani fossero la causa dei problemi della Germania. Pensavano che alcuni gruppi di persone non meritassero nemmeno di vivere. Questi gruppi includevano persone con disabilità. I nazisti chiamavano queste persone Lebensunwertes Leben - "vita indegna di vita".

Nel 1939, il nazista Schutzstaffel (SS) avviò un programma per uccidere tutti coloro che erano "indegni di vivere". Chiamarono questo programma segreto il programma di eutanasia Action T4. Come parte di questo programma, uccisero 70.000 persone con disabilità, utilizzando gas di monossido di carbonio. Questa era la prima volta che i nazisti avevano usato gas velenoso per uccidere le persone.

Due anni dopo, i nazisti costruirono i primi campi di sterminio. Usando le cose che avevano imparato gasando le persone con disabilità, i nazisti avevano deciso di iniziare la Soluzione Finale - uccidendo tutto il popolo ebraico, per lo più gasandoli. Prima che i nazisti fossero pronti a uccidere un gran numero di persone nelle camere a gas, le SS Einsatzgruppen iniziarono a uccidere molte persone alla volta sparando loro.

Alla Conferenza di Wannsee, nel gennaio 1942, i nazisti dichiararono chiaramente di voler uccidere tutti gli ebrei in Europa. Adolf Eichmann fu messo a capo di questo programma. Dopo di che i nazisti costruirono altri campi di sterminio, con l'obiettivo di uccidere milioni di ebrei con gas velenoso.

Definizione

I nazisti usavano i campi di sterminio e i campi di concentramento per diverse cose. L'obiettivo dei campi di sterminio era il genocidio. Il loro scopo era quello di uccidere le persone che venivano mandate nei campi di concentramento sui treni, migliaia alla volta. Nei campi di sterminio come quello di Bełżec, Sobibór e Treblinka, di solito le persone venivano uccise poche ore dopo essere arrivate nei campi.

I campi di concentramento erano diversi dai campi di sterminio. Alcuni dei campi di concentramento più famosi erano Buchenwald, Bergen-Belsen, Dachau e Ravensbrück. Erano campi di prigionia che i nazisti avevano creato prima della seconda guerra mondiale. I nazisti mandarono in questi campi di concentramento persone che non volevano nella loro società. I nazisti costrinsero milioni di persone a fare lavori forzati nei campi di concentramento. I prigionieri nei campi di concentramento costituivano circa il 25% dei lavoratori della Germania nazista. Anche se i campi di concentramento non erano stati progettati per gli omicidi di massa, oltre il 75% delle persone inviate in questi campi morirono a causa della fame, delle malattie, della stanchezza, delle esecuzioni e degli abusi fisici.

I membri del Sonderkommando bruciano i cadaveri ad Auschwitz II-Birkenau.
I membri del Sonderkommando bruciano i cadaveri ad Auschwitz II-Birkenau.

Storia

Nei primi anni della seconda guerra mondiale, gli ebrei furono per lo più inviati nei campi di concentramento. Tuttavia, dal 1942 in poi, furono per lo più deportati nei campi di sterminio. Fu detto loro che sarebbero stati "reinsediati" - mandati in altri luoghi per vivere. I nazisti costruirono molti dei campi di sterminio in Polonia, che i nazisti controllavano. Lo fecero perché la maggior parte delle persone che volevano uccidere vivevano in Polonia. La Polonia aveva il maggior numero di ebrei nelle parti d'Europa controllate dai nazisti. Inoltre, poiché questi campi di sterminio non si trovavano in Germania, i nazisti potevano nascondere quello che facevano al popolo tedesco.

I nazisti crearono due tipi di campi di sterminio. Alcuni erano "campi di sterminio puro". Il loro unico scopo era quello di uccidere la gente. Altri erano una combinazione di campi di concentramento e campi di sterminio. In questi campi, i nazisti uccidevano subito alcune persone. Ne costringevano altri a lavorare come schiavi fino alla morte.

Campi di sterminio puro

I primi campi di sterminio furono Treblinka, Bełżec e Sobibór. Furono costruiti durante l'operazione Reinhard (ottobre 1941 - novembre 1943), il cui obiettivo era quello di uccidere tutti gli ebrei polacchi. Treni pieni di persone furono inviati in questi campi, e furono assassinati appena arrivati. All'inizio le guardie del campo usavano il monossido di carbonio per uccidere i prigionieri. Poi seppellivano i loro corpi in fosse comuni. Più tardi, quando c'erano troppi corpi da seppellire, iniziarono a bruciarli. Per poter uccidere le persone e sbarazzarsi dei loro corpi più velocemente, i nazisti costruirono camerea gas e crematori a Treblinka e Bełżec. A Bełżec, iniziarono anche a usare il gas velenoso Zyklon-B per uccidere le persone.

L'8 dicembre 1941 i nazisti aprirono un altro campo di sterminio chiamato Chełmno. All'inizio uccisero i prigionieri a Chelmno all'interno di furgoni, usando i fumi di scarico del monossido di carbonio. Più tardi, come negli altri campi di sterminio, i nazisti costruirono camere a gas per poter uccidere più persone alla volta. Quasi tutti i prigionieri inviati a Chelmno furono uccisi subito. Tuttavia, i nazisti costrinsero alcuni uomini forti ad entrare in unità di lavoro chiamate Sonderkommando. Questi prigionieri furono costretti ad aiutare a togliere i cadaveri dalle camere a gas e a bruciarli.

I campi di sterminio erano piccoli (solo alcune centinaia di metri di lunghezza e larghezza). Avevano anche pochissime abitazioni o altri edifici. Per questo motivo i nazisti riuscirono ad ingannare i prigionieri quando arrivarono. I nazisti dissero loro che sarebbero rimasti nel campo solo per un breve periodo di tempo, prima di proseguire verso un campo di lavoro più a est. Questo impediva ai prigionieri di farsi prendere dal panico o di reagire.

Campi di concentramento e di sterminio

Dopo aver deciso di avviare la "Soluzione Finale", i nazisti costruirono camere a gas e crematori all'interno di alcuni dei campi di concentramento già esistenti, come Auschwitz e Majdanek.

Quando la gente arrivava in questi campi, passava attraverso un processo chiamato "selezione". Le guardie naziste sceglievano quali prigionieri sarebbero stati tenuti a lavorare come schiavi e quali sarebbero stati inviati direttamente alle camere a gas per essere uccisi. Di solito i nazisti mandavano gli anziani, i malati e i bambini molto piccoli dritti alle camere a gas. Le persone sane erano spesso tenute a lavorare come schiavi, ed erano costrette a lavorare fino a quando non erano troppo malate o affamate per lavorare così velocemente come volevano i nazisti. Poi i nazisti li "selezionavano" per le camere a gas.

Campeggi nello Stato Indipendente della Croazia

Con il sostegno della Germania nazista e dell'Italia fascista, il 10 aprile 1941 fu creato lo Stato Indipendente della Croazia (ISC). Fu governato dal governo fascista Ustaše, che concordava con le idee naziste sulla razza e la politica. Gli Ustasi erano d'accordo con l'idea che tutti gli ebrei e i rom dovevano essere uccisi. Erano anche d'accordo con i nazisti che i socialisti e i comunisti erano nemici politici.

Gli Ustaše costruirono campi di sterminio nello Stato indipendente della Croazia e aiutarono con la "Soluzione finale" dei nazisti uccidendo molti ebrei e rom. Tuttavia, il loro obiettivo principale era quello di uccidere tutto il popolo serbo del CSI. Gli Ustascia trattarono il popolo serbo in modo così crudele che anche i tedeschi rimasero scioccati.

Il primo campo di Ustaše fu il campo di concentramento di Jadovno. Tenne migliaia di serbi ed ebrei dal maggio all'agosto 1941. I prigionieri venivano solitamente uccisi spingendoli in profondi burroni vicino al campo.

Il campo di concentramento di Jasenovac ha sostituito Jadovno. Jasenovac era un gruppo molto grande di molti campi. Molti prigionieri che arrivarono a Jasenovac furono immediatamente programmati per essere uccisi. Agli uomini forti che potevano lavorare, e che erano stati condannati a meno di tre anni nel campo, fu permesso di vivere. Tuttavia, tutti i prigionieri condannati a tre o più anni furono immediatamente giustiziati.

Alcuni prigionieri di Jasenovac sono stati uccisi con gas velenoso o in sparatorie di massa. Tuttavia, le guardie di Ustaše hanno ucciso molti prigionieri usando le mani o strumenti come coltelli e martelli.

Bambini ebrei inviati nel campo di sterminio di Chełmno
Bambini ebrei inviati nel campo di sterminio di Chełmno

Marzo alle camere a gas, una delle fotografie del Sonderkommando scattate di nascosto ad Auschwitz II nell'agosto 1944
Marzo alle camere a gas, una delle fotografie del Sonderkommando scattate di nascosto ad Auschwitz II nell'agosto 1944

Un'unità Sonderkommando 1005 si trova accanto a una macchina frantuma-ossa nel campo di concentramento di Janowska
Un'unità Sonderkommando 1005 si trova accanto a una macchina frantuma-ossa nel campo di concentramento di Janowska

Come sono stati uccisi i prigionieri

Nel 1941, un alto funzionario nazista, Heinrich Himmler, andò a vedere un gruppo di Einsatzgruppen che eseguivano una sparatoria di massa. Il comandante del gruppo gli disse che sparare a così tante persone danneggiava psicologicamente i soldati che sparavano. Himmler decise che i nazisti dovevano trovare un altro modo per uccidere la gente. Dopo la guerra, il diario del comandante di Auschwitz, Rudolf Höss, mostrò che molti Einsatzkommandos - gli assassini - impazzirono o si suicidarono. Egli scrisse che lo facevano perché erano psicologicamente "incapaci di resistere a lungo al tracollo del sangue".

I nazisti avevano imparato dal loro programma T-4 che potevano uccidere le persone usando il monossido di carbonio. Tuttavia, pensavano che mandare il monossido di carbonio nei campi di sterminio sarebbe stato troppo costoso.

Nell'agosto 1941, il vice di Höss, Karl Fritzsch, mise alla prova un'idea. Ad Auschwitz, i vestiti infettati dai pidocchi furono trattati con cristalli di acido prussico (cianuro di idrogeno). Il marchio dei cristalli era Zyklon-B. Sono stati fatti su ordinazione dall'azienda chimica IG Farben. Una volta aperto il loro contenitore, i cristalli di Zyklon-B nell'aria rilasciavano un gas cianuro mortale. Fritzch pensava che questo gas potesse essere usato per uccidere i prigionieri. Per provare gli effetti, rinchiuse alcuni prigionieri di guerra sovietici nel seminterrato di un bunker e li gasò. Morirono.

La gassazione con lo Zyklon-B è diventata il modo di Auschwitz per sterminare la gente. Sarebbe stato usato anche a Majdanek e in altri campi. Oltre ai gas, le guardie del campo continuavano a uccidere i prigionieri attraverso sparatorie di massa, fame, torture e abusi.

Gastronomia

Durante la guerra, il funzionario nazista Kurt Gerstein raccontò a un diplomatico svedese della vita in un campo di sterminio. Il 19 agosto 1942, Gerstein arrivò al campo di sterminio di Bełżec, che aveva una camera a gas a monossido di carbonio. All'epoca venivano scaricati 45 vagoni ferroviari, pieni di 6.700 ebrei. Molti degli ebrei erano morti durante il viaggio. Gli altri furono fatti marciare nudi verso le camere a gas. Lì Gerstein disse:

Le guardie naziste stavano facendo grandi sforzi per far funzionare il motore. Ma non va. ... Il mio cronometro mostrava tutto, 50 minuti, 70 minuti, e il [[motore diesel]] non si avviava. La gente aspetta dentro le camere a gas. Invano. Si sente piangere, "come in sinagoga", dice il professor Pfannenstiel, con gli occhi incollati a una finestra della porta di legno. Furioso, il capitano Wirth [[[[frusta]]] l'ucraino [prigioniero costretto ad aiutare] dodici, tredici volte, in faccia. Dopo 2 ore e 49 minuti - il cronometro ha registrato tutto - è partito il diesel. Fino a quel momento, la gente si è chiusa in quelle quattro camere affollate, quattro volte 750 persone, in quattro volte 45 metri cubi. Passarono altri 25 minuti. Molti erano già morti, che si potevano vedere attraverso la finestrella, perché una lampada elettrica all'interno illuminava la camera per qualche istante. Dopo 28 minuti, solo pochi erano ancora vivi. Infine, dopo 32 minuti, tutti erano morti... I dentisti [poi] hanno martellato denti d'oro, ponti e corone. In mezzo a loro c'era il capitano Wirth. Era nel suo elemento, e, mostrandomi una grossa lattina piena di denti, disse: "Guarda tu stesso il peso di quell'oro! E' solo di ieri, e dell'altro ieri. Non puoi immaginare cosa troviamo ogni giorno: dollari, diamanti, oro. Lo vedrete voi stessi". - Kurt Gerstein

Per evitare che la gente si facesse prendere dal panico e reagisse, i nazisti dissero ai prigionieri che si sarebbero fatti la doccia e si sarebbero fatti spidocchiare (eliminare i pidocchi). Il prigioniero Sonderkommando fu costretto ad aiutare dentro e intorno alle camere a gas. Incoraggiarono gli ebrei a spogliarsi senza un accenno a ciò che stava per accadere. (Se il Sonderkommando avesse avvertito i prigionieri, anche loro sarebbero stati uccisi). Le camere a gas erano state progettate per assomigliare alle docce (con finti ugelli dell'acqua e pareti di piastrelle). Il Sonderkommando parlava alle vittime della vita nel campo per evitare che la gente si insospettisse. Hanno anche aiutato gli anziani e i giovanissimi a spogliarsi. Il Sonderkommando ha anche confortato i bambini più grandi che potevano piangere "per la stranezza di essere spogliati in questo modo".

Una volta che la camera a gas era piena di gente e la porta era sigillata, le guardie naziste hanno fatto cadere lo Zyklon B attraverso speciali fori nel tetto.

Come parte della loro formazione, alcuni alti dirigenti del partito nazista e ufficiali delle SS furono inviati ad Auschwitz-Birkenau per assistere ai gas. Höss riferì che "tutti furono profondamente impressionati da ciò che videro ... [ma alcuni] ... che prima avevano parlato a voce più alta, sulla [necessità] di questo sterminio, tacevano una volta che avevano effettivamente visto la 'soluzione finale del problema ebraico'".

Distruggere cadaveri

Dopo i gas, il Sonderkommando ha rimosso i cadaveri dalle camere a gas, poi ha estratto i denti d'oro dai corpi. All'inizio, le vittime sono state sepolte in fosse comuni. In seguito, i corpi delle vittime sono stati cremati. Le ceneri sono state sepolte, sparse o gettate in un fiume vicino.

Nel suo libro di memorie, il comandante di Auschwitz Höss ha scritto che il Sonderkommando doveva farlo:

  • Bruciare i cadaveri in fosse di fuoco
  • Mantenere i fuochi d'artificio
  • Drenare il grasso corporeo extra dai cadaveri, e
  • Rovesciare la "montagna di cadaveri in fiamme... in modo che il tiraggio [aria] possa soffiare le fiamme".

Hess scrisse che era rimasto impressionato da quanto duramente lavorasse il Sonderkommando, anche se sapevano che alla fine sarebbero stati uccisi anche loro.

Alla fine i nazisti uccisero così tante persone ad Auschwitz-Birkenau che fecero costruire tre edifici con crematori progettati da specialisti di Topf und Söhne. Ad Auschwitz, i prigionieri lavoravano ogni ora del giorno per distruggere i cadaveri. Tuttavia, le persone venivano gassate così velocemente che non tutti i cadaveri potevano essere distrutti nei crematori. Alcuni cadaveri venivano anche bruciati in un pozzo di fuoco all'aperto.

A Sobibór, Treblinka, Bełżec e Chełmno, i cadaveri sono stati bruciati su pire.

Gli ebrei ruteni dei Carpazi arrivano ad Auschwitz-Birkenau, maggio 1944. La maggior parte sono stati uccisi in camere a gas ore dopo il loro arrivo.
Gli ebrei ruteni dei Carpazi arrivano ad Auschwitz-Birkenau, maggio 1944. La maggior parte sono stati uccisi in camere a gas ore dopo il loro arrivo.

Il campo di sterminio nazista di Auschwitz
Il campo di sterminio nazista di Auschwitz




Pedaggio della morte

Gli storici stimano che i nazisti abbiano ucciso oltre tre milioni di persone in questi campi:

Campo

Morti stimate

Operativo

Territorio occupato

Paese di ubicazione attuale

Mezzi primari per gli omicidi di massa

Auschwitz-Birkenau

1,100,000

Maggio 1940 - gennaio 1945

Provincia dell'Alta Slesia

Polonia

Camere a gas Zyklon B

Bełżec

600,000

17 marzo 1942 - fine giugno 1943

Polonia occupata dai nazisti

Polonia

Camere a gas di monossido di carbonio

Chełmno

320,000

8 dicembre 1941 - marzo 1943,
giugno 1944 - 18 gennaio 1945

Distretto di Reichsgau Wartheland

Polonia

Furgoni a monossido di carbonio

Majdanek

80,000

1 ottobre 1941 - 22 luglio 1944

Polonia occupata dai nazisti

Polonia

Camere a gas Zyklon B

Maly Trostinets

200,000

Estate dal 1941 al 28 giugno 1944

Distretto del Reichskommissariat Ostland

Bielorussia

Sparatorie di massa, furgone a gas

Sajmište

23,000–47
,000

28 ottobre 1941 - luglio 1944

Stato indipendente della Croazia

Serbia

Furgone a monossido di carbonio

Sobibór

250,000

16 maggio 1942 - 17 ottobre 1943

Polonia occupata dai nazisti

Polonia

Camere a gas di monossido di carbonio

Treblinka

800,000

22 luglio 1942 - 19 ottobre 1943

Polonia occupata dai nazisti

Polonia

Camere a gas di monossido di carbonio

Totale

3,115,000–3,215,000

I campi sono distrutti

Quando si resero conto che avrebbero perso la Seconda Guerra Mondiale, i nazisti cercarono di distruggere i campi di sterminio per nascondere le prove di ciò che avevano fatto. Volevano nascondere la prova che così tante persone erano state uccise. Questo significava che dovevano distruggere i campi di concentramento e nascondere i cadaveri delle loro numerose vittime. I nazisti costrinsero i prigionieri a distruggere i campi e i loro registri e a scavare fosse comuni.

Alcuni campi di sterminio furono liberati (presi e liberati) dai soldati sovietici prima che i nazisti potessero distruggere le prove dei loro crimini di guerra. Per esempio, Majdanek fu catturato quasi intatto prima che i nazisti potessero distruggere molto. Questo accadde perché l'Armata Rossa sovietica arrivò al campo molto rapidamente, il che impedì alle SS di distruggere la maggior parte del campo.

Pagine correlate


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3