Razzismo

Il razzismo è la credenza nella superiorità naturale di una razza su un'altra. Può significare pregiudizio, discriminazione o antagonismo contro altre persone perché sono di una razza o etnia diversa.

Durante l'Olocausto, i nazisti in Germania credevano che alcune razze non meritassero nemmeno di esistere. Queste convinzioni erano razziste. A causa di queste convinzioni, uccisero molte persone che appartenevano a quelle razze. Quelle azioni, che derivavano dalle loro convinzioni razziste, erano anch'esse razziste.

Il razzismo è esistito nel corso della storia umana. Ha causato guerre, schiavitù, la creazione di nazioni e leggi. Tuttavia, il razzismo non è mai stato l'unica causa di guerre e schiavitù. I leader hanno spesso usato il razzismo per far sembrare le loro azioni giuste. Per esempio, i nazisti hanno usato l'idea che i popoli slavi fossero meno che umani per far sembrare giusto conquistare i paesi di quelle persone.

Nel 19° secolo era comune classificare le persone per razza. Questo mostra una tale classificazione; basata sul lavoro di Karl Ernst von Baer, 1862
Nel 19° secolo era comune classificare le persone per razza. Questo mostra una tale classificazione; basata sul lavoro di Karl Ernst von Baer, 1862

Un manifesto razzista per le elezioni in Georgia, nel 1866
Un manifesto razzista per le elezioni in Georgia, nel 1866

La propaganda americana contro i giapponesi durante la seconda guerra mondiale
La propaganda americana contro i giapponesi durante la seconda guerra mondiale

Striscione tenuto da una persona in una manifestazione di "White Pride" a Calgary, Canada
Striscione tenuto da una persona in una manifestazione di "White Pride" a Calgary, Canada

Razza ed etnia

Gli esseri umani spesso si classificano per razza o etnia. Lo fanno in base all'ascendenza, così come ai tratti visibili come il colore della pelle e i tratti del viso. Le persone dello stesso gruppo etnico sono spesso collegate dall'ascendenza, parlano la stessa lingua, hanno la stessa cultura e vivono negli stessi luoghi.

Tuttavia, gli scienziati dicono che gli esseri umani non si inseriscono bene in queste categorie, biologicamente. Il DNA di persone di razze diverse è molto simile. Le prove della genetica e dell'archeologia suggeriscono che tutti gli esseri umani provengono dallo stesso gruppo di primi esseri umani nell'Africa orientale. Questo significa che le diverse razze non sono apparse in tempi diversi. Tutti gli esseri umani provenivano dalla stessa razza, e si sono separati in razze diverse più tardi. Poiché i bianchi storicamente avevano più potere, alcune persone chiamano il razzismo contro i bianchi razzismo inverso.

Esempi storici di razzismo

Ideologie razziste

Questa sezione non ha fonti. Puoi aiutare Wikipedia trovando buone fonti e aggiungendole. (Dicembre 2012)

Razzismo europeo

Alla fine del XVIII secolo, gli europei cominciarono a usare il termine ariano per riferirsi ai protoindoeuropei preistorici originari e ai loro discendenti fino ai giorni nostri (cioè, i popoli indoeuropei - quei caucasici che parlano le lingue indoeuropee). All'epoca si supponeva anche che gli ariani fossero un popolo culturalmente superiore. Verso la fine del XIX secolo, alcuni europei cominciarono ad usare il nome Ariano solo per i popoli nordici d'Europa (un ramo dei popoli indoeuropei), come una razza "pura", "nobile" e razzialmente "superiore" che sostenevano discendere dalle tribù ariane originali. La teoria che gli Ariani arrivarono per primi dall'Europa divenne particolarmente popolare in Germania e in misura minore in Austria e Ungheria.

C'erano molti pregiudizi basati su questa percezione del mondo, poiché gli europei e gli orientali si consideravano entrambi superiori agli altri colori della pelle, il che portò alla schiavitù africana, all'apartheid, alle leggi Jim Crow, al nazismo e all'imperialismo giapponese.

Il razzismo è colonialismo

Quando gli europei arrivarono in America, uccisero migliaia di nativi americani e quando i coloni europei arrivarono in Australia, iniziarono a uccidere un gran numero di aborigeni.

Con la nascita dei loro imperi, molte altre tribù native hanno sofferto in Canada, Nuova Zelanda, Cina, Pakistan, Bangladesh e India.

Anche il Giappone aveva credenze simili sui cinesi e i coreani nelle loro colonie.

Razzismo anglo-francese

Il razzismo nel Regno Unito, in Irlanda e in Francia riguardava di solito la limitazione dei diritti di ebrei, rom e minoranze come i baschi francesi.

Quando i paesi divennero indipendenti dopo gli anni '50, molti emigrarono nel Regno Unito e in Francia, ma vennero decretati contro. Alcuni caffè e hotel britannici non accoglievano ospiti caraibici e i francesi fecero sentire gli arabi sgraditi anche in alcune città francesi. Dagli anni '60, indiani, pakistani e bangladesi si sono trasferiti nel Regno Unito e sono stati vittimizzati e 'Paki-bashed'. L'11 settembre 2001 ha aumentato le paure francesi e britanniche sull'Islam e sugli arabi in generale. Anche i lavoratori migranti polacchi e brasiliani sono discriminati in alcuni luoghi. I partiti razzisti come il British National Party e il National Front del Regno Unito fanno leva su queste paure per ottenere voti.

Il razzismo nel nazismo

Presunte scoperte scientifiche sulle differenze razziali furono usate dalla Germania nazista per giustificare la politica razzista con il suo concetto di "Großdeutschland" (Grande Germania) e l'idea della razza nordica. L'atteggiamento dei nazisti verso gli ebrei era antisemita e li incolpava falsamente della sconfitta della Germania nella prima guerra mondiale e della Grande Depressione. I nazisti e alcuni dei loro alleati antisemiti, come l'Ungheria, commisero un genocidio contro gli ebrei durante l'Olocausto della Seconda Guerra Mondiale.

Sia i nazisti che la Guardia di Ferro rumena perseguitarono anche i rom, che erano considerati parte della presunta razza inferiore degli "indiani". Durante la seconda guerra mondiale, i nazisti intrapresero un tentativo sistematico di genocidio dei rom, conosciuto come il Porajmos. I nazisti uccisero consapevolmente anche migliaia di slavi, lesbiche, comunisti, liberali e gay.

Razzismo in Italia

Il fascista Benito Mussolini, in un discorso del 1919 per denunciare la Russia sovietica, sostenne che i banchieri ebrei di Londra e New York City erano legati dalle catene della razza a Mosca, e affermò che l'80% dei leader sovietici erano ebrei.

Molti fascisti italiani avevano opinioni antislaviste, specialmente contro le vicine nazioni jugoslave, che vedevano in competizione con l'Italia, che aveva rivendicato la regione jugoslava della Dalmazia.

Mussolini diceva che l'Italia avrebbe fatto a modo suo ed era disposto a usare la forza per risolvere le discussioni. Un primo esempio fu il bombardamento italiano dell'isola greca di Corfù nel 1923. Poco dopo riuscì a instaurare un regime fantoccio in Albania e a schiacciare una ribellione in Libia, che era stata una colonia italiana dal 1912.

L'Italia, come la Germania, l'Austria e l'Ungheria, considerava tutti gli slavi e i rom come stupidi, razzialmente inferiori a causa degli effetti del darwinismo sociale e immeritevoli dei loro diritti fondamentali. La discriminazione anti-araba fu usata anche in alcune parti della Libia.

Razzismo in Romania

La Guardia di Ferro fu un movimento fascista antisemita e un partito politico in Romania dal 1927 al 1941. Disprezzavano e denunciavano sia gli ebrei che i rom.

Razzismo in America

Il razzismo americano è stato un problema importante nel paese da prima della sua fondazione. Storicamente dominata dalla società dei coloni bianchi, la razza negli Stati Uniti come concetto è diventata significativa in relazione ad altri gruppi. In generale, gli atteggiamenti razzisti nel paese sono stati applicati più onerosamente ai nativi americani, agli afroamericani e ad alcune azioni "straniere" contro gli immigrati messicani, tra gli altri. I cinesi, i giapponesi e gli irlandesi hanno avuto problemi in America, durante il XIX secolo, ma i neri sono caduti vittime delle leggi Jim Crow che un tempo separavano razzialmente alcune parti dell'America tra neri e bianchi. Queste emersero per la prima volta alla fine del XIX secolo e durarono fino alla metà degli anni '60 e al Voting Rights Act del 1965.

Milioni di africani furono uccisi mentre erano tenuti come prigionieri o come schiavi dagli europei e dagli arabi. Il popolo afroamericano e alcuni altri lo chiamano "L'olocausto nero".

Il sistema legale degli Stati Uniti è stato accusato di razzismo. Il 40% della popolazione carceraria è nera. Il 12% della popolazione generale è nera. Il programma stop-and-frisk della polizia di New York è stato accusato di profiling razziale.

Il libro To Kill A Mockingbird è un noto romanzo americano incentrato in gran parte sulla razza nell'era Jim Crow, descritta in precedenza.

Nel 21° secolo, alcuni gruppi di persone non bianche hanno l'idea che tutti i bianchi abbiano dei vantaggi su di loro in base al colore della loro pelle, senza tener conto del background familiare, della storia personale o della situazione attuale.

Razzismo nel Regno Unito

Nel Regno Unito i due partiti politici nazionalisti più popolari sono il British National Party (BNP) e il UK Independence Party (UKIP). C'è anche un gruppo chiamato English Defense League (EDL). Sono considerati razzisti da molte persone. Sono contro l'immigrazione illimitata e la colonizzazione da parte dei discepoli dell'Islam. Anche se i musulmani possono essere di qualsiasi razza, di solito sono dell'Asia meridionale. I musulmani tradizionalmente praticano e ordinano la legge della Sharia (che tradizionalmente punisce i criminali con amputazioni pubbliche e lapidazioni). In un sondaggio del 2013, il 27% di 1000 britannici tra i 18 e i 24 anni ha dichiarato di non fidarsi dei musulmani. Nel Regno Unito la maggior parte delle persone sono bianche. Il 7% è asiatico e il 3% è nero. Il 4,83% della popolazione britannica è musulmana.

Apartheid

Le leggi dell'Apartheid sudafricana erano un sistema usato per negare molti diritti alle persone non bianche. Sono iniziate nel 1948. Le leggi permettevano alla minoranza bianca di tenere la maggioranza nera fuori da certe aree. I neri dovevano portare documenti speciali (pass) o avere il permesso di vivere e lavorare in particolari aree. I bianchi si opponevano ai matrimoni misti con i non-bianchi e anche le persone di colore erano discriminate, ma non così gravemente come i non-bianchi. Il Prohibition of Mixed Marriages Act del 1949 proibì il matrimonio tra persone di razze diverse e l'Immorality Act del 1950 rese i rapporti sessuali con una persona di razza diversa un reato penale. I neri soffrirono molto e ad un certo punto gli fu persino proibito di votare. Nelson Mandela divenne il primo presidente nero del Sudafrica nel 1994. Mandela mise fine all'apartheid. Attualmente, le leggi sulle quote razziali discriminano i bianchi in Sudafrica. Il presidente nero Zuma del Sudafrica canta pubblicamente "Kill The Boer", che significa, Uccidi il bianco [contadino]". Genocidewatch.org riferisce che i bianchi sudafricani stanno affrontando un genocidio.

L'Associazione per l'assistenza al governo imperiale del Giappone

L'Associazione per l'assistenza al governo imperiale (Taisei Yokusankai) era una coalizione di movimenti politici fascisti e nazionalisti del Giappone come la Fazione della Via Imperiale (Kōdōha) e la Società dell'Est (Tōhōkai). Fu formata sotto la guida del primo ministro giapponese Fumimaro Konoe Prima della creazione dell'IRAA, Konoe aveva già efficacemente nazionalizzato le industrie strategiche, i media e i sindacati, in preparazione della guerra totale con la Cina. Il Giappone aveva bisogno di più terra, minerali e colonie, così annetté la Corea, la Manciuria e parte della Cina. I giapponesi consideravano i cinesi, i coreani e gli europei come una razza inferiore che doveva essere schiacciata e sfruttata.

Quando il successore di Konoe, Hideki Tōjō prese in mano l'IRAA tentò di affermarsi come leader assoluto, o Shogun, del Giappone, sotto l'imperatore del Giappone.

Alcuni giapponesi credono ancora di non aver commesso tanti massacri come dicono il mondo occidentale e la Cina.

Uno schiavo nero che è stato picchiato molto male. La persona che lo ha colpito lavorava per il suo proprietario.
Uno schiavo nero che è stato picchiato molto male. La persona che lo ha colpito lavorava per il suo proprietario.

Gli australiani stanno ora facendo degli sforzi per aiutare gli aborigeni, che una volta hanno discriminato, molto tempo fa.
Gli australiani stanno ora facendo degli sforzi per aiutare gli aborigeni, che una volta hanno discriminato, molto tempo fa.

Rom in procinto di essere deportati in Germania, 22 maggio 1940.
Rom in procinto di essere deportati in Germania, 22 maggio 1940.

Simbolo della Guardia di Ferro.
Simbolo della Guardia di Ferro.

Un cartello pro-segregazione (segregativo) su un ristorante a Lancaster, Ohio, nel 1938. Ovviamente solo i bianchi potevano mangiare qui, mentre i neri e gli orientali non erano desiderati
Un cartello pro-segregazione (segregativo) su un ristorante a Lancaster, Ohio, nel 1938. Ovviamente solo i bianchi potevano mangiare qui, mentre i neri e gli orientali non erano desiderati

Segno del Sudafrica ai tempi dell'Apartheid.
Segno del Sudafrica ai tempi dell'Apartheid.

Logo dell'Associazione per l'Assistenza alle Regole Imperiali.
Logo dell'Associazione per l'Assistenza alle Regole Imperiali.

Un mondo che cambia

Con le rivelazioni dell'olocausto e gli sforzi antirazzisti in tutto il mondo, le vecchie idee sulla razza cambiarono e, più lentamente, alcuni pregiudizi sulla razza svanirono. Il movimento per i diritti civili cercò di liberare le persone di origine africana dal dominio razzista della supremazia bianca in Sudafrica e negli Stati Uniti meridionali. I neri poterono votare in Sudafrica dopo un divieto di 50 anni.

In alcuni casi la discriminazione positiva e la correttezza politica hanno portato la situazione all'estremo opposto, portando ad accuse nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Australia di razzismo inverso, cioè di razzismo a favore, non contro le minoranze etniche. La "correttezza politica" è un termine applicato al linguaggio, alle idee, alle politiche o ai comportamenti visti come un tentativo di minimizzare le offese a gruppi di genere, razziali, culturali, disabili, anziani o di altra identità. Al contrario, il termine "politicamente scorretto" è usato per riferirsi al linguaggio o alle idee che possono causare offesa o che non sono vincolate dall'ortodossia o dalle buone maniere (per esempio i razzisti e gli islamofobici).

La crescita della popolazione ispanica attraverso l'immigrazione dal Messico e altrove, combinata con un alto tasso di natalità, è un fattore di crescita della popolazione degli Stati Uniti nell'ultimo quarto di secolo. Il censimento del 2000 ha anche trovato i nativi americani/americani alla loro più alta popolazione di sempre, 4,5 milioni, dalla fondazione degli Stati Uniti nel 1776.

Pagine correlate


AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3