Storia degli Stati Uniti

La storia degli Stati Uniti è ciò che è accaduto in passato negli Stati Uniti, un paese del Nord America.

I nativi americani hanno vissuto nelle Americhe per migliaia di anni. Gli inglesi nel 1607 andarono nel luogo che oggi si chiama Jamestown, in Virginia. Altri coloni europei si recarono nelle colonie, per lo più dall'Inghilterra e più tardi dalla Gran Bretagna. Anche la Francia, la Spagna e i Paesi Bassi colonizzarono il Nord America. Nel 1775, una guerra tra le tredici colonie e la Gran Bretagna iniziò quando i coloni erano arrabbiati per aver pagato le tasse al loro governo nel Regno Unito, ma non avevano la possibilità di votare alle elezioni britanniche/britanniche, per contribuire a come quel denaro veniva speso.

Subito dopo l'alba del 19 aprile 1775, gli inglesi tentarono di disarmare la milizia del Massachusetts a Concord, Massachusetts, dando così inizio alla guerra con il "Shot Heard Round the World". "Il 4 luglio 1776, i Padri Fondatori scrissero la Dichiarazione d'Indipendenza degli Stati Uniti. Vinsero la guerra rivoluzionaria e diedero inizio a un nuovo paese. Firmarono la Costituzione nel 1787 e la Carta dei Diritti nel 1791. Il generale George Washington, che aveva guidato la guerra, ne divenne il primo presidente. Nel corso del XIX secolo, gli Stati Uniti guadagnarono molte più terre in Occidente e cominciarono a diventare industrializzati. Nel 1861, diversi stati del Sud tentarono di lasciare gli Stati Uniti per fondare un nuovo paese chiamato Stati Confederati d'America. Questo causò la guerra civile americana. Dopo la guerra, l'immigrazione riprese. Alcuni americani divennero molto ricchi in questa epoca dorata, e il paese sviluppò una delle più grandi economie del mondo.

All'inizio del XX secolo, gli Stati Uniti sono diventati una potenza mondiale, combattendo nella prima e nella seconda guerra mondiale. Tra le due guerre, c'è stato un boom economico chiamato i ruggenti anni Venti, quando molte persone sono diventate più ricche, e un busto, chiamato la Grande Depressione, quando la maggior parte erano più poveri. La Grande Depressione si concluse con la Seconda Guerra Mondiale.

Gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica entrarono nella Guerra Fredda. Questo includeva le guerre in Corea e in Vietnam. Durante questo periodo, gli afroamericani, i chicanos e le donne hanno cercato di ottenere più diritti. Negli anni Settanta e Ottanta, gli Stati Uniti hanno iniziato a fare meno cose nelle fabbriche. Il Paese ha poi attraversato la peggiore recessione dai tempi della Grande Depressione. Alla fine degli anni Ottanta, la guerra fredda è finita, aiutando gli Stati Uniti a uscire dalla recessione. Il Medio Oriente divenne più importante nella politica estera americana, soprattutto dopo gli attentati dell'11 settembre 2001.

La bandiera degli Stati Uniti durante la Rivoluzione Americana
La bandiera degli Stati Uniti durante la Rivoluzione Americana

America precolombiana

Vedi anche: Storia del Nord America

L'era precolombiana è il tempo prima che Cristoforo Colombo andasse in America nel 1492. A quel tempo, i nativi americani vivevano nella terra che oggi è controllata dagli Stati Uniti. Avevano diverse culture: I nativi americani nei boschi orientali cacciavano la selvaggina e i cervi; i nativi americani nel nord-ovest pescavano; i nativi americani nel sud-ovest coltivavano il mais e costruivano case chiamate pueblos; e i nativi americani nelle Grandi Pianure cacciavano il bisonte. Intorno all'anno 1000, i Vichinghi visitarono Terranova. Tuttavia, non si stabilirono lì.

Il giovane Omahaw, l'Aquila della Guerra, il Piccolo Missouri e Pawnee
Il giovane Omahaw, l'Aquila della Guerra, il Piccolo Missouri e Pawnee

America coloniale

Gli inglesi tentarono di stabilirsi a Roanoke Island nel 1585. L'insediamento non durò, e nessuno sa cosa accadde alla popolazione. Nel 1607, il primo insediamento inglese duraturo fu fatto a Jamestown, in Virginia, da John Smith, John Rolfe e altri inglesi interessati all'oro e all'avventura. Nei suoi primi anni, molte persone in Virginia morirono di malattia e di fame. La colonia in Virginia è durata perché ha fatto soldi piantando tabacco.

Nel 1621, un gruppo di inglesi chiamati i Pellegrini si stabilì a Plymouth, Massachusetts. Una colonia più grande fu costruita a Massachusetts Bay dai puritani nel 1630. I pellegrini e i puritani erano interessati a creare una società migliore, non a cercare l'oro. Chiamavano questa società ideale una "città su una collina". Un uomo di nome Roger Williams lasciò il Massachusetts dopo essere stato in disaccordo con i puritani, e fondò la colonia di Rhode Island nel 1636.

La Gran Bretagna non è stato l'unico paese a stabilire quello che sarebbe diventato gli Stati Uniti. Nel 1500 la Spagna costruì un forte a Saint Augustine, in Florida. La Francia si stabilì in Louisiana e nella zona dei Grandi Laghi. Gli olandesi si stabilirono a New York, che chiamarono New Netherland. Altre zone furono colonizzate da scozzesi, irlandesi, tedeschi e svedesi. Tuttavia, col tempo la Gran Bretagna controllò tutte le colonie e la maggior parte dei coloni americani adottò lo stile di vita britannico. La crescita delle colonie non fu un bene per i nativi americani. Molti di loro morirono di vaiolo, una malattia portata in America dagli europei. Quelli che vivevano hanno perso le loro terre a causa dei coloni.

All'inizio del 1700, nelle colonie c'era un movimento religioso chiamato il Grande Risveglio. Predicatori come Jonathan Edwards predicavano sermoni. Uno di loro era chiamato "Peccatori nelle mani di un Dio arrabbiato". Il Grande Risveglio potrebbe aver portato al pensiero usato nella rivoluzione americana.

Nel 1733, c'erano tredici colonie. New York City, Philadelphia, Boston e Charleston erano le città più grandi e i principali porti dell'epoca.

Dal 1756 al 1763, l'Inghilterra e la Francia combatterono una guerra per la loro terra in America chiamata la Guerra dei Sette Anni o la guerra francese e indiana, che gli inglesi vinsero. Dopo la guerra, il Proclama Reale del 1763 diceva che i coloni non potevano vivere a ovest degli Appalachi. A molti coloni che volevano trasferirsi alla frontiera non piaceva il Proclama.

Le Tredici Colonie (rosse) prima della Rivoluzione Americana
Le Tredici Colonie (rosse) prima della Rivoluzione Americana

La rivoluzione americana

Dopo la guerra francese e indiana, i coloni cominciarono a pensare di non ottenere i loro "diritti di inglese nato libero". Questo significava che volevano essere trattati equamente dal governo inglese. Ciò fu causato principalmente dalle nuove tasse che gli inglesi fecero pagare alle colonie per pagare la guerra. Gli americani lo chiamavano "No taxation without representation" (nessuna tassa senza rappresentanza), il che significava che i coloni non avrebbero dovuto pagare le tasse a meno che non avessero avuto voti nel parlamento britannico. Ogni tassa non era gradita, e fu sostituita da un'altra che portò a una maggiore unità tra le colonie. Nel 1770, i coloni di Boston, conosciuti come i Figli della Libertà, si scontrarono con i soldati britannici. Questo divenne noto come il massacro di Boston. Dopo il Tea Act, i Figli della Libertà gettarono in mare centinaia di scatole di tè. Questo fu conosciuto come il Boston Tea Party (1773). Questo portò l'esercito britannico a prendere il controllo di Boston. In seguito, i leader delle 13 colonie formarono un gruppo chiamato Congresso Continentale. Molte persone erano membri del Congresso continentale, ma alcuni dei più importanti erano Benjamin Franklin, John Adams, Thomas Jefferson, John Hancock, Roger Sherman e John Jay.

Nel 1776, Thomas Paine scrisse un opuscolo intitolato Common Sense. In esso si sostiene che le colonie dovrebbero essere libere dal dominio inglese. Questo si basava sulle idee inglesi dei diritti naturali e del contratto sociale proposte da John Locke e altri. Il 4 luglio 1776, il popolo delle 13 colonie accettò la Dichiarazione d'Indipendenza degli Stati Uniti. Questa diceva che erano stati liberi e indipendenti, e che non facevano più parte dell'Inghilterra. I coloni stavano già combattendo la Gran Bretagna nella guerra rivoluzionaria in quel periodo. La guerra rivoluzionaria iniziò nel 1775 a Lexington e a Concord. Anche se i soldati americani sotto George Washington persero molte battaglie contro gli inglesi, essi vinsero una grande vittoria a Saratoga nel 1777. Questo portò Francia e Spagna ad unirsi alla guerra dalla parte degli americani. Nel 1781, una vittoria americana a Yorktown, aiutata dai francesi, portò la Gran Bretagna a decidere di smettere di combattere e di abbandonare le colonie. L'America aveva vinto la guerra e la sua indipendenza.

La presentazione della Dichiarazione d'Indipendenza. Tre degli uomini in piedi sono John Adams, Benjamin Franklin e Thomas Jefferson.
La presentazione della Dichiarazione d'Indipendenza. Tre degli uomini in piedi sono John Adams, Benjamin Franklin e Thomas Jefferson.

Il periodo federale (1781-1815)

Vedi anche: Costituzione degli Stati Uniti e guerra del 1812

Nel 1781 le colonie formarono una confederazione di Stati secondo gli articoli della Confederazione, ma durò solo sei anni. Ha dato quasi tutto il potere agli Stati e molto poco al governo centrale. La confederazione non aveva un presidente. Non poteva rimuovere i nativi americani o gli inglesi dalla frontiera, né poteva fermare le rivolte della mafia come la ribellione di Shays. Dopo la ribellione di Shays, molti pensavano che gli articoli della Confederazione non funzionassero.

Nel 1787 fu scritta una costituzione. Molte delle persone che hanno contribuito a scrivere la Costituzione, come Washington, James Madison, Alexander Hamilton e Gouverneur Morris, erano tra i maggiori pensatori dell'America dell'epoca. Alcuni di questi uomini avrebbero poi ricoperto importanti cariche nel nuovo governo. La Costituzione creò un governo nazionale più forte che aveva tre rami: esecutivo (il Presidente e il suo staff), legislativo (la Camera dei Rappresentanti e il Senato) e giudiziario (le corti federali).

Alcuni Stati hanno accettato la Costituzione molto rapidamente. In altri Stati la Costituzione non piaceva a molti perché dava più potere al governo centrale e non aveva una carta dei diritti. Per cercare di far approvare la Costituzione, Madison, Hamilton e Jay hanno scritto una serie di articoli di giornale chiamati Federalist Papers. Subito dopo è stata aggiunta la Carta dei diritti. Si trattava di una serie di 10 emendamenti (modifiche), che limitavano il potere del governo e garantivano diritti ai cittadini. Come la Dichiarazione d'Indipendenza, la Costituzione è un contratto sociale tra il popolo e il governo. L'idea principale della Costituzione è che il governo è una repubblica (una democrazia rappresentativa) eletta dal popolo, che ha tutti gli stessi diritti. Tuttavia, questo non era vero all'inizio, quando solo i maschi bianchi che possedevano una proprietà potevano votare. A causa delle leggi statali, così come del 14°, 15°, 19°, 19°, 24° e 26° emendamento, quasi tutti i cittadini americani che hanno almeno 18 anni possono votare oggi.

Nel 1789, Washington fu eletto primo Presidente. Egli definì come una persona dovesse agire come Presidente e si ritirò dopo due mandati. Durante il mandato di Washington, ci fu una ribellione del whisky, dove i contadini cercarono di impedire al governo di riscuotere le tasse sul whisky. Nel 1795, il Congresso approvò il Trattato di Jay, che permetteva di aumentare gli scambi commerciali con la Gran Bretagna in cambio dell'abbandono dei forti sui Grandi Laghi da parte degli inglesi. Tuttavia, la Gran Bretagna stava ancora facendo cose che facevano male agli Stati Uniti, come l'impressionamento (far entrare i marinai americani nella Royal Navy britannica).

John Adams sconfisse Thomas Jefferson nelle elezioni del 1796 per diventare il secondo presidente degli Stati Uniti. Questa fu la prima elezione americana tra due partiti politici. Come presidente, Adams rese l'esercito e la marina più grandi. Fece anche approvare gli Atti Alieni e Sedizioni, che non gli piacquero molto.

Nelle elezioni del 1800, Jefferson sconfisse Adams. Una delle cose più importanti che fece come presidente fu fare l'Acquisto della Louisiana dalla Francia, che rese gli Stati Uniti due volte più grandi. Jefferson mandò Lewis e Clark a mappare l'Acquisto della Louisiana. Jefferson cercò anche di fermare gli scambi commerciali con l'Inghilterra e la Francia, in modo che gli Stati Uniti non venissero coinvolti in una guerra che i due paesi stavano combattendo. I combattimenti scoppiarono tra gli Stati Uniti e l'Inghilterra nel 1812, quando James Madison era presidente. Questa si chiamava la Guerra del 1812.

La Costituzione degli Stati Uniti
La Costituzione degli Stati Uniti

Espansione, industrializzazione e schiavitù (1815-1861)

Uno dei problemi di questo periodo era la schiavitù. Nel 1861, oltre tre milioni di afroamericani erano schiavi nel Sud del mondo. Questo significa che lavoravano per altre persone, ma non avevano libertà e non ricevevano denaro per il loro lavoro. La maggior parte di loro lavorava raccogliendo il cotone in grandi piantagioni. Il cotone divenne la coltura principale nel Sud dopo che Eli Whitney inventò la sgranatrice nel 1793. Ci furono alcune ribellioni degli schiavi contro la schiavitù, tra cui quella guidata da Nat Turner. Tutte queste ribellioni fallirono. Il Sud voleva mantenere la schiavitù, ma al tempo della Guerra Civile, molte persone nel Nord volevano porvi fine. Un'altra discussione tra il Nord e il Sud riguardava il ruolo del governo. Il Sud voleva governi statali più forti, ma il Nord voleva un governo centrale più forte.

Dopo la guerra del 1812 il Partito federalista si dissolse, lasciando un "Era dei buoni sentimenti" in cui un solo partito era importante, sotto i presidenti James Madison e James Monroe. Sotto Monroe, la politica degli Stati Uniti in Nord America era la Dottrina Monroe, che suggeriva all'Europa di smettere di cercare di controllare gli Stati Uniti e gli altri Paesi indipendenti delle Americhe. In quel periodo il Congresso chiedeva una cosa chiamata "Sistema americano". Il sistema americano significava spendere soldi per le banche, i trasporti e le comunicazioni. A causa del sistema americano, furono costruite città più grandi e più fabbriche. Uno dei grandi progetti di trasporto di questo periodo era il canale Erie Canal, un canale nello stato di New York. Negli anni Quaranta del XIX secolo furono costruite sia le ferrovie che i canali. Nel 1860, migliaia di chilometri di ferrovie e linee telegrafiche erano state costruite negli Stati Uniti, soprattutto nel nord-est e nel Midwest.

All'inizio del XIX secolo, la rivoluzione industriale arrivò in America. Molte fabbriche furono costruite in città del nord, come Lowell, Massachusetts. La maggior parte di esse produceva vestiti. Molti operai erano donne, e alcuni erano bambini o persone provenienti dall'Irlanda o dalla Germania. Nonostante questa industrializzazione, l'America era ancora una nazione di agricoltori.

All'inizio e a metà del 1800, c'era un movimento religioso chiamato il Secondo Grande Risveglio. Migliaia di persone si riunivano in grandi riunioni religiose chiamate revival. Pensavano di poter portare un'età dell'oro in America attraverso la religione. Iniziarono nuovi movimenti religiosi come il Movimento della Santità e i mormoni, e gruppi come la Chiesa Metodista crebbero. Il Secondo Grande Risveglio portò a due movimenti di riforma, cioè a cambiare le leggi e i comportamenti per migliorare la società. Uno di questi era il Movimento della Temperanza, che credeva che bere alcolici fosse un male. L'altro era l'abolizionismo, che cercava di porre fine alla schiavitù. Persone come Harriet Beecher Stowe e William Lloyd Garrison scrissero libri e giornali dicendo che la schiavitù doveva cessare. Essi formarono anche movimenti politici, tra cui il Partito della Libertà, il Partito del Suolo Libero e il Partito Repubblicano. Alcuni abolizionisti, come Frederick Douglass, erano ex schiavi. Nel 1820 la schiavitù era molto rara nel Nord, ma continuò nel Sud.

Nel XIX secolo, per molte donne americane esisteva una cosa chiamata "culto della domesticità". Questo significava che la maggior parte delle donne sposate doveva rimanere in casa e crescere i figli. Come in altri paesi, le mogli americane erano molto sotto il controllo del marito, e non avevano quasi nessun diritto. Le donne che non erano sposate avevano solo pochi posti di lavoro disponibili, come lavorare nelle fabbriche di abbigliamento e fare le domestiche. Nel XIX secolo, donne come Lucretia Mott ed Elizabeth Cady Stanton pensavano che le donne dovessero avere più diritti. Nel 1848, molte di queste donne si incontrarono e accettarono di lottare per avere più diritti per le donne, compreso il voto. Molte delle donne coinvolte nel movimento per i diritti delle donne furono coinvolte anche nel movimento per porre fine alla schiavitù.

Nel 1828, Andrew Jackson fu eletto presidente. Fu il primo presidente eletto dal Partito Democratico. Ha cambiato il governo in molti modi. Poiché molti dei suoi sostenitori erano persone povere che non avevano mai votato prima, li ricompensava con lavori governativi, che si chiama "bottino" o "patronato". A causa di Jackson, fu formato un nuovo partito che si candidò contro di lui, i Whigs. Questo si chiamava il "Sistema del Secondo Partito". Jackson era molto contrario alla Banca Nazionale. La vedeva come un simbolo dei Whigs e dei potenti uomini d'affari americani. Jackson chiedeva anche un'alta tassa sulle importazioni che non piaceva al Sud. La chiamarono la "Tariffa degli Abomini". Il vicepresidente di Jackson, John C. Calhoun, era del Sud. Scrisse che il Sud doveva fermare la tariffa e forse lasciare l'Unione (secessione). Queste parole sarebbero state usate di nuovo durante la guerra civile.

La gente ha iniziato a spostarsi a ovest del fiume Mississippi e delle Montagne Rocciose in questo periodo. Le prime persone che si trasferirono ad ovest furono persone che catturarono e vendettero pelli di animali come John Colter e Jim Bridger. Negli anni '40 del 1840, molte persone si trasferirono in Oregon su un carro, e ancora più persone si trasferirono a ovest dopo la corsa all'oro della California del 1849. Molti nuovi stati si aggiunsero ai primi tredici, soprattutto nel Midwest e nel Sud prima della Guerra Civile e in Occidente dopo la Guerra Civile. Durante questo periodo, i nativi americani persero gran parte della loro terra. Avevano perso battaglie militari contro gli americani a Tippecanoe e nella guerra di Seminole. Negli anni Trenta del 1830, gli indiani furono spinti fuori dal Midwest e dal Sud da eventi come il Sentiero delle Lacrime e la Guerra del Falco Nero. Negli anni '40 del 1840, la maggior parte dei nativi americani era stata spostata a ovest del fiume Mississippi.

La guerra messicano-americana

Nel 1845 il Texas, che era una nazione dopo aver lasciato il Messico, si è unito agli Stati Uniti. Al Messico questo non piaceva, e gli americani volevano la terra che il Messico aveva sulla costa occidentale ("Destino manifesto"). Questo portò gli Stati Uniti e il Messico a combattere una guerra chiamata "guerra messicano-americana". Durante la guerra gli Stati Uniti conquistarono le città di San Francisco, Los Angeles, Monterrey, Veracruz e Città del Messico. Come risultato della guerra, gli Stati Uniti guadagnarono terreno in California e in gran parte del sud-ovest americano. A molte persone del Nord non piaceva questa guerra, perché pensavano che fosse solo un bene per gli Stati schiavi del Sud.

James Monroe ha fatto sentire agli americani che era "l'era dei buoni sentimenti".
James Monroe ha fatto sentire agli americani che era "l'era dei buoni sentimenti".

Il Canale delle Erie
Il Canale delle Erie

Francis Preston Blair ha fondato il Partito Repubblicano per aiutare gli schiavi liberi
Francis Preston Blair ha fondato il Partito Repubblicano per aiutare gli schiavi liberi

Jackson è stato il primo Presidente Democratico
Jackson è stato il primo Presidente Democratico

L'Alamo fu teatro di una battaglia tra texani e messicani nel 1836.
L'Alamo fu teatro di una battaglia tra texani e messicani nel 1836.

Civile

Negli anni 1889 e 1850, le persone negli Stati del Nord e negli Stati del Sud non erano d'accordo sul fatto che la schiavitù fosse giusta o sbagliata nei territori - parti degli Stati Uniti che non erano ancora Stati. La gente al governo cercava di fare accordi per fermare una guerra. Alcuni accordi erano il Compromesso del 1850 e il Kansas-Nebraska Act, ma non funzionavano per tenere insieme l'Unione. La gente del Sud era arrabbiata con i libri come la Cabina dello zio Tom che diceva che la schiavitù era sbagliata. La gente del Nord non amava una decisione della Corte Suprema chiamata Dred Scott che manteneva Scott schiavo. La gente del Sud e la gente del Nord cominciarono ad uccidersi a vicenda in Kansas per la schiavitù. Questo fu chiamato "Kansas sanguinante". Una delle persone di Bleeding Kansas, John Brown, prese il controllo di una città della Virginia nel 1859 per far capire che la schiavitù era sbagliata e per cercare di convincere gli schiavi a combattere i loro proprietari.

Nell'elezione del 1860, il Partito Democratico si divise e fu eletto il candidato repubblicano alla presidenza, Abraham Lincoln. In seguito, molti Stati del Sud lasciarono l'Unione. Alla fine, undici Stati se ne andarono. Cercarono di fondare un nuovo Paese chiamato Stati Confederati d'America, o "Confederazione". Iniziò una guerra tra l'Unione (Nord) e la Confederazione (Sud). Il fatto di non avere fabbriche ha reso più difficile per i soldati del Sud ottenere armi o uniformi. Il Sud non poteva ottenere rifornimenti perché le navi del Nord bloccavano la costa meridionale.

All'inizio della guerra, generali confederati come Robert E. Lee e Stonewall Jackson hanno vinto battaglie contro generali dell'Unione come George B. McClellan e Ambrose Burnside. Nel 1862 e nel 1863, l'esercito dell'Unione cercò più volte di conquistare la capitale confederata di Richmond, in Virginia, ma ogni volta fallì. L'esercito di Lee invase il Nord due volte, ma fu respinto ad Antietam e Gettysburg. Nel mezzo della guerra, Lincoln fece il Proclama di Emancipazione, che liberò tutti gli schiavi della Confederazione, e iniziò a far combattere i neri nell'Esercito dell'Unione. La guerra iniziò a seguire la strada dell'Unione dopo le battaglie di Gettysburg e Vicksburg nel 1863. Gettysburg impedì a Lee di invadere il Nord, e Vicksburg diede all'Unione il controllo sul fiume Mississippi. Nel 1864, un esercito dell'Unione sotto il comando di William T. Sherman marciò attraverso la Georgia e ne distrusse gran parte. Nel 1865, il generale dell'Unione Ulysses S. Grant aveva preso Richmond e costretto Lee a rinunciare a combattere ad Appomattox.

La battaglia di Antietam fu una sanguinosa battaglia della Guerra Civile.
La battaglia di Antietam fu una sanguinosa battaglia della Guerra Civile.

Lincoln, Grant, Sherman e Porter discutono della guerra civile
Lincoln, Grant, Sherman e Porter discutono della guerra civile

La ricostruzione e l'età della doratura

Vedi anche: Ricostruzione degli Stati Uniti

Nell'aprile del 1865, Lincoln fu ucciso mentre guardava una commedia. Il nuovo presidente, Andrew Johnson, dovette affrontare il processo di ricostruzione che stava rimettendo insieme gli Stati Uniti dopo la guerra civile. Durante questo periodo, furono approvati il 13°, 14° e 15° emendamento alla Costituzione, liberando gli schiavi, rendendoli cittadini e permettendo loro di votare. Il Congresso era gestito da "Repubblicani radicali", che volevano punire il Sud dopo la Guerra Civile. A loro non piaceva Johnson, e lo hanno quasi rimosso dall'incarico. Mandarono anche molti soldati al Sud, installarono governi "scalawag" impopolari e fecero passare al Sud il 14° e il 15° emendamento. Al Sud questo non piacque, così fecero delle leggi "Jim Crow" che collocavano i neri in ruoli più bassi. I bianchi del Sud diedero vita a un gruppo chiamato Ku Klux Klan che attaccò i neri e impedì loro di votare.

Durante questo periodo, molte persone si sono trasferite negli Stati Uniti da altri paesi, come l'Irlanda, l'Italia, la Germania, l'Europa dell'Est e la Cina. Molti di loro lavoravano in grandi fabbriche e vivevano in grandi città, come New York City, Chicago e Boston, spesso in piccoli, poveri e vicini appartamenti chiamati "tenements" o "slums". Spesso erano utilizzati da "macchine politiche", che davano loro lavoro e denaro in cambio di voti.

I grandi politici sono stati scelti da macchine politiche e sono stati corrotti. Il governo poteva fare poco e i leader delle grandi imprese spesso avevano più potere del governo. A quel tempo, c'erano diverse grandi imprese chiamate trust. Le persone che gestiscono i trust guadagnavano milioni di dollari pagando ai loro lavoratori salari bassi. Alcune di queste persone erano John D. Rockefeller, Andrew Carnegie e J.P. Morgan.

Dopo la guerra civile, la gente ha continuato a spostarsi verso ovest, dove si sono formati nuovi stati. La gente ora poteva ottenere terre libere in Occidente grazie a una legge del 1862 chiamata Homestead Act. La maggior parte della terra in Occidente era di proprietà del governo, delle ferrovie o di grandi agricoltori. La Ferrovia Transcontinentale, terminata nel 1869, aiutò a far arrivare persone e merci dall'ovest al resto del paese. Chicago divenne il centro del commercio tra l'Occidente e l'Oriente perché molte linee ferroviarie si incontravano lì. Ci furono problemi tra i coloni bianchi e gli indiani nativi quando sempre più persone iniziarono a spostarsi verso ovest. A causa di questo, molti più indiani furono uccisi in battaglie come quella di Wounded Knee. Quasi tutte le terre degli indiani furono sottratte da leggi come la legge Dawes. Questa decisione non piacque a molte persone. Hanno dovuto affrontarla comunque

Molti americani pensavano che le ferrovie facessero pagare ai contadini così tanto denaro da renderli poveri. I lavoratori hanno guidato diversi scioperi contro la ferrovia che sono stati abbattuti dall'esercito. Inoltre, i contadini iniziarono gruppi per combattere la ferrovia, come la Grange. Questi gruppi divennero il Movimento Populista, che quasi vinse la presidenza sotto William Jennings Bryan. I populisti volevano riforme come l'imposta sul reddito e l'elezione diretta dei senatori. Il Partito Populista si estinse dopo il 1896. Molte delle cose che i populisti volevano sarebbero accadute durante l'era progressista.

L'Home Insurance Building di Chicago è stato il primo grattacielo al mondo
L'Home Insurance Building di Chicago è stato il primo grattacielo al mondo

L'uomo d'affari scozzese Andrew Carnegie ha fatto dell'America un "impero d'acciaio".
L'uomo d'affari scozzese Andrew Carnegie ha fatto dell'America un "impero d'acciaio".

L'era progressiva e l'imperialismo

Negli Stati Uniti, il progressismo è la convinzione che il governo dovrebbe avere un ruolo più ampio nell'economia per fornire un buon livello di vita alle persone, specialmente ai lavoratori. L'imperialismo è la convinzione che gli Stati Uniti dovrebbero costruire una marina più forte e conquistare la terra.

Alla fine del XIX e all'inizio del XX secolo, gli Stati Uniti hanno iniziato ad essere più attivi negli affari esteri. Nel 1898, gli Stati Uniti combatterono una guerra con la Spagna chiamata guerra ispano-americana. Gli Stati Uniti hanno vinto e conquistato Portorico, Guam, Guantanamo e le Filippine. Insieme all'acquisto dell'Alaska e all'acquisizione delle Hawaii, gli Stati Uniti avevano guadagnato tutto il territorio di cui dispongono oggi, più alcuni che avrebbero perso dopo la seconda guerra mondiale. In questo periodo, gli Stati Uniti e le nazioni europee aprirono il commercio con la Cina. Questo perché avevano sconfitto la Cina nelle guerre dell'oppio e nella ribellione dei pugili. Gli Stati Uniti e l'Europa furono in grado di commerciare con la Cina attraverso la politica della porta aperta.

Nel 1901, Theodore Roosevelt divenne presidente. Era stato un soldato nella guerra ispano-americana. Chiedeva una politica estera conosciuta come "Big Stick". Questo significava avere una grande marina ed esercitare il controllo sull'America Latina. Tra il 1901 e il 1930, gli Stati Uniti inviarono più volte soldati in America Latina. Quando Roosevelt fu presidente, si iniziò a lavorare sul Canale di Panama, un collegamento tra l'Oceano Pacifico e l'Oceano Atlantico che rese i viaggi intorno al mondo molto più veloci.

Durante questo periodo, la gente ha iniziato a notare le cattive condizioni delle città americane. Un gruppo di persone chiamate "spalatori di letame" scrisse libri e articoli di giornale su argomenti come il potere delle grandi imprese, le pratiche impure nelle fabbriche e la condizione dei poveri. Roosevelt e il Congresso hanno risposto alle loro preoccupazioni con leggi come il Pure Food and Drug Act. La legge controllava il modo in cui il cibo veniva preparato per assicurarsi che fosse sicuro. Un'altra risposta agli spalatori di letame era qualcosa chiamato "trust-busting", in cui le grandi aziende venivano suddivise in più piccole. L'impresa più grande che si spezzò in questo modo fu la Standard Oil Company nel 1911.

Nel 1912, Woodrow Wilson divenne presidente. Era un progressista, ma non proprio come Roosevelt. Combatteva il "triplo muro del privilegio", che era il grande business, le tasse e i diritti sulle merci che arrivavano negli Stati Uniti. Durante questo periodo furono approvati il sedicesimo e il diciassettesimo emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti. Essi consentirono un'imposta federale sul reddito e l'elezione diretta dei senatori statunitensi.

La battaglia di Manila Bay nella guerra ispano-americana
La battaglia di Manila Bay nella guerra ispano-americana

Theodore Roosevelt è stato presidente durante la maggior parte del 1900
Theodore Roosevelt è stato presidente durante la maggior parte del 1900

Prima guerra mondiale

Gli Stati Uniti non volevano entrare nella prima guerra mondiale, ma volevano vendere armi a entrambe le parti. Nel 1915 un sottomarino tedesco affondò una nave che trasportava americani chiamata Lusitania. Questo fece arrabbiare gli americani e la Germania smise di attaccare le navi passeggeri. Nel gennaio 1917 la Germania iniziò ad attaccarle di nuovo, e inviò il telegramma di Zimmerman in Messico sull'invasione degli Stati Uniti. Wilson lavorò per creare un'organizzazione internazionale chiamata Lega delle Nazioni. L'obiettivo principale della Lega era quello di prevenire la guerra. Tuttavia, gli Stati Uniti non vi aderirono perché gli isolazionisti rifiutarono il trattato di pace. Alla fine della prima guerra mondiale, una pandemia di influenza uccise milioni di persone negli Stati Uniti e in Europa. Dopo la guerra, gli Stati Uniti sono stati una delle nazioni più ricche e potenti del mondo.

Gli americani nella prima guerra mondiale
Gli americani nella prima guerra mondiale

Boom e busto (1919-1939)

I "ruggenti anni Venti"

Gli anni Venti furono un'epoca di crescita e di aumento della ricchezza per gli Stati Uniti. Molti americani cominciarono ad acquistare prodotti di consumo, come i Ford modello T e gli elettrodomestici. La pubblicità divenne molto importante per la vita americana. Durante questo periodo, molti neri si trasferirono dal Sud verso grandi città come New York City, Chicago, St. Louis e Los Angeles. Portarono con sé la musica jazz, ed è per questo che gli anni Venti sono chiamati "l'età del jazz". Gli anni Venti furono anche l'era del proibizionismo dopo l'approvazione del XVIII Emendamento. Durante gli anni Venti, bere alcolici era illegale, ma molti americani lo bevevano comunque. Questo portò a molti rum e a molti crimini violenti.

Il razzismo era forte negli anni Venti. Il Ku Klux Klan era di nuovo potente, e attaccò i neri, i cattolici, gli ebrei e gli immigrati. La gente dava la colpa della guerra e dei problemi negli affari agli immigrati e ai leader del lavoro, che si diceva fossero bolscevichi (comunisti russi). Molti pensavano anche che gli Stati Uniti avessero perso il contatto con la religione. Hanno gestito la situazione cambiando religione, e alcuni di loro attaccando la scienza.

Dopo la prima guerra mondiale, gli Stati Uniti hanno avuto una politica estera isolazionista. Ciò significava che non volevano entrare in un'altra guerra globale. Hanno approvato leggi e trattati che presumibilmente avrebbero messo fine alla guerra per sempre, e si sono rifiutati di vendere armi ai loro ex alleati.

Nel 1921, Warren G. Harding divenne presidente. Egli credeva che il modo migliore per rendere buona l'economia fosse che il governo fosse amichevole con le grandi imprese, riducendo le tasse e regolando meno. Mentre l'economia stava andando molto bene con queste politiche, l'America aveva la più grande differenza tra quanto denaro avevano i ricchi e quanto denaro avevano i poveri. La presidenza di Harding ha avuto diversi problemi. Il più grande è stato il Teapot Dome sulle trivellazioni petrolifere nella riserva petrolifera della Marina. Harding morì nel 1923 e Calvin Coolidge divenne presidente. Coolidge credeva che il governo dovesse restare fuori dal giro d'affari, proprio come Harding, e continuò molte delle politiche di Harding. Coolidge scelse di non cercare la presidenza nel 1928 e Herbert Hoover divenne presidente.

La Grande Depressione

Vedi anche: Grande depressione e New Deal

Nel 1929, una Grande Depressione colpì gli Stati Uniti. Il mercato azionario crollò (perse gran parte del suo valore). Molte banche rimasero senza soldi e chiusero. Nel 1932, oltre un quarto della nazione era senza lavoro e gran parte della nazione era povera o disoccupata. Molte persone furono cacciate dalle fattorie, non solo a causa della Depressione, ma anche a causa di una tempesta nota come "Dust Bowl" e perché i contadini non se la passavano bene durante gli anni Venti.

Il presidente Hoover ha cercato di fare qualcosa per la Depressione, ma non ha funzionato. Nel 1932 fu sconfitto e Franklin D. Roosevelt divenne presidente. Creò il New Deal. Era una serie di programmi governativi che avrebbero dato sollievo (alle persone che erano state colpite dalla cattiva economia), ripresa (per migliorare l'economia), e riforma (per far sì che non si verificasse mai più una depressione).

Il New Deal aveva molti programmi come la Previdenza Sociale, la National Recovery Administration (salari regolamentati), la Works ProgressAdministration (ha costruito migliaia di strade, scuole, edifici governativi e opere d'arte), il Civilian Conservation Corps (ha dato lavoro ai giovani per aiutare l'ambiente), e la Tennessee Valley Authority (ha costruito dighe e linee elettriche nel Sud). Questi programmi mettono al lavoro milioni di americani, anche se spesso con salari bassi. Molti di questi programmi sono stati avviati all'inizio del mandato di Roosevelt in un periodo chiamato "Cento giorni" o nel 1935 in un periodo chiamato "Secondo New Deal". Programmi come la previdenza sociale sono nati da movimenti populisti di persone come Huey Long che si chiamavano "Share Our Wealth" e "Ham and Eggs". Il New Deal portò anche all'ascesa dei sindacati dei lavoratori, come il Congresso delle organizzazioni industriali.

Il New Deal è spesso chiamato il periodo che "ha salvato il capitalismo", e ha impedito all'America di diventare uno stato comunista o fascista. Sebbene il New Deal abbia migliorato l'economia, non ha posto fine alla Grande Depressione. La Grande Depressione è terminata con la Seconda Guerra Mondiale.

Coolidge: "Gli affari dell'America sono affari".
Coolidge: "Gli affari dell'America sono affari".

Le Model-T sono state inventate da Henry Ford e hanno cambiato il trasporto americano
Le Model-T sono state inventate da Henry Ford e hanno cambiato il trasporto americano

Il "Dust Bowl" in Oklahoma
Il "Dust Bowl" in Oklahoma

Roosevelt ha lanciato il New Deal per aiutare l'economia americana
Roosevelt ha lanciato il New Deal per aiutare l'economia americana

Seconda Guerra Mondiale

Mentre iniziava la seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti dicevano che non si sarebbero fatti coinvolgere. La maggior parte degli americani pensava che gli Stati Uniti dovessero rimanere neutrali, e alcuni pensavano che gli Stati Uniti dovessero entrare in guerra dalla parte dei tedeschi. Alla fine gli Stati Uniti cercarono di aiutare le potenze alleate (Unione Sovietica, Gran Bretagna e Francia) con il Lend Lease Act. Esso diede agli Alleati un sacco di soldi e di armi in commercio per l'uso di basi aeree in tutto il mondo.

Il 7 dicembre 1941 il Giappone attaccò Pearl Harbor, una base navale statunitense alle Hawaii. Gli Stati Uniti non erano più neutrali e dichiararono guerra alle potenze dell'Asse (Germania, Giappone, Italia). Gli Stati Uniti che entrarono nella Seconda Guerra Mondiale misero fine alla Grande Depressione perché la guerra creò molti posti di lavoro. Mentre alcune delle battaglie combattute dagli Stati Uniti furono battaglie aeree e navali con il Giappone, gli Stati Uniti combatterono principalmente in Europa e in Africa. Gli Stati Uniti hanno aperto diversi fronti, anche in Nord Africa e in Italia. Gli Stati Uniti bombardarono anche la Germania dagli aerei, facendo saltare in aria città e fabbriche tedesche. Il 6 giugno 1944 (D-Day), le forze americane e britanniche invasero la Normandia. Un anno dopo gli Alleati avevano liberato la Francia e preso Berlino. Nel 1945, Roosevelt morì, e Harry Truman divenne presidente. Gli Stati Uniti decisero di sganciare due bombe atomiche sul Giappone. Il Giappone si arrese poco dopo, e la guerra finì.

La guerra ha significato cose diverse per le donne e le minoranze. Durante la guerra, molte donne lavoravano nelle fabbriche di armi. Erano simboleggiate da un personaggio chiamato "Rosie la Rivetratrice". Molti afroamericani hanno servito nell'esercito, ma spesso in unità segregate con ufficiali bianchi. I giapponesi-americani della costa occidentale furono costretti a vivere nei campi di internamento, anche se alcuni di loro prestarono servizio anche nell'esercito.

La bomba atomica su Nagasaki, 9 agosto 1945
La bomba atomica su Nagasaki, 9 agosto 1945

Dopoguerra (1945-1991)

Guerra fredda

Vedi anche: Guerra di Corea, guerra del Vietnam, crisi dei missili cubani, corsa allo spazio ed era Reagan

Dopo la seconda guerra mondiale, l'Unione Sovietica e gli Stati Uniti sono stati i due paesi più potenti rimasti al mondo. La Guerra Fredda fu un periodo di tensione tra i due Paesi per i loro modi di vita. I due paesi cercarono di avere altri paesi dalla loro parte. L'Unione Sovietica cercò di far diventare comunisti i paesi e gli Stati Uniti cercarono di impedir loro di essere comunisti. I soldati americani e sovietici non hanno mai combattuto in battaglia, ma hanno combattuto indirettamente nella guerra di Corea (anni '50) e nella guerra del Vietnam (anni '50-'70).

La guerra di Corea è durata solo pochi anni, ma da allora i soldati americani sono stati in Corea. La guerra del Vietnam è durata molto più a lungo. Iniziò con poche truppe americane in Vietnam, ma negli anni Sessanta migliaia di americani furono inviati in Vietnam. Entrambe le guerre erano tra un governo comunista del nord, aiutato dall'Unione Sovietica e dalla Cina comunista, e un governo del sud, aiutato dagli Stati Uniti. La guerra di Corea ha portato a una divisione della Corea, ma la guerra del Vietnam ha portato a un Vietnam comunista dopo la partenza degli Stati Uniti, a causa della volontà degli americani di porre fine alla guerra. Più di un quarto di milione di americani sono morti o sono stati feriti in Vietnam, che è stato un vero e proprio fallimento militare. Gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica hanno discusso su dove posizionare le armi nucleari. Uno di questi argomenti era la crisi dei missili cubani. Durante la crisi dei missili cubani, gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica sono arrivati molto vicini ad attaccarsi l'un l'altro con armi nucleari.

Durante la Guerra Fredda, gli Stati Uniti hanno avuto uno "Spavento Rosso" in cui il governo ha cercato di trovare persone che pensava fossero comuniste. La Camera dei Rappresentanti aveva un gruppo chiamato "House Un-American Activities Committee" per occuparsi di questo, e Joseph McCarthy conduceva le udienze al Senato. Lo "Spavento Rosso" ha portato la gente a perdere il lavoro, ad andare in prigione e persino ad essere giustiziata. Molti attori e autori sono stati messi in lista nera, il che significava che non potevano ottenere posti di lavoro nei film o ottenere crediti per i loro scritti.

La Guerra Fredda è iniziata con una corsa agli armamenti tra gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica per vedere chi poteva avere più armi e migliori. Tutto questo iniziò dopo che i sovietici furono il secondo paese a sviluppare una bomba atomica. Negli Stati Uniti, questo ha dato inizio a qualcosa chiamato "Military Industrial Complex", che significava che gli affari e il governo lavoravano insieme per spendere un sacco di soldi in progetti di armi su larga scala. Affari e governo si aiutarono a vicenda per ottenere più soldi e più potere. Parte del Complesso era qualcosa chiamato "Piano Marshall", che ha ricostruito l'Europa facendo acquistare loro merci americane. Il Complesso ha permesso la crescita di una classe media in crescita, ma ha anche mantenuto in vita la guerra fredda.

Oltre alla corsa agli armamenti, un'altra parte della guerra fredda è stata la "corsa allo spazio". Questa ebbe inizio quando i sovietici lanciarono nello spazio un satellite chiamato Sputnik nel 1957. Gli americani si preoccuparono che gli Stati Uniti fossero in ritardo rispetto all'Unione Sovietica e fecero sì che le loro scuole si concentrassero maggiormente sulla matematica e sulle scienze. Nel giro di pochi anni, sia gli Stati Uniti che l'Unione Sovietica avevano mandato in orbita satelliti, animali e persone. Nel 1969 la missione Apollo 11 ha portato Neil Armstrong e Buzz Aldrin sulla Luna.

La politica estera degli Stati Uniti è cambiata negli anni Settanta quando gli Stati Uniti hanno lasciato il Vietnam e Richard Nixon ha lasciato la carica a causa di uno scandalo politico chiamato Watergate. Negli anni Settanta e Ottanta, gli Stati Uniti avevano una politica di "distensione" con l'Unione Sovietica. Questo significava che i due paesi firmarono trattati per fermare l'uso delle armi. Sotto Nixon e Reagan, gli Stati Uniti inviarono truppe e denaro a molti governi latinoamericani per impedir loro di essere comunisti. Questo portò alla violenza in America Latina. In quel periodo l'economia soffriva perché gli Stati Uniti non facevano più tante cose come una volta e perché alcuni paesi del Medio Oriente non davano agli Stati Uniti tutto il petrolio che volevano (questo si chiamava "embargo petrolifero"). Il Medio Oriente divenne molto importante nella politica estera americana dopo che diversi americani furono rapiti in Iran nel 1979. Negli anni '80, la gente del governo degli Stati Uniti ha venduto armi alla gente in Iran e ha dato i soldi ai soldati "contro" in Nicaragua. Questo è stato chiamato "l'affare Iran-Contra". Negli anni Settanta e Ottanta gli Stati Uniti hanno normalizzato le relazioni con la Cina. La guerra fredda si concluse con il crollo dei governi comunisti in Unione Sovietica e in altri paesi.

Questioni domestiche e sociali

Gli Stati Uniti hanno avuto di nuovo prosperità. Milioni di bianchi si trasferirono dalle città alle periferie, negli Stati del Sud e dell'Ovest, conosciuti come "Sunbelt". Comprarono nuove auto e televisori. Il tasso di natalità negli anni '40 e '50 aumentò, in quello che fu chiamato il "Baby Boom" L'"età dello spazio" ispirò l'arte e l'architettura in stile "Googie". Molte più persone entrarono a far parte della classe media, ma c'era ancora molta gente povera.

La povertà era più comune tra gli afroamericani. La maggior parte viveva nei quartieri poveri delle città del nord o del sud, dove affrontava il razzismo e la segregazione "Jim Crow". Queste condizioni hanno portato al Movimento per i diritti civili degli anni Cinquanta, guidato da Martin Luther King Jr. e altri. Nel 1954, la Corte Suprema giudicò illegale la segregazione scolastica nella causa Brown contro il Consiglio d'Istruzione, anche se ci vorranno diversi anni prima che la segregazione scolastica sia terminata. Nel 1955, King condusse un boicottaggio dell'autobus a Montgomery, Alabama. Alla fine degli anni '50 e '60, King ricevette l'aiuto dei presidenti John F. Kennedy, a cui spararono, e Lyndon B. Johnson. Nel 1963, condusse una marcia su Washington chiedendo i diritti civili. Poco dopo, il Congresso approvò leggi che rendevano illegale la maggior parte della segregazione. Johnson approvò anche un programma chiamato la Grande Società che aiutava i poveri e le minoranze.

Anche i gay e le lesbiche, spesso perseguitati, hanno iniziato a chiedere diritti, a partire dai disordini di Stonewall del 1969. Anche i chicanos, i nativi americani, gli anziani, i consumatori e i disabili si sono battuti per i diritti, così come le donne. Sebbene le donne avessero avuto un lavoro durante la Seconda Guerra Mondiale, la maggior parte di loro tornò a casa dopo la guerra. Alle donne non piaceva il fatto di avere spesso lavori pagati meno degli uomini o di avere meno opportunità. Persone come Betty Freidan e Gloria Steinem fondarono gruppi come l'Organizzazione nazionale per le donne per cercare di risolvere questi problemi. NOW e altri gruppi volevano un Emendamento per la parità dei diritti che garantisse loro l'uguaglianza in tutti i settori. Negli anni '70 e '80, molti più posti di lavoro e opportunità sono stati aperti alle donne. C'erano alcune donne come Phyllis Schlafly che si opponevano a Freidan e Steinem ed erano conosciute come "anti-femministe". Fu in parte a causa degli anti-femministi che l'Emendamento per la parità dei diritti fu sconfitto, ma anche perché le donne avevano già ottenuto l'uguaglianza in molti settori e non volevano essere arruolate nell'esercito.

Negli anni '60 è stata creata la controcultura. Alcuni dei seguaci della controcultura erano chiamati hippy. Avevano i capelli lunghi e vivevano in comunità, fumando marijuana e praticando l'amore libero. La controcultura, insieme agli studenti universitari, era il gruppo che più si opponeva alla guerra del Vietnam. Erano anche i gruppi che ascoltavano la nuova musica conosciuta come rock and roll.

Nel 1973, la Corte Suprema ha emesso una decisione chiamata Roe contro Wade, che ha reso legali molti aborti. I molti cambiamenti portarono a una reazione di Jerry Falwell e di altri conservatori che si definirono "Diritto religioso" e "Maggioranza morale".

Era Reagan

Ronald Reagan è stato eletto presidente nel 1980. Sconfisse l'attuale Jimmy Carter vincendo 44 dei 50 stati americani. Durante l'era di Reagan, il Paese si trovava ad affrontare l'inflazione, una cattiva economia e la politica estera americana non era altrettanto buona. Quando Ronald Reagan divenne presidente, firmò il Economic Recovery Tax Act del 1981 che abbassò le tasse per le società, presumibilmente in modo che potessero reinvestire i profitti in eccesso di nuovo in affari. Durante la presidenza di Reagan, ha ampliato l'esercito americano creando più posti di lavoro, ma anche aumentando il deficit dovuto all'eccesso di spesa. Durante il suo primo mandato, l'economia è passata dal 4,5% al 7,2%.

Nel 1984, Reagan vinse in una grande frana vincendo 49 dei 50 stati americani. Durante il suo secondo mandato, Reagan si è concentrato sulla fine della guerra fredda. Ha tenuto molti incontri tra Margaret Thatcher, Papa Giovanni Paolo II e il leader sovietico Mikhail Gorbaciov. Si sono incontrati per la prima volta al vertice di Ginevra nel 1985. In seguito entrambi scoprirono la loro passione per la fine della guerra. Reagan si incontrò quattro volte con il leader sovietico Mikhail Gorbaciov, che salì al potere nel 1985, e le loro conferenze al vertice portarono alla firma del Trattato sulle forze nucleari a distanza intermedia.

Anche durante il suo secondo mandato, l'invasione di Grenada e il bombardamento della Libia da parte di Reagan sono stati popolari negli Stati Uniti, anche se il suo sostegno ai ribelli Contras si è impantanato nella controversia sul caso Iran-Contra che ha rivelato il cattivo stile di gestione di Reagan.

Da quando ha lasciato il suo incarico nel 1989, Reagan è diventato uno dei presidenti più popolari degli Stati Uniti.

Neil Armstrong atterra sulla Luna.
Neil Armstrong atterra sulla Luna.

Nixon tiene il suo discorso di dimissioni nel suo ultimo giorno di presidenza, il 9 agosto 1974
Nixon tiene il suo discorso di dimissioni nel suo ultimo giorno di presidenza, il 9 agosto 1974

La Marcia su Washington per il lavoro e la libertà, dove Martin Luther King Jr. ha tenuto il discorso "I Have a Dream".
La Marcia su Washington per il lavoro e la libertà, dove Martin Luther King Jr. ha tenuto il discorso "I Have a Dream".

Il presidente Reagan ha detto che "il governo non è una soluzione al nostro problema, il governo è il problema".
Il presidente Reagan ha detto che "il governo non è una soluzione al nostro problema, il governo è il problema".

Dopo la Guerra Fredda e oltre (1991-oggi)

Era del dopoguerra

Alla fine degli anni '80 e all'inizio degli anni '90, la guerra fredda è finita. Questo fu dovuto al leader russo Mikhail Gorbaciov che avviò una politica chiamata perestroika, alla caduta del muro di Berlino e all'irruzione dell'Unione Sovietica in diversi paesi. In questo periodo gli Stati Uniti hanno ridotto la produzione di beni a basso costo e hanno avuto molte persone che lavoravano nel settore dei servizi. Una parte di questi lavori di servizio erano nel campo dei computer e di internet, che è stato ampiamente utilizzato negli anni Novanta. A quel tempo, gli Stati Uniti avevano un deficit commerciale molto grande, il che significa che ricevevano più merci da altri paesi, come la Cina, di quante ne inviassero ad altri paesi.

Il Medio Oriente è diventato il fulcro della politica estera statunitense. Nel 1991, gli Stati Uniti hanno combattuto una guerra con l'Iraq chiamata la Prima Guerra del Golfo o Operazione Tempesta nel deserto. Questo per impedire al leader iracheno Saddam Hussein di occupare il Kuwait, un piccolo paese produttore di petrolio.

Nel 1992, Bill Clinton divenne presidente. Sotto Clinton, gli Stati Uniti hanno inviato soldati in Bosnia come parte di una missione delle Nazioni Unite. Gli Stati Uniti hanno anche accettato un patto commerciale chiamato Accordo di libero scambio nordamericano (e hanno abrogato la legislazione Glass-Steagall). Clinton fu accusato di aver mentito in tribunale sulla sua relazione con Monica Lewinsky, ma il Senato votò contro la sua rimozione dalla carica di presidente.

21° secolo

Presidenza Bush

Nel 2000, George W. Bush è stato eletto presidente. I terroristi hanno attaccato il World Trade Center l'11 settembre 2001. Migliaia di persone sono morte. Poco dopo gli attacchi, gli Stati Uniti e la NATO si recarono in Afghanistan per trovare Osama bin Laden e altri che credevano avessero pianificato gli attacchi dell'11 settembre. Nel 2003 gli Stati Uniti hanno invaso l'Iraq. Le guerre in Iraq e in Afghanistan sono durate molti anni. Nel 2011 la maggior parte dei soldati americani aveva lasciato l'Iraq e i combattimenti erano finiti.

Nel 2005, il sud degli Stati Uniti è stato colpito dall'uragano Katrina. Gran parte della città di New Orleans è stata distrutta. Nel 2006 i democratici hanno riconquistato il Congresso perché agli americani non piaceva il modo in cui Bush affrontava la guerra in Iraq o Katrina. Alla fine del mandato di Bush, gli Stati Uniti sono entrati nella peggiore recessione dai tempi della Grande Depressione.

Presidenza Obama

Barack Obama è stato eletto presidente nel 2008. È diventato il primo presidente afroamericano degli Stati Uniti. Durante i primi anni del suo mandato, Obama e il Congresso hanno approvato riforme in materia di assistenza sanitaria e bancaria. Hanno anche approvato un grande disegno di legge di stimolo per aiutare l'economia durante la recessione. Durante la recessione, il governo ha usato grandi quantità di denaro per evitare il crollo dell'industria bancaria e automobilistica. Ci fu anche una grande fuoriuscita di petrolio nel Golfo del Messico. Nel 2010 il Congresso ha approvato il Patient Protecton and Affordable Care Act, una profonda revisione del sistema sanitario. Soprannominato "Obamacare", ha dovuto affrontare le critiche feroci dei media conservatori.

Durante la presidenza di Obama è nato un "movimento Tea Party". Questo gruppo si oppone al piano di assistenza sanitaria di Obama e ad altre politiche che vedono come "grande governo". A causa della recessione, del Tea Party e dell'antipatia per ciò che ha fatto Obama, i repubblicani hanno vinto un gran numero di seggi alla Camera e al Senato nelle elezioni del 2010. Nel 2011, i membri del Congresso del Tea Party hanno quasi chiuso il governo e hanno mandato gli Stati Uniti in default (non essendo in grado di pagare le persone a cui il governo deve dei soldi). Alcuni mesi dopo, molti giovani hanno protestato contro la ricchezza organizzata e concentrata durante il movimento Occupy. Nel 2012, Obama è stato rieletto per un secondo mandato. Dopo la rielezione, Obama ha dovuto far fronte a una grave ostruzione da parte dei repubblicani del Congresso. Questa polarizzazione nell'atmosfera politica e nei media ha portato ad eventi come la chiusura del governo federale del 2013 e lo stallo della scelta della Corte Suprema di Obama, il giudice Merrick Garland per sostituire il giudice Antonio Scalia. Nel 2014, i repubblicani hanno preso il controllo di entrambe le camere del Congresso, aggravando ulteriormente lo stallo. In politica estera, il presidente Obama ha contribuito alla stesura dell'accordo di Parigi sul clima, un importante impegno globale nella lotta al cambiamento climatico. Ha anche forgiato l'Accordo nucleare iraniano e ha aperto le relazioni con Cuba per la prima volta in cinquant'anni.

Presidenza Trump

Le elezioni presidenziali americane del 2016 hanno attirato molta attenzione. I principali candidati popolari alle elezioni sono stati i repubblicani Donald Trump e il senatore Ted Cruz e i democratici Hillary Clinton e Bernie Sanders. Trump e Clinton hanno vinto le rispettive primarie. Il 9 novembre 2016, Trump sconfisse Clinton. Trump è stato inaugurato il 20 gennaio 2017. In seguito, ci sono state molte proteste contro Trump in tutto il paese.

Il 27 gennaio, il presidente Trump ha firmato un ordine esecutivo che ha impedito ai rifugiati di entrare nel Paese per 120 giorni e ha negato l'ingresso ai cittadini di Iraq, Iran, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen per 90 giorni, citando le preoccupazioni di sicurezza sul terrorismo. Il giorno dopo, migliaia di manifestanti si sono riuniti negli aeroporti e in altre località degli Stati Uniti per protestare contro la firma dell'ordine e la detenzione dei cittadini stranieri. Più tardi, l'amministrazione sembrò invertire una parte dell'ordine, esonerando di fatto i visitatori con la carta verde.

Il 7 aprile 2017, Trump ha ordinato il lancio di 59 missili da crociera Tomahawk dal Mar Mediterraneo verso la Siria, puntati sulla base aerea di Shayrat come difesa dopo l'attacco chimico del Khan Shaykhun.

Il 3 maggio 2017, Porto Rico ha presentato istanza di fallimento dopo un debito massiccio e un'economia debole. Si tratta del più grande caso di bancarotta nella storia americana.

Il 24 settembre 2019, la Presidente della Camera Nancy Pelosi ha annunciato che la Camera dei Rappresentanti avrebbe avviato un'inchiesta di impeachment su Trump. Il 31 ottobre 2019, la Camera ha votato 232-196 per creare procedure per le udienze pubbliche. Il 16 dicembre, la Commissione giudiziaria della Camera ha pubblicato un rapporto che specifica le accuse di corruzione criminale e frode telematica come parte dell'accusa di abuso di potere. Il 18 dicembre 2019 la Camera ha votato per incriminare Trump, facendone il terzo presidente nella storia americana ad essere incriminato.

Un paese che cambia

Gli Stati Uniti devono affrontare molte questioni politiche. Una di queste è il tipo di governo che gli Stati Uniti dovrebbero diventare. I liberali vogliono un governo grande, mentre il Tea Party e altri gruppi vogliono un governo più piccolo. Uno di questi dibattiti riguarda l'assistenza sanitaria. I costi dell'assistenza sanitaria sono aumentati. I conservatori e i liberali sono in disaccordo anche su questioni sociali come l'aborto e i matrimoni gay. Molte più persone sono arrivate ad accettare i gay e i matrimoni gay come una parte accettabile della società americana. Ci sono anche molte tendenze e sviluppi che gli Stati Uniti devono affrontare. Uno di questi è l'immigrazione. Molte persone stanno arrivando negli Stati Uniti dall'America Latina e dall'Asia, specialmente dal Messico. Questo è chiamato il "browning dell'America". I baby boomer americani stanno invecchiando e una parte più grande della popolazione è in pensione. Altri problemi che gli Stati Uniti si trovano ad affrontare sono una crescente preoccupazione per l'ambiente. Questo ha portato alla creazione di molti "posti di lavoro verdi", o posti di lavoro che creano energia pulita o rinnovabile.

Bill Clinton è stato presidente negli anni '90.
Bill Clinton è stato presidente negli anni '90.

Gli attentati dell'11 settembre
Gli attentati dell'11 settembre

Barack Obama viene inaugurato come Presidente degli Stati Uniti, gennaio 2009
Barack Obama viene inaugurato come Presidente degli Stati Uniti, gennaio 2009

Il presidente Donald Trump presta giuramento
Il presidente Donald Trump presta giuramento




Pagine correlate

  • Geografia degli Stati Uniti

AlegsaOnline.com - 2020 / 2022 - License CC3